Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

L’incessante sfida della conflittualità non convenzionale nei confronti della sicurezza globale di Vittorfranco Pisano

tempo di lettura: 7 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: STABILITA’ INTERNAZIONALE
parole chiave: equilibri mondiali
.

In senso assoluto la sicurezza, tanto globale quanto regionale o nazionale, consiste nell’utopistica assenza di rischi e pericoli. Per contro, in quanto situazionale e pertanto variabile nel tempo e nello spazio, la sicurezza realisticamente poggia sulla capacità di far fronte a rischi e pericoli di molteplice natura impostando ed allestendo in tempo utile adeguate misure di prevenzione e repressione, nonché di contenimento dei danni. Va, altresì, tenuto presente il fatto che la sicurezza travalica, per quanto imprescindibile, la difesa militare.

Nell’attuale frangente storico l’attenzione quotidiana tende a concentrarsi sulla questione russo-ucraina. Il conflitto bellico tra i due Paesi, caratterizzato da palesi risvolti internazionali, è infatti una pesante sfida nei confronti della sicurezza globale e rientra prevalentemente, ma non unicamente, nella sfera della conflittualità convenzionale. È, tuttavia, parimenti fondamentale il continuo monitoraggio e applicazione di misure di contrasto nei confronti della conflittualità non convenzionale che nel contesto moderno affligge ininterrottamente la comunità internazionale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TERRORISMO-War_on_Terror_montage1.png

Montaggio sulla guerra al terrore – foto US NAVY/US ARMY War on Terror montage1.png – Wikimedia Commons

La conflittualità non convenzionale esula sia dalla contesa civile, ordinata e democratica sia dal classico campo di battaglia regolato dalle norme del diritto internazionale. La conflittualità non convenzionale abbraccia numerose forme – qui appresso sinteticamente illustrate ed accompagnate da esempi attuali rilevanti – riconducibili a due fattispecie. Delle due, la prima fattispecie è composta unicamente da manifestazioni quali la disinformazione, le reti multinazionali clandestine o semiclandestine, i cosiddetti rogue states, il colpo di Stato, determinati aspetti della criminalità organizzata e l’immigrazione irregolare.

• La disinformazione consiste nella creazione e diffusione di notizie false o nella faziosa manipolazione di notizie, in entrambi i casi per danneggiare un avversario ed influire in tal senso sulla pubblica opinione. Ricorrenti tesi o accuse complottistiche, vecchie e nuove, riguardano gli USA e la NATO. Un particolare esempio attuale sono le false notizie di matrice russa in lingua araba sui roghi del Corano per contrastare l’adesione della Svezia al Patto Atlantico.

• La costituzione ed impiego di reti clandestine o semiclandestine permette ad attori eversivi o violenti di incidere sia all’interno di singoli Stati sia a livello geopolitico regionale o a raggio più ampio. La casistica include strutture o legami prevalentemente di coordinamento ideologico, propagandistico, tecnico e logistico, ma anche iniziative operative vere e proprie. Ne sono attuali esempi le consorterie che collegano elementi di varia ispirazione antagonista, inclusi sympathy groups che alimentano le componenti aggressive dei movimenti anti-militaristi, ecologisti e antiglobalizzazione.

• I rogue states o, meglio, “Stati fuorilegge” sono dediti al sostegno di elementi terroristici; al diretto utilizzo di tali elementi; al tentato o compiuto omicidio politico all’estero contro cittadini dissidenti fuoriusciti; all’intervento armato ingiustificato fuori dei propri confini nazionali; alla produzione o acquisizione di armi di distruzione di massa o alla messa a disposizione di tali strumenti ad altri Stati o aggregazioni non statali contravvenendo ad accordi internazionali; alla violazione dei diritti umani ovunque commessa.

Rientrano attualmente in una o più di queste categorie: Afghanistan, Corea del Nord, Cuba, Iran e Siria.

• Il colpo di Stato, ovvero la repentina e forzata rimozione di un governo ad opera di un gruppo, organico alle Istituzioni, di relativamente modeste dimensioni. Implicita è l’esistenza di una congiura, a prescindere dell’esito.

Nel corrente decennio, il colpo di Stato – più agevolmente eseguibile nel Sud Globale, già Terzo Mondo – si è verificato, in alcuni casi ripetutamente, in sette Stati africani: Mali, Ciad, Guinea, Burkina Faso, Sudan, Niger e Gabon.

• Determinate attività della criminalità organizzata, ossia imprenditoria illecita, a tutt’oggi riscontrabili sono le collusioni con pubbliche amministrazioni, l’inquinamento dell’economia lecita e lo sfruttamento di fenomeni eversivi o sociali.

• Riguardo l’immigrazione irregolare o clandestina, si riscontrano pericoli per l’ordine pubblico interno ed internazionale, fra cui il deprecabile traffico di esseri umani; l’insidiosa infiltrazione della criminalità organizzata con lo scopo di sfruttare gli immigrati introducendone un numero sostanzioso nel mercato del lavoro nero o della prostituzione e in altri circuiti illeciti; i casi di corruzione di pubblici ufficiali e di truffe nella gestione delle strutture di accoglienza; la degenerazione dell’attivismo sia contrario sia favorevole all’accoglienza; comportamenti illeciti da parte di immigrati che spaziano dalla delinquenza comune al terrorismo. Particolare attenzione richiede, altresì, l’impatto sulla società ricevente quando l’immigrazione crea squilibri nella compagine sociale a causa di pulsioni disgregative culturali e religiose mettendo a repentaglio la pace sociale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TERRORISMO-WTC_smoking_on_9-11.jpeg

Pennacchi di fumo si alzano dalle torri del World Trade Center a Lower Manhattan, New York City, dopo che aerei civili hanno colpito ciascuna torre durante gli attacchi dell’11 settembre 2001Fonte Flickr autore dell’utente Flickr Michael Foran WTC smoking on 9-11.jpeg – Wikimedia Commons

A sua volta, la seconda fattispecie della conflittualità non convenzionale annovera cinque manifestazioni che assurgono contemporaneamente a stadi nello spettro potenzialmente progressivo della conflittualità non convenzionale, ovvero l’agitazione sovversiva, il terrorismo, l’insorgenza, la guerra civile e la rivoluzione.

• L’agitazione sovversiva – sempre propedeutica al terrorismo e talvolta direttamente all’insorgenza – è praticata da svariati attivisti miranti al raggiungimento di fini politici, politico-economici, politico-religiosi o legati a singole cause specifiche. Contrariamente alle manifestazioni di protesta spontanee, anche a livello di sommosse, che sorgono in reazione a situazioni ambientali negative ascrivibili o attribuite a fattori storici, sociali, religiosi, economici o politici, l’agitazione sovversiva, pur attivamente sfruttandoli tutti, è il prodotto di un fattore dominante, ossia la presenza di una o più sottoculture composte da estremisti di stampo radicale o rivoluzionario. L’agitazione sovversiva si avvale maggiormente di mezzi non cruenti, ancorché illeciti o scorretti, fra cui la propaganda tendenziosa e la disinformazione; l’incitamento a non osservare le leggi o talune di esse; gli assembramenti e i cortei lesivi dell’ordinato svolgimento della vita sociale e dei processi economici; l’occupazione d’immobili; i disordini di piazza direttamente provocati o tramite infiltrazione.

Il ricorso alla violenza si esaurisce generalmente in atti vandalici e nel danneggiamento o distruzione di beni pubblici e privati ma, con minore frequenza, comporta anche lesioni alle persone. Rispetto al recente passato appare diminuito l’attivismo di estrema sinistra, estrema destra ed etno-indipendentista, mentre si è rivitalizzato l’anarchismo insurrezionale ed ha acquisito notevole visibilità l’antagonismo radicale che agisce secondo i noti slogan No Tav, No Tap, No Nukes, No Muos. Sono, inoltre, da seguire con attenzione gli sviluppi degli “eco-vandali” di Extinction Rebellion e di Ultima Generazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è TERRORISMO-AL-QUAIDA-%D0%90%D0%BB%D1%8C-%D0%9A%D0%B0%D0%B8%D0%B4%D0%B0.jpg

Militi di al Qaeda,  Fonte e autore GagogaSus  Aль-Каида.jpg – Wikimedia Commons

• Il terrorismo – di cui non esiste una definizione universalmente recepita ma del quale è possibile formulare una descrizione funzionale basata su osservazioni e considerazioni di natura empirica, particolarmente come manifestatosi dagli Anni Sessanta del XX Secolo – è caratterizzato da quattro elementi costitutivi imprescindibili: la violenza criminale, che lo distingue dall’uso legittimo della forza; il movente politico, politico-religioso o politico-sociale, che lo differenzia dalla delinquenza comune e dalla criminalità organizzata, i cui fini ultimi sono generalmente economici e comunque non politici; la clandestinità a livello di strutture e dinamiche, che lo separa dalla violenza politica ordinaria per sua natura alla luce del sole; l’azione proveniente da attori non statali, con o senza l’appoggio di Stati sostenitori, che lo contraddistingue da violazioni del diritto internazionale e umanitario direttamente attribuibili a singoli Stati.

Da tenere presente, inoltre, che il terrorismo a livello di strumento può verificarsi in tutti gli stadi della conflittualità non convenzionale, quindi già dallo stadio dell’agitazione sovversiva. Ai fini della sicurezza globale rimangono particolarmente minacciosi e dinamici esponenti dell’Islam radicale quali i noti al-Qaida ed ISIS.

• L’insorgenza – tanto ulteriore manifestazione di conflittualità non convenzionale quanto stadio successivo, a seconda dei casi, all’agitazione sovversiva o al terrorismo – è associabile al controllo almeno parziale e temporale del territorio nazionale e della popolazione. Viene classificata secondo la categoria dell’istituzione presa di mira: lo Stato o comunità politica, il sistema politico o forma di governo, le personalità in carica ritenute illegittime e gli indirizzi politici. La sua sfera di azione mira al progressivo controllo del territorio e delle risorse di un Paese, avvalendosi di organizzazioni politiche illegali e di forze militari irregolari impiegate contro le autorità che detengono il potere. Pertanto, essa prevede scontri a fuoco con le forze armate governative, ancorché normalmente a livelli non elevati e improntati sull’elemento sorpresa.

Rispetto all’agitazione sovversiva e al terrorismo, l’insorgenza, richiede maggiore capacità organizzativa, articolazione di comandi, pianificazione, addestramento e risorse umane e materiali. Contrariamente allo stadio dell’insorgenza, quello del terrorismo non comporta controllo del territorio da parte terroristica. Va parimenti ricordato che il terrorismo, quale strumento, può inserirsi nello stadio dell’insorgenza, come correntemente emerge da situazioni presenti in Iraq, Siria ed altrove.

• La guerra civile – riscontrabile soprattutto nei Paesi in via di sviluppo e nei Paesi in via di transizione politico-economica dal Secondo Mondo, a conduzione social-comunista, verso il Primo Mondo, a conduzione democratica e liberista – si verifica allorquando la popolazione di uno Stato si scinde attivamente o, come spesso avviene, soprattutto passivamente in due parti contrapposte che si contendono con le armi il potere governativo; oppure, allorquando una ragguardevole parte della popolazione conduce una lotta armata contro l’autorità costituita. Si tratta, quindi, di una netta contrapposizione tra due componenti della popolazione nazionale e si distingue, per intensità numerica e operativa, da tutte le manifestazioni o stadi precedenti della conflittualità non convenzionale: agitazione sovversiva, terrorismo e insorgenza.

• Un movimento eversivo che transita con successo per i vari stadi su considerati consegue la fruizione del fine prescelto sin dall’origine, ovvero la rivoluzione che, in ambito politico, comporta il sovvertimento e la sostituzione del sistema istituzionale contrastato.

Delle predette due tipologie della conflittualità non convenzionale, la seconda desta maggiore preoccupazione sotto tre aspetti:
(1) è spesso accompagnata da manifestazioni della prima tipologia;
(2) esprime collaudate strutture e modus operandi per aggregazioni sia di vecchia che di nuova data;
(3) è sfruttabile a latere anche da attori coinvolti in conflitti convenzionali.

Va parallelamente osservato che a diverse manifestazioni/stadi della conflittualità non convenzionale viene spesso attribuito l’appellativo di asymmetric warfare generalmente tradotto come “guerra asimmetrica”, anche se renderebbe meglio la dizione “modo asimmetrico di guerreggiare” in quanto warfare, termine non agevolmente traducibile, esprime la conduzione di azioni che spaziano dall’antagonismo lesivo all’aggressione violenta vera e propria e, perfino, alle operazioni belliche. Comunque, per asymmetric warfare s’intende la neutralizzazione di un avversario (effettivo o ritenuto tale) più potente attraverso l’aggiramento delle sue potenzialità e lo sfruttamento delle sue debolezze o vulnerabilità, appunto come verificatosi l’11 settembre 2001. Non va, infine, dimenticato che, particolarmente nel contrasto alla conflittualità non convenzionale nelle sue molteplici forme, riveste notevole importanza la indications-and-warning intelligence, ovvero l’intelligence premonitoria, basata su una serie di indicatori che se abilmente applicati e analizzati possono con utile anticipo permettere la formulazione di adeguate misure di prevenzione, repressione o contenimento.

Vittorfranco Pisano

articolo pubblicato originariamente su L’incessante sfida della conflittualità non convenzionale nei confronti della sicurezza globale – Difesa Online

.

sull’autore * Il prof. Vittorfranco Pisano, attualmente segretario generale dell’Albo Nazionale Analisti Intelligence e docente di “Terrorismo e Conflittualità Non Convenzionale” presso l’Università e Campus, è stato consulente della Sottocommissione per la Sicurezza e il Terrorismo del Senato degli Stati Uniti e revisore dei corsi nell’ambito del Programma di Assistenza Antiterrorismo del Dipartimento di Stato statunitense.
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 55 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x