Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Eclissi lunari tra mito e realtà

Reading Time: 5 minutes

 

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Luna

 

Nella notte del 14-15 maggio 2022 in molte parti del mondo si è assistito ad un’eclissi totale lunare, uno dei fenomeni più spettacolari che il cielo notturno ci può regalare. Mentre la Luna lentamente scivolava nell’ombra della Terra, la sua superficie è sembrata tingersi di una sfumatura di rosso.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eclissi-miti-indiani.jpg

Il mito
Il fenomeno delle eclissi lunari era noto fin nell’antichità ed era spesso legato a delle superstizioni. Durante le eclissi di Luna tutti i popoli usavano produrre violenti rumori, battendo su oggetti di bronzo o suonando strumenti musicali come corni e cimbali. Questo per spaventare il “mostro” che sembra voler divorare la Luna. Una tradizione antica e cosmopolita vista che si ritrova, anche in epoche recenti, in popoli diversi: dagli indigeni delle Salomone agli Eschimesi, dai popoli africani ai Cinesi e agli Indonesiani, dagli antichi Peruviani alle tribù dell’America settentrionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mito-drag-cinese-eclissi.jpg

In area assiro-babilonese, uno dei rituali religiosi più importanti durante le eclissi di Luna era il suono del timpano sacro, accompagnato da lamentazioni fino al termine del fenomeno, in attesa del rientro della luce. Curiosamente in un cerimoniale cinese del quarto millennio a.C., si usava percuotere un tamburo “per liberare l’astro” dal drago che lo stava divorando.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mito-luna-roma.jpg

Plinio riferisce che prima della scoperta delle cause naturali gli Uomini “credevano la Luna vittima di malefìci” e le venivano in aiuto facendo durante le eclissi ogni sorta di rumori. Sebbene le cause scientifiche delle eclissi lunari fossero state indagate nel mondo greco a partire dal V secolo e, a Roma, almeno dal II secolo a.C. , i soldati romani, durante l’eclisse di Luna avvenuta nella notte tra il 21 e il 22 giugno del 168 a.C. “si misero a battere oggetti di bronzo e alzarono verso il cielo tizzoni e torce in grande quantità“. Sempre Plinio ricorda che a Roma fu Sulpicio Gallo a chiarire le origini naturali del fenomeno (Plinio, II, 53).

Evidentemente la superstizione restò viva a livello popolare ben oltre fino al V secolo d.C.. Numerosi testi ricordano che in epoca medievale durante le eclissi di Luna venivano fatti dal popolo “clamores et rumores”. Curiosamente, anche nel secolo scorso, furono visti dei soldati cambogiani, a Pnom-Phen, esplodere raffiche di mitragliatrice verso la Luna nel corso di un’eclisse, forse reminiscenze ancestrali (e a questo punto potremmo dire universali) di paure non ancora superate.

Che cos’è tecnicamente un’eclisse lunare?
Come le eclissi solari quelle lunari possono essere parziali o totali e si verificano solo durante la fase lunare della “luna piena” quando si trova sul lato opposto della Terra rispetto al Sole, cadendo direttamente nell’ombra scura della Terra.  La differenza astronomica, rispetto all’eclissi solare, è che in questo caso la Luna si frappone in sequenza dopo la Terra e il Sole, venendo quindi coperta dall’ombra della Terra. Il nostro pianeta, in quei momenti,, impedisce alla luce solare di raggiungere direttamente la superficie lunare. In estrema sintesi, un’eclissi lunare si verifica quando avviene un allineamento del sole, della luna e della Terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eclisse-lunare-schema-2-1024x595.jpg

A causa delle geometrie, l’ombra della Terra non è però uniforme e avremo una zona centrale, dove è molto più scuro, chiamata  umbra, intorno alla quale c’è un cerchio esterno che è definita penumbra. Queste regioni sono però dipendenti dall’inclinazione dell’orbita della Luna, per cui il percorso attraverso queste regioni d’ombra è sempre diverso. Questo è il motivo per cui si possono avere eclissi lunari totali o parziali (ovvero quando la Luna si trova a cavallo dell’ombra e della penombra).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine-composita-eclisse-lunare-tokio-2018.jpg

Immagine composita di diverse foto durante l’eclisse lunare del 2018

Perché la Luna sembra diventare rossa?
Il colore che la Luna assume è legato al fatto che il nostro pianeta ha un’atmosfera che riflette alcune frequenze della luce (in questo caso il rosso) sul nostro satellite naturale.  Ecco perché le eclissi lunari tendono ad avere quel colore rosso sangue che tanto faceva impensierire gli antichi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prisma-assorbimento-luce.jpg

Per comprendere come funziona dobbiamo ricordare qualche elemento di ottica. La luce solare include uno spettro di sette colori visibili diversi, gli stessi colori che possiamo ammirare in un arcobaleno. Durante un’eclissi lunare, le parti blu e gialle dello spettro solare sono in gran parte assorbite dall’atmosfera terrestre, lasciando la luce rossa libera di essere rifratta verso la luna. L’assorbimento è lo stesso fenomeno che fa scomparire i colori quando ci immergiamo in profondità in mare.

Ma l’assorbimento può essere differente in relazione alla composizione dell’atmosfera; ad esempio, se c’è maggiore presenza di polveri il colore rosso è più intenso; in pratica lo stesso principio di un filtro che se “più assorbente” fa passare un raggio luminoso con tonalità più scure. Questo è il caso delle ceneri vulcaniche che possono svolgere un ruolo significativo, a volte oscurando la Luna così tanto che durante l’eclissi può perdere il suo caratteristico colore rosso. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eclissi-lunare.jpg

Le eclissi sono diffuse in tutto il pianeta. A differenza di quelle solari totali, che ricorrono in uno stesso luogo ogni tre o quattro secoli, quelle lunari capitano una volta ogni 2,5 anni. Una differenza fra le due è anche la durata: un’eclissi solare dura alcuni minuti ma un’eclissi totale lunare può durare oltre un’ora. Un altro vantaggio, non indifferente è che non si ha bisogno di alcun schermo oscurante per osservarla (a differenza di quelle solari).

Quando e dove potremo osservare la prossima eclissi lunare totale?
Dopo quella del 15-16 maggio 2022 che è stata osservata (anche se non bene ovunque) anche nel Sud/Ovest europeo e asiatico, in Africa ed in gran parte delle Americhe e degli oceani; per il prossimo appuntamento dovremo aspettare queste date:

7-8 novembre 2022 Eclisse totale Nord/Est Europa, Asia, Australia, Nord America, gran parte del Sud America, Pacifico, Atlantico, Oceano Indiano, Artico, Antartide
5-6 maggio 2023 Eclisse di penombra Sud/Est Europa, gran parte dell’Asia, Australia, Africa, Pacifico, Atlantico, Oceano Indiano, Antartide
28-29 ottobre 2023 Eclisse parziale Europa, Asia, Australia, Africa, Nord America, Nord/Est Sud America, Pacifico, Atlantico, Oceano Indiano, Artico, Antartide

Non ci resta che attendere la prossima.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 53 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »