Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il recupero della capsula spia perduta – parte I

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: SPIONAGGIO
parole chiave: satelliti spia, Scripps, USN, CIA

 

Qualcuno ricorderà un famoso film girato durante la guerra fredda, Ice Station Zebra, ispirato ad un romanzo del 1963 dell’autore scozzese Alistair MacLean, una storia di spionaggio di agenti americani e sovietici che gareggiano per recuperare un satellite spia schiantatosi nell’Artico. Il romanzo e il successivo adattamento cinematografico del 1968, sebbene raccontasse una storia fittizia, in realtà si ispirò ad un evento realmente accaduto, il recupero di una capsula di un satellite spia americano CORONA, caduta nei pressi di Spitzbergen, Norvegia nell’aprile 1959.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1280px-KH-9_HEXAGON_satellite-1024x633.jpg

Spiare dallo spazio
In tempi in cui si parla di guerre spaziali, queste storie non sembrano così eclatanti eppure, in quegli anni caratterizzati dalla guerra fredda tra le due grandi superpotenze, le informazioni fotografiche provenienti dagli aere e satelliti spia fecero la differenza.  Tutto iniziò con la serie CORONA, una serie di satelliti spia prodotti e gestiti dalla CIA con l’assistenza dell’aeronautica militare statunitense (USAF), impiegati per la sorveglianza fotografica dell’Unione Sovietica e della Repubblica Popolare cinese in sostituzione degli aerei spia U2. Le immagini raccolte avrebbero consentito di produrre mappe di aree sensibili per il Dipartimento della Difesa, identificando aeroporti, stazioni missilistiche e forze navali e terrestre. Al momento del rientro i preziosi rullini fotografici venivano inviati a terra in un’apposita capsula che si dirigeva verso la zona di recupero. Alla quota di 18 km entravano in azione dei paracadute per rallentarne la discesa, e la capsula veniva presa “al volo” da un aereo, tramite un apposito sistema di recupero, oppure recuperata in mare. In realtà oltre il 20% dei lanci fallirono e dei 144 satelliti, lanciati dal 1959 al 1972, solo 102 fornirono fotografie utilizzabili, anche se spesso di pessima qualità. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Air_Force_Satellite_Control_Facility_operation_in_recovery.png

HEXAGON
Gli sforzi di migliorare la sorveglianza dallo spazio con i satelliti  portarono allo sviluppo di numerose classi di satelliti, sempre più prestanti, tra cui la KH 9 HEXAGON. Con una dimensione di circa venti metri di lunghezza e oltre tre di diametro, gli HEXAGON erano i più grandi satelliti spia che gli Stati Uniti avessero mai inviato nello spazio ed operarono dal 1971 all’inizio degli anni ’80. Di fatto la serie KH-9 fu un grande passo avanti per la sorveglianza satellitare, impiegando un sistema allora molto sofisticato consistente in due fotocamere a specchio rotante Perkin-Elmer “Twister” con obiettivi da 60 pollici, in grado di funzionare singolarmente o insieme per produrre immagini stereoscopiche. Le fotocamere potevano coprire un’area di 60 gradi su ciascun lato del veicolo spaziale, consentendo di coprire un’area di 80 per 360 miglia con una risoluzione da due a sei piedi (60cm x 1,8mt). Il KH-9 includeva normalmente quattro capsule contenenti le pellicole fotografiche (una normale ed una agli infrarossi per vedere attraverso la copertura nuvolosa).

Il progetto KH-9 fu declassificato nel settembre 2011 e, il 26 gennaio 2012, il National Museum of the United States Air Force ne espose un esemplare insieme ai suoi predecessori KH-7 e KH-8.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è A-KH-9-at-the-National-Museum-of-the-United-States-Air-Force-forward-section-1024x576.jpg

il progetto KH-9 fu declassificato nel settembre 2011 e un modello fu esposto dal 2012 al National Museum of the United States Air Force

La prima missione KH-9
Premessa la sua storia, oggi racconterò una delle storie più sorprendenti, ora declassificata, di quegli anni, il recupero negli abissi degli oceani di una delle capsule della prima missione KH-9 HEXAGON.

La prima missione HEXAGON (M1201) decollò dalla base dell’USAF di Vandenberg, California, il 15 giugno 1971. Dopo aver eseguito con successo la sua prima missione furono sganciate le capsule contenenti le immagini raccolte. Una di esse, a causa di un guasto al paracadute, precipitò in mare ed affondò nell’Oceano Pacifico a 4.900 metri di profondità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7748436152_fda5dd66ed_k-826x1024.jpg

La capsula perduta
La prima missione terminò male. I piloti del 6594th Test Group della Hickam Air Force Base, Hawaii, responsabili del recupero a mezz’aria delle capsule, individuarono il primo oggetto in discesa. Non potendo recuperare la capsula, a causa del paracadute gravemente danneggiato, marcarono il punto di ammaraggio e i subacquei della marina americana  riuscirono a recuperarla prima che affondasse.

Sei giorni dopo, la seconda capsula venne agganciata in aria restituendo integro il suo carico prezioso ma il 10  luglio, durante il recupero della terza capsula, si ripresentò l’inconveniente ai paracadute, in maniera ancora più grave. In pratica il paracadute principale si staccò, lasciandola precipitare ad oltre 400 piedi al secondo nell’oceano. A causa dei problemi con i paracadute, fu deciso di alleggerire la quarta capsula del suo carico, consentendone il recupero, il 16 luglio, con un C-130. Nonostante i problemi incontrati, la prima missione HEXAGON fu definita un successo straordinario in quanto risultò che le immagini contenute in una sola capsula coprivano più di due terzi di tutti i siti missilistici sovietici conosciuti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1000px-Fairchild_C-119J_Flying_Boxcar_recovers_CORONA_Capsule_1960_USAF_040314-O-9999R-001.jpg

Un C119J, appositamente modificato per il recupero a mezz’aria di capsule spaziali che rientrano nell’atmosfera dall’orbita. Il 19 agosto 1960, questo aereo effettuò il primo recupero a mezz’aria al mondo di una capsula di ritorno dall’orbita quando “afferrò” il paracadute a 8.000 piedi di altitudine 360 miglia a sud-ovest di Honolulu, Hawaii – photo credit US Airforce

L’operazione di salvataggio
La perdita di una capsula era però considerata un serio problema. La CIA, autorizzò l’Office of Special Projects, responsabile dei satelliti da ricognizione, ad effettuare indagini informali con la Marina sulla possibilità di recuperare l’oggetto dal fondo dell’oceano. Il 27 luglio fu effettuata una prima riunione con rappresentanti della CIA, NRO, Air Force, nonché dell’industria per formalizzare i dettagli del recupero con la marina statunitense (USN) che aveva maturato, dal 1958 al 1984, molte esperienze di lavori ad alte profondità impiegando i tre batiscafi Trieste

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7748443336_26c3a59639_k-1024x828.jpg

Vale la pena di ricordare la loro storia
Il Trieste I era stato costruito nel 1953 dal fisico svizzero Auguste Piccard a Trieste, Italia, ed era stato poi acquistato dalla Marina degli Stati Uniti. Il battello ottenne la fama internazionale il 23 gennaio 1960 quando raggiunse il fondo della Fossa delle Marianne.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 7773804022_e4a7f2dc3b_n.jpg

Il Trieste I (nel 1963) e il Trieste II (nel 1964) furono impiegati dalla USN per ispezionare il relitto del sottomarino a propulsione nucleare USS Thresher dopo che era affondato nell’Atlantico settentrionale il 10 aprile 1963. Una terza versione, il Trieste (DSV-1) era stata impiegato per l’ispezione del relitto del USS Scorpion dopo che il sottomarino nucleare era affondato il 22 maggio 1968 in situazioni misteriose a più di 10.000 piedi d’acqua, a circa 400 miglia a sud-ovest delle Azzorre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-scorpion-relitto-trieste.jpg

il sottomarino affondò nel 1968 e Ballard fotografò il relitto nel 1986 – photo credit USN

Non essendo il DSV 1 mai stato impiegato oltre la profondità di 13.000 piedi, la USN chiese di effettuare un’immersione di prova a 20.000 piedi per verificarne la possibilità di raggiungere in sicurezza quella quota di lavoro. Fondamentale sarebbe stato individuare il punto di impatto nel modo più accurato possibile e quindi valutare l’effetto delle correnti sull’oggetto tenendo conto della forma, velocità di impatto e del presunto stato della capsula dopo l’urto.

Lo studio preliminare fu assegnato ad un team guidato dal dottor Fred N. Spiess, Direttore del Marine Physical Laboratory (MPL), Scripps Institute of Oceanography, con il compito di  determinare il punto iniziale di ricerca per posizionare dei trasponder acustici (Deep Ocean Transponder – D.O.T.) sul fondo dell’oceano, necessari per permettere al DSV 1 di navigare all’interno dell’area di ricerca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è kh-9-hexagon-pellicole.jpg

sullo sfondo la capsula, notare il nastro giallo ovvero il rotolo delle pellicole Eastman Kodak impiegate per le fotografie dallo spazio collegato alla giuntatrice

Un altro dubbio che emerse fu se le pellicole sarebbero state ancora utilizzabili? La casa produttrice, la Eastman Kodak, immerse un rotolo di campione di pellicola per cinque giorni in un ambiente ad una pressione di circa 305 atmosfere e alla fine dichiarò che una parte considerevole delle immagini avrebbe potuto essere recuperabile … solo se la squadra di salvataggio fosse riuscita a mantenere la pellicola protetta e bagnata fino alla sua lavorazione. Per impedire alla luce ambiente di rovinare la pellicola, l’operazione sarebbe dovuta avvenire di notte. Inoltre, ad una profondità inferiore a 40 metri, i sommozzatori della USN avrebbero dovuto coprire la capsula con un telo oscurante, prima di riportarla in superficie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dsv1-recovery-plan.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è second-apagina-recovery-satelllite-dsv-1.jpg

In sintesi l’operazione fu giudicata fattibile e costo efficace
L’Assistente Segretario della Marina per la Ricerca e Sviluppo, Robert A. Frosch, accordò il necessario supporto della Marina e lo Scripps rispose positivamente, specificando che il successo dell’operazione sarebbe però dipeso dalla localizzazione della capsula, cosa non garantita, a causa dell’imprecisione della posizione dello splash down. Quanto affermato da Frosch sull’accuratezza del punto di impatto fu profetica poiché esistevano opinioni ampiamente divergenti sulla sua posizione. Ad esempio il Satellite Tracking Center aveva calcolato tre punti di splash down: un punto originale, un punto successivamente modificato a causa di un errore di calcolo e un punto finale. Sulla base di diversi input, fu definita una zona di ricerca larga 1,5 miglia e lunga 8 miglia a 350 miglia a nord delle Hawaii.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USNS-De-Steiguer.jpg

La USNS De Steiguer, una nave da ricognizione oceanografica dotata di un “pesce” rimorchiabile fino ad una profondità di oltre 20.000 piedi, sarebbe stata a disposizione del dottor Spiess dello Scripps dal 1 di ottobre per una ricerca nella zona di operazioni di dieci giorni. Il DSV 1 avrebbe potuto iniziare le operazioni di recupero dopo il 5 ottobre. Tra i tanti dubbi c’era gli esiti dell’urto della capsula contro la superficie del mare. Quali sarebbero state le condizioni della capsula? Leonard B. Molaskey, responsabile dello studio del metodo per il recupero  della capsula, sollevò nuovi dubbi su che cosa avrebbero trovato sul fondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è capsula-di-recupero-HEXAGON_KH-9_at_USAF_Museum-3-1024x576.jpg

la capsula originale … come sarebbe stata dopo l’urto?

I piani iniziali prevedevano di attaccare un gancio con un cavo alla capsula e di trasportarla verso la superficie, ma i timori che l’acqua di mare potesse aver indebolito gli elementi strutturali indusse il gruppo a respingere quell’idea. L’approccio si orientò quindi verso un design a “benna” in modo da racchiudere in sicurezza la capsula prima di portarla in superficie. La conosceremo meglio nel prossimo articolo.

Fine parte I – continua

Andrea Mucedola

.

PARTE I PARTE II

 

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 189 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »