Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I sommergibili di Karl Schilder

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: RUSSIA
parole chiave: Schilder, sommergibili, Flotta imperiale russa
.

Nel 1834, un ingegnere militare russo, Aiutante Generale K.A. Schilder disegnò un sommergibile da sedici tonnellate. La sua costruzione avvenne presso il cantiere navale della fonderia Aleksandrovsky. Il battello di Schilder è passato alla storia come il primo sommergibile della futura flotta sottomarina russa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ru-K.A-Schilder.jpg

K.A. Schilder (1785 – 1854)

Per quanto possa sembrare bizzarro, il progetto derivò da una specifica ben diversa. Nel 1832 Schilder stava studiando come utilizzare al meglio le mine navali per proteggere i porti russi. Durante lo studio nacque l’idea di sviluppare un sommergibile, in grado di avvicinarsi in immersione ad una nave nemica e farla quindi esplodere con una mina. Considerando l’epoca i problemi ingegneristici erano tutt’altro semplici da risolvere. Le tecnologie non consentivano di costruire battelli con profili fortemente idrodinamici e rimaneva l’incognita della propulsione.

Karl Schilder non si scoraggiò ed iniziò a costruire il battello a proprie spese. Solo in seguito, dopo aver considerato i vantaggi del progetto, il governo russo decise di sponsorizzarlo assegnandogli la cifra di 13.448 rubli.

Il primo modello aveva un dislocamento di 16,4 tonnellate e non era particolarmente idrodinamico … realizzato con lamiere di ferro di 5 millimetri di spessore, e con uno scafo con una curiosa forma a uovo era abbastanza bizzarro con dimensioni di sei metri di lunghezza, 2,25 metri di larghezza e 1,85 metri di altezza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Schilder_submarine_3.jpg

Lo scafo era progettato per resistere fino ad una profondità di poco più di dieci metri. Nella parte superiore era provvisto di due torrette cilindriche di circa un metro di altezza e 0,8 metri di diametro, giusto lo spazio per far passare un membro dell’equipaggio. Al centro il sommergibile aveva un portello per il carico della zavorra e dei materiali. All’interno del sottomarino erano installati dei serbatoi di zavorra che venivano riempiti o svuotati dall’acqua tramite una pompa volumetrica. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Schilder_submarine_2.jpg

L’equipaggio era composto da tredici marinai che provvedevano alla propulsione … remando dal suo interno con due paia di remi a “zampa d’anatra”. La curiosa propulsione ricorda il mezzo sommergibile ideato dall’inventore olandese Cornelius Drebbel nel 1620 per Giacomo I, studiato per rilasciare “water petards” in prossimità delle navi nemiche. Da alcuni dipinti sembrerebbe si trattasse di un’imbarcazione realizzata in legno, ricoperta da pelli, con capacità di incamerare acqua per facilitare l’immersione e poi di evacuarla attraverso una pompa interna, per poter riemergere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Van_Drebbel.jpg

battello sommergibile di Drebbel

Il battello di Drebbel era dotato di un alettone posteriore che, a seguito del moto ottenuto tramite i rematori, permetteva l’immersione del battello fino alla quota di cinque metri dalla superficie. Forse Karl Schilder aveva ripescato l’idea, avvantaggiato dal fatto di poter impiegare una migliore tecnologia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Schilder_submarine_4.jpg

Il sistema di variazione di quota del primo battello di Schilder consisteva in una vasca di zavorra d’acqua e due ancore, ciascuna del peso di circa 1300 kg. Un’interessante novità era la dotazione di un tubo “ottico”, un prototipo degli odierni periscopi, che l’inventore aveva realizzato utilizzando il principio del telescopio riflettore sviluppato dallo scienziato russo Michail Vasil’evič Lomonosov. L’armamento era piuttosto interessante. Il battello era dotato di razzi attivabili elettricamente, il cui lancio veniva effettuato tramite due installazioni a tre tubi installate su ciascun lato. Sott’acqua la sua velocità massima teorica era intorno ad un nodo ma sembra che non li raggiunse mai (0,4 nodi). In superficie era possibile alzare una piccola vela o essere rimorchiato da un’altra imbarcazione a vapore.

I primi test
Il prototipo, con una squadra di otto persone al comando del guardiamarina anziano Shmelev, il 29 agosto 1834 condusse con successo un primo test alla presenza dello zar Nicola I. Fu una prova spettacolare culminata con il lancio di missili incendiari da quattro pollici dal battello che distrussero diverse imbarcazioni a vela bersaglio che si trovavano all’ancora. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è delfin_21.jpg

Il successo della sperimentazione assicurò a Schilder nuovi finanziamenti che consentirono la costruzione di un secondo prototipo di dimensioni minori. Lo scafo in ferro aveva una forma cilindrica più idrodinamica con una prua appuntita che terminava con un bompresso allungato sul quale era inserito un arpione incorporato ad una mina. Il concetto di impiego prevedeva un avvicinamento occulto al bersaglio e il suo speronamento con l’arpione. La mina, collegata all’arpione, veniva poi attivata, da una distanza di sicurezza, con un accenditore elettrico tramite le batterie di bordo del battello. L’armamento, oltre alle mine, consisteva in sei tubi in grado di sparare dei razzi sia in superficie che sott’acqua.

I test del secondo progetto si svolsero il ​​24 luglio 1838 a Kronstadt. Ancora una volta il problema fu l’insufficiente velocità (0,3 nodi) assicurata dalla propulsione remiera. Nei sei anni seguenti Schilder si dedicò al perfezionamento dei sistemi d’arma, effettuando numerosi test di successo. Fu costruito un nuovo prototipo ma questa volta con una propulsione innovativa … a reazione … ottenuta grazie ad una pompa idraulica manuale, chiamata ventilatore centrifugo di Sablukov dal nome del suo inventore.

L’importanza dei progetti di Schilder
Va riconosciuto all’ingegnere russo la tenacia e ingegnosità ad adattare le scoperte di quegli anni alla sua invenzione. In particolare, Schilder fu il primo a considerare la possibilità di utilizzare l’elettricità per la propulsione dei battelli subacquei. Questa idea nacque dopo aver assistito agli esperimenti effettuati sul fiume Neva, nel 1838, da B. S. Jacobi con una barca con propulsione elettromagnetica.

Schilder progettò anche l’Otvazhnost, un natante in ferro simile ad un pontone “semi-subacqueo” propulso da un motore a vapore, in grado di trasportare un sommergibile a bordo. Questo poteva consentire di avvicinarsi ai bersagli avversari con una velocità di 5 – 6 nodi. Di questo progetto, di cui si sono conservati i disegni, ne furono costruiti due esemplari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Russian-Navy-Schilder-submarine-transport.jpg

Schilder, oltre ad essere un ingegnere innovativo, fu anche il primo a studiare come impiegare tatticamente i sommergibili e come difendere le aree costiere con l’uso di pontoni armati e navi “semi-sommergibili”.

Durante la guerra di Crimea, nella campagna del 1853-1854 sul Danubio, Schilder fu gravemente ferito da un frammento di granata alla gamba, e morì l’11 giugno 1854 in un ospedale della città di Calarasi, Moldavia.

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 125 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »