Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Buon Natale 2021

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NATALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: PENSIERI

parole chiave: festività natalizie

 

Oggi, 25 dicembre, festeggiamo il Natale una festa religiosa sacra per i Cristiani che nel tempo è diventato anche un fenomeno culturale e purtroppo commerciale a livello mondiale. Da tempi antichi, per i Cristiani, il Natale è il lieto anniversario della nascita di Gesù di Nazareth ed è simbolo di gioia e di speranza, con lo scambio di regali, la condivisione dei pasti con la famiglia e gli amici, con la solenne messa della notte di Natale. Il donare, che è forse la cosa più importante del Natale, trova radici in tempi antichi quando, durante il periodo del solstizio, i popoli si riunivano per festeggiare scambiandosi doni. In Scandinavia, i norvegesi celebravano il solstizio d’inverno con un periodo, Yule, che iniziava intorno al 21 dicembre e perdurava fino a gennaio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è yule-tide-days.jpg

ricostruzione dei Yule days

Sperando nel ritorno della bella stagione, portavano nei villaggi grandi tronchi per accendere grandi falò, intorno ai quali si banchettava fino a quando l’ultima fiamma si spegneva. Secondo gli uomini del nord ogni scintilla del fuoco rappresentava un … nuovo maiale o vitello … che sarebbe nato durante l’anno solare successivo. Non era un caso che in quel periodo la maggior parte del bestiame veniva macellato (in modo da non dover essere nutrito durante l’inverno) e vi era quindi abbondanza di carne fresca. Era anche il periodo in cui terminava la fermentazione del vino e della birra che era pronta per essere bevuta in allegra compagnia. Nei paesi germanici, dove si adorava il dio Odino, gli indigeni si chiudevano nei villaggi. C’era infatti una credenza che in quei mesi freddi il burrascoso Odino volasse di notte sui villaggi per osservare la sua gente, e decidere chi avrebbe prosperato o non avrebbe passato l’inverno. Era quindi una buona scusa per non uscire nei boschi, resi ancora più pericolosi dalle fredde temperature invernali, e restare in famiglia al caldo e festeggiare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è saturnalia.jpg

A Roma, si celebravano i Saturnalia, feste in onore di Saturno, dio dell’agricoltura, a partire dalla settimana che precedeva il solstizio d’inverno e continuavano per un mese intero, i Saturnali erano un periodo in cui cibo e bevande erano abbondanti e il normale ordine sociale romano era … capovolto. Per un mese, agli schiavi veniva data una libertà temporanea con un trattamento alla pari. In quel periodo i Romani osservavano anche la Juvenalia, una festa in onore dei figli (Juvenes – Giovenali) di Roma. Insomma i ricevimenti non mancavano. Curiosamente, seguendo un rito di origini orientali, veniva festeggiato il 25 dicembre il compleanno di Mitra, dio del sole invincibile, considerato il giorno più sacro dell’anno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitra.jpg

Mitra, il sole mai vinto, festeggiato il 25 dicembre

Molti Cristiani non sanno che nei primi anni del cristianesimo la nascita di Gesù non era celebrata e la festa più importante era la Pasqua, simbolo di resurrezione. Fu nel IV secolo che la Chiesa decise di istituire una festa per la nascita di Gesù e Papa Giulio I scelse il 25 dicembre, per facilitare l’assorbimento delle tradizioni pagane precedenti, chiamandolo Festa della Natività.

Nel Medioevo, il cristianesimo sostituì la religione pagana ed i credenti incominciarono a recarsi nella notte del Natale in chiesa per la funzione, non disdegnando però di recarsi subito dopo nelle strade per festeggiare “rumorosamente”, quasi fosse un periodo di carnevale, la festività. In quell’occasione alcuni si mascheravano da re. I poveri si recavano di fronte alle case dei ricchi e chiedevano cibo e bevande.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è natale-ottocento-1024x810.jpg

Questo aspetto pagano della festa di Natale è quindi sempre esistito e fa parte dello spirito del Natale, inteso come periodo di festività. Anche gli alberi, che adornano le nostre case, sono un richiamo a quelle antiche usanze, dove le palle colorate hanno sostituito i frutti degli alberi.

Cosa è rimasto dello spirito del Natale ai giorni nostri?
Purtroppo ben poco .. e non mi riferisco ai simboli religiosi. Come abbiamo letto, Natale è sempre stata un’occasione di speranza, soprattutto per i più poveri, di rinascita. Nel tempo, il Natale è diventato un evento consumistico, di gioie effimere che svaniscono come neve al sole. Per me, che sono cristiano, Natale ha un significato particolare, legato a quella notte in cui un bambino, che sarebbe diventato il Salvatore, fu partorito da Maria, una giovane donna, portando a tutti gioia e speranza. Se ci pensate è quello che ogni nascita porta … gioia e speranza. In questi giorni ho incontrato un amico, pressoché della mia età, che con gli occhi lucidi di commozione mi ha annunciato la nascita del primo nipote, figlio di sua figlia … e mi ha detto, “quale miglior regalo di Natale?”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2010001_006-1024x680.jpg

Il Natale mi commuove ancora ogni anno, annunciando la nascita di una nuova speranza in un mondo che, purtroppo, mi rendo conto non è più quello di una volta, in cui il materialismo del politically correct ha lentamente sostituito la sacralità della vita stessa.

La mia era una famiglia semplice e dignitosa, facevano insieme il Presepe e l’albero in attesa del Natale … ci riunivamo con i parenti in lunghe tavolate improvvisate nelle nostre case, mescolando tavoli e sedie, giocando a tombola e a carte, mangiando mandarini e frutta secca, mentre le canzoni di Natale risuonavano nelle case … c’era tanta semplicità e gioia. Con mio fratello scartavamo i regali, che erano ancora le immancabili calze delle zie, i maglioni, e qualche giocattolo.  Dopo tanti anni ricordo che la cosa più bella era aprire i pacchetti dei regali la mattina del Natale, non per quello che c’era dentro, ma per l’atto stesso di aprirli. Ci ritrovavamo con i cugini, mentre i grandi ridevano intorno al tavolo, mangiando i dolci fatti per lo più in casa.

Oggi purtroppo le case sono sempre più vuote, con alberi ricchi di luci colorate con sotto tanti regali, ma il Natale delle famiglie è scomparso … e non è solo questione di COVID. Cosa è successo a quel mondo? Sembra quasi che lo spirito si sia esaurito, lasciandoci tutti più soli.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è christmas-carol-1024x1024.jpg

Questo mi ricorda una commovente storia scritta da Charles Dickens, chiamata Canto di Natale (A Christmas Carol). La ricorderete in tante versioni teatrali e cinematografiche, essa narra la conversione del vecchio e tirchio Scrooge, visitato nella notte di Natale da tre spiriti (il Natale del passato, del presente e del futuro). Il Canto di Natale unisce al gusto del racconto gotico l’impegno di Dickens nella lotta all’ipocrisia, alla povertà, allo sfruttamento minorile ed all’analfabetismo, richiamando lo spirito originale del Natale. Una storia che colpì nel segno tanto che Robert Louis Stevenson scrisse ad un amico “ … come è bello che un uomo abbia potuto scrivere libri come questi riempiendo di compassione il cuore della gente! “. Se non lo avete letto, leggetelo … è un breve romanzo che vi conquisterà.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cartolina-di-Natale-2018-1024x687.jpg

Il Natale di noi adulti deve essere quindi un’occasione per chiamare un vecchio amico, stare vicini a coloro che hanno veramente bisogno, donare e donarsi agli altri. Parafrasando la frase della celebre opera di Eduardo De Filippo, Natale in casa Cuppiello, speriamo che il prossimo Natale si presenti ” come comanda Iddio. Co’ tutti i sentimenti …”.

Non importa quindi essere cristiani o non credenti, il Natale ci deve unire tutti nel suo vero spirito.

Buon Natale a tutti

Andrea Mucedola

.

.

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 93 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »