If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Tra politica, ambientalismo e economia: quale sarà il futuro del Gasdotto Nord Stream 2?

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: EUROPA

parole chiave: North Stream 2, gasdotto, politiche energetiche

A fine luglio la Germania e gli Stati Uniti hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per consentire il completamento del controverso gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia verso l’Europa evitando l’imposizione di ulteriori sanzioni commerciali statunitensi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è north-stream.jpg

L’accordo sul gasdotto afferma, in estrema sintesi, che Berlino e Washington si impegnano a contrastare qualsiasi futuro tentativo di Mosca di utilizzare il gasdotto come leva politico-commerciale.
Le due grandi potenze commerciali hanno inoltre concordato di sostenere economicamente sia Polonia sia Ucraina che hanno, probabilmente a ragione, visto il progetto come una minaccia alla sicurezza economica dei due Paesi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gasdotto-russo.jpgIn una dichiarazione congiunta, i due governi di Varsavia e Kiev hanno affermato di essere “uniti nella determinazione di ritenere la Russia responsabile di una sorta di aggressione e di imporre costose sanzioni” e quanto precede fa riferimento, in gran parte, al sostegno russo ai separatisti in Ucraina, precisamente nella regione contesa del Donbass.
Certamente sono preoccupazioni di vecchia data basate sull’evidenza che il gasdotto Nord Stream 2 possa dare alla Russia maggiore potere nella gestione delle forniture di gas europee o consentire l’interruzione delle forniture stesse agli avversari di Mosca che prima della costruzione del Nord Stream avevano un “passaggio obbligato” verso la Germania.
La dichiarazione congiunta di Berlino e Washington afferma che “se la Russia tenterà di usare l’energia come arma, o commetterà ulteriori atti aggressivi contro l’Ucraina, la Germania agirà a livello nazionale e chiederà misure efficaci a livello europeo, comprese sanzioni economiche”.
La Germania e gli Stati Uniti si sono entrambi impegnati a sostenere un fondo da un miliardo di dollari per l’Ucraina per diversificare le sue fonti energetiche. Di questo budget la Germania fornirà inizialmente 175 milioni di dollari. Il governo di Berlino ha anche garantito che rimborserà l’Ucraina per le tasse di transito del gas che perderà dall’essere bypassata dal Nord Stream 2 fino al 2024, con una possibile proroga di 10 anni. La Germania si è inoltre impegnata a continuare ad offrire sostegno all’Ucraina per la transizione dal carbone, anche nominando un nuovo “inviato speciale” con un finanziamento dedicato di 70 milioni di dollari. Facendo un cenno alla Polonia, la Germania ha anche accettato di firmare la “Three Seas Initiative“, uno schema promosso da UE e USA che mira a rafforzare la sicurezza energetica tra i paesi che si affacciano sul Mar Baltico, sul Mar Nero e sull’Adriatico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gasdotti-russi-in-europa-928x1024.pngNonostante quanto precede, l’opposizione al Nord Stream 2 è ancora diffusa in quanto sia Ucraina sia Polonia. hanno definito l’accordo raggiunto “insufficiente” e continuano a chiedere agli Stati Uniti e alla Germania di affrontare più adeguatamente la crisi della sicurezza nella regione ini cui considerano la Russia unico beneficiario del gasdotto fino a quando non saranno trovate opportune “soluzioni”.
Anche alcuni esponenti politici statunitensi hanno criticato l’accordo e, soprattutto nell’opposizione repubblicana, si continua a non avere dubbi che la Russia continuerà a usare il gasdotto Nord Stream 2, non appena sarà operativo, come arma di coercizione contro l’Ucraina e la sicurezza energetica transatlantica.

Alcuni esperti affermano che la leva del gasdotto sarà utilizzata dal Presidente russo Putin sia per privare Kiev di circa 2 miliardi di dollari di tasse annuali, guadagnate autorizzando il passaggio del gas russo in Ucraina verso Europa attraverso i suoi gasdotti dell’era sovietica, sia per aumentare la quota di Mosca delle importazioni di gas europee, che il Cremlino potrebbe utilizzare come “merce di scambio” nelle trattative geopolitiche. Nel 2019 gli Stati Uniti avevano approvato una legge che impone sanzioni alle società europee che stavano lavorando alla costruzione del gasdotto, creando attriti con la Germania e la Commissione UE, che avevano visto la mossa come un intervento extraterritoriale senza precedenti nella politica energetica europea, e inasprendo i legami bilaterali tra Berlino e Washington.

Ora l’amministrazione del presidente Biden ha fatto della ricostruzione delle relazioni con i partner della NATO come la Germania una priorità. Infatti, in base all’accordo, annunciato pochi giorni dopo l’ultima visita della Merkel a Washington come cancelliere, gli Stati Uniti hanno ritirato le sanzioni “contro l’oleodotto” in cambio delle già citate promesse di Berlino di proteggere l’Ucraina e l’Europa da potenziali minacce russe. Infatti, l’accordo prevede, come precedentemente indicato, che la Germania nomini un inviato speciale per definire con Mosca i dettagli delle contropartite economiche e l’aiuto per accelerare la transizione dell’Ucraina dal carbone a progetti di energia rinnovabile. Inoltre, Berlino fornirà anche 70 milioni di dollari per migliorare la sicurezza delle infrastrutture energetiche dell’Ucraina. In Polonia però c’è chi afferma che l’accordo creerà un enorme divario di sicurezza sul fianco orientale della NATO, in particolare in Ucraina, e che non c’è stata la volontà di convincere la Germania che mantenere la pace sul fianco orientale della NATO sia più prezioso delle sue relazioni con la Russia di Putin.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Nord_Stream_ceremony.jpeg

Foto della cerimonia di accordo per l Nord Stream … ci si domanda quali saranno gli scenari futuri tra interessi nazionali, NATO, economici e ambientali – photo credit https://upload.wikimedia.org

In merito, la Cancelliere Merkel ha respinto l’idea che l’accordo sia un segno che Ucraina e Polonia rappresentino una priorità inferiore per Berlino rispetto alla Russia ed ha confermato che la Germania sarebbe disposta a imporre sanzioni alla Russia se necessario. Molto dipenderà dalle prossime iniziative diplomatiche e dalla capacità di Berlino di persuadere i critici che ci si può fidare della Germania nel difendere gli interessi ucraini ed europei. Non va dimenticato che a settembre ci saranno le elezioni in Germania e gli esperti prevedono una vittoria dei “Verdi” e sia la sconfitta dei partiti oggi al governo con la già annunciata fine dell’ era Merkel che, da Cancelliere, aveva sempre sponsorizzato il gasdotto.

I probabili vincitori sembrerebbero convinti nel definire la NATO “indispensabile” alla sicurezza tedesca, nel promuovere il progetto per una Difesa Europea e nel sostenere l’esigenza di un Esercito tedesco moderno. Questo anche se l’obiettivo del 2% del Pil da destinare alla Difesa, più volte chiesto dai Washington, non è comunque considerato “ragionevole” dai tedeschi, rifiutando un’importante e costosa modernizzazione militare. Tuttavia, a fronte della cautela in tema di armamenti, i Verdi sosterrebbero, e qui il condizionale è d’obbligo, la demolizione immediata del progetto infrastrutturale, a causa del suo impatto dannoso sul clima e dei suoi effetti potenzialmente destabilizzanti per l’Ucraina nei confronti della Russia. Mancano quasi due mesi alle elezioni … vedremo.

Giuseppe Morabito

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 66 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »