If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il controverso “caso Grossi ” – Parte II

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Smg Barbarigo, Enzo Grossi
.

Alla fine della guerra, riprese le relazioni con la Marina degli Stati Uniti e dell’Inghilterra, lo Stato Maggiore della Marina italiana iniziò una serie di accertamenti per appurare la verità sulle azioni del Barbarigo. Solo nell’autunno del 1962 la Marina Militare italiana poté ricevere dall’U.S. Navy copia dei diari di guerra delle unità americane che operarono nelle acque in cui fu dislocato il Barbarigo dal 18 al 26 maggio 1942. [1]

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-barbarigo-torretta-1024x717.jpg

Questo permise finalmente di fare una ricostruzione precisa del controverso episodio, che confermò i dubbi subito avanzati dal Capitano di Vascello Polacchini. Risultò infatti che il sommergibile Barbarigo, giunto nella zona di operazioni designata, al largo di Capo San Rocco in Brasile, il 18 maggio cannoneggiò e silurò, senza affondarlo, il piroscafo brasiliano Commandante Lyra (5.052 t.s.l.), sul quale scoppiò un incendio.

Il giorno successivo giunse sul posto l’incrociatore leggero USS Milwaukee che aveva captato l’SOS del Commandante Lyra, trovandolo ancora in fiamme e sbandato sulla sinistra. Una volta recuperati i 25 membri dell’equipaggio del cargo brasiliano sopravvissuti, che avevano trovato posto sulle scialuppe, con l’aiuto dell’incrociatore della stessa Classe USS Omaha e del cacciatorpediniere USS McDougal, si riuscì a domare l’incendio. Alleggerito del carico, il Commandante Lyra fu rimorchiato a Fortaleza sulla costa brasiliana. Il 20 maggio l’incrociatore USS Milwaukee fu attaccato dal Barbarigo con il lancio di due siluri che fallirono largamente il bersaglio, tanto da non essere neppure avvistati dalla nave statunitense. Il Comandante Grossi, che l’aveva scambiato per una corazzata della Classe “Maryland” o “California”, sostenne però di aver centrato il bersaglio e di averlo affondato. Questi sono i fatti accertati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è presunto-affondamento-grossi-mryland.jpg

Ottobre 1942 – seconda azione
Anche il presunto affondamento della seconda corazzata statunitense della Classe “Mississippi”, comunicato a BETASOM il 6 ottobre 1942 con telegramma delle ore 05:40, azione per la quale il comandante del Barbarigo ottenne la promozione a Capitano di Vascello, fu molto controverso. Infatti, il Contrammiraglio Polacchini, che pure inoltrò a SUPERMARINA – Roma, secondo la consueta prassi, la proposta di concedere al comandante del Barbarigo una seconda Medaglia d’Oro al V.M. (proposta che però non ebbe seguito), non essendo riuscito ad avere altre conferme convincenti sullo svolgimento dei fatti, nel suo rapporto a MARICOSOM specificò che: «Il Comandante Grossi verbalmente non ha fornito altri elementi degni di rilievo».

Secondo la versione fornita dal Comandante Grossi nel suo rapporto a BETASOM in merito al presunto affondamento, durante la notte del 6 ottobre, al largo di Freetown (Sierra Leone) in latitudine 2°05′ Nord, longitudine 14°23′ Ovest, fu avvistata a circa 4.000 metri di distanza la sagoma di una nave da guerra di elevato dislocamento scortata da alcuni cacciatorpediniere. Anche questa volta, come nell’azione di maggio, Grossi non si trovava in plancia. Una volta avvertito dell’avvistamento, salì sulla torretta mentre l’ufficiale in comando di guardia aveva già cominciato la manovra per attaccare con il siluro. Il Comandante Grossi condusse l’attacco che in seguito descrisse così nel suo rapporto a BETASOM. Rimanendo in superficie, il sommergibile Barbarigo si avvicinò all’unità fino ad una distanza di circa 2.000 metri, dopodiché lanciò 4 siluri regolati a 6 metri di profondità dai tubi prodieri ad un intervallo di due secondi l’uno dall’altro. Dopo circa un minuto e mezzo dal Barbarigo udirono quattro violente esplosioni intervallate dallo stesso lasso di tempo del lancio dei siluri. Il Comandante Grossi dichiarò nel suo rapporto di aver visto affondare una corazzata statunitense della Classe “Mississippi“, riconosciuta quando si profilò di traverso,

«… per il gran complesso centrale della plancia con un solo fumaiolo a poppavia di quella, la prua  da veliero e tutte le altre caratteristiche corrispondenti alle navi da battaglia di quella Classe».

Senza porre indugio, anche questa volta SUPERMARINA si affrettò a dare la notizia dell’avvenuto affondamento ed emanò il Bollettino di guerra n. 863 del 6 ottobre 1942 che diceva: «Questa notte alle 2,34 (ora italiana) in latitudine 2,15′ nord e longitudine 14,25′ ovest, e cioè a circa 330 miglia per sud-ovest da Freetown (Africa occidentale), il sommergibile atlantico Barbarigo, comandato da Enzo Grossi, ha attaccato una corazzata statunitense del tipo Mississipi, che navigava con rotta 150 a velocità di nodi 13. La corazzata, colpita a prora da 4 siluri, è stata vista affondare».

Anche questo presunto affondamento però, come già quello del 20 maggio 1942, a guerra finita non trovò conferma nella documentazione ufficiale britannica e americana [2]. Al suo rientro a Bordeaux il capitano di fregata Grossi fu accolto con tutti gli onori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-grossi-ricevev-polacchini-barbarigo-1024x841.jpgGli fu concessa la promozione a Capitano di Vascello per meriti di guerra e fu proposta una seconda Medaglia d’Oro al V.M.. Grossi e tutto l’equipaggio del Barbarigo furono ricevuti da Mussolini a Roma a Palazzo Venezia, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Arturo Riccardi. Addirittura Adolf Hitler in persona si complimentò con Enzo Grossi per questa seconda azione che aveva provocato l’affondamento di un’altra corazzata americana, mentre il Großadmiral Dönitz lo insignì della Ritterkreuz [3] elogiandolo per «la bravura e l’ardimento davvero eccezionali con i quali aveva saputo condurre le due difficilissime azioni».

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasomm-barbarigo-polacchini-grossi.jpg

Nel dicembre del 1942, alla notizia dell’affondamento della seconda corazzata americana da parte del C.F. Grossi e della sua promozione a Capitano di Vascello per meriti di guerra, il Contrammiraglio Polacchini (che in quel momento si trovava a Venezia dalla famiglia), espresse all’Ammiraglio di Squadra Antonio Legnani – Comandante della Flotta Sommergibili della Regia Marina – la sua totale disapprovazione per la nuova promozione di Grossi, motivandola così: « … perché non lo ritenevo ancora idoneo a rivestire tale grado», aggiungendo: « … gli fosse pure data una seconda medaglia d’oro per premiare il suo valore e soprattutto il risultato conseguito … ma non dei galloni che solo potevano stare sulla testa di chi ce li sapeva portare».

Nella sua relazione, datata 18 marzo 1948, indirizzata alla prima Commissione d’Inchiesta Speciale (C.I.S.) sul caso Grossi, istituita nel 1948 dal Ministero della Marina, l’ammiraglio Polacchini racconta che da allora l’Ammiraglio di Squadra Legnani mostrò sempre ostilità nei suoi riguardi, essendosi da sempre schierato dalla parte di Grossi (che, come lui, era un acceso sostenitore del regime fascista) ed essendo irritato dall’atteggiamento fermo, deciso e irremovibile assunto da circa un anno nei confronti del comandante del Barbarigo dal Comandante di BETASOM. Al riguardo Polacchini precisa di essere sempre stato mosso nei confronti di Grossi solo da “senso di giustizia e di onestà” e di aver mirato « … soprattutto a salvaguardare l’onore e la dignità della Regia Marina, che non potevano certo essere raffigurate nel comandante Grossi, tipica figura di avventuriero sfacciato, disonesto e senza scrupoli», e conclude dicendo che «il tempo mi ha dato largamente ragione e ha fatto giustizia».

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è enzo-grossi-mussolini.png

Il C.V. Grossi ricevuto da Mussolini a Palazzo Venezia

Nel dicembre del 1942, pochi giorni dopo essere rientrato a Bordeaux da Venezia, il Contrammiraglio Polacchini ricevette inaspettatamente un telegramma da MARICOSOM con il quale gli veniva comunicato che il capitano di vascello Grossi lo sostituiva nel comando di BETASOM. Dalla relazione del Contrammiraglio Polacchini alla C.I.S. del Ministero Marina sul caso Grossi, del 18 marzo 1948, egli racconta della sua reazione alla notizia che il Comandante Grossi lo avrebbe sostituito. In particolare, emergono altri particolari interessanti su come Polacchini reagì alla comunicazione del suo movimento e sulla scarsa considerazione che egli nutriva nei confronti di Grossi. Appena ricevuto il telegramma di MARICOSOM, Polacchini si precipitò a Roma, non tanto per evitare il trasferimento (poiché era stato lui stesso a chiedere in precedenza di andarsene da Bordeaux per potersi riavvicinare alla famiglia che viveva a Venezia), quanto per evitare che BETASOM passasse sotto il comando di Enzo Grossi «… essendo mia opinione che egli non avesse le indispensabili qualità professionali e morali per esercitarlo». E aggiunge: « … d’altronde i gravi dubbi ormai sorti sulle azioni di guerra del Grossi, consigliavano, come ebbi a dire a Roma, di metterlo sotto silenzio in una destinazione dove non potesse continuare a dare manifestazioni di esibizionismo e venisse a cadere, per così dire, un po’ nel dimenticatoio».

A Roma però gli dissero che l’ordine di destinazione di Enzo Grossi a BETASOM era di Mussolini in persona ed era in forma perentoria. Infatti, in una lettera privata, datata 3 maggio 1959 ed indirizzata dall’ex C.S.M. della Marina, Ammiraglio di Squadra Arturo Riccardi [4] a Polacchini, è scritto: « … io mi ero pronunciato sfavorevolmente perché [Grossi] assumesse l’incarico di comando di Betasom, dato che, pur essendo ormai Capitano di Vascello, non aveva le caratteristiche adatte» e ancora «Invece, quel disgraziato, a mia insaputa, è andato da Vidussoni, Segretario del Partito, che ha rivolto fervida istanza Mussolini di voler accogliere la richiesta di Grossi»[5]. Nelle sue memorie – scritte quando già non era più in servizio – l’Ammiraglio di Squadra Romolo Polacchini commenta dicendo: «… così ebbi l’affronto di essere sostituito dal Grossi».

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-cartolina-per-imprese-presunte-grossi.jpg

Sempre l’ammiraglio Riccardi, nella citata lettera inviata a Polacchini, riguardo a Enzo Grossi, aggiunge una frase che dimostra chiaramente la poca stima che l’allora massimo responsabile della Marina italiana nutriva nei confronti del comandante del Barbarigo: «Quello che ha fatto a Betasom è ormai passato alla storia nel modo più lordo e disonesto».

Fine seconda parte – continua

Marcello Polacchini

______________________

[1] Nell’autunno del 1962 la Marina italiana poté avere dall’U.S. Navy copia dei diari di guerra delle unità USA che operarono nelle acque in cui fu dislocato il Barbarigo dal 18 al 26 maggio 1942 e, dalla Royal Navy, l’estratto del diario  di guerra riguardante l’attacco subito dalla corvetta Petunia per opera dello stesso Barbarigo al largo di Freetown nella notte dal 5 al 6 ottobre 1942 (vedasi volume XII «I sommergibili negli oceani», U.S.M.M., Appendice VI/B, pag. 366 e segg.).

[2] Nell’autunno del 1962 la Marina italiana poté avere dall’U.S. Navy copia dei diari di guerra delle unità USA che operarono nelle acque in cui fu dislocato il Barbarigo dal 18 al 26 maggio 1942 e, dalla Royal Navy, l’estratto del diario di guerra riguardante l’attacco subito dalla corvetta Petunia per opera dello stesso Barbarigo al largo di Freetown nella notte dal 5 al 6 ottobre 1942 (vedasi volume XII «I sommergibili negli oceani», U.S.M.M., Appendice VI/B, pag. 366 e segg.).

[3] La Ritterkreuz des Eisernen Kreuzes è la Croce di Cavaliere della Croce di Ferro, assegnata per eccezionali meriti di comando e/o di coraggio. Durante il secondo conflitto mondiale fu ottenuta solamente da nove italiani, tra i quali, oltre al C.F. Enzo Grossi, il C.F. Carlo Alberto Fecia di Cossato e il C.C. Gianfranco Gazzana Priaroggia, che la ricevettero a Bordeaux dal Grandammiraglio Karl Dönitz in persona.

[4] L’Ammiraglio di Squadra Arturo Riccardi, nominato Senatore del Regno nel 1939 su proposta del Ministero della Marina, l’8 dicembre 1940, fu scelto da Mussolini come nuovo Sottosegretario di Stato e Capo di Stato Maggiore della Marina in sostituzione dell’Ammiraglio di Squadra Domenico Cavagnari, facendolo diventare il massimo responsabile della guerra navale italiana. Diventato Ammiraglio d’Armata nell’ottobre 1942, l’Ammiraglio Riccardi fu costretto a lasciare il suo incarico dopo la caduta di Mussolini il 25 luglio 1943. Il suo successore fu l’Ammiraglio Raffaele De Courten.

[5] Il dottor Aldo Vidussoni fu il Ministro Segretario di Stato e Segretario del Partito Nazionale Fascista, la più alta carica del Partito, dal 1941 al 1943.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III


,


.
.

print
(Visited 461 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Franco Franco
    17/04/2021    

    E con questa narrazione spero che la Storia, quella dei fatti documentati, possa chiudere questo deprecabile episodio che la Marina proprio non si meritava. Sulla figura di Grossi si sono costruite altre fole, come quella che egli avrebbe intercesso (!!!?) con B M per la liberazione di J V B in occasione del fattaccio Tedeschi Tortora alla Spezia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »