If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Protagonisti del mare: Guido Gay, l’uomo che ha ritrovato la corazzata Roma

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: PROTAGONISTI DEL MARE
PERIODO: XX – XXI SECOLO

AREA: OCEANI
parole chiave: Guido Gay, Gaymarine, Pluto
.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è guido-gay-robot-pippo-palla-rov-robot-sottomarino-remoto.png

Oggi parliamo di Guido Gay, ingegnere laureato al Politecnico di Milano nel 1964, di origine piemontese e con nazionalità italiana e svizzera, è un esempio di genialità italiana. Lo conobbi nel lontano 1985, al mio primo imbarco sulle unità cacciamine, quando sperimentavamo il ROV Pluto 01 sul MHC Lerici da lui progettato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è filippo-gaymarine.jpg

il ROV Filippo

Non era il suo primo mezzo e qualcuno dei marinai della componente del Dragaggio potrà ricordare il Filippo, un piccolo ROV a forma di palla che aveva operato sui cacciamine italiani classe Legni in tutti i mari del Mediterraneo e nel Mar Rosso. Il ROV Pluto sebbene nato nel 1980 (con il prototipo Pluto UX) non era ancora disponibile ed arrivò a bordo poco dopo. Il Pluto era un mezzo totalmente nuovo e decisamente più prestante. Inoltre, presentava caratteristiche operative straordinarie per quei tempi, potendo operare a profondità decisamente più profonde di quelle ottenibili con i sommozzatori di bordo. Facemmo sul cacciamine Lerici molte prove in mare, ottimizzando le procedure operative ed imparando ad usare questo versatile robot subacqueo in tutte le condizioni meteo marine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pluto-gaymarine.jpg

ROV Pluto durante un’esercitazione di controminamento simulato mentre rilascia una carica (cilindro giallo) su un simulacro di mina da fondo

L’ingegner Gay, geniale progettista e costruttore in svariati campi della tecnica, iniziò la sua avventura nel 1968 come imprenditore di una ditta di strumenti elettronici di misura. Appassionato velista e marinaio, nei primi anni ’70 iniziò a studiare veicoli sottomarini teleguidati, inserendosi a pieno titolo nella storia della ricerca oceanografica come pioniere di questa tecnica. Nel 1979 fondò la società GAYMARINE e, dieci anni più tardi, una ditta in Svizzera ora denominata IDROBOTICA, per la produzione dei nuovi veicolo filoguidati robotizzati PLUTO. I suoi mezzi furono acquisiti in campo civile (anche per le forze di polizia) e militare, dove furono realizzati sistemi particolarmente adatti al settore oceanografico e operativo (ad esempio per la caccia alle mine navali). 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è daedalus-dettaglio2.jpg

Nel 1990 Gay iniziò il progetto di un originale catamarano a vela di grandi dimensioni, il DAEDALUS, adatto al diporto ma anche particolarmente attrezzato per servire da nave madre per i veicoli sottomarini PLUTO

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è daedalus-large-1024x501.jpg

Per chi non lo avesse mai visto, il catamarano DAEDALUS, oltre ad essere un lussuoso yacht a vela d’altura è anche una modernissima imbarcazione da ricerca dove niente è lasciato al caso. DAEDALUS dispone di un insieme di attrezzature progettate e costruite seguendo criteri originali al fine di ottenere il massimo risultato con la massima semplicità. Tra le tante strumentazioni tecnologiche è equipaggiato con un sofisticato sonar a scansione laterale che consente di mappare una striscia di fondale larga circa un chilometro fino alla profondità di oltre 1000 metri. Attraverso la mappatura è possibile studiare la morfologia del fondale e identificare la presenza di oggetti non naturali sul fondo come, ad esempio, i resti di un relitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è diagramma-sonar-dedalus.jpg

Nel diagramma sonar illustrato appare una macchia sulla destra. Il contatto, in seguito identificato dal PLUTO PALLA, è risultato essere un relitto romano antico costituito da un mucchio di anfore alla profondità di circa 500 m

Daedalus possiede un sistema di posizionamento dinamico per poter mantenere automaticamente la sua posizione in mezzo al mare senza doversi quindi ancorare. La posizione è controllata dal computer di bordo senza la necessità di manovra da parte degli operatori. A bordo sono presenti due mezzi filoguidati PLUTO, anche questi progettati e costruiti dall’ingegner Gay adottando dei criteri non convenzionali.

Il primo mezzo, chiamato MULTIPLUTO, è un piccolo ROV di ultimissima generazione, capace di scendere a 4000 metri di profondità, dotato di manipolatori per effettuare piccole operazioni sul fondo. Il secondo è un PLUTO PALLA, capostipite di una nuova generazione di ROV in grado di scendere a 2000 metri di profondità da solo o in coppia con il MULTIPLUTO, utilizzando un solo cavo ombelicale per la guida di entrambi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è relitti-antichi27b-gay.jpg

La posizione dei mezzi può essere monitorata tramite un sistema acustico e le informazioni sono impiegate per calcolare e registrare sul computer di bordo tutte le rotte ed i percorsi effettuati.

Questo complesso di attrezzature consente al Daedalus di rilevare la presenza di oggetti sospetti, identificarli per mezzo dei veicoli PLUTO, e documentarli sia scattando fotografie ad alta risoluzione sia girando video ad alta definizione HD, sempre con l’impegno fisico di … una sola persona. Per comprenderci. Per fare un raffronto con altre imbarcazioni da ricerca, un simile compito richiederebbe normalmente un team umano ben più numeroso. La sua versatilità e autonomia consente al DAEDALUS di effettuare ricerche con il sonar di bordo su una superficie di più di 200 km quadrati al giorno, identificando con il PLUTO più di dieci contatti a 500 metri di profondità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è daedalus41a-gay.jpg

Dopo una lunga esperienza di navigazione negli oceani, comprendente un avventuroso giro del mondo seguito da un secondo attraversamento dell’oceano Pacifico, Guido Gay decise di unire la sua passione per il mare alla sperimentazione di nuovi ROV per l’esplorazione dei fondali marini profondi.

Nel 1985 ricevette il Tridente d’oro da parte dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee, un’associazione internazionale costituita solo da coloro che hanno ricevuto tale ambito riconoscimento, creato nel 1960 e considerato il “Nobel delle attività subacquee”.

Grazie al Daedalus, progettato e costruito nel 1993, ed ai suoi mezzi filoguidati, Gay ha nel tempo scoperto numerosi relitti antichi del Mediterraneo di cui parleremo in un prossimo articolo. Accenno solo alla sua scoperta più importante, avvenuta nel giugno 2012, con il ritrovamento della Regia corazzata Roma nelle acque sarde. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corazzata-roma-gay-pluto-1024x576.jpg

il relitto della Roma

La scoperta ha avuto un particolare significato per la Marina Militare italiana, che da anni cercava di ritrovarne il relitto e, nel 2012, il Ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, in occasione della cerimonia di commemorazione dei Caduti della Regia Corazzata “Roma”, proprio sul punto esatto del relitto, lo ha insignito a bordo della fregata muliruolo Bergamini della medaglia d’argento al valore di Marina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gay-medaglia-argento-di-paola-1024x502.jpg

L’ingegner Gay riceve dal ministro della difesa, Ammiraglio Gianpaolo Di Paola la medaglia d’argento al valore di Marina

Il 25 maggio 2013 Gay ha ricevuto il Premio Internazionale Artiglio, VII edizione, per le sue invenzioni nelle “Tecnologie avanzate per l’esplorazione sottomarina“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è artiglio-gay-premio.jpg

L’ingegner Gay riceve il premio Artiglio – nella foto tra Federico de Strobel (a sinistra) e Pippo Cappellano a destra)

Per svolgere le sue ricerche, Gay ha fondato Azionemare, un progetto di ricerca, conoscenza e divulgazione degli artefatti subacquei dei nostri mari. Le attività in mare dell’ingegner Gay continuano a favore di Enti ed istituzioni universitarie. Recente una collaborazione con il professor Carlo Beltrame, docente di Archeologia marittima all’Università Ca’ Foscari di Venezia, inerente un progetto di studio di relitti con carichi di marmo di età romana nel sud e centro Italia.  

Genialità e spirito di avventura che fanno di Guido Gay un protagonista del  mare. Torneremo presto a raccontare le sue scoperte. 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 116 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Gay Paolo Mario Gay Paolo Mario
    15/01/2021    

    Molto interessante l’articolo sul mio omonimo di cognome e piemontese come me con parenti anche Svizzeri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »