If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Migaloo, la balena bianca

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Migaloo, megattere
,

Il 28 giugno 1991 una megattera completamente bianca fu fotografata mentre passava per Byron Bay, il punto più orientale dell’Australia. Questa insolita balena era l’unica megattera completamente bianca documentata al mondo e fu chiamata “Migaloo“, il nome che la comunità aborigena australiana nel Queeensland usa per descrivere un “uomo bianco”. Tutti conoscono il romanzo Moby Dick la balena bianca, considerato il capolavoro di Hermann Melville, uno dei più grandi libri della letteratura americana e mondiale che, per il suo carattere allegorico, fu paragonato alla Divina Commedia di Dante Alighieri.

Il racconto narra l’ossessionante ricerca da parte del capitano Achab della balena bianca Moby Dick. Nell’attesa dell’incontro con il grande cetaceo, Melville si abbandona in meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche ed artistiche che fanno del libro un capolavoro. Il protagonista è sempre l’oceano, con i suoi misteri e le sue creature che vivono negli abissi come i nostri più intimi segreti ma che possono riemergere con tutta la loro possenza in superficie. Chissà cosa penserebbe Melville di questa straordinaria scoperta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balena-bianca-2.jpg

Oltre agli avvistamenti, che dal 1991 si sono ripetuti periodicamente, nell’ottobre 2004 i ricercatori del Centro di ricerca sulle balene della Southern Cross University furono in grado di raccogliere campioni di pelle di Migaloo. Niente di cruento, piccoli pezzi di pelle caddero nell’acqua e furono raccolti e analizzati per determinare il suo DNA. Dalle analisi risultò che Migaloo è un maschio e che potrebbe avere oggi circa 35 anni, essendo nato nel 1986. È stata inoltre ottenuta la sua impronta genetica che potrebbe consentire ai ricercatori di verificare la presenza di parenti di Migaloo tra le altre balene conosciute nel Pacifico di cui sono stati raccolti nel tempo dei campioni.

Ma perché questa grande balena è bianca?
L’ipotesi più accreditata è che Migaloo sia semplicemente una balena albina ma, senza prove definitive, per il momento è conosciuto come una megattera “ipo-pigmentata” … decisamente bianca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balena-bianaca-3.jpg

Gli avvistamenti di Migaloo forniscono preziose informazioni anche sul comportamento migratorio delle megattere lungo la costa orientale dell’Australia. Ad esempio, Migaloo è stato avvistato numerose volte in anni consecutivi con un’altra megattera maschio, conosciuta come “Milo“, che può essere facilmente riconosciuto dal suo modello di pigmentazione che sembra unico. La loro interazione ha permesso di tracciare nel loro vagabondare nell’oceano non il cammino di una singola balena ma di due esemplari maschi di megattere che viaggiano, chissà da quanto tempo, come compagni di viaggio durante le loro migrazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balena-bianca-4.jpg

Migaloo fa parte della popolazione di megattere dell’Australia orientale, che ora si sospetta contasse circa 15-17.000 individui nel 2012. Questa popolazione è in diminuzione a causa della caccia commerciale alle balene che continua ad essere perpetuata da parte di altri Paesi del Pacifico. Si è stimato che prima dell’inizio della caccia commerciale la popolazione delle balene era probabilmente di circa 30.000 esemplari ma, probabilmente, si ridusse ad appena 104 individui negli anni ’60 quando la caccia commerciale sulle megattere venne sospesa.

Il pericolo di estinzione
Numerose specie di grandi balene arrivarono vicino all’estinzione e varie nazioni si riunirono negli anni ’30 tentando di regolamentare l’industria baleniera. Nel 1948 venne firmata la Convenzione Internazionale per la Regolamentazione della Caccia alla Balena (ICRW) per provvedere alla corretta conservazione degli stock di balene e quindi rendere possibile uno sviluppo disciplinato dell’industria baleniera. La Commissione sui Cetacei Internazionale (IWC) venne fondata quale suo corpo operativo ed era in origine composta da 14 stati membri. L’IWC ha adottato regolamenti sui limiti di cattura, metodi di caccia ed aree protette, e, negli anni recenti, si è orientato alla conservazione dei grandi cetacei, includendo procedure per mitigare il rischio delle catture accidentali nelle reti da pesca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balena-640x427.jpg

Oggi la caccia delle balene è vietata nella maggior parte del mondo, ma alcuni Paesi continuano indisturbati la loro caccia, in particolare in Giappone, dove il Governo ha fatto sapere che il Giappone non fermerà la caccia alle balene nonostante il divieto sancito della Corte dell’Aia.

La popolazione di queste megattere australiane è una delle sei nell’emisfero meridionale che migrano ogni anno a nord dall’Antartide per partorire nelle acque tropicali. Al fine di ridurre i rischi e lo stress da contatti accidentali sono state emanate linee guida per l’osservazione delle balene per proteggere le megattere nelle acque australiane. Questi includono velocità di avvicinamento lente (sei nodi) quando si trovano entro 300 metri da una megattera adulta. Inoltre, alle navi è vietato avvicinarsi a meno di 100 metri di adulti o 300 metri se è presente un piccolo.

Poiché Migaloo è una balena così unica, è coperto da una legislazione speciale del Queensland e del governo del Commonwealth che viene emanata ogni anno per proteggerlo dalle molestie. Che dire … Buon Natale anche a Migaloo.

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 202 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »