If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le ancore antiche

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: NA

AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: ancora antiche
.

L’archeologia subacquea fonda grande parte della sua popolarità, nel mondo degli appassionati subacquei ricreativi, sulla curiosità che generarono negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso le prime scoperte e purtroppo, le prime predazioni, del nostro immenso patrimonio storico e archeologico subacqueo che era, ed è, rappresentato dagli oltre 1.000 relitti censiti (nota 1) che giacciono a varie profondità nell’intero bacino del Mediterraneo. Allora come ora, grande curiosità destavano i ritrovamenti di antiche anfore, vasi e piatti, coppe e corredi di bordo comprendendo in questo raggruppamento anche le ancore, e proprio di questo parleremo in questo contributo. Quante volte ci è capitato di vedere, a far bella mostra di sé, nei porti, nelle città di mare, sulle passeggiate delle riviere, magari davanti alle sedi dell’autorità portuale, antiche ancore ammiragliato in ferro, imponenti, massicce, simbolo di un’antica arte marinaresca? Quanta curiosità ha generato la visione di un ceppo in piombo, di una contro marra? Quanta voglia di sapere cos’erano quelle starne forme di piombo e come funzionavano? In queste prossime righe entreremo nei dettagli, cercheremo di vedere e spiegare come gli antichi navigatori del nostro mare concepirono e realizzarono questi strumenti di bordo, parte importante del corredo alla navigazione che spesso troviamo abbandonate sul fondo, durante le immersioni nei siti di interesse archeologico, mute testimoni di antichi naufragi.

 

Da quando l’Uomo, con la costruzione delle prime imbarcazioni, ha intrapreso la via liquida del mare e delle navigazioni nei bacini interni, si pose il problema di poter assicurare a terra o in una rada il proprio “legno” durante le pause della navigazione. Un tempo queste primordiali imbarcazioni, si muovevano esclusivamente durante il giorno, seguendo rotte costiere, senza perdere il contatto visivo con la terraferma e la sera, dopo un intero giorno di navigazione i marinai accostavano verso riva per poi issare l’imbarcazione sulla spiaggia. Spesso un ridosso roccioso sconsigliava di trarre a terra l’imbarcazione, allora era necessario “fermarla” con qualcosa di solidale al fondo. Risolsero allora, questo problema, attraverso l’utilizzo di grossi massi, legati all’imbarcazione con una cima. Gli studiosi moderni definiscono questo tipo di attrezzatura nautica “ancora a gravità”, definizione che evidenzia nel termine letterale, come sia lo stesso peso del masso roccioso a garantire un sicuro ormeggio. Ci è testimone di questa pratica lo stesso Omero che nelle sue opere, l’Iliade e l’Odissea, chiama questo ausilio della navigazione con il termine eunè letteralmente tradotto dal greco “grossa pietra” (nota 2).

Ora questa pietra poteva avere una rastremazione al centro, per facilitare la legatura della cima vegetale e successivamente anche un foro, per lo stesso scopo. Ancora oggi esistono e possiamo vedere certi pescatori che utilizzano questo metodo per poter “fermare” le proprie imbarcazioni da pesca, nelle lagune o nelle rade dove sono soliti ormeggiare. Per questo motivo, se il ritrovamento di un ancora di questo tipo è decontestualizzato, ovvero non collegato al sito in cui giaceva e ad eventuali altri manufatti o segni antropici definenti un relitto, la datazione è molto ardua, se non impossibile. L’evoluzione di queste ancore primordiali corresse quello che era il loro difetto principale: un masso troppo pesante era ovviamente difficile e faticoso sia da gettare in acqua sia da salpare a bordo quando si doveva ripartire, mentre uno troppo leggero non offriva quelle garanzie di tenuta, esponendo l’imbarcazione ad una pericolosa deriva.

Risultati immagini per ancient anchorsNacquero così le ancore litiche fornite di due o più denti di ancoraggio. Proviamo a descriverle: un masso di forma trapezoidale con tre o più fori, di cui uno sommitale in prossimità del lato corto del trapezio atto a ricevere la gassa di fissaggio della cima e gli altri posti vicino al lato lungo del trapezio, con la funzione di consentire il fissaggio di punte di legno sporgenti dalle due estremità e opportunamente rastremate per garantire l’infissione e assicurare così una migliore tenuta. Una sorta di aratro, che infilando nel sedimento fangoso o sabbioso i suoi vomeri, fermavano l’imbarcazione così finalmente ancorata sul fondo. L’immagine a corredo dell’articolo vi renderà, meglio di tutte le descrizioni più dettagliate, l’idea della funzionalità di tale manufatto.

E’ controversa, fra gli studiosi, la precisa definizione dell’epoca in cui, l’evoluzione tecnologica, consentì di passare alle ancore in legno, con ceppo in pietra e quindi in piombo, anche in virtù del fatto ché, come detto poc’anzi, le ancore in pietra sono di fatto, nel bacino del Mediterraneo, ancora usate. Queste ancore in legno erano costituite sostanzialmente da un affusto centrale, due marre e da un ceppo, inizialmente in pietra, trasversale sul fusto rispetto alle marre, con la funzione di posizionare sul fondo l’ancora in modo che le due marre, potessero garantirne la presa. I vantaggi di tali ancore sono evidenti: da una parte la leggerezza rispetto all’ancora di pietra, quindi una facilità di stivaggio all’interno dell’imbarcazione, grazie anche al fatto che il ceppo appesantitore era, in alcuni modelli, rimovibile e quindi, la sola ancora strutturata dall’affusto e dalle marre, era riponibile ovunque nello scafo. Avevano però un difetto: l’assemblaggio delle marre sull’affusto, dato il tipo di trazione a cui era sottoposto, richiedeva una solidità che i primi modelli non potevano garantire. Nacquero così, come naturale evoluzione, le contro marre in piombo e conseguentemente anche i ceppi costituiti dallo stesso materiale. Ovviamente il legno, soprattutto se immerso in acqua, non ha una durata nel tempo lunghissima.

Gli esempi citabili di legni ritrovati sott’acqua, che siano parte strutturale dell’imbarcazione, elementi del fasciame o parte delle ancore in legno, hanno sempre rappresentato, per i restauratori, grossi problemi riguardo all’esporre tali manufatti lignei all’aria e quindi il loro trattamento con resine e liquidi particolari per evitare la disgregazione totale una volta all’asciutto. Occorre precisare che tutti i resti lignei di epoca antica ritrovati sott’acqua, sia in mare che nei laghi o fiumi, sono risultati, nella loro originale giacitura sempre coperti dal carico dell’imbarcazione trasportato e dal sedimento fangoso o sabbioso che ha preservato la disgregazione della loro struttura.

DSCN1285-e1491930890493-770x324

E’ per questo motivo che, parlando di ancore antiche, i subacquei moderni possono imbattersi quasi esclusivamente in ancore litiche (nota 3) o dei residui in piombo di ceppi e contro marre. Come già accennato in precedenza, il ritrovamento di un tale manufatto non costituisce di per se un ritrovamento importante se non lo colleghiamo con l’eventuale relitto che potrebbe giacere nelle immediate vicinanze o se attribuiamo all’eventuale getto di materiale pesante, del corredo di bordo, atto ad alleggerire lo scafo, dopo un eventuale urto accidentale dell’imbarcazione, su scogli affioranti. Ecco che diviene quindi fondamentale uno studio delle circostanze che hanno portato alla presenza di quei resti in quel luogo. In altre parole diviene importante la contestualizzazione dell’evento, la ricerca degli eventuali resti di un imbarcazione, magari sepolta dal sedimento, e l’analisi dei fondali circostanti per l’individuazione delle probabili linee di rotta seguite in antico, con la presenza di approdi naturali e passaggi pericolosi su cui le imbarcazioni, seguendo quelle rotte, avrebbero potuto urtare, arrecando gravi danni allo scafo. Le ricerche del relitto o delle sue evidenze sull’interfaccia fondo/acqua possono avvenire attraverso prospezioni subacquee eseguite con diversi divers che scandagliano visivamente un tratto di fondo definito dal progetto di ricerca o attraverso l’uso di un sub-bottom profile, una sorta di ecoscandaglio che riesce ad indagare il fondo marino, penetrando con le sue emissioni sonar nel sedimento, rendendo così evidenti segni antropici sepolti sotto il fondo e non visibile all’occhio del subacqueo impegnato nella ricerca. Come dobbiamo comportarci quindi, noi semplici appassionati dopo aver ritrovato un antico ceppo d’ancora? Innanzi tutto fissare la posizione, senza rimuovere dal suo sito il manufatto attraverso due allineamenti o se possibile, con la lettura della posizione GPS, quindi dopo aver segnalato all’autorità competente il ritrovamento, rendersi disponibili per effettuare le ricerche del caso (note 4 e 5).

Luca Lucherini 

NOTE
1 A. J. Parker- Ancient Shipwrecks of the Mediterranean and the Roman Provinces – BAR International Series 580 -1992
2 Omero – Iliade I 436, XIV 77, Odissea IX 136, XV 498.
3 In pietra
4 Solo nel caso di un possibile trafugamento del reperto siamo autorizzati a rimuoverlo dal fondo avendo l’accortezza di consegnarlo immediatamente all’autorità competente sul territorio
5 Le ricerche sottomarine da parte di privati, di reperti antichi sono espressamente vietate dal Decreto Urbani ovvio quindi che occorre avere una apposita autorizzazione rilasciata dalla competente autorità.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 717 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »