If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Riconoscimento dei diritti, doveri e compiti dei lavoratori subacquei: qualcosa si muove

Reading Time: 7 minutes

livello medio
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NORMATIVA
parole chiave: subacquea, diritti, lavoratori, professionisti
.

commercial diver 2

Prendendo spunto dell’interrogazione effettuata dall’Onorevole Nunzia De Girolamo, che si riporta di seguito, vorrei fare delle considerazioni che vanno a toccare alcune categorie di subacquei professionali il cui pieno riconoscimento per il lavoro effettuato trova spesso difficoltà a causa di regolamenti di difficile applicazione, talvolta contraddittori nelle varie Regioni. Il discorso è molto vasto ed ogni passo per una regolamentazione comune è ben accetto ma sarebbe opportuno far sedere ai tavoli tecnici rappresentanti di tutte le categorie per assicurare a tutti un giusto riconoscimento, in particolare, pensionistico per il servizio svolto.

Iniziamo con l’interrogazione a risposta scritta 4/14708 presentata il 3 novembre 2011 dall’onorevole Nunzia De Girolamo alla Camera per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero della Salute e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

commercial diver

Atto Camera
Interrogazione a risposta scritta 4-14708 presentato da DE GIROLAMO Nunzia avvenuta giovedì 3 novembre 2016, seduta n. 701

DE GIROLAMO Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro della salute, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. —

Per sapere – premesso che: in data 9 luglio 2016 un sub di 44 anni, Francesco Annechiarico è morto durante un’immersione a Foce Verde, al lido di Latina, eseguendo lavori di pulizia sulla statua raffigurante Gesù che si trova in quel tratto, a circa 12 metri di profondità. Anche il padre di Annechiarico era morto nel 2005 durante un’immersione all’isola d’Elba per effettuare lavori di manutenzione di una condotta nelle acque di Marina di Campo;

sono numerosi gli incidenti analoghi accaduti negli ultimi anni, dovuti all’assenza di una disciplina specifica che identifichi e tuteli la categoria degli operatori subacquei e iperbarici, che vengono utilizzati senza una reale formazione, nei vari segmenti dell’attività subacquea industriale (edilizia, metalmeccanica, petrolchimica e didattico-turistica) ;

è stata approvata la legge della regione siciliana 21 aprile 2016, n. 7, recante la «Disciplina dei contenuti formativi per l’esercizio delle attività della subacquea industriale» che, all’articolo 1, comma 2, definisce come «Sommozzatori e lavoratori subacquei» coloro che «eseguono, in immersione, attività lavorative subacquee anche in via non esclusiva o in modo non continuativo, operando in acque marittime inshore ed offshore o interne»; l’articolo 2, comma 1, stabilisce dei percorsi formativi articolati in tre livelli di qualificazione correlati alle attività sopra espresse: di primo livello (inshore diver), o «sommozzatore», di secondo livello (offshore air diver), detto anche di categoria « TOP UP» e di terzo livello (offshore sat diver), detto anche di categoria «altofondalista» (saturazione); detti livelli vengono attivati con l’iscrizione nel repertorio telematico presso il dipartimento regionale del lavoro, dell’impiego, dell’orientamento, dei servizi e delle attività formative dell’assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali, del lavoro, nonché con relativa pubblicazione nel proprio sito internet;

la legge trova fondamento anche in ambito europeo (articoli 3, 4 e 5 della legge regionale n. 7 del 2016) perché la card rilasciata dalla regione siciliana ha una riconoscibilità, ai sensi della direttiva 2005/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005, sull’intero territorio comunitario;

la legge regionale n. 7 del 2016, prevede, definendoli per la prima volta in Italia, limiti di profondità abbinati a relativi percorsi formativi per il conferimento di un titolo che certifica le capacità e le competenze degli operatori, e può essere considerata fondamentale per la formazione che deve ricevere un lavoratore che effettua una attività lavorativa subacquea al di fuori delle aree portuali;

nell’interrogazione n. 4-06112, pubblicata il 14 luglio 2016, seduta n. 660 del Senato, si legge: «(…) Soltanto i lavoratori iscritti al repertorio telematico gestito dall’Assessorato per il lavoro della Regione Siciliana e in possesso della card del “commercial diver italiano” possono essere considerati idonei per effettuare un tipo di attività fuori dalle aree portuali»;

la situazione creatasi in seguito alla approvazione della legge regionale e alla mancata impugnativa deliberata dal Consiglio dei ministri ha creato numerosi squilibri che andrebbero sanati con l’emanazione di un provvedimento legislativo nazionale consono, da un lato, a riconoscere diritti, doveri e compiti dei lavoratori e, dall’altro, a tutelare i datori di lavoro da possibili incidenti che si verificano svolgendo tali attività usuranti: quali iniziative di competenza intendano adottare i Ministri interrogati per tutelare in termini di sicurezza sul lavoro e di antinfortunistica gli operatori subacquei e iperbarici, nonché tutti i lavoratori e le aziende di questo settore, affinché tali incidenti non si ripetano e perché le capitanerie di porto intervengano con disposizioni precise, ed in particolare con la richiesta della « card» del « commercial diver italiano», secondo i limiti di profondità previsti dalla tipologia di lavoro da svolgere. (4-14708).

Commento
sub-militare
L’interrogazione dell’Onorevole De Girolamo, sebbene ricca di spunti e condivisibili necessità per la categoria, si presta per fare alcune riflessioni. Quando si parla di lavoratori subacquei dobbiamo considerare un insieme di professionalità che operano sott’acqua, esercitando attività molto diverse che richiedono regolamenti applicativi specifici ed adeguati. In particolare, nell’interrogazione sono rimasto perplesso dal fatto che tra le varie tipologie  non siano menzionati gli operatori subacquei delle Forze Armate e delle Forze dell’ordine (non presenti ovviamente nella legge Regionale) ma che sarebbero dovuti a mio avviso essere ricordati nella stessa.

Dimenticanza o voluta omissione?
La loro opera a favore del popolo italiano (si pensi ai palombari della Marina ed ai sommozzatori della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco e delle Forze dell’ordine) è regolata con Regolamenti e leggi dello Stato che nascono da tavoli di lavoro interministeriali che ne hanno garantito una certa indipendenza per l’impiego degli stessi. A questa necessità oggettiva, legata la fatto che questi debbano necessariamente soggiacere a regole di impiego diverse, le categorie non sembrano sempre essere state cautelate in maniera similare. Si rimane perplessi alla non completa chiarezza sul riconoscimento del loro operato con i cosiddetti vantaggi che questi servitori dello Stato dovrebbero ricevere a fine carriera. Mi riferisco a quelli pensionistici che dovrebbero essere sempre equivalenti a quelli del ramo civile. Da ex militare, che ha avuto l’onore di operare per anni con i palombari della Marina Militare, trovo necessario che sia fatta maggiore chiarezza e sia dato a questo personale il giusto riconoscimento.

subacquei-sub-diver

il professionista che opera nella formazione per la subacquea ricreativa segue standard ormai riconosciuti in campo mondiale. In campo nazionale abbiamo leggi regionali contrastanti che non facilitano la categoria. Si ha bisogno di regole condivise tra Governo  e operatori del settore per poter ottimizzare questo settore che può essere trainante nell’economia nazionale.

Altro aspetto, che mi ha colpito, è stata l’affermazione che i numerosi incidenti accaduti negli ultimi anni siano dovuti all’assenza di una disciplina specifica che identifichi e tuteli la categoria degli operatori subacquei e iperbarici che vengono utilizzati anche nel campo didattico-turistico (inseriti se non sbaglio nella subacquea industriale?). Nel campo ricreativo le statistiche mondiali sembrano dire qualcosa di diverso. Se vogliamo approfondire, spesso la causa degli incidenti avvenuti tra i subacquei ricreativi va ricercata non tanto nella formazione ma nelle attività successive dei brevettati. Da anni, le sigle di formazione subacquea ricreativa rispondono a canoni di controllo della qualità  Europei (se non a livello mondiale) in quanto, a causa della continua crescita e sviluppo dell’industria che ruota intorno alla Subacquea in generale, fu riconosciuta la necessità da parte dei membri della RSTC-US e dell’associata RSTC-Europa, di cercare un ente competente super partes, il World Recreational Scuba Training Council (WRSTC), in grado di controllare la sicurezza e dell’addestramento per tali immersioni in maniera innovativa.

images

i sommozzatori scientifici operano nel campo della geologia, biologia e archeologia marina. Un’interessante proposta per tale regolamentazione è stata in passato presentata dall’ISSD.

Il WRSTC è quindi rivolto anche alla sicurezza del pubblico subacqueo che opera nel campo ricreativo su scala mondiale stabilendo adeguati e restrittivi standard di sicurezza e addestrativi per i suoi membri. La costituzione di standard internazionalmente riconosciuti e messi in opera poi dai professionisti rappresenta quindi un bene prezioso che potrebbe indirizzare le normative locali e nazionali facendo ovviamente i dovuti distinguo. Il problema è quindi di trovare un giusto inquadramento della figura del professionista dell’immersione cosiddetta ricreativa tra le altre figure professionali per assicurare anche a questi professionisti diritti e non solo doveri.

29-corso-issd-2016-tavolara-178

A quando una regolamentazione bilanciata e adeguata anche per i ricercatori subacquei scientifici?
Una regolamentazione troppo generale potrebbe inficiare il lavoro di questi specialisti le cui necessità in termini organizzativi sono molto diverse da quelle di un sommozzatore iperbarico che lavora nell’Off-shore. Per i ricercatori subacquei scientifici, ci si riferisce attualmente al documento “Buone prassi per lo svolgimento in sicurezza delle attività subacquee di Ispra e delle Agenzie Ambientali” sviluppato anche sulla base di uno studio dell’ISSD (International School for Scientific Diving) che potrete raggiungere tramite questo link e che viene sintetizzato in questi tre punti:

Creazione di un “comitato nazionale per il coordinamento e controllo dell’immersione scientifica”.

Quadro normativo attuale e formalizzazione di una normativa nazionale per il riconoscimento e la regolamentazione dell’ “immersione scientifica” intesa come disciplina a sé stante separata sia dall’immersionesportiva che da quella “professionale” (es. OTS, palombaro ….).

Definizione degli standards nazionali specifici per l’immersione scientifica relativi a certificazione, operatività e sicurezza.
.

oceandiverAndrea Mucedola
Direttore Ocean4future
Istruttore subacqueo
Ricercatore scientifico

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

.

print
(Visited 905 times, 1 visits today)
Share

8 commenti

  1. Andrea Andrea
    24/02/2018    

    Tante belle frasi quando basta osservare il lavoro subacqueo per neanche commentare,questo è il LAVORO USURANTE.

    • 24/02/2018    

      Sono d’accordo con te … trovo vergognosa questa ambiguità da persone che non hanno mai lavorato. E’ una delle cose che nel 2018 porterò alle nuove commissioni alla Camera. Mi devono poi spiegar ele differenze tra subacquei professionisti civili e militari

  2. 07/08/2017    

    Interpellanza N. 511 – Applicazione della legge regionale n. 7/2016. Presentata il 25 luglio 2017 all’ARS: Coinvolge n. 10 Capitanerie di Porto, in Sicilia:
    1) La Capitaneria di Porto di Porto Empedocle
    2) Ufficio Circondariale Marittimo di Termini Imerese
    3) Ufficio Circondariale Marittimo di Terrasini
    4) Ufficio Circondariale Marittimo di Sciacca
    5) Ufficio Circondariale Marittimo di Palermo
    6) Ufficio Circondariale Marittimo di Messina
    7) Ufficio Circondariale Marittimo di Milazzo
    8) Ufficio Circondariale Marittimo di Sant Agata di Militello
    9) Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari,
    10) Ufficio Circondariale Marittimo di Pantelleria
    “… esse ad oggi sono inadempienti con provvedimenti anticostituzionali ignorando la podestà di questo parlamento;…”
    per conoscere:
    le motivazioni della mancata applicazione della
    legge regionale n. 7 del 2016 da parte di queste
    Capitanerie e il motivo per cui viene violato il
    principio giuridico che la norma di fonte inferiore,
    non può porsi in contrasto con la norma di fonte
    superiore, oltre a rendere corresponsabili le stesse
    insieme all’azienda appaltatrice, di mancata
    applicazione del decreto legislativo n. 81 del 2008;
    facendo con le loro ordinanze degli atti
    anticostituzionali, perché essi si basano su un
    decreto ministeriale che è stato surclassato dalla
    legge 07/2016 della Regione Sicilia;
    se intendano contattare con urgenza il Comando
    Generale delle Capitanerie di Porto presso il
    Ministero delle Infrastrutture e Trasporti
    chiedendo chiarimenti sul caso e l’immediato
    intervento del Comando presso le Capitanerie di
    Porto, in questione, prima che tali inadempienze
    portino come conseguenza ad incidenti che mettono
    in pericolo la vita degli operatori del settore,
    com’è già successo in questi anni in assenza di una
    legge come quella emanata da questo Parlamento.
    (L’interpellante chiede lo svolgimento con
    urgenza)
    (25 luglio 2017)
    ———————————————
    Per leggere integralmente l’interpellanza n. 511: http://www.cedifop.it/files/Assemblea-Regionale-Siciliana—Consultazione-Interpellanza-Parlamentare.pdf
    ———————————————

    • 07/08/2017    

      lasciamo ai diretti interessati rispondere

  3. 09/11/2016    

    salve, vorrei sottolineare che l’interrogazione parlamentare dell’onorevole De Girolamo Nunzia, molto importante, ma non è l’unica, in questo ultimo periodo, e in particolare vanno segnalate queste azioni parlamentari:
    1) 2016 – Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-06112 Pubblicato il 14 luglio 2016, nella seduta n. 660, del Sen. F. ARACRI – Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e della difesa: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=982775 – collega “…il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante il testo unico in materia di sicurezza sul lavoro, ed in particolare dagli articoli 18, comma 1, lettera e), 36, comma 1, lettera a), e 37, comma 3…”, con la legge regionale delal regione sicilia 07/2016 – concludendo che “…attualmente, soltanto i lavoratori iscritti al repertorio telematico gestito dall’Assessorato per il lavoro della Regione Siciliana e in possesso della card del “commercial diver italiano” possono essere considerati idonei per effettuare un tipo di attività fuori dalle aree portuali;…”
    2) 2016 – Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-05973, Pubblicato il 21 giugno 2016, nella seduta n. 641, del Sen. F. ARACRI – Al Ministro Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=979404 – dove troviamo la richiesta affinchè “… vengano integrate nella normativa esistente anche i lavoratori iscritti al repertorio telematico previsto dalla legge Regione siciliana n. 7 del 2016, nei 3 livelli previsti (inshore diver, offshore air diver ed offshore sat diver), come lavoratori che svolgono un mestiere usurante…”
    3) naturalmente la legge della regione sicilia n.07/2016 ” Disciplina dei contenuti formativi per l’esercizio delle attivitàdella subacquea industriale”: http://www.gurs.regione.sicilia.it/Gazzette/g16-18o1/g16-18o1.pdf
    da dove si evince che i titoli che fa riferimento “… sono riconoscibili ai sensi della direttiva 2005/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005 sull’intero territorio comunitario”.
    Cioè solo la Regione sicilia che ha uno statuto speciale, può gestire il “repertorio telematico” dei “commercial divers Italiani” e rilasciare tramite l’assessorato al lavoro la CARD del COMMERCIAL DIVER secondo i livelli di INSHORE AIR DIVER (0-30 metri) / OFFSHORE AIR DIVER – TOP UP (30 – 50 metri) / OFFSHORE SAT DIVER – saturazione (oltre i – 50 metri), CARD che ha una RICONOSCIBILITA’ in ambito Europeo.
    La legge 07/2016 riguarda SOLO la subacquea industriale (no sportiva) per attività lavorative FUORI dai porti (dove continua a valere il DM 13/01/1979 cioè gli OTS).
    Non include le varie categorie militari, perchè l’obbiettivo è quello di regolamentare che lavora in questo ambito, cosa che ha fatto – articolo 1.3.c esclude dalla applicabilità della legge gli ” …operatori appartenenti alle Forze armate dello Stato, ai corpi di polizia, alle organizzazioni dipendenti dalla protezione civile ed alle istituzioni pubbliche, quando impegnati in operazioni dirette od ordinate dall’organismo o dal corpo di appartenenza…”
    Per i ricercatori subacquei scientifici, ricordiamo l’esistenza del documento ““Buone prassi per lo svolgimento in sicurezza delle attività subacquee di Ispra e delle Agenzie Ambientali” (anche qui: http://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/tipologie-di-contenuto-C-6/linee-guida-buone-prassi-C-62/buone-prassi-per-le-attivita-subacquee-delle-agenzie-ambientali-AR-13455/) , dove è riportato specificatamente, che: “…le procedure operative riguardano tutte le attività subacquee di carattere tecnico-scientifico, in genere “senza sforzo”, dedicate allo studio e al monitoraggio degli ambienti acquatici, anche con utilizzo di strumentazione foto e video.
    Restano tuttavia “escluse le attività svolte nelle aree portuali, le attività nelle aree in cui si presume una elevata e comprovata contaminazione di origine biologica e/o chimica. Sono esclusi, inoltre, gli interventi di emergenza ambientale e salvataggio, riservati esclusivamente ai corpi e istituzioni dello Stato. Sono esplicitamente escluse tutte le attività di natura tecnica, riconducibili al profilo di Operatore Tecnico Subacqueo…”

    • admin admin
      09/11/2016    

      grazie dell’inciso. Concordo con lei sull’importanza di queste iniziative. Sono al corrente del documento ISPRA, che fu redatto sulla base degli input di Cinelli e Colantoni (se non mi sbaglio) sull base del code of practice dell’UNESCO (se ricordo bene). Per quanto concerne i subacquei militari e delle forze dell’ordine e affini, personalmente trovo non condivisibile che essi siano esclusi da queste proposte. Capisco gli scopi dei riferimenti da lei citati e la loro specificità ma ritengo che, a livello nazionale, si dovrebbe lavorare tutti insieme per redigere un documento madre che coinvolga tutti e che contenga allegati per le varie professionalità, riconoscendo (a tutti coloro che ne hanno diritto) i benefici per i lavori usuranti. Non capisco perché debba esistere una differenza del trattamento pensionistico tra un OTS ed un iperbarico della Marina che lavorano alla stessa profondità anche se con compiti talvolta diversi. Quanto da lei pubblicato e’ un notevole passo avanti e ne riconosco la validità e opportunità ma bisogna andare avanti. Grazie della sua esaustiva risposta e spero di aver chiarito il commento riportato nell’articolo.

      • 09/11/2016    

        i palombari della marina militare HANNO GIA’ un trattamento pensionistico come operatori di un mestiere usurante (è riportato anche interrogazione del senatore Aracri. Rientrano in questa categoria sia “cassonisti” che i “palombari”, ma non gli OTS perchè operatori in ambito portuale che non viene considerato a tale rischio. Sottolineo che in tutti questi documenti sia l’Onorevole DE GIROLAMO e il Senatore ARACRI, ma anche la legge 07/2016, NON PARLANO DI OTS ma della figura del “commercial diver Italiano”, iscritto al “repertorio telematico”, che è una figura SUCCESSIVA dell’OTS – l’OTS è l’operatore che secondo l’articolo 1 e 2 del DM 13/01/1979 opera SOLO all’interno del porto, mentre qui si parla delle figure definite come “INSHORE diver” e di 2 livelli di “OFFSHORE diver”. Per farti l’esempio, è come chiamare tutti i livelli della sportiva come “quelli che hanno l’OPEN”, perchè l’OTS altro non è che l’OPEN della subacquea industriale. Si sta cercando finalmente di definire la strada maestra per concludere un percorso molto importante, che si sta cominciando a fatica ad ottenere . Anche prchè con la definizione di questi percorsi della subacquea industriale abbiamo affrontato solo la punta del problema più grosso sui riconoscimenti internazionali – che non riguardano scuole o attestati/brevetti ma SOLO il lato legislativo. Faccio notare che IMCA nel suo documento IMCA LOGO (che si può vedere qui: http://www.cedifop.it/imca-logo.pdf), dice (pagina 2): Training and certification:
         There are only four training courses for which IMCA offers approval/recognition – Trainee air diving supervisor,
        Trainee bell diving supervisor, Assistant life support technician and Diver medic. Each requires a training
        establishment to apply for approval then satisfactorily undergo an audit of its documentation, facilities and course.
        Once IMCA has confirmed approval/recognition such establishments may use the wording ‘IMCA Approved’ or
        ‘IMCA Recognised’ in relation to these specific courses only
         No other courses are approved/recognised by IMCA and, therefore, no establishments should state ‘IMCA
        Approved’ or ‘IMCA Recognised’ in relation to any other course. – discorso MOLTO CHIARO CHE TAGLIA LA TESTA A TORO, che cioè NON ESISTONO E NON SONO MAI ESISTITI BREVETTI IMCA BASSO O ALTO FONDALE – tanto meno certificazioni IMCA OTS. L’inserimento nel documento IMCA sostitutivo del attuale D 05-15 (ultimo della serie) ha a che fare con la legislazione, che ritengo superabile con la legge 07/2016 nel arco di 8/14 mesi da ora – si sta lavorando H24 -tutti coloro che vogliono che l’Italia esce finalmente da questo tunnel che per 35 anni non aveva portato da nessuna parte.. tutto il resto è solo tempo perso e tutti noi dobbiamo recuperare interi decenni, dove eravamo esclusi dal giro internazionale che conta – come Italia e come Italiani.

        • admin admin
          10/11/2016    

          Non sono sicuro che i palombari militari siano inseriti nei lavori usuranti come quelli civili … comunque, se fosse, meglio cosi’ … ma i problemi sono ancora tanti … penso che possiamo tutti concordare che c’e’ bisogno di lavorarci sopra … siamo ancora in salita e dobbiamo recuperare il ritardo verso il mondo internazionale. Anche perché penso che i nostri sommozzatori non abbiano nulla di meno dei colleghi di altre nazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »