If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Trovate tracce di microplastiche nelle feci umane

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: plastiche, molluschi

Avete un’idea del consumo nel mondo delle bottiglie e dei sacchetti di plastica? Enorme. Volendo fare una valutazione statistica in un minuto vengono acquistate nel mondo un milione di bottiglie di plastica e due milioni di sacchetti di plastica. Una quantità enorme che non viene smaltita in maniera ecosostenibile.

Il problema è che questi materiali possono impiegare fino a mille anni per degradarsi, nel frattempo, come purtroppo sappiamo, si spezzetteranno in minuscoli frammenti che chiamiamo microplastiche e nanoplastiche in relazione alle loro dimensioni. Miliardi di miliardi di esse arrivano negli oceani e vengono ingerite dalle forme di viventi con conseguenze che ancora dobbiamo capire. Questo afflusso si unisce alle altre fonti di inquinamento contribuendo alle formazioni di aree dove la vita diverrà sempre più impossibile.

In un recente studio pilota effettuato presso l’università di Vienna dal professor Philipp Schwabl, un gastroenterologo ed autore principale dello studio, è stato presentato ad una conferenza di gastroenterologia a Vienna. Lo studio, sebbene effettuato su un numero limitato di soggetti, ha purtroppo riscontrato in tutti i soggetti la presenza di microplastiche nelle loro feci che fa supporre che, nel transito intestinale, essi abbiamo il tempo di rilasciare sostanze tossiche e patogene.

In particolare, lo screening è stato effettuato su otto persone provenienti da diversi Paesi (Finlandia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Regno Unito e Austria) scoprendo che in ogni singolo campione è risultato positivo per la presenza di microplastiche di lunghezza inferiore a 5 millimetri, grosso modo le dimensioni di un chicco di riso. Per condurre lo studio, i volontari hanno tenuto diari alimentari per una settimana e fornito campioni di feci ai ricercatori che hanno analizzato i campioni con uno spettrometro. Sono stati rilevati fino a nove diversi tipi di polimeri, con dimensioni comprese tra 0,05 e 0,5 millimetri. Le plastiche più comuni rilevate erano derivanti da polipropilene e tereftalato di polietilene – entrambi componenti principali delle bottiglie e tappi di plastica. Pur essendo la concentrazione di contaminanti – 20 particelle microplastiche per 10 grammi di feci – relativamente bassa non si possono valutare gli effetti a seguire.

Ma quale è stata la causa di contaminazione?
Gli afflussi di tali materiali in mare e la loro successiva assimilazione da parte delle creature marine o in secondo tempo, durante le fasi di lavorazione e/o confezionamento degli alimenti? Oppure in tutti e due i modi? Lo studio pilota suggerisce che le microplastiche stanno entrando nel nostro corpo anche attraverso altri mezzi. Di fatto due degli otto partecipanti allo screening hanno infatti affermato di non consumare pesce o molluschi per cui le microparticelle potrebbero provenire dalla catena di distribuzione. Se da un lato le dimensioni delle microplastiche ne consentirebbero un facile espulsione nelle feci, è anche vero che potrebbero rilasciare le sostanze che le compongono a livello endocrino, accumulandosi nei tessuti. Un risultato scioccante perché fa presagire che gli effetti causati dalle nanoplastiche possano essere ancora maggiori ed esse possano accumularsi permanentemente nel nostro organismo.
Questo riscontro si unisce alla scoperta in tutto il mondo da parte di diversi ricercatori di livelli elevati di microplastiche nella vita marina, particolarmente alti nelle dead zone dei vortici oceanici.

Per quanto concerne le acque potabili, l’anno scorso sono state rilevate microplastiche nell’83% dei campioni di acqua di rubinetto in tutto il mondo (con il più alto livello di contaminazione negli Stati Uniti, dove il 94% dei campioni è risultato fortemente contaminato). Quantità fibrose di nanoplastiche vengono diffuse nei terreni e finiscono poi nelle falde acquifere. L’acqua pompata dai pozzi viene usata in agricoltura ma anche bevuta. Da cui il grave pericolo, ancora taciuto di queste sostanze.

Ma torniamo alle microplastiche. La maggior parte delle microplastiche derivano dalla frantumazione delle diverse materie plastiche per cui sono di fatto materiali molto diversi fra loro. Altra fonte di apporto sono i prodotti di bellezza come i scrabbing, ormai vietati in molti Paesi occidentali ma che vengono ancora usati in grandi Paesi asiatici e sudamericani. Da una parte o dall’altra arrivano in mare ed entrano nella nostra catena alimentare. In particolare, le forme di vita filtranti, come i bivalvi, sono tra quelle più colpite.

Uno studio ha stimato che chi mangia regolarmente questi molluschi filtratori può inconsapevolmente ingerire fino a 11000 microparticelle di plastica all’anno. In particolare in questo studio è stata ricercata la presenza di microplastiche in due specie di bivalvi coltivati commercialmente: Mytilus edulis (cozze) e Crassostrea gigas (ostrica concava), due delizie il cui consumo è estremamente elevato nel mondo. Nelle analisi microscopiche, particelle di microplastiche sono state purtroppo ritrovate nei tessuti molli di entrambe le specie.

Al momento del consumo umano, Mytilus edulis contiene in media 0,36 ± 0,07 particelle g-1 (peso umido), mentre un carico di plastica di 0,47 ± 0,16 particelle g-1 ww è stato rilevato nelle ostriche. Di conseguenza, l’esposizione alimentare annuale per i consumatori europei di molluschi può ammontare a 11.000 microplastiche all’anno. Una quantità non indifferente che potrebbe rappresentare una minaccia per la sicurezza alimentare, tuttavia, a causa della complessità della stima della tossicità delle microplastiche non è (ancora) possibile stimare i potenziali rischi per la salute umana posti dalle micro e nano plastiche negli alimenti.
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

per i tuoi briefing professionali perché non usare carte colorate?

print

(Visited 93 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share