Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Plastiche, un problema che ci riguarda tutti

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ODIERNO
AREA: GLOBALE
parole chiave: Plastica, emergenza, cause

 

Dagli anni ’60 l’uso della plastica è aumentato drammaticamente nella nostra società e la porzione dei rifiuti plastici nella nostra spazzatura è aumentata dal 1% del flusso dei rifiuti domestici a circa il 13% (fonte US Environmental Protection Agency). Questa percentuale è in aumento preoccupante ed è divenuta ormai una emergenza non più demandabile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastica-mia-torrre-astura-1024x768.jpg

plastics – photo credit @andreamucedola

Il nostro pianeta sta diventando un mondo di plastica
Conosciamo i vantaggi legati ai bassi costi dei materiali ma non tutti ne conoscono gli svantaggi e, soprattutto, l’impatto che sta diventando sempre più importante. La plastica è ovunque: dai contenitori alimentari e gli imballaggi (bottiglie di bevande, carni e alimenti) alle bottiglie di shampoo fino ai cosiddetti beni durevoli (elettrodomestici, mobili e anche interni ed esterni delle automobili. Possiamo dire che praticamente non esiste un settore in cui esse non siano utilizzate.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastica-mia-foto-elba-free-1024x768.jpg

plastics – photo credit @andreamucedola

Certamente ci sono sforzi per renderle maggiormente biodegradabili o riutilizzabili ma non è abbastanza. L’uso (abuso) e il consumo delle plastiche è sempre più alto ed i dubbi in merito al loro effettivo riutilizzo, riciclaggio e smaltimento sono sempre maggiori.

Pochi parlano dei famosi additivi che ne alterano struttura, flessibilità, colore, resistenza ai microbi, e altre caratteristiche, rendendole sempre meno riciclabili e più tossiche. Di fatto il costo dei rifiuti plastici è talmente basso che il loro valore di mercato non ne incoraggia il recupero e, purtroppo, molte Autorità preposte preferiscono inviarle alle discariche o addirittura incenerirle.

Sulla base dei dati del 2011 della Environmental Protection Agency (in acronimo EPA, Agenzia per la protezione dell’ambiente) solo l’8% di materie plastiche vengono recuperate attraverso il riciclaggio. Un’altra grande preoccupazione nel flusso dei rifiuti è la loro longevità. Una buona parte delle materie plastiche, se non la maggior parte, necessiterebbero dai 500 ai 1000 anni per biodegradarsi. A causa di questa non auspicabile longevità e del basso tasso di riciclo, gran parte dei nostri rifiuti di plastica finisce nelle discariche. Alcuni di questi rifiuti di plastica sono abbandonati, a causa dello scarso senso civico dei cittadini, o si fanno letteralmente strada attraverso i fiumi verso il mare. Questi rifiuti trasportati dalla correnti e dal vento si depositano sulle spiagge o si allontanano da costa entrando nel giro delle correnti marine e creando vortici enormi che generano melasse tossiche di residui di micro e macro plastica. Secondo le Nazioni Unite, ormai quasi l’80% dei rifiuti marini è composto da plastica.

Sappiamo che questi rifiuti di plastica, direttamente e indirettamente, creano danni agli organismi viventi marini e, di conseguenza, a tutto l’ecosistema, entrando nella nostra catena alimentare. Le plastiche sono ritrovate nel corpo dei grandi pesci e sostanze tossiche e cancerogene sono presenti nelle loro carni. In tutto il mondo vi è un crescente movimento di pensiero per ridurre la generazione delle plastica. Sebbene alcuni tipi di plastica possono essere ‘più sicuri’ per l’ambiente, tuttavia, la loro rimozione, la necessità di controlli più severi e la riduzione delle fonti di inquinamento non può essere più demandata. Una nuova speranza sembra provenire dalla creazione di bioplastiche totalmente biodegradabili, ottenute attraverso l’impiego di materiali biologici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastic-dinner-rev1-1024x865.jpg

plastics – photo credit @andreamucedola

Si stanno sviluppando iniziative da parte di privati per il recupero dei detriti nei nostri oceani. Queste plastiche sono poi trasformate in materiali utilizzabili: da calzini sportivi prodotti dalla lavorazione  delle reti da pesca ripescate in mare alla produzione di combustibili ricavati da una varietà di rifiuti di plastica. Questi sforzi sono ovviamente delle soluzioni palliative che possono però contribuire a mitigare la situazione di forte emergenza attuale. Come sempre dobbiamo sperare nel genio umano. Un fattore importante è l’educazione ambientale che deve essere elargita ai più giovani nelle scuole di ogni ordine e grado per far crescere la consapevolezza dell’importanza di riciclare i rifiuti e non abbandonarli nell’ambiente. Può sembrare una banalità ma tale educazione è di fatto sparita dai programmi scolastici. Nonostante una raccolta firme di oltre 4300 firme, consegnate allora (2019-2020) al Segretariato del Ministero dell’ambiente (all’attenzione del ministro), e corredate da un dettagliato piano per l’istruzione scolastica a tutti i livelli (a costo zero), non c’è stata risposta … se non patetiche dichiarazioni ideologiche in occasione delle elezioni. L’educazione civica per un ambiente più pulito evidentemente serve solo in certe occasioni, poi tutto cade nel dimenticatoio. Bisogna sperare sempre in buoni amministratori locali che per fortuna non mancano nonostante i fondi risicati. Bisognerebbe ricordarsi che il mare non ha colore ma è un patrimonio di tutti e tutti dovremmo fare la nostra parte per difendere questo “territorio” sovrano da cui dipende il nostro futuro.

Con OCEAN4FUTURE vogliamo continuare a sensibilizzare questa emergenza di cui incominciammo a parlare nel 2012 con le campagne NO PLASTIC AT SEA by OCEANDIVER con il concorso di grandi fotografi italiani ed internazionali (Carlo Mari, Settimio Cipriani, Alberto Balbi, Francesco Pacienza, Mimmo Roscigno, Max Giorgetta, Raffaele Livornese, Alex Mustard, Ellen Cuylaerts, Chris Vizl McGregor, Rico Besserdich, Alex Sher, Claudia Weber, Christian Coulombe, Steve Kovacs … solo per citarne qualcuno dei tanti) e sportivi di fama internazionale come Marina Kazankova e Paolo De Vizzi. Iniziative che solcarono i mari spingendosi fino alle isole della Polinesia e all’Antartico, paradisi un tempo incontaminati che sono anche loro vittime di questo male del III millennio. Facemmo molto rumore e sicuramente alzammo l’attenzione su un problema scomodo per tanti.

Come sempre vi terremo informati ma, nel frattempo: NON ABBANDONATE LE MATERIE PLASTICHE, DI QUALSIASI TIPO, NELL’AMBIENTE, PENSATE AL VOSTRO FUTURO. 

 

photo credit @andrea mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 459 times, 1 visits today)
Share
5 3 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

24 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
24 visitatori online
24 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 31 alle 05:47 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x