If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Migrazioni di Aaronne Colagrossi

gru in migrazione … un fenomeno naturale che da migliaia di anni si ripete

La migrazione è uno spostamento di esseri viventi da un luogo all’altro del pianeta per soddisfare un ritmo biologico che ancora dobbiamo completamente scoprire. E’ un fenomeno naturale che avviene da centinaia di milioni di anni, come ci insegnano le moderne scoperte in campo geo-paleontologico e paleo-ambientale.

Sterna paradisaea – Sterna codalunga

Esse possono essere veramente lunghissime, come per esempio per alcune balene e degli uccelli; la sterna codalunga (Sterna paradisaea) ha probabilmente il record mondiale di distanza, infatti migra da un polo all’altro e viceversa. Altre sono brevissime in distanza, come quelle di alcune raganelle che avvengono dal loro albero alla pozza sottostante. Le migrazioni possono avere diverse connotazioni con  comportamenti erratici (quando gli animali si spostano continuamente a secondo delle risorse dell’ambiente), passivi, dovuti a correnti fluviali, marine o aeree o al trasporto da parte di altri animali o dell’uomo. Possono essere trofiche se hanno per scopo la ricerca di cibo o  genetiche se con finalità riproduttive; ancora  continue quando si ha il movimento regolare e costante lungo itinerari determinati o  discontinue quando fra una migrazione e l’altra vi è un periodo più o meno lungo di permanenza sedentaria.

Ma come avvengono le migrazioni animali? Come si orientano?
Solitamente gli animali si affidano a riferimenti visibili e invisibili, come il sole o il campo magnetico terrestre. La cosa straordinaria è che sembra posseggano una specie di mappa mentale con cui raggiungono i medesimi luoghi di anno in anno. Il modo in cui certi esseri viventi creino o ereditino questa mappa mentale è tuttora un mistero; alcuni scienziati ritengono che comunque ciò abbia a che fare con una sorta di “conoscenza”  presente in molte specie. Alcune ricerche sono state condotte sugli uccelli e su come, esemplari giovani di alcune specie migratorie, siano in possesso di una conoscenza sulla direzione e sulle distanze; sembrerebbe che in alcuni casi la prima migrazione rimanga impressa nella loro memoria, memorizzando persino punti di riferimento ed odori.

Un elemento fondamentale, e comune a molte specie che migrano, sembra essere l’orientamento magnetico. La “bussola” degli animali legge gli angoli formati dalle linee del campo magnetico terrestre a diverse latitudini e ne valuta l’intensità. La cosa straordinaria e’ che il campo magnetico varia dai poli all’equatore con precise linee di campo, che è possibile leggere anche nelle rocce vulcaniche sia attuali che quelle vecchie di milioni di anni. La presenza di magnetite nel corpo e la sensibilità a certe lunghezze d’onda della luce possono aiutare questi animali ad avvertire il campo magnetico.

Altro elemento fondamentale è il sole. Come ben sappiamo, il sole compie un determinato percorso nel cielo dall’alba al tramonto, variabile alle diverse latitudini; questo percorso varia anche da stagione a stagione. Alle medie latitudini dell’emisfero settentrionale, come ad esempio in l’Europa, il sole del mezzodì sarà più alto nella sfera celeste durante l’estate che non durante l’inverno (in cui sarà molto basso sull’orizzonte). Gli animali migratori possono sfruttare il sole come “bussola” anche in base al loro orologio interno, come anticamente sui velieri si usava l’orologio per le distanze … insomma qualcosa di molto simile. Molti animali regolano la loro rotta in base alla quantità di luce solare percepita dagli occhi o delle antenne nel caso di molti insetti.

Dal cielo agli abissi
Le migrazioni sul nostro pianeta avvengono fondamentalmente in tre ambienti: aria, terra e mare. 

Per aria
Le migrazioni via aria avvengono negli uccelli; è stato scoperto che molte specie di uccelli si preparano a migrare con il cambio di stagione. Il cambio climatico stagionale stimola la ghiandola pituitaria e quella pineale. La navigazione degli stessi pare sia stimolata invece dall’olfatto. Il becco di molti uccelli migratori è infatti ricoperto da frammenti microscopici di magnetite, interconnessi al sistema nervoso centrale, che comunica all’animale le variazioni del campo magnetico terrestre. Tra gli uccelli il record appartiene alla sterna codalunga; questo grazioso uccello ha un’apertura alare di circa  ottanta centimetri. Nessun animale, su tutto il pianeta Terra, compie spostamenti più lunghi. Quest’uccello si riproduce nell’Artide (polo nord) per poi trasferirsi fino all’Antartide (polo sud), compiendo un viaggio di andata e ritorno pari a 70.900 km… incredibile, non trovate?

La rondine comune (Hirundo rustica), con un’apertura alare di soli 33 cm, migra dall’Africa sino all’Europa dove viene a nidificare e riprodursi, percorrendo tratte sino a undicimila chilometri;  quest’uccello è presente in tutti i continenti eccetto l’Antartide. Il grande filosofo greco Aristotele pensava che questo uccello d’inverno andasse in letargo ma nel diciottesimo secolo si scoprì che in realtà anche esse migravano.

La poiana di Swainson (Buteo swainsoni), un rapace dall’apertura alare di circa un metro, possiede  una vista circa sette volte più potente di quella di un uomo, cosa che la aiuta nelle migrazioni che compie ad una velocità di crociera pari a circa 40 km/h.

Swainson’s Hawk Buteo swainsoni –  Elk Creek Lane, Bowen Valley

Questi uccelli migrano dai territori del Nord America sino alle lontane Pampas argentine, compiendo poche soste su tratte di quasi 13.000 chilometri.

pipistrello cenerino (Lasiurus cinereus)

Il pipistrello cenerino (Lasiurus cinereus), un mammifero volante insettivoro del peso di circa trenta grammi, compie migrazioni notturne strabilianti all’interno del continente nordamericano, spostandosi dal Canada fino al Messico. Si rifugia solitariamente tra il fogliame degli alberi a circa 3-5 metri dal suolo e talvolta in luoghi insoliti come i fori prodotti dai picchi e scoiattoli o sulle facciate degli edifici. I due sessi vivono generalmente separati eccetto durante la stagione degli accoppiamenti. Effettua migrazioni, ma non sono ancora noti con precisione i luoghi di svernamento. I pipistrelli si affidano al campo magnetico terrestre calibrando continuamente la direzione di volo per la loro migrazione.

farfalla monarca (Danaus plexippus)

Anche tra i lepidotteri ci sono dei record di migrazione aerea: due magnifici esempi sono la farfalla monarca (Danaus plexippus) e la libellula drago verde (Anax junius). La farfalla monarca, che probabilmente abbiamo ammirato in qualche documentario è una farfalla di grandi dimensioni, con un’apertura alare di circa 10 cm; questo insetto migra dalle aree del Canada sino al Messico, con voli di circa 6500 km. Le antenne della grande farfalla sono fondamentali per il suo orientamento; grazie a questi strumenti naturali le Monarch riescono a percepire la luce, sfruttando il sole come una bussola. Sembra che queste farfalle migrano seguendo la crescita delle piante Asclepias.

La libellula drago verde, lunga circa 8 cm, migra dagli Stati Uniti orientali sino alle zone costiere del Messico e delle isole dei Caraibi; lo stesso avviene per la specie presente in Asia, dal Giappone sino in Cina. Questi insetti sono dei grandi volatili ma i genitori non faranno più ritorno sulla rotta inversa, lo faranno i figli, dando vita a una nuova generazione. Grazie al sole questi insetti riescono a percepire la luce polarizzata grazie agli occhi composti costituiti da centinaia di ommatidi.

Per Terra
Le migrazioni via terra coinvolgono centinaia di specie animali, basti considerare nel continente africano, lo gnu striato (Connochaetes taurinus), un ungulato di grossa taglia africano, la cui popolazione, tra il 1960 e 2010 è passata da 220.000 individui a 1.200.000. Quella degli gnu è la più grande migrazione terrestre in assoluto, che avviene tra Tanzania e Kenya,  attraverso i parchi nazionali del Serengeti e del Masai Mara, verso i nuovi e ricchi pascoli.

Un altro campione della migrazione via terra è la saiga (Saiga tatarica), un mammifero asiatico artiodattilo della famiglia dei Bovidi. Sebbene la saiga sia un vero miracolo dell’evoluzione, essendo sopravvissuto alle ere glaciali quaternarie, tuttavia oggi è a rischio di estinzione. Presenta un largo muso, grazie al quale riesce a filtrare l’aria fredda e polverosa delle steppe, riscaldandola e pulendola prima di inspirarla nei polmoni. In genere i maschi generalmente anticipano la migrazione di una decina di giorni, rispetto alle femmine con i cuccioli. La migrazione avviene in Asia, tra il Mar Caspio e la Mongolia.

Tra gli anfibi si ha un piccolo record via terra: la raganella venosa (Phrynohyas venulosa), originaria dell’America centrale, vive sulle chiome delle foreste pluviali, a circa 30 metri di altezza. Con le piogge estive scende al suolo, nelle pozze, per riprodursi; dopo alcuni giorni torna tra le alte chiome; una migrazione in piccola scala.

Via Mare
Le migrazioni via mare interessano dozzine di specie, come ci hanno mostrato molti documentari naturalistici. Anche in mare ci sono dei record interessanti soprattutto tra le balene. 

balena grigia (Eschrichtius robustus)

La balena grigia (Eschrichtius robustus) migra dalle distese marine dell’Artide sino alle calde acque della Baja California, compiendo un viaggio di quasi 10.000 km. Gli occhi di tutte le specie di balene sono un capolavoro dell’evoluzione, ma in particolare gli scienziati che studiano le balene grigie hanno scoperto che i loro occhi riescono a riconoscere elementi costieri di paesaggio strettamente interconnessi con punti precisi del fondo marino, come fossero dei tag geografici in punti strategici di navigazione. Durante la migrazione, le balene grigie effettuano immersioni brevi di circa cinque minuti, fino ad un massimo di quaranta metri, cui intervallano stazionamenti in superficie di trenta secondi al massimo: in pratica riconoscono il fondo marino e la costa relativa in base alla loro memoria.

Thunnus orientalis

Il tonno rosso orientale (Thunnus orientalis) migra in banchi attraverso tutto l’oceano Pacifico, partendo dal Giappone e dalle Filippine, per poi raggiungere le coste della California e del Messico. Questi pesci lunghi circa due metri migrano mantenendo una velocità di crociera per l’intero banco pari a circa 6 km/h; la peculiarità sta nel fatto che anche quando la temperatura del mare scende a 2°C i tonni riescono a mantenere la temperatura corporea a circa 11°C. Sostanzialmente sono animali a sangue caldo grazie alla loro muscolatura rossa, ricca di vasi sanguigni che consente al pesce di navigare in condizioni anche estreme.

Non dimentichiamo il re del mare, il grande squalo bianco (Carcharodon carcharias) un predatore gigante ma anche un viaggiatore solitario instancabile che compie traversate oceaniche persino di 11.000 km, si pensa per riprodursi. Tra gli eccezionali sensi degli squali, abbiamo le ampolle del Lorenzini (micro-sacche gelatinose sul muso) che riescono a percepire il campo magnetico terrestre, permettendo anche allo squalo bianco di orientarsi in pieno oceano (in proposito vi erano stati molteplici studi sugli squali martello). Al momento, per il grande squalo bianco, sono state accertate tre migrazioni; la prima avviene dal Sudafrica verso l’Australia occidentale, attraversando ogni anno l’oceano Indiano. La seconda avviene lungo le coste degli Stati Uniti orientali, in particolare dall’area di Capo Cod, nel Massachusetts, sino al largo della Florida. La terza avviene dalla California meridionale sino a una zona definita White Shark Café, un’area oceanica tra la California e le Hawaii nuotando costantemente a circa 900 metri di profondità.

Anguilla anguilla

L’anguilla europea (Anguilla anguilla), lunga circa un metro, è un altro record delle migrazioni via mare (e non solo). Gli esemplari sessualmente maturi abbandonano le acque dolci per riprodursi in mare aperto. Le larve neonate ripercorrono la rotta dei genitori seguendo le correnti oceaniche. Ecco come gli scienziati hanno suddiviso il ciclo delle anguille europee: migrazione di circa 7.000 km per deporre le uova nell’Atlantico occidentale, le larve seguono le correnti per 3 anni circa, quelle sopravvissute raggiungono i fiumi, si trasformano in “ceche”, risalgono i fiumi (diventando “gialle”), vivono nei fiumi per circa vent’anni, raggiunta la maturità sessuale effettuano la migrazione al contrario per deporre le uova e poi morire.

tartaruga caretta (Caretta caretta)

La tartaruga caretta (Caretta caretta), una magnifica creatura marina ed un vero ambasciatore di un passato geologico ormai scomparso. Tra le molteplici specie di cheloni marini, la femmina della caretta è quella che compie la migrazione via mare più lunga, spostandosi per circa 15.000 km nel solo oceano Atlantico, per tornare a nidificare sulla stessa spiaggia in cui è nata. Dopo la schiusa delle uova le piccole tartarughe raggiungono il mare seguendo la luce riflessa sull’acqua; dopo quindici anni in mare le tartarughe raggiungono la maturità sessuale e le femmine si accoppiano. Le femmine iniziano quindi la migrazione con il ventre carico di uova, tornando a deporre sulle medesime spiagge natali. È stato accertato dagli scienziato che le tartarughe marine sono in grado di percepire anche loro il campo magnetico terrestre orientandosi in mare.

granchio rosso (Gecarcoidea natalis)

Il granchio rosso (Gecarcoidea natalis), endemico dell’isola di Natale (oceano Indiano), migra dalle spiagge zuccherose dell’isola per andare in mare a riprodursi e deporre le uova. 65 milioni di granchi terrestri marciano dalle foreste dell’isola sino in mare, una visione spettacolare in tutto il regno animale. Settimane dopo i granchi rientrano all’isola con i piccoli al seguito.

Tuttavia la più grande migrazione via mare del pianeta avviene di notte, quando miliardi di tonnellate di zooplancton, tra cui i crostacei definiti copepodi, salgono verso la superficie del mare per nutrirsi. Si tratta di una migrazione quotidiana: infatti, durante il giorno i piccoli animali si spostano verso il fondo di circa duecento metri, risalendo durante la notte verso la superficie. Lo zooplancton si nutre di fitoplancton formando così la base della catena alimentare marina che nutre decine di predatori tra cui le balene.

Migrazioni legate al ciclo della vita, in un ambiente altamente competitivo che spesso spinge questi animali, da migliaia se non milioni di anni, ad attraversare il pianeta per nutrirsi ma soprattutto per trovare habitat migliori per riprodursi. Questo ci dovrebbe far pensare.

Aaronne Colagrossi

Geologo, scrittore
www.aaronnecolagrossi.com

print
(Visited 162 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share