If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un HELP dal GARBAGE PATCH STATE di Diego Mariottini

mozia di notte

Arte e ambiente possono andare d’accordo
Senza retorica, senza propaganda, con impegno e con grande passione civile. L’Università Roma Tre e l’artista Maria Cristina Finucci hanno creato nel corso degli anni un binomio in grado di produrre frutti molto importanti sul piano della sensibilizzazione all’ambiente e alle tematiche ad esso correlate. Tanto per un’istituzione culturale quanto per un’operatrice in ambito artistico in campo ambientale è essenziale creare, dare vita a fatti. Non è più tempo di semplici parole, per quanto belle, per quanto importanti esse siano.
I fatti sono esempi per la comunità e gli esempi rappresentano una testimonianza e nel contempo un messaggio: se si può pensare qualcosa, allora la si deve concretizzare.

cop21 Parigi climatesaurus

Climatesaurus al COP 21 di Parigi

Garbage Patch State
Una delle prime azioni fondamentali che Maria Cristina Finucci ha compiuto è stata, nel corso degli anni, la creazione del Garbage Patch State, lo Stato Federale riconosciuto dall’UNESCO nel 2013 che accoglie idealmente i rifiuti in plastica di tutto il mondo (e, concretamente, tutti quelli possibili). Da quella creazione sono nate iniziative che nel corso degli anni hanno reso popolari temi come quello del riuso della plastica e, più in generale, come quello del rispetto ambientale. Attraverso l’arte si può arrivare al cuore delle cose in modo diretto e avvicinare alle buone pratiche persone di qualsiasi livello culturale.

Foto Marine Littere Finucci Angelelli

Finucci e Angelelli al convegno Marine Litter presso l”accademia dei Lincei, Roma 2017

Maria Cristina Finucci e l’Università Roma Tre hanno compreso un fatto fondamentale: divulgare non è svilire, essere diretti non è ridurre un concetto o un’istanza sociale. Del resto, un fatto deve essere chiaro a tutti: i rifiuti e in particolare la plastica (materiale molto difficile da riciclare) stanno uccidendo il pianeta, dunque qualcosa bisogna fare. E quando si deve fare qualcosa, il primo passo è sempre rappresentato dalla consapevolezza generale della realtà. L’arte aiuta a comprendere, a svegliare le coscienze e ad indicare una via percorribile dalle persone comuni ma anche e soprattutto dalle istituzioni, locali e internazionale. Per fare questo è necessario essere con forza dentro la realtà. Bisogna creare una breccia all’interno degli organismi politici e spingere i decisori ad agire per migliorare una situazione sufficientemente compromessa.

L’Ateneo ha compreso fin da subito l’importanza del discorso artistico (e, in senso più ampio, politico) dell’opera di Finucci, la quale ha creato arte attraverso il riuso di tappi in plastica presentando opere complete nelle principali città europee. Le gigantesche creazioni in plastica approntate da Maria Cristina Finucci hanno fornito un importante contributo critico dapprima uno stand presso la Biennale d’Arte di Venezia, poi presso la Gran Via di Madrid. Milioni di tappi di tutti i colori tenuti insieme da anime in ferro hanno formato ogni volta figure differenti ma sempre imperiose, il più delle volte inquietanti, in ogni caso mai banali. Come a ricordare al mondo che il problema è globale e che nessuno può dirsi in salvo rispetto a un mostro in plastica che può presentarsi una volta sotto forma di vortice, una volta sotto forma di enorme serpente, ma pronto in ogni occasione ad avviluppare le vite di tutti.

Nel corso degli anni, l’Università di Roma Tre ha fornito all’artista la materia prima, un luogo di stoccaggio dei milioni di tappi in plastica e, in molti casi, anche la mano d’opera. Dopo Parigi e Venezia, il discorso è proseguito a Roma nel 2014, quando è stata creata la prima Ambasciata del Garbage Patch State presso il MAXXI MUSEUM e poi, l’anno successivo, a New York.

vortice Milano expò 2015 2

vortice esposto a Milano all’Expò, 2015

Sempre nell’anno 2015, l’Università Roma Tre ha fornito un importante contributo critico grazie a una maxi installazione che ha troneggiato (ed ancora esiste) nell’Expo a Milano. Ma il punto più alto, dopo la presenza di un’importante opera presso la Conferenza dei Ministri dei Paesi del Mediterraneo, fu una creazione molto particolare collocata in un ambito veramente unico. Al COP 21 di Parigi, in presenza dei grandi della Terra, venne approntato un maxi serpente policromo, capace di salire le scale fino ad arrivare alla porta della stanza in cui la politica si riuniva per decidere su importanti tematiche ambientali. Il fine era quello di disseminare idee collegate al Garbage Patch State e, ancora una volta, l’obiettivo  che ci eravamo proposti, possiamo dire ora con orgoglio, fu pienamente raggiunto.

HELP
Una ulteriore prova di grande capacità artistica, di passione civile ma anche di collaborazione fra l’artista e Roma Tre è avvenuta nella seconda metà del 2016. A fine settembre (e fino a gennaio 2017) l’isola di Mozia, nello stagnone di Marsala in Sicilia, ha ospitato l’installazione HELP, risultato dell’assemblaggio manuale di oltre 5 milioni di tappi di plastica colorata racchiusi in gabbioni metallici, delineando in uno spazio di forma quadrangolare la parola HELP, che si snoda sul terreno con grandi lettere tridimensionali visibili anche di notte grazie a un sistema di illuminazione.

mozia di giorno
mozia dal basso 2mozia di notte
Mozia (Sicilia presso Marsala, settembre 2016 – gennaio 2017

Il grido di aiuto di Maria Cristina Finucci, delle realtà accademiche che hanno partecipato alla costruzione dell’evento e di tutti coloro che hanno dato rilevanza a una manifestazione come quella di Mozia ha avuto un’eco internazionale e ha visto arrivare in una piccola isola nello stagnone di Marsala migliaia di persone interessate non soltanto ai capolavori archeologici del luogo. Ultimo segno tangibile del fatto che la plastica e il suo riuso possono essere strumenti di comunicazione e di sensibilizzazione generale molto più di 1000 proclami dimenticati il minuto dopo.

Il successo dell’iniziativa di Mozia sta per essere replicato a Roma a febbraio 2018 presso i Fori Imperiali. L’iniziativa è nell’ambito di “M’illumino di meno”, la speranza è quella di essere tutti più consapevoli e pronti a fare qualcosa di concreto in favore dell’ambiente. Si comincia dalla plastica, si finisce con la differenziazione dei generi.

Diego Mariottini
Ufficio Mobility Manager
Roma TRE

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 209 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share