If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il barometro di FitzRoy

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA E METEOROLOGIA
PERIODO: XIX SECOLO

AREA: NA
parole chiave: Storm glass, FitzRoy

 

Probabilmente la parola Storm glass potrebbe ingannare molti. Tranquilli non si tratta di una violento e sconosciuto fenomeno meteorologico ma di un particolare barometro. Oggi Paolo Giannetti ci racconta la storia di questo strano dispositivo.

 

Lo storm glass o barometro di FitzRoy era costituito da un contenitore ermetico di vetro, riempito con un liquido che permetteva di fare previsioni meteorologiche osservandone l’aspetto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fitzroy-storm-glass.jpg

Storm glass di FitzRoy

All’epoca in cui apparvero per la prima volta i barometri essi erano relativamente costosi. La maggior parte dei marinai doveva affidarsi su metodi più economici di previsione del tempo e, probabilmente nel XVII secolo, un inventore il cui nome restò sconosciuto, sviluppò lo storm glass.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Admiral-Robert-FitzRoy.jpg

Admiral FitzRoy

Questi strani oggetti divennero poi popolari a metà del 1800 dopo che l’ammiraglio della marina britannica, l’ammiraglio Robert FitzRoy, li usò a bordo della HMS Beagle nella storica campagna di Charles Darwin intorno al mondo. Il liquido contenuto nelle sfere era costituito da un insieme di composti chimici aggiunti ad acqua distillata: etanolo, nitrato di potassio, cloruro di ammonio e canfora. Questa miscela fu poi perfezionata da Robert FitzRoy, che documentò durante quel viaggio verso le Galapagos l’aspetto dei precipitati al suo interno, ricavandone di volta in volta le possibili previsioni:

liquido limpido tempo sereno
liquido torbido tempo nuvoloso e probabili precipitazioni
puntini nel liquido tempo umido o nebbia
piccoli cristalli temporali
piccoli cristalli (con tempo soleggiato) neve in arrivo
cristalli più grandi nuvoloso nelle zone temperate o neve in inverno
cristalli sul fondo gelo
filamenti nella parte superiore vento

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è weathepredicting-storm-glass-1009x1024.jpg

Fitzroy fu talmente entusiasta degli storm glass che sponsorizzò il loro utilizzo in tutto il Regno Unito per aiutare i primi meteorologi a prevedere meglio il tempo. I glass storm caddero però presto in disuso, alla fine del XIX secolo, quando i barometri al mercurio divennero più convenienti.

Curiosità
Il 1859 fu un pessimo anno dal punto di vista meteorologico per la Gran Bretagna, che fu flagellata da fortissimi temporali. In quel periodo, la Marina inglese iniziò a distribuire “storm glass” a molte piccole comunità costiere delle Isole britanniche affinché potessero essere consultati dai comandanti delle navi in porto, prima di salpare.

Ma funziona veramente?
Uno storm glass lavora sul principio che la temperatura e la pressione atmosferica incidono sulla solubilità, a volte rendendo il liquido trasparente, altre volte causando una precipitazione del soluto. In realtà, i risultati hanno una variabilità notevole per cui la sua precisione è poco accurata. Però, se ne avete voglia, potete costruirne una a scopo … decorativo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è storm-glass-temperatura.jpg

Come costruire una storm glass

Ingredienti

900 ml di una miscela 50/50 di acqua ed etanolo (c’è chi usa lo stesso quantitativo in Wodka ma perché sprecarla?)
85 g di canfora
30 g di nitrato di potassio
30 g di cloruro di ammonio
una bottiglietta in vetro trasparente adeguata a contenere il liquido

Questa ricetta può essere aumentata o diminuita a seconda delle dimensioni del contenitore utilizzato.

Procedura
mettere la miscela dei 900 ml di acqua/etanolo in un pentolino, aggiungete 85 g di canfora e 30 g di nitrato di potassio e 30 gr di cloruro di ammonio. Mettete il pentolino su un fornello a fuoco basso per consentire agli ingredienti di sciogliersi più facilmente. Per evitare che l’alcol evapori, coprite con un coperchio il pentolino. Dopo circa 10 minuti di riscaldamento si dovrebbe essere tutto disciolto ed è pronto per essere versato in una qualsiasi bottiglia o barattolo di vetro. Non preoccupatevi se i liquidi si separeranno in più strati anziché mescolarsi completamente.

Quando la bottiglia si raffredderà l’effetto sarà rapido e spettacolare ma, attenzione, questa visualizzazione iniziale si verificherà solo quando il vetro si raffredderà partendo da una temperatura elevata. La formazione di cristalli che potrete osservare giorno per giorno sarà invece molto più lenta dandovi un’idea molto approssimativa dei cambiamenti meteorologiche.

Per ottenere risultati migliori, mettete la bottiglia sul davanzale di una finestra o anche all’aperto, dove subirà gli sbalzi di temperatura più drastici. Ad ogni variazione di temperatura i cristalli varieranno nella loro solubilità, mostrando ogni giorno nuove formazioni cristalline.

Ricordo che non è un sistema di previsione meteorologico attendibile ma è sicuramente divertente e d’effetto. Cieli sereni. 

Paolo Giannetti

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 209 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »