Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

La battaglia delle Falkland 1914

tempo di lettura: 7 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Von Spee, Fisher, Falklands 

 

Dopo la battaglia di Coronel, mentre la squadra di Von Spee rientrava a Valparaíso, la Canopus ed il Glasgow ed il mercantile armato Otranto diressero verso le Falkland dove giunsero il giorno 8 novembre 1914. Il governatore dell’isola, temendo l’arrivo dei Tedeschi prima dell’arrivo dei rinforzi, decise di far arenare la Canopus, all’interno del porto, collegandola con una serie di posti di avvistamento sulle colline dietro Port Stanley in modo da usare la corazzata come batteria difensiva costiera. Dal Canopus furono sbarcati anche dei pezzi di artiglieria dell’armamento secondario per creare delle batterie antisbarco. Solo il 4 di novembre il console inglese di Valparaíso avvisò Londra della sconfitta subita a Coronel da parte della squadra tedesca. L’Inghilterra, cadde in uno stato di confusione, per quanto ritenuto impossibile, la Royal Navy era stata sconfitta. L’ammiraglio Sir John Arbuthnot Fisher, appena richiamato da Winston Churchill primo lord dell’Ammiragliato si insediò il 1 di novembre e decise che i nuovissimi incrociatori da battaglia Invincible e Inflexible dovevano essere inviati a caccia della squadra di Von Spee. Fisher temeva che impadronendosi delle Falklands, l’ammiraglio tedesco avrebbe reso difficili se non impossibili i traffici mercantili con il Cile e l’Argentina, con conseguenze economiche gravissime. Di fatto dal primo si importavano materie prime essenziali (rame, fosfati, ecc.) e dalla seconda grandi quantità di carne. Fisher scelse per l’impresa il viceammiraglio Doventon Sturdee, Capo di stato maggiore del precedente Primo Lord del mare, allontanandolo dall’ammiragliato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MRINA-INGLESE-Glossy-page1-800px-Admiral_Sir_Frederick_Doveton_Sturdee_1859-1925_RMG_BHC3042.jpg

Admiral Sir Frederick Doveton Sturdee, 1859-1925 – ritratto a mezzo busto del pittore Sir Arthur Stockdale CopeAdmiral Sir Frederick Doveton Sturdee, 1859-1925 RMG BHC3042 – Doveton Sturdee – Wikipedia

L’ordine di Fisher era di far partire le due navi entro una settimana insieme agli incrociatori corazzati Carnarvon, Cornwall e Kent e due incrociatori leggeri il Bristol ed il Glasgow, quest’ultimo ai lavori in Sud America per riparare i danni subito nello scontro di Coronel. I due incrociatori da battaglia partirono da Devonport l’11 novembre. Nel frattempo Fisher considerò le ipotesi possibili; Von Spee avrebbe  potuto dirigersi verso il Canada o cercare di passare in Atlantico attraverso il canale di Panama. Per quanto sopra inviò alcune navi lungo la costa della California e rinforzò il gruppo navale delle Antille con un altro incrociatore da battaglia. Il 29 novembre i due incrociatori da battaglia, si riunirono presso Abrohols Rock con il resto della squadra e giunsero il 7 dicembre alle Falklands. Dopo la lunga navigazione tutte le navi avevano i depositi di carbone vuoti ed iniziarono le operazioni di rifornimento. Intanto Von Spee, dopo la breve sosta a Valparaíso, si diresse a Mas Afuera, dove si rifornì attendendo l’arrivo degli incrociatori; quindi salpò il 15 novembre per la baia di San Quentin per rifornirsi nuovamente e dirigersi verso Capo Horn per poi dirigersi per rientrare in patria. Nonostante le avverse condizioni meteo, il temibile capo venne doppiato dalla flotta tedesca fra l’1 e il 2 dicembre e la mattina del 2 venne catturato un cargo, il veliero Drummuir, carico di antracite. Per integrare le scorte di carbone Von Spee si fermò tre giorni nell’isola di Picton dove riunì gli ufficiali comunicandogli che la prossima meta sarebbero state le isole Falkland, dove avrebbero distrutto le istallazioni ed i depositi di carbone inglesi. La decisione non suscitò l’entusiasmo negli ufficiali che fecero osservare all’ammiraglio che nella battaglia di Coronel erano stati utilizzati circa la metà dei proiettili da 210 in dotazione, ma niente valse a fargli cambiare idea. Il giorno 6 le navi partirono verso le Falklands e, al mattino dell’8, il FGS Gneisenau ed il FGS Nurnberg, che erano in avanscoperta, giunsero in vista di Port Stanley, nel momento in cui le navi inglesi erano alle prese con le operazioni di rifornimento di carbone. Le navi tedesche furono però avvistate dai posti di osservazione sulle colline ed i cannoni della Canopus aprirono il fuoco. l due incrociatori tedeschi sorpresi da una così pronta azione, accostarono in fuori e avvistarono tutta la squadra inglese, distinguendo i caratteristici alberi a tripode degli incrociatori da battaglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-INGLESE-HMS-Inflexible_LOC_det_4a16122-1024x625.jpg

HMS Inflexible – Fonte libreria del Congresso – Detroit Publishing Co., publisher. Gift to LOC; State Historical Society of Colorado; 1949 Inflexible LOC det 4a16122.jpg – Wikimedia Commons

Informato via radio Von Spee, non sapendo che le navi inglesi non potevano muoversi, prese la decisione di ritirarsi, dirigendosi verso sud, alla ricerca di un piovasco dove nascondersi e far perdere le proprie tracce. Alle 10.00 Sturdee, ultimate le operazioni di rifornimento, uscì da Port Stanley e ordinò agli incrociatori da battaglia di dirigere alla massima velocità per impedire agli incrociatori corazzati di riunirsi al resto della forza tedesca. Alle 12.50 l’HMS Inflexible, unità capo fila del Gruppo inglese, aprì il fuoco contro il Leipzig a una distanza di 14.500 metri. Von Spee, rendendosi subito conto del possibile esito di uno scontro (sia per le velocità reciproche che per l’armamento del nemico a fronte del quale gli incrociatori tedeschi erano in netta inferiorità) diede l’ordine agli incrociatori leggeri di tentare la fuga, mentre con lo Scharnhorst e il Gneisenau avrebbe affrontato le navi inglesi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-I-GUERRA-MONDIALE-Scharnhorst2.jpg

incrociatore corazzato tedesco Scharnhorst – Fonte The Admiralty of the Atlantic: an Enquiry into the Development of German Sea Power, Present, and Prospective, Longmans, Green, 1908 File:Scharnhorst2.jpg – Wikimedia Commons

La battaglia vera e propria iniziò alle 13.30, anche se le salve inglesi non centrarono le unità tedesche a causa dello scarso addestramento al tiro su grandi distanze. La battaglia prese l’aspetto di un duello tra Inflexible e lo Scharnhorst e l’Invincible e lo Gneisenau; alle 13.45, l’Invincible, fu colpito e costretto ad accostare in fuori cosa, permettendo a Von Spee di riprendere la sua fuga verso Sud. La battaglia riprese alle 14.50, prima da 13.800 metri (che scesero a 10.800). Questa volta le navi tedesche vennero subito inquadrate e subirono pesanti danni; il Gneisenau, ricevette parecchi colpi e sbandò a sinistra, mentre lo Scarnhorst si ritrovò in condizioni peggiori, inclinato e con incendi a bordo e, alle 15.15 la grande nave perse il terzo fumaiolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-INGLESE-FALKLANDS-Falklandschlacht.jpg

schema della battaglia delle Falklands del 1914 – Fonte Eduard Rothert, Karten und Skizzen zum Weltkrieg, Druck und Verlag von A. Bagel, Düsseldorf, 1916.Falklandschlacht.jpg – Wikimedia Commons

A questo punto Sturdee fu costretto a sospendere il fuoco per potersi liberare dal fumo delle sue artiglierie per cui le navi tedesche ne approfittarono per dirigersi verso sud. Alle 15.40 lo Scharnhorst, ormai con le sovrastrutture distrutte e con la prua ormai sott’acqua, inviò un messaggio allo Gneisenau “se le vostre macchine sono intatte cercate di fuggire”; le poche artiglierie ancora intatte continuarono a sparare, e Von Spee tentò un attacco con il siluro. Alle 16.00 l’incrociatore si rovesciò su un fianco e dopo pochi secondi affondò. Fra gli 800 uomini dell’equipaggio non vi fu nessun superstite.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-INGLESE-HMS-INFLEXIBLE-FSS-GNEISENAU-HMS_Infexible_Falklandy-1024x714.jpg

L’HMS Inflexible raccoglie i naufraghi del FGS Gneisenau – Fonte IWM – autore Paymaster Sub Lt Arthur Dyce Duckworth (sull’HMS Invincible) HMS Infexible Falklandy.jpg – Wikimedia Commons

Lo Gneisenau, rimase solo contro gli avversari, alle 17.00 fu colpito al timone e la nave cominciò ad accostare in tondo; fu l’inizio della sua fine e dopo mezz’ora, con tutte le sovrastrutture distrutte, la velocità ridotta a 8 nodi, quasi tutti i cannoni tranne uno ridotti al silenzio per mancanza di munizioni e l’equipaggio dimezzato, l’incrociatore si fermò. I superstiti dell’equipaggio furono raccolti a poppa e venne dato l’ordine di abbandonare la nave; gli uomini si gettarono nel mare gelido, in attesa di essere raccolti dai vincitori. Verso le 18.00 la nave si rovesciò scomparendo. La battaglia delle Falkland era terminata e nei depositi munizioni dei due incrociatori inglesi erano rimasti circa 20 colpi; dalle gelide acque furono recuperati solo 190 superstiti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-Battle_of_the_Falkland_Islands_1914_retouched.jpg

Battaglia delle Isole Falkland, 1914. La Scharnhorst si ribalta e affonda mentre la Gneisenau continua a combattere – Autore William Wyllie Battle of the Falkland Islands, 1914 (retouched).jpg – Wikimedia Commons

Nel frattempo, i tre incrociatori leggeri tedeschi, che si erano diretti verso sud, furono raggiunti dagli incrociatori Glasgow, Cornwall e Kent. Anche in questo caso, gli inglesi erano in vantaggio, infatti disponevano di 30 cannoni da 152mm contro 30 da 105. Alle 14.45 il Glasgow aprì il fuoco ed il Leipzig fu colpito una prima volta; alle 15.15 iniziò a perdere velocità e fu preso di mira dal Glasgow e dal Cornwall. Verso le 17.00 il Nurberg apri il fuoco contro il Kent che rispose dopo una decina di minuti, ma la svolta si ebbe quando le caldaie dell’incrociatore tedesco iniziarono a funzionare male; il Kent, si avvicinò a 5.400 metri, utilizzando tutti i suoi pezzi contro la nave tedesca. Verso le 19.00 sul Leipzing, ormai senza munizioni, il comandante Haum, fatti lanciare tre siluri contro le unità inglesi, fece aprire le valvole di affondamento e diede l’ordine di abbandonare la nave. La nave si rovesciò lentamente sul lato sinistro e con le sue bandiere al vento affondò, mentre gli uomini si gettavano nelle acque gelide. Ancora una volta  i superstiti furono pochi, solo una ventina. Alle 19.27 anche il Nurberg, scomparve fra le onde trascinando quasi tutto l’equipaggio. Della squadra tedesca solo il Dresden riuscì a sottrarsi all’affondamento, grazie ad un piovasco, e giunse troppo tardi per combattere le altre unità.

 

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 171 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:52 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x