Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Il motore entrobordo diesel … agitare bene prima dell’uso ovvero manutenzioni, controlli preacquisto e suggerimenti “fai da te “ – parte III

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: motori, manutenzioni

 

Suggerimenti per il rimessaggio invernale
E’ consigliato effettuare il tagliando motore prima del fermo invernale. In questo modo, oltre al cambio di filtri, olio e service completo, tutto “condito” da un abbondante ingrassaggio di tutti i leverismi, potremmo avere un’idea dello stato generale al fine di effettuare quelle manutenzioni necessarie in maniera ottimale.

In particolare si suggerisce effettuare la desalinizzazione dell’intero circuito di raffreddamento dell’acqua di mare. Togliere il tubo che pesca acqua dal mare, inserirlo in una tanica con dell’acqua dolce e, dopo che il motore ha aspirato tutto, versare nel secchio del liquido anticongelante per radiatori. Far quindi aspirare anche questo e spegnere immediatamente il motore. Fare una derivazione fatta apposta per evitare di togliere il tubo dalla presa a mare è più comodo e costa in totale quanto un metro di tubo, un raccordo a T, qualche fascetta inox e una valvola a sfera. Molto utile è tappare lo scarico motore dall’esterno, per evitare condense e per prevenire l’arrivo di ossigeno nei cilindri che possa innescare la corrosione degli stessi (perché in ferro). 

Riempire completamente il serbatoio di gasolio per evitare condensa che successivamente potrebbe provocare acqua e la proliferazione di alghe. Svuotare la marmitta dall’acqua salata.

Verificare le condizioni degli anodi sacrificali presenti sul motore. Si consumano molto meno di quelli immersi a protezione degli assi e delle eliche, ma nel giro di una decina di anni possono corrodersi del tutto e lasciare la loro funzione al collettore di scarico o riser (che in genere è fuso in ghisa) con il risultato che questo si fessura e l’acqua di raffreddamento invece che essere espulsa in mare finisce in sentina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RUGGINE-BULLONI-SCAFI.jpg

non dimenticate di controllare i perni e i bulloni – photo credit @Sacha Giannini

Affidandosi al buon senso e riconoscendo i propri limiti molti interventi sono possibili senza l’aiuto di tecnici, per altri avremo bisogno comunque di assistenza. I motori marini non sono né complessi né particolarmente delicati. Ciò che complica la situazione è l’utilizzo saltuario e l’ambiente marino aggressivo per tutto quanto c’è di elettrico o meccanico.

Familiarizzare con i circuiti elettrici d’avviamento e del gasolio non è una semplice curiosità ma è necessario per saper risolvere piccoli inconvenienti comuni. Comunque, non saltate mai il service stagionale al motore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 0_spazzolati-perni-dadi-e-piastre-deriva.jpg

photo credit @Sacha Giannini

Teniamo a mente le poche regole d’oro:
Ricambi originali il più possibile, intervalli regolari di manutenzione, condizioni ottimali di utilizzo, pulizia della carena e appendici, e un fai da te misurato senza sfogare la propria lodevole creatività sul nostro motore, e ne quella del nostro vecchio meccanico terrestre che ci aggiustava la vespa. Insieme non rendono la vita facile al nostro amico di viaggio!

Riassumendo:
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tabella-manutenzioni-barca-1.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tabella-manutenzioni-barca-2.jpg

Considerazioni finali
Pensavate che avevo finito? Un’ultima cosa. Negli anni ’70 e ’80 molte barche, che tutt’ora navigano nei nostri mari, sono state vendute dotate di motori oggi considerati sottodimensionati. Erano però altri tempi e diverso era l’approccio dell’andar per mare e a vela! Il “gigantismo” che ha pervaso negli ultimi anni la produzione di barche ha sicuramente contribuito ad avvicinare le tendenze del consumismo e la necessità di servizi di bordo, traducendo la ricerca nel principio del massimo comfort e di velocità di spostamento. Parlo di una “contaminazione” di allestimenti e accessori “energivori” i quali hanno, inevitabilmente, obbligato al sovradimensionamento dell’impiantistica di bordo, soprattutto quella elettrica.

L’energia è prodotta, ancora per la stragrande maggioranza dei casi, dal motore entrobordo e nel consentire il raggiungimento di target prestazionali imposti dal mercato e dalle mode si è costretti ad installare alternatori più potenti che lavorano contemporaneamente o dedicati a servizi specifici, pacchi batterie con capacità ed autonomie incredibili. La necessità di imbarcare generatori, dissalatori, frigoriferi, congelatori e una serie di utenze domestiche anch’esse “marinizzate” ha portato inevitabilmente maggiori dislocamenti e pesi da dover spostare in navigazione. Il tutto si è tradotto nella necessità di aumentare la potenza del mezzo propulsivo e la sua efficienza per soddisfare tutto il sistema di comfort e potenza.

Queste tendenze, condivise o no, costituiscono oggi la ricerca per il futuro. Comfort, potenza, ecologia devono oggi soddisfare utenti sempre più esigenti ed evoluti che vogliono ottenere il massimo valore d’uso dalla loro barca. Fino a 30 anni fa si parlava molto di motorsailer, cioè di un’imbarcazione dotata sia di vela (equilibrata) che di (buon) motore, ma il sistema nell’idea dei puristi snaturava il concetto stesso della navigazione, della crociera e della vela! Si veniva un pò compatiti per questo compromesso poco marino dotato di un motore potente e di una tuga spesso gonfiata, oggi invece con un termine più qualificante e rassicurante si riscopre l’ibrido nel suo significato di progresso. Un ritorno al futuro, a quella sintesi logica e naturale per andare in mare.

Sacha Giannini
.

PARTE I PARTE II PARTE III

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 427 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
11 visitatori online
11 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 11 alle 12:18 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x