Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Dopo 77 anni la bonifica del relitto più pericoloso in acque inglesi

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SICUREZZA MARITTIMA
PERIODO: XX-XXI SECOLO
AREA: TAMIGI
parole chiave: Liberty class, SS Montgomery, Thames, EOD

 

Quest’anno inizierà lo smantellamento di uno dei relitti più pericolosi presenti nelle acque britanniche, la S.S. Richard Montgomery. Un evento che ci da la possibilità di parlare dei trasporti di munizioni effettuati durante la guerra e della storia di questa nave, che giace ancora pericolosamente sul fondo del Tamigi con un’enorme quantità di esplosivi nelle sue stive.

La sua storia merita di essere raccontata
La S.S. Richard Montgomery faceva parte del programma Liberty, una classe di navi da carico costruite negli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale, di concezione britannica, il cui design fu adottato dagli Stati Uniti per la loro costruzione semplice e di basso costo. Prodotte in serie, in una scala senza precedenti, le Liberty divennero il simbolo della produzione industriale degli Stati Uniti in tempo di guerra, come risposta di saturazione logistica per compensare le perdite, tra l’altro trascurabili, causate dai sommergibili dell’Asse. Di fatto, tra il 1941 ed il 1945, diciotto cantieri americani costruirono 2.710 navi Liberty con una media di tre navi ogni due giorni.  In particolare, la Montgomery era la settima di una serie di 82 navi classe Liberty costruite nei cantieri St. Johns River Shipbuilding Company di Jacksonville, Florida, e fu varata il 15 giugno 1943.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è montgomery-in-navigazione.jpg

La Montgomery fotografata nella sua prima traversata

Durante l’estate del 1944, la S.S. Richard Montgomery si diresse verso il Regno Unito, trasportando nelle sue stive migliaia di tonnellate di munizioni per quello che, per ironia della sorte, doveva essere il suo ultimo viaggio operativo. Quando la SS Richard Montgomery arrivò al largo di Southend, passò sotto l’autorità del controllo navale del Tamigi. Il Capitano del Porto, responsabile di tutti i movimenti di navigazione nell’estuario, ordinò alla nave di ormeggiare al largo del bordo nord di Sheerness, un’area designata come Great Nore Anchorage. Il 20 agosto 1944, probabilmente a causa delle correnti di marea, l’ancora della nave incominciò ad arare e la Montgomery si arenò su un banco di sabbia, a circa 250 metri dal Medway Approach Channel, ad una profondità di circa 7 metri d’acqua.

Le autorità portuali si resero immediatamente conto della gravità dell’incidente e lo sforzo per recuperare le munizioni a bordo iniziò dopo pochi giorni, il 23 agosto. Al termine delle ispezioni emerse che, a causa dell’urto dello scafo con il fondo, si era generata una falla a poppa. Durante il tentativo di recupero, lo scafo della nave si aprì, causando l’allagamento di diverse stive di carico verso prua. Sembrerebbe che, utilizzando l’attrezzatura per la movimentazione del carico, fu possibile rimuovere circa la metà delle munizioni, principalmente nelle due stive di poppa, che furono probabilmente sgombrate dal carico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SS-Richard-Montgomery-schema.jpg

Uso il termine probabilmente perché in realtà le quantità rimosse dichiarate differirono nei vari rapporti di intervento inviati dopo l’operazione. Gli sforzi per scaricare le munizioni terminarono il 25 settembre 1944, dopo che il relitto si allagò. Successivamente, a causa dell’assestamento e delle correnti la nave si spezzò in due parti separate, grosso modo al centro della nave.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è montgomery-wreck-1944.jpg

una rara foto del 1944. Sullo sfondo la S.S. Montgomery controllata da marinai britannici

Fu ovviamente aperta un inchiesta dalla quale emersero un certo numero di fattori quanto meno bizzarri. Ad esempio diverse navi ormeggiate nelle vicinanze avevano notato la SS Richard Montgomery alla deriva, che si muoveva  verso il banco di sabbia, avevano cercato di segnalare suonando le loro sirene, l’emergenza. L’azione non aveva però avuto successo in quanto il capitano della nave, Charles Wilkie, stava … dormendo e l’ufficiale di guardia della Montgomery non era stato in grado di “svegliarlo”. Nell’inchiesta emerse anche che il capitano era precedentemente sceso a terra per assicurarsi di avere un ormeggio sicuri e per avere delle carte aggiornate ma il Ministero della Difesa aveva insistito che la nave fosse ormeggiata in acque poco profonde, ad un miglio e mezzo da Sheerness. Alla fine la commissione d’inchiesta concluse che l’ancoraggio assegnato dal comandante del porto non era sicuro, ed aveva messo in pericolo la nave, di fatto sollevando da ogni responsabilità il capitano Wilkie. Con il senno del poi, una strana malleva perché in genere un comandante è sempre responsabile della sicurezza della propria nave a parte cause di forza maggiore e questo non era propriamente il caso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è montgomey-1-1.jpg

Una bonifica lungamente aspettata
Dopo settantasette anni dalla guerra finalmente il grande cargo sarà bonificato dalla Royal Navy. La decisione è stata presa dopo che i tecnici della sicurezza avevano apprezzato un ulteriore deterioramento dello scafo che potrebbe far collassare le strutture (in particolare gli alberi) e far esplodere ancora contenuti nelle stive del Montgomery. Si parla di una quantità non trascurabile, quantificata intorno a 1.400 tonnellate di esplosivi di diverso tipo, incluse bombe incendiarie al fosforo, che se innescati potrebbero generare danni ingenti e perdite di vite umane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ss-montgomery-sketch-741x494-2.jpg

Il relitto del Richard Montgomery si trova spezzato in due sezioni principali con una grande parte centrale mancante, essendo stata rimossa durante il primo intervento di bonifica solo una frazione degli esplosivi. La maggior parte del carico più pericoloso giace ancora nella sezione di prua. Da quanto sembra, le sezioni di prua e di poppa sono ancora in buone condizioni e sono visibili i tre alberi della nave che emergono  dall’acqua. Gli alberi contengono anche segnali di avvertimento per impedire ai curiosi di avvicinarsi. Quattro boe intorno al relitto delimitano una zona di esclusione in cui solo il personale autorizzato può entrare. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SS-Richard-Montgomery-sonar.jpeg

Se gli esplosivi all’interno della S.S. Richard Montgomery dovessero esplodere, l’onda d’urto danneggerebbe pesantemente le città di Southend-On-Sea e si generebbero grandi onde che avrebbero un impatto sulle città sull’estuario del Tamigi fino a diverse miglia di distanza. Detriti infuocati potrebbero raggiungere Sheerness ed una raffineria di petrolio costruita vicino all’apertura del canale, che potrebbe essere danneggiata ed esplodere a sua volta, causando ulteriori problemi. Dal 1916, il parlamento britannico cercò invano di decidere quali azioni perseguire per prevenire un’eventuale esplosione. Nel 2015, un intruso, su una tavola da surf, ignorò le restrizioni poste, recandosi sul relitto. L’evento suscitò una certa indignazione sui social media e accese molte nuove discussioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è montgomery-controlli-post-guerra.jpg

indagini sul relitto del Richard Montgomery a Sheerness nel 1981

Finalmente, nel giugno 2020, il Dipartimento per i Trasporti britannico annunciò di voler appaltare la rimozione dei tre alberi della nave poiché stavano sottoponendo a sforzi eccessivi il resto della struttura della nave.  Il Ministero della Difesa britannico sottolineò come anche il crollo di un albero avrebbe potuto far esplodere gli ordigni e sollecitò l’invio di personale specialistico della Royal Navy per la loro rimozione in sicurezza. La memoria andò alla tragica esplosione della S.S. Mont Blanc ad Halifax, Nuova Scozia, Canada, avvenuta la mattina del 6 dicembre 1917. La S.S. Mont Blanc, una nave mercantile francese carica di esplosivo ad alto potenziale, si scontrò con la nave norvegese S.S. Imo nello stretto che collega il porto superiore di Halifax al bacino di Bedford.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ss-mont-blanc-esplosione-.jpg

SS Mont Blanc

Si generò un forte incendio a bordo del Mont Blanc che provocò una forte esplosione che devastò il quartiere Richmond di Halifax. Gli effetti furono terrificanti: 1.782 persone restarono uccise ed altre 9 furono ferite dall’esplosione, in gran parte a Halifax e Dartmouth, sotto una pioggia di detriti e di dardi di fiamma che causarono incendi. Fu la più grande esplosione causata da esplosivi convenzionali, rilasciando un’energia equivalente a circa 2,9 kilotoni di tritolo, la più forte fino al test nucleare Trinity del 1945.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SS-Richard-Montgomery.jpg

Tornando alla S.S. Montgomery, nel dicembre 2021, è stato finalmente comunicata l’assegnazione dell’appalto per la rimozione dei tre alberi. Per facilitare l’operazione di bonifica saranno coinvolti gli EOD della Royal Navy, gli ingegneri del 29° gruppo ed il team del Salvage and Marine Operations del MOD britannico. Si preannuncia un’operazione lunga (i previsti due mesi appaiono molto risicati) e pericolosa che potrebbe prevedere l’allontanamento in massa degli abitanti dalle aree più vicine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eod-royal-navy.jpeg

Stephen Kenrick, EOD RN, controlla una bomba da 1.000 libbre inesplosa al largo della costa di Cape Wrath in Scozia – photo credit UK Royal Navy

Va compreso che le bonifiche di ordigni sono un compito ricorrente da parte dei reparti subacquei di tutte le marine militari al fine di mettere in sicurezza aree in cui la presenza di ordigni esplosivi delle passate guerre potrebbe causare incidenti ai lavoratori del mare. In Italia, questo compito è perseguito sia dal GOS (COM.SUB.IN.) che dalle unità cacciamine delle Forze di Contro Misure Mine (MARICODRAG) che ogni anno neutralizzano o distruggono migliaia di ordigni nei nostri mari. 

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 426 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »