Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Perseverance ha finalmente trovato prove di una antica presenza di acqua su Marte

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: PIANETA MARTE

parole chiave: acqua, lago, cratere Jezero, Perseverance
.
Avevamo lasciato la sonda Perseverance intenta ad esplorare il cratere Jezero di Marte. Come ricorderete fu prescelto quella zona del pianeta rosso perché precedenti osservazioni da parte di altre sonde, come il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, avevano suggerito che un tempo il grande cratere avesse ospitato dell’acqua.

Jezero Crater fu ritenuto un buon posto basandosi sulle immagini orbitali che avevano mostrato una caratteristica geologica curiosa, un’apertura a forma di ventaglio che i ricercatori avevano interpretato come un’antico delta, ovvero un luogo in cui un fiume sfociava in un lago marziano circa 3,7 miliardi di anni fa. Questo delta, se confermato, sarebbe stato un deposito di sedimenti potenzialmente in grado di conservare prove di antiche forme di vita microbica marziana.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è infrared-lake-marte-jezero-1024x843.jpg

Livello di quell’antico lago che si ritiene fosse all’interno del cratere Jezero al momento della deposizione dei sedimenti di Kodiak. La stella rossa indica il sito di atterraggio Octavia E. Butler (OEB) del rover Perseverance della NASA. Sfondo dal mosaico Context Camera (CTX). (Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/MSSS/LPG)

Come ricorderete Perseverance ha due compiti principali: cercare segni della vita passata su Marte e raccogliere dozzine di campioni, da portare in un secondo tempo sulla Terra, grazie ai suoi sofisticati strumenti. Per questo compito si avvale anche di un piccolo drone, Ingenuity Mars che, dopo le prime, tra l’altro già previste, difficoltà sta ora volando in modo più indipendente sul pianeta rosso.

Cosa è successo dopo lo sbarco su Marte?
In uno studio, pubblicato online il 7 ottobre sulla rivista Science, i ricercatori hanno analizzato le prime foto scattate da Perseverance con la suite di imaging Mastcam-Z ed una fotocamera in dotazione allo strumento SuperCam.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagini-infrarossi-cratere-Jezero.png

Questa immagine è stata raccolta dalla telecamera HiRISE a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter della NASA e mostra una vista del delta di un antico fiume nel cratere Jezero. In basso il punto di atterraggio Octavia E. Butler di Perseverance. A sinistra la collina chiamata Kodiak, la scarpata del Delta e la posizione di una area ricco di massi (boulder beds) – Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona)

Le foto hanno catturato il bordo del grande affioramento del delta e un’”isola” soprannominata “Kodiak“, che si ritiene possa essere un residuo erosivo della stessa formazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è kodiak.png

il piccolo altopiano di Kodiak, forse un’antica isola nel grande lago. Notate gli strati di roccia sedimentaria sulla collina Kodiak. L’immagine è stata scattata con la fotocamera Mastcam-Z del rover Perseverance ad una distanza di circa 1,39 miglia (2,24 chilometri). 

Le immagini di Kodiak sono risultate particolarmente nitide mostrando distinti strati di sedimenti che potevano essere stati depositati solo da un fiume che scorreva verso un lago.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ingrandimento-kodiak-marte.png

un ingrandimento degli strati sedimentarie estratto dalla foto precedente, potremmo dire inequivocabile, mostra i distinti letti inclinati inseriti tra letti orizzontali che sono segni rivelatori di deposizione in un ambiente tipico di un delta – Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/CNRS/IRAP/LPG/ASU/MSSS

Secondo Nicolas Mangold, del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica e dell’Università di Nantes, autore dello studio, queste immagini  della struttura geologica Kodiak “puntano inequivocabilmente verso una deposizione di fiume [sedimenti] con un delta e un lago“.

Un’altra delle scoperte di Perseverance è che l’antico lago di Jezero era in realtà di circa 330 piedi (100 metri) più basso di quanto suggerito dai dati orbitali, segnando una fase del delta ben dopo l’inizio della sua formazione. Questo comporta che gli scienziati dovranno inviare Perseverance più all’interno del delta, al fine di valutare geologicamente l’evoluzione di Jezero prima del tempo di deposizione del materiale a Kodiak.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è jezero-zona-dei-massi.png

Dettaglio della zona con la presenza di massi all’interno della scarpata del delta del cratere Jezero, fotografati dal SuperCam Remote Microscopic Imager del rover Perseverance – Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/CNRS/IRAP/LPG

Grandi massi, alcuni larghi fino a 1,5 m, negli strati superiori (più giovani) del principale affioramento del delta di Jezero, sono indicativi di quel processo antico. Doveva esserci un flusso di acque potente per trasportare rocce così grandi; probabilmente avvenne un’inondazione che spostò una gran massa di materiale solido che fu sottoposta ad un potente flusso idraulico di circa 3.000 metri cubi di acqua al secondo.

Quale fu la causa di queste inondazioni?
Le ipotesi sono tante. Le inondazioni potrebbero essere state indotte da piogge torrenziali, in un ambiente meteorologico altamente instabile, o il risultato di cambiamenti violenti causati dallo scioglimento dei depositi glaciali. Fenomeni che sappiamo si verificano anche sul nostro pianeta. Secondo gli scienziati, queste immagini forniscono una straordinaria opportunità di cogliere il momento in cui questo cratere passò da un ambiente abitabile, simile a quello della Terra, alla situazione desertica attuale.

Ora Perseverance, che ha già percorso 1,62 miglia (2,61 km) nel cratere, si dirigerà verso l’affioramento di questo antico delta per raccogliere campioni di sedimento che, si ritiene, possano essere stati depositati quando il lago era ancora esistente. Essi faranno parte delle dozzine di campioni pianificati, che saranno trasportati sulla Terra da una campagna congiunta NASA-Agenzia spaziale europea nel 2031.

Le foto raccolte da Perseverance, sotto un certo aspetto, incominciano a fornire uno sguardo su questo grande cambiamento. Trarre conclusioni è sempre troppo presto, ma gli scienziati ritengono che il Pianeta Rosso si sia prosciugato circa 3,5 miliardi di anni fa, probabilmente quando perse il suo campo magnetico e la sua, un tempo densa, atmosfera venne strappata dalle particelle del vento solare.

Continueremo a seguire questa missione sul pianeta rosso che già ci ha regalato tante sorprese.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 102 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

27 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »