If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Storia di un ammiraglio: Romolo Polacchini

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: REGIA MARINA MILITARE ITALIANA
parole chiave: Romolo Polacchini, Regia Marina italiana, sommergibili

 

La Marina Militare italiana ha rappresentato una parte molto importante della mia vita: mio padre Vittorio e mio nonno Romolo erano due Ammiragli, e il mio bisnonno Vittorio servì nella Regia Marina come Capitano. Io ho vissuto nell’ambiente della Marina fino a quando avevo ventidue anni, ma non ho seguito le loro orme e non ho frequentato l’Accademia Navale. Dopo essermi laureato in Giurisprudenza, la mia vita – pur con qualche rimpianto – ha preso una strada lontana dal mare, molto diversa da quella di mio padre e mio nonno. Il mare però fa parte del mio DNA, e loro mi hanno lasciato in eredità un immenso amore per il mare, che ho potuto esprimere facendo per molti anni regate veliche e divenendo istruttore subacqueo. Nonostante non abbia fatto la carriera militare, ho sempre coltivato la passione per la nostra Marina Militare e per la sua storia, in particolare per le imprese della gloriosa e sfortunata Regia Marina italiana durante l’ultimo conflitto mondiale.

In questa serie di  racconti voglio ripercorrere la lunga carriera militare di mio nonno, Romolo Polacchini, che partecipò a tutte le guerre del secolo scorso ed è ricordato nei libri di storia della Seconda Guerra Mondiale soprattutto per essere stato, dal 15 aprile 1941 al 28 dicembre 1942, prima Capo di Stato Maggiore e poi Comandante Superiore delle Forze Subacquee Italiane in Atlantico e della Base di Bordeaux (in codice “BETASOM“).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bordeaux-betasom.jpg

Molto è stato scritto sulle imprese dei nostri “battelli” e dei loro valorosi comandanti ed equipaggi che nell’ultima guerra si resero protagonisti di gloriose pagine di storia durante la “Battaglia dell’Atlantico“. In quella lunga guerra combattuta nell’Oceano, che vide contrapposte le Marine italo-tedesca e anglo-americana, i sommergibili italiani, sicuramente di gran lunga inferiori per numero e caratteristiche a quelli degli alleati tedeschi, specialmente nel periodo in cui furono al comando dell’Ammiraglio Polacchini, conseguirono risultati proporzionalmente non inferiori, anzi in certi periodi persino superiori a quelli tedeschi. Pur essendo spesso citato nei libri di storia della nostra Marina nell’ultima guerra, la figura del mio valoroso nonno non è stata descritta completamente. Ecco allora che, servendomi della documentazione che mi ha lasciato (molta della quale assolutamente inedita) e dei racconti che mi faceva quando ero ragazzo, ho deciso di raccontare alcuni aspetti forse meno noti del periodo che egli trascorse al comando della Base di Bordeaux, cercando di tratteggiare meglio la sua figura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è polachini-set-42.png

Romolo Polacchini è stato un ufficiale pluridecorato della Regia Marina Italiana, Grande Ufficiale dell’Ordine della Corona d’Italia e Medaglia d’Argento al Valor Militare. Figlio del Capitano della Regia Marina Vittorio Polacchini, Cavaliere della Corona d’Italia, Romolo Polacchini nacque a La Spezia il 20 maggio 1897, entrò giovanissimo alla Regia Accademia Navale di Livorno nel 1911 e ne uscì il 25 maggio 1915 con il grado di Guardiamarina, imbarcandosi e iniziando subito a combattere nella Prima Guerra Mondiale.

Durante la sua lunga carriera militare fu imbarcato su diverse unità di superficie e soprattutto su sommergibili. Partecipò alla Guerra Italo-Turca (campagna di Libia) del 1911-1912, alla Prima Guerra Mondiale nel 1914-1918, alla Guerra di Spagna nel 1936-1937, alle operazioni militari del 1938 nell’Africa Orientale Italiana, alla spedizione in Albania del 1939 e, infine, alla Seconda Guerra Mondiale dal 1940-1943.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-00-Polacchini.jpg

Per la sua partecipazione a questi eventi bellici fu insignito di numerose decorazioni del Regno d’Italia, tra le quali sei Croci al Merito di Guerra e 2 Croci di Guerra al Valor Militare, oltre alla già citata Medaglia d’Argento al Valor Militare. Fra i principali incarichi in destinazioni a terra ebbe quelli di: Comandante del Gruppo Sommergibili di Taranto, Comandante del Gruppo Sommergibili di Lero, Comandante della Base Navale di Venezia, Capo di Stato Maggiore del Comando in Capo dell’Alto Adriatico, Comandante Superiore del Traffico per l’Albania, Comandante della Scuola Sommergibili di Pola, Capo di Stato Maggiore e successivamente Comandante Superiore delle Forze Subacquee Italiane in Atlantico, Comandante della Base Navale di Palermo, Comandante della Base Navale di Livorno e, dopo l’armistizio del 1943, Comandante della Base Navale di Venezia.

Questa, per sommi capi, la sua lunga carriera militare 
Romolo Polacchini fu promosso Tenente di Vascello nel 1918, si specializzò come “sommergibilista” e fu imbarcato su molti sommergibili. Tra il 1924 e il 1941 comandò in tutto una quindicina di “battelli”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è regio-smg-F19-1925-polacchini.png

al comando del F 19, in uscita dal mar Piccolo a Taranto (1925)

In seguito, durante la sua lunga carriera militare, ricoprì anche importanti comandi di diverse navi di superficie e Comandi terrestri in diverse basi navali. Il 30 ottobre 1924 fu nominato Comandante di Sommergibili e, tra il 1924 e il 1927, comandò nell’ordine i Regi sommergibili ”N5” (1924), ”N1” (1924), ”N6” (1925), ”N2” (1925), ”F19” (1925), ”F7” (1926), ”X2” (1926-1927), ”H1” (1927).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Smg.ARGONAUTA.in_.bacino.centronave_Somergibili.italiani-A.Turrini-1999.800.jpg

regio sommergibile Argonauta, classe 600 – una bella immagine a centronave del sommergibile Argonauta in bacino da “Sommergibili italiani” di A. Turrini e O.O. Miozzi – USMM – 1999

Promosso capitano di corvetta l’8 maggio 1927, nel 1929 assunse il comando del nuovissimo Regio Sommergibile Tito Speri (10 febbraio 1929 – 24 maggio 1930) e fu poi imbarcato sul Regio Sommergibile Argonauta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1200px-Italian_cruiser_Luigi_Cadorna-1024x567.jpg

Regio incrociatore leggero Luigi Cadorna

In seguito, nel 1937, con il grado di capitano di vascello, gli fu assegnato il comando dell’incrociatore leggero Luigi Cadorna, facente parte della IV Divisione Incrociatori, con il quale partecipò alla battaglia di Punta Stilo del 9 luglio 1940, ottenendo la sua prima Croce di Guerra al Valor Militare con la seguente motivazione: «Comandante di unità rimasta isolata e fatta segno di violenti e insistenti attacchi aerei, malgrado le menomate condizioni della nave, reagiva efficacemente col fuoco e con la manovra, riuscendo a sventare l’offesa nemica» (Mare Ionio, 9 luglio 1940).

Nel 1941 fu destinato a Bordeaux alla base atlantica dei sommergibili “BETASOM“, prima come Capo di Stato Maggiore e poi, promosso Contrammiraglio per meriti di guerra (nel settembre 1942 a soli quarantaquattro anni, risultando all’epoca il più giovane ammiraglio della Regia Marina italiana), divenne il Comandante Superiore delle Forze Subacquee Italiane in Atlantico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è amm-Romolo-Polacchini-set-42.jpg

Durante questo suo comando guidò i sommergibili italiani nella dura “Battaglia dell’Atlantico” contro gli Alleati angloamericani, ottenendo “sul campo” la sua seconda Croce di Guerra al Valor Militare e le Croci di Ferro di Ia e IIa classe dal governo germanico.

Fedele al Re, al termine della guerra, si rifiutò di aderire alla Repubblica Sociale Italiana e fu incarcerato a Venezia per alcuni mesi. Dopo essere stato rilasciato, collaborò con il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia. Nel 1946, dopo la Liberazione, fu promosso Ammiraglio di Divisione e l’anno successivo prestò giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana. Avendo contratto una grave malattia dipendente da causa di servizio, nel 1950 fu collocato in congedo assoluto. Fu iscritto al Ruolo d’Onore della Marina Militare e nel 1958 fu promosso Ammiraglio di Squadra. Morì a Venezia il 16 ottobre 1968.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Polacchini-riceve-la-mauriziana-a-Comar-venezia.jpg

l’Ammiraglio di Squadra R.O. Romolo Polacchini riceve la Medaglia Mauriziana a Comar Venezia

Nei prossimi articoli, sulla base della documentazione in mio possesso, vi racconterò attraverso la sua vita, alcuni episodi storici, a volte poco conosciuti e dibattuti che dimostrano come Romolo Polacchini fu sempre un militare fedele alla Patria ed alla Regia Marina, che egli servì per trentacinque anni, dimostrando sempre correttezza, umanità ed integrità morale, unite ad onestà e grande coraggio. Questi scritti, attraverso il racconto del periodo in cui comandò BETASOM, ripercorreranno brevemente anche la vicenda eroica e umana di quei sommergibilisti italiani che combatterono con tanto onore in Atlantico.

Marcello Polacchini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 498 times, 3 visits today)
Share

3 commenti

  1. Gioia Marina Pasquinelli Gioia Marina Pasquinelli
    13/04/2021    

    Complimenti! Seguo sempre con molto piacere i tuoi racconti. Gioia

  2. 31/03/2021    

    Mario Polacchini era primo cugino di mio padre l’ammiraglio Vittorio Polacchini ed era il figlio dell’ammiraglio Remo Polacchini, fratello di mio nonno Romolo…. una famiglia di marina!!

  3. Domenico Tringali Domenico Tringali
    31/03/2021    

    Interessante la carriera dell’Ammiraglio Romolo Polacchini. Il sottoscritto nel 1966, imbarcato su nave Impetuoso, ho avuto come C° Servizio IOC, un giovane Tenente di Vascello, Mario Polacchini; vorrei sapere se è un discendente di Romolo Polacchini. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »