If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le scogliere sommerse superficiali

Reading Time: 5 minutes

,
livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
,

Bentornati. Oggi scenderemo sotto la superficie dell’acqua, dove inizia il piano infralitorale, una zona frequentata principalmente da apneisti, seawatcher e subacquei alle prime esperienze. Questo non vuol dire che non ci riservi delle sorprese … siamo solo all’inizio del nostro viaggio nel blu. Questo piano è dominato da popolamenti vegetali, favoriti da un illuminazione ancora abbondante. I popolamenti tipici di questa zona sono caratterizzati dalle alghe brune del genere Cystoseira. Sensibili all’inquinamento, molte specie di tale genere sono ormai poco comuni lungo le coste continentali, mentre rappresentano un elemento di spicco dei fondali di tutte le isole dell’Arcipelago Toscano, della Corsica occidentale e di molte aree della Sardegna. Sulle scogliere sommerse più esposte alla luce e all’idrodinamismo le cystoseire possono estendersi dalla superficie fino a oltre 30 metri di profondità. 

Cystoseira sp.

Le cystoseire scompaiono nelle baie più calme e nelle zone più ombreggiate, dove lasciano il posto ai popolamenti tipici di tali ambienti. Questi popolamenti sono dominati da alghe fotofile, cioè la cui crescita è favorita dall’abbondante illuminazione; esse appartengono principalmente alle alghe brune, come la Dictyota dichotoma, la Padina pavonica e la Halopteris scoparia, ma anche alghe verdi tra le quali spicca l’Acetabularia acetabulum, dalla caratteristica forma a ombrellino cinese, che in estate spesso ricopre completamente i fondali delle piccole baie.

Acetabularia acetabulum

Le alghe (dal latino Algae) sono organismi di struttura vegetale, unicellulari o pluricellulari, che producono energia chimica per fotosintesi, generando ossigeno senza presentare una differenziazione in tessuti veri e propri.

Cystoseira amentacea var. stricta

Le cystoseire sono alghe brune caratterizzate da una forma a cespuglio o alberello, con dei rizoidi che le tengono ancorate al substrato, uno o più assi primari che si elevano da un disco basale e molte ramificazioni di secondo o terzo ordine. A seconda delle specie e delle condizioni ambientali, possono raggiungere un’altezza di alcuni decimetri, andando a costituire delle vere foreste in miniatura. Insieme alle praterie di fanerogame marine esse rappresentano gli ambienti più produttivi e biodiversificati dei bassi fondali costieri mediterranei.

Cystoseira compressa

Le molte specie di Cystoseira che troviamo nel  mar Mediterraneo hanno una struttura simile e rivestono quindi un paritetico ruolo ecologico, anche se ciascuna specie caratterizza un particolare habitat. Nel Mediterraneo nord-occidentale, la cintura più superficiale è occupata principalmente dalla Cystoseira amentacea var. stricta. I primi metri di profondità ospitano popolamenti di C. brachicarpa var. balearica, C. compressa e C. crinita. Più in profondità si può sviluppare C. spinosa, che può spingersi anche nei fondali coralligeni, in compagnia di specie tipicamente profonde come ad esempio C. zosteroides.

Le cystoseire rappresentano un elemento fondamentale per la biodiversità marinocostiera, sia per la loro importanza intrinseca, in quanto moltissime sono endemismi cioè specie esclusive del Mediterraneo, sia perché concorrono a creare un habitat estremamente complesso. La loro struttura tridimensionale rappresenta un ambiente peculiare che può offrire cibo e riparo a molti piccoli organismi tipici dei fondali rocciosi superficiali. Come in una foresta, si crea una serie di strati vegetazionali, ognuno con specie algali e animali caratteristiche. Al riparo delle cystoseire può svilupparsi un popolamento sciafilo, cioè costituito da organismi che prediligono zone ombreggiate e che non potrebbero vivere in questa fascia batimetrica senza la presenza del cystoseireto. Inoltre, i rami delle cystoseire rappresentano una superficie di attacco per molte piccole alghe e invertebrati sessili che a loro volta rappresentano il cibo per organismi brucatori. Le cystoseire sono sensibili all’inquinamento e ad altre alterazioni ambientali, tanto che sono tra i primi organismi a scomparire in aree caratterizzate da forte pressione antropica. Per questo motivo sono considerate anche ottimi biondicatori e utilizzate nel monitoraggio per ottenere informazioni sulla qualità ambientale. La scomparsa delle cystoseire porta ad un impoverimento della fascia costiera e ad una diminuzione della biodiversità.

Il manto vegetale può essere completamente eliminato in ampie aree di scogliera dall’azione dei ricci di mare, quando si creano condizioni tali da causare incrementi importanti delle popolazioni; questo fenomeno è oggi ben visibile, ad esempio, attorno all’isola di Giannutri, dove quasi ovunque la scogliera presenta, tra uno e cinque metri di profondità, zone dominate da ricci, completamente prive di vegetazione.

Il riccio di prateria (Sphaerechinus granularis) è un riccio di mare della famiglia Toxopneustidae. Al pari degli altri ricci di mare presenta un guscio calcareo a simmetria pentaraggiata, che può raggiungere i 12 cm di diametro, con aculei fitti e corti, violacei alla base e con punta bianca.

Oltre ai ricci, i bassi fondali rocciosi possono essere colonizzati da una moltitudine di invertebrati, policheti, crostacei, echinodermi, poriferi, briozoi e molluschi. Tra questi ultimi rivestono un ruolo particolare i cefalopodi, come il polpo (Octopus vulgaris) e la seppia (Sepia officinalis), che offrono ai subacquei incredibili spettacoli di mimetismo, incredibili cambiamenti cromatici e danze fatte di movenze sinuose e scatti a reazione. Particolarmente ricca e interessante è la fauna ittica dei bassi fondali rocciosi. Purtroppo in Mediterraneo la pesca selvaggia ha impoverito la biodiversità locale ed è divenuto normale nuotare lungo scogliere semideserte dove i pochi pesci sfuggiti ai cacciatori subacquei si mantengono a distanze che rendono impossibile un’osservazione accurata. Solo pinneggiando all’interno di zone poco sfruttate o protette ci si può rendere conto dell’enorme ricchezza del Mare Mediterraneo che può essere tranquillamente equiparabile a quella dei mari tropicali.

saraghi

.Nelle aree marine protette è ancora possibile trovarsi circondati da branchi di saraghi (Diplodus sargus, D. vulgaris, D. puntazzo) o di salpe (Sarpa salpa) che pascolano sugli scogli immersi, ed incontrare, anche a bassa profondità murene (Muraena helena), diversi tipi di scorfani (Scorpaena porcus, S. scrofa, S. notata) e timide corvine (Sciaena umbra) che, essendo animali sciafili, si affacciano tra gli incavi delle rocce.

Sarpa salpa

Anche le cernie (Epinephelus marginatus), protette in Corsica, ma quasi scomparse per la caccia indiscriminata in Italia, sono ritornate in questi ultimi anni a popolare abbondanti i fondali dell’Arcipelago Toscano e delle isole sarde in seguito alle misure di protezione adottate. 

Luigi Piazzi

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 203 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »