If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Dall’ancora ammiragliato alle ancore moderne

Reading Time: 8 minutes

.
livello elementare 
.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: DALLE ROMANE AL XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: ancore, ammiragliato

 

Terminologia nautica
Prima di continuare a raccontare la storia del design delle ancore, voglio ricordare alcuni termini nautici necessari per comprendere la loro struttura. La parte centrale dell’ancora è chiamata fuso o fusto. Le sue estremità sono chiamate diamante (inferiore) e quadrato (o quadro) quella superiore. Nel quadrato è presente un foro, detto occhio della cicala, dove si inserisce la cicala o maniglione necessario per collegare la cima o la catena di ormeggio.

Al di sotto della cicala troviamo il ceppo posizionato perpendicolarmente al fusto composto da due bracci. Nell’estremità inferiore, collegato al diamante, abbiamo le due marre poste spesso perpendicolarmente rispetto al ceppo. Alle estremità di esse abbiamo l’unghia o dente. In alcuni casi si ritrova un’aletta di forma triangolare che prende il nome di orecchio o patta.

Dalle ancore romane al XIX secolo
Eravamo rimasti, nel precedente articolo, all’epoca romana ed allo sviluppo di nuove forme di ancore, sempre più adatte ai nuovi mari ed esigenze delle flotte mercantili e militari.

sommozzatori dei Carabinieri di Genova investigano al largo della costa imperiese, a 38 metri di profondità, un’ancora appartenente a una nave di epoca bizantina

Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, l’Impero Romano d’Oriente continuò a fare affidamento sulla sua potente flotta per la sua sopravvivenza. Di fatto, gran parte dell’Europa occidentale fu saccheggiata dalle flotte dei popoli del Nord che minacciavano città, castelli ed i monasteri senza aver alcun freno. Il controllo delle rotte rimase in mano alle compagnie commerciali ed alle flotte delle varie Repubbliche marinare. Con la conquista islamica di Bisanzio, nel 1453, l’Occidente, in cui erano nati regni sovrani che basavano la loro ricchezza sul mare, incominciò a ricercare ed esplorare nuove rotte marittime per accedere ai mercati orientali. Un anno fondamentale fu il 1492, quando Cristoforo Colombo scoprì il nuovo mondo ed incominciarono le esplorazioni verso quelle terre ignote, in seguito chiamate le Americhe. Durante questo periodo esaltante di nuove scoperte geografiche, la progettazione delle ancore fu ottimizzata, costruendo modelli sempre più grandi. 

recupero di un’ancora di una presunta nave di Cristoforo Colombo

La Spagna, grazie alle scoperte di Cristoforo Colombo, divenne una potenza marittima dominante nell’era dell’esplorazione. Le sue flotte portarono i conquistadores in Messico e ne centro sud america alla ricerca famelica di oro, argento e smeraldi. Molte navi, pesantemente caricate, incapparono in tempeste e nulla servirono le loro ancore per mantenere in sicurezza i loro ancoraggi. La scarsa efficienza dei sistemi di ancoraggio e la loro difficoltà a salparli causò indirettamente anche la perdita di molti galeoni della Grande y Felicisima Armada spagnola, che attaccò l’Inghilterra nel 1588. Quando la flotta arrivò nel Canale della Manica, l’attacco di piccoli vascelli inglesi e l’avvistamento di imbarcazioni in fiamme scatenò il panico tra gli Spagnoli che non riuscirono a salpare le loro ancore in tempo per prepararsi al combattimento. Con il sopraggiungere di una tempesta, le ancore non riuscirono nemmeno a mantenere in sicurezza i galeoni sottoposti ai forti venti e, spezzatesi le cime di ancoraggio, molti finirono in secca.

.
Le dure lezioni apprese furono messe a frutto e la qualità delle cime di ancoraggio e dell’ingranaggio terminale che fissava la catena furono notevolmente migliorate. Le navi crebbero di dimensioni e furono impiegate cime più pesanti e più robuste per evitare la possibilità che le fibre si usurassero e si spezzassero sotto stress. Anelli di ferro e catene corredati di scarica volte furono migliorati per ridurre la torsione e lo sfregamento delle cime di ancoraggio. Nella metà del XIX secolo si notò un crescente uso di ancore che potevano essere rizzate più facilmente sul lato della nave. 

Dall’ancora Ammiragliato ai giorni nostri

ancora romana trovata nel lago di Nemi

Le ancore di oggi differiscono molto dalle loro progenitrici e devono un tributo particolare ad un ancora che ha origini molto più antiche: la Ammiragliato, detta anche “del pescatore”. La sua forma ricorda molto quella romana che fu ritrovata nel lago di Nemi ma ne differisce dalla possibilità di sfilare il ceppo, non più di sezione rettangolare ma circolare. 

Un’altra importante innovazione, rispetto a quelle dl XVII secolo, consisteva nella presenza sul ceppo di un’estremità piegata ad angolo retto, detta croce, che era realizzata al fine di poterlo disporre parallelamente al fusto quando era in condizioni di riposo. Bisogna considerare che fino agli inizi del XIX secolo le ancore erano di fabbricazione imperfetta non essendo ancora disponibili dei sistemi efficienti per effettuare delle buone saldature. Tra le più famose le ancore Hawkins. Questo tipo di ancora (1822) aveva marre di sezione circolare con una forma a U poco profonda. Le marre terminavano  in unghie affusolate con palme piatte di forma triangolare. 

modello in bronzo di ancora Hawkins (South Kensington Museum)

La sezione centrale delle braccia aveva due alette rettangolari curve ad angolo retto che agivano come meccanismo per limitare il loro movimento di 90 gradi. Possedeva un anello circolare sciolto con un singolo collegamento attaccato che poteva scorrere lungo il fuso, mentre nell’estremità quadrata del gambo, nella parte superiore, era collocato un anello girevole (scaricavolte) tenuto in posizione da un perno.  Nello stesso secolo,  precisamente nel 1813, un impiegato di Plymouth Yard, chiamato Pering, aveva introdotto un nuovo design anch’esso con marre curve. Tutto derivò dalla necessità dell‘Ammiragliato britannico di sviluppare nuovi modelli di ancore con una forza di tenuta maggiore. Dopo la Great Exibition del 1851 fu creato un Comitato delle Ancore (1852), nominato dall’Ammiragliato britannico per esaminare le varie proposte. 

Il Comitato determinò le qualità auspicabili per un ancoraggio ed assegnò ad ogni modello dei valori numerici.

La Anchor Admiralty Pattern (AP) fu approvata dalla Royal Navy e fornita in dotazione a tutte le navi di sua Maestà dopo il 1852. Ne furono ideati diversi modelli ma quella che ottenne il posto più alto fu quella di Trotman, caratterizzata da un ceppo con marre snodate. La sua particolarità era nel fatto che la mobilità avveniva su un piano trasversale, spostato di 90 gradi rispetto al piano delle marre ed i fusti delle altre ancore. Il suo fuso aveva sezione rettangolare, un pò più grande al centro delle estremità. 

ancora di Trotman

Le marre, in un unico pezzo, erano collegate al fuso da un perno passante attraverso il loro centro, impedendo che il cavo di ormeggio si impigliasse.  Le unghie, rivolte verso l’alto, erano appiattite, di forma triangolare e comprendevano una flangia piatta montata ad angolo retto sull’estremità più ampia. Un vantaggio non trascurabile era che l’ancora poteva essere stivata comodamente a bordo della nave tramite una gruetta.

Altra ancora di successo fu quella di Rodger che segnò una grande deviazione dalla forma delle ancore precedenti.

ancora di Rodger

Le braccia erano formate in un unico pezzo e fissate sulla corona da un bullone che passava attraverso lo stinco biforcuto. Le unghie delle marre erano appuntite. Quest’ancora, che ricorda il tatuaggio di Popeye, ebbe un’eccellente reputazione tra gli uomini di mare di quel periodo. Di fatto, il Comitato britannico sulle Ancore la reputò qualitativamente seconda solo all’ancora di Trotman. L’aggiunta di un cardine fu una grande innovazione in quanto di fatto rese le ancore capaci di ancorarsi sul fondo in maniera differenziata. Queste ancore divennero in breve la dotazione standard di molte navi mercantili e militari britanniche. Con lo sviluppo tecnologico si fu in grado di realizzare ancore in metallo forgiato e non fuso. 

Per facilitare chi volesse approfondire alcune delle caratteristiche delle ancore dell’epoca, purtroppo trovabili solo su testi anglosassoni, voglio richiamare le terminologie in lingua inglese dei vari elementi, non sempre immediatamente comprensibili. Dal disegno potete vedere come la cicala viene chiamata Ring o shackle, il fuso shank, le marre arms, la corona crown, la patta fluke o palm e via di seguito. 

Tra di essi voglio ricordare l’ancora Martin-Adelphi, che fu realizzata per prima in ferro forgiato nel 1894.

Martin Adelphi

Nella Martin-Adelphi il fuso venne spostato indietro rispetto alle marre ottenendo spazio per imbullonare le superfici delle unghie (flukes), rendendole libere di oscillare avanti e indietro.In altre parole, la sporgenza nella corona funzionava come una nicchia fissata da un perno in acciaio forgiato che passava attraverso la corona e il tallone del fuso. Se cadendo sul fondo l’ancora avesse poggiato su una marra o sul fuso, una volta messa in forza la cima di ormeggio (o la catena), sarebbe intervenuto un blocco per portare le marre con un angolo verso il basso rispetto al fondale. 

Questo tipo di ancore, definite stockless, furono ampiamente utilizzate nella marina mercantile britannica e in molte altre marine. I loro vantaggi furono la praticità di uso unita ad un risparmio di tempo e lavoro nelle manovre di recupero, l’assenza di gruette e altri attrezzature, con conseguente riduzione del peso totale. 

Ancore Hall
Tra le ancore pesanti più longeve e conosciute vi sono le ancore Hall, dotate di fuso e marre piuttosto tozze e molto massicce. La loro compattezza e le marre mobili le resero più facilmente stivabili  a bordo delle navi.

ancora tipo Hall modificata

L’ancora Hall viene tutt’oggi utilizzata come ancora primaria su molte navi mercantili e militari. Grazie alle  sue forme arrotondate ne esistono modelli impiegati per le navi da diporto ovviamente con dimensioni  più contenute. I modelli per il diporto sono realizzati in acciaio zincato a fuoco e  sono tra le ancore più economiche oltre che versatili. Per poter aumentare la loro efficacia hanno bisogno di molta catena che aggiungerà peso e farà sì che la trazione avvenga ad un angolo corretto. Nonostante le ancore Hall possano essere utilizzate sulla maggior parte dei fondali, tendono ad essere più performanti su fondali fangosi e sabbiosi, mentre incontrano delle difficoltà su fondali nei quali sono presenti alghe oppure sedimenti duri. 

Vedremo nel prossimo articolo le ancore del XX secolo … ma non solo.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 1.438 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »