Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La vera storia del Capitano Phillips, un pirata del XVIII secolo

tempo di lettura: 7 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: PIRATERIA
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: CARAIBI
parole chiave: Phillips, pirati, Caraibi

 

Qualcuno ricorderà il film Captain Phillips – Attacco in mare aperto (Captain Phillips) che racconta la vera storia del dirottamento della nave mercantile statunitense Maersk Alabama, avvenuto nell’aprile 2009 per mano di pirati somali, e la cattura come ostaggio del suo comandante Richard Phillips. Il fatto passò alla storia perché si trattò del primo dirottamento di una nave da carico statunitense in 200 anni di storia navale. E’ curioso che quasi due secoli prima, imperversava nei caldi mari dei Caraibi un altro captain Phillips che, a differenza del comandante della Maersk Alabama, era lui il pirata. Raccontiamo la storia di questo pirata che, in qualche modo, passò alla storia.

Captain Richard Phillips
Poco si sa sulla sua giovinezza, l’unica cosa certa è che Richard Philips, prima di darsi alla pirateria, era un falegname di bordo, per la precisione un mastro d’ascia, che era stato catturato il 19 aprile 1721 durante un viaggio dall’Inghilterra a Terranova da uno dei più sanguinari e feroci pirati dell’epoca, Thomas Anstis. Come spesso accadeva, quando le navi venivano catturate, artigiani come i falegnami ed i chirurghi/barbieri venivano, più o meno forzatamente, arruolati dai pirati. Non che avessero molta scelta ma, come raccontato dalle cronache del tempo, all’epoca etica e moralità erano valori diversamente  percepiti. In altre parole, i comandanti delle mercantili esercitavano il loro mestiere in maniera crudele, vessando i membri dell’equipaggio che, non potendo reclamare i loro diritti, aspettavano il momento opportuno per cambiare mestiere. Un nuovo impiego che, sotto un certo aspetto, Phillips gradì, visto che dopo poco iniziò ad apprezzare il suo nuovo lavoro sulla nave del celebre e spietato pirata. Nell’aprile del 1722, Thomas Anstis ed il suo equipaggio scesero a terra per carenare e riparare una fregata catturata al largo della costa di Tobago. Mentre erano intenti nelle riparazioni, una nave da guerra britannica, capitanata da Sir John Flowers, si avvicinò all’isola, uccidendo Anstis e costringendo il resto dei pirati a fuggire, dopo aver bruciato tutte le navi. Phillips evitò la cattura nascondendosi nei boschi ma la maggior parte dell’equipaggio fu catturata e uccisa dai marine di Flowers.


Questo articolo ti interessa? Su OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità, troverai numerosi articoli di storia navale e marittima per conoscere eventi del passato che difficilmente potrai trovare sui libri di scuola. Se hai suggerimenti o domande puoi lasciarci un commento in calce all’articolo oppure scriverci alla nostra mail: infoocean4future@gmail.com

Rocambolescamente Phillips riuscì a tornare a Bristol, Inghilterra, insieme ad altri membri dell’equipaggio riusciti anche loro a sfuggire ai marines di Flowers. La loro pace durò poco: l’arresto di alcuni di loro portò Phillips a tornare a Terranova dove, il 29 agosto 1723, decise di catturare, insieme ad altri quattro compagni del suo vecchio equipaggio, una goletta da pesca, di proprietà di un noto impresario locale, William Minott, che fu ribattezzata Revenge. Il suo equipaggio era di fatto molto limitato: John Nutt (maestro di vela), James Spark (artigliere), Thomas Fern (falegname) e il marinaio/sarto William White, dei vecchi e fedeli amici di Phillips che avevano condiviso con lui il periodo sotto Anstis. Fu in quell’occasione che Richard Phillips, memore delle esperienze precedenti, decise di scrivere una lista di nove articoli, un codice di comportamento che regolava i rapporti tra i membri dell’equipaggio e che avrebbe portato di fatto l’ex carpentiere, ora diventato pirata, nei libri di storia. A ogni membro dell’equipaggio fu chiesto di firmare (o lasciare il segno sugli articoli) il documento, prestando giuramento di fedeltà al loro capitano. Si dice che gli uomini di John Phillips, non avendo una Bibbia, giurarono su un’ascia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è phillips-code.jpg

trascrizione del codice di Phillips, un raro documento della pirateria del XVIII secolo

I nove articoli sottolineavano la fedeltà alle regole del Gruppo, inserendo al loro interno anche norme comportamentali (di fatto condannando gli eccessi che aveva osservato nel suo periodo precedente). Leggendo tra le righe di questi articoli si capisce molto sulla vita e sulla “cultura” dei pirati. Tra di essi l’inserimento della pena di morte per coloro che si fossero macchiati di stupro (Phillips ai tempi dell’imbarco sulla nave di Anstis aveva assistito ad uno stupro seguito dall’omicidio di una donna).  

Phillips e il suo risicato equipaggio salpò quindi per le Indie Occidentali, catturando lungo il percorso diverse navi da pesca. A bordo di una delle navi c’era un ex membro dell’equipaggio di Edward “Barbanera”, John Rose Archer, che si unì a Phillips diventando quartiermastro. Su un’altra delle navi abbordate c’era un certo John Fillmore, il bisnonno del più celebre presidente degli Stati Uniti, che scrisse in seguito un resoconto sul suo capitano. Fillmore stava viaggiando a bordo della sua nave, il Dolphin, quando il 5 settembre fu abbordato. Dopo la cattura, volente o nolente, si unì ai pirati. Di fatto Phillips, all’arrivo nel mare dei Caraibi, si trovò un equipaggio di undici uomini al suo comando, ben poca cosa ma sufficiente considerando le dimensioni della piccola nave che impiegava per le sue razzie. La caccia delle navi da abbordare non ebbe molto successo e, dopo quasi tre mesi, a corto di provviste, Phillips decise di dirigersi verso l’Africa occidentale.

Fu in quel periodo che, come buona tradizione tra i pirati, nacque la sua bandiera, il jolly roger personalizzato del comandante, che veniva alzato a riva prima dell’abbordaggio, ed inteso a suscitare terrore nelle sue vittime. In realtà, Fillmore, nel suo resoconto, non fa menzione di una bandiera pirata durante la sua cattura. per cui gli storici ritengono che Phillips incominciò ad usare la bandiera nera verso la fine del 1723. Durante la caccia lungo la costa dell’isola di Tobago, la Revenge catturò una nave che lasciava l’isola. Phillips mise il falegname della sua nave, Thomas Fern, a capo dell’equipaggio della nuova nave. La sua fiducia fu presto tradita e Fern cercò di rubare la nave; ricatturato da Phillips, stranamente, Phillips non lo mise a morte e gli diede una nuova possibilità.  Ciononostante, Fern cercò inutilmente di scappare di nuovo. Catturato con gli altri fuggitivi fu raggiunto, catturato e quindi messo a morte.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tobago_subdivision_1779_BOWEN.jpg

mappa dell’isola di Tobago, Caraibi con la suddivisione in sette “divisioni” (poi parrocchie con differenti nomi) – Fonte http://collections.lib.uwm.edu/utils/ajaxhelper/?CISOROOT=agdm&CISOPTR=1994&action=2&DMSCALE=200&DMWIDTH=8000&DMHEIGHT=8000&DMX=0&DMY=0&DMTEXT=&DMROTATE=0 – autore Thomas Bowen File:Tobago subdivision 1779 BOWEN.jpg – Wikimedia Commons

Nel marzo del 1723, nei pressi dell’isola di Tobago, Phillips e il suo equipaggio catturarono altre due navi e si recarono quindi a Cape Sable, in Nuova Scozia, dove arrivarono il 1° aprile 1723. In Nuova Scozia catturarono tredici pescherecci che lavoravano sui banchi di pesca tra Cape Sable e Sable Island. Per caso Phillips scoprì che una delle barche era di proprietà di William Minott, l’originario proprietario della nave di Phillips, la Revenge. Phillips lo riconobbe e gli restituì la sua nave. Una delle ultime catture di Phillips fu uno sloop, lo Squirrel, capitanato dal comandante Andrew Harradine. Fillmore ed alcuni altri pirati, costretti ad unirsi a Phillips e stanchi delle vessazioni subite, colsero l’occasione per ammutinarsi e, il 18 aprile, approfittando che Phillips e molti dei suoi fedelissimi dormivano ubriachi nelle loro cabine, trasferirono il loro equipaggiamento, rifornimenti e armi sullo Squirrel, liberando parte dell’equipaggio ma tenendo con loro il giovane capitano, Andrew Harradine. Nell’ammutinamento uccisero Phillips insieme a molti dei suoi fedelissimi.

Nonostante l’attività criminale di Phillips fosse durata meno di otto mesi, in quel breve periodo aveva catturato 34 navi con la sua piccola goletta. Tra i pirati sopravvissuti all’ammutinamento, il feroce Archer fu impiccato il 2 giugno 1724. Il pirata, prima di essere impiccato, volle giustificare il suo comportamento incolpando gli spietati capitani dei mercantili che opprimevano e vessavano i marinai a scopo di lucro e, sotto un certo aspetto, li istigavano a darsi alla pirateria. Dopo il processo, Fillmore ricevette la spada del capitano Phillips, che col tempo sarebbe diventata proprietà del suo pronipote, Millard Fillmore, che divenne il tredicesimo presidente degli Stati Uniti nel 1850 dopo la morte di Zachary Taylor.

Una curiosità
La bandiera di combattimento usata da Phillips sulla Revenge fu consegnata da Harradine alle autorità del Massachusetts ad Annisquam, e venne descritta dal Il Boston News Letter come:La loro bandiera nera, nel mezzo uno scheletro, da un lato un cuore trafitto da una freccia, da cui escono gocce di sangue; e dall’altro lato una clessidra.”

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è John_Phillips_Pirate_Flag.svg-1024x682.png

bandiera di Phillips – autore: lavoro proprio di RootOfAllLight –File:John Phillips Pirate Flag.svg – Wikimedia Commons 

Phillips, nonostante fosse un pirata minore, è passato alla storia grazie al suo codice di condotta, uno dei soli codici completi (insieme a quelli di Roberts, Gow e un unico codice condiviso da Low e Lowther). Questi articoli sono di grande interesse per gli studiosi del fenomeno della pirateria di quel secolo ed aprono una finestra sulla vita a bordo delle navi pirata. Inoltre, il resoconto scritto di John Fillmore della vita a bordo della goletta Revenge di Phillips è una delle poche fonti primarie sopravvissute di un testimone oculare della pirateria durante il XVIII secolo.  
.

in anteprima il capitano che punta la pistola ed una coppa verso un avventore – Fonte Charles Ellms’ The Pirates’ Own Book (1837), successivamente usato nel libro di Edward Rowe Snow del 1944 “Pirates and Bucananeers of the Atlantic Coast” nel capitolo George Roberts con il titolo “Russell e Roberts”. Occasionalmente citato come “il capitano dei pirati John Phillips che costringe un prigioniero sotto tiro per bere alcolici” – File:John Phillips pirate.jpg – Wikimedia Commons

.


Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, puoi fare una piccola donazione (anche un euro) per sostenere il nostro portale. Basta poco, per aiutarci a sostenere le spese di OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità. La donazione può essere singola o puoi decidere di renderla automatica ogni mese. Per donare in sicurezza, Clicca sul link DONAZIONE oppure Scrivici per aiuto alla mail: infoocean4future@gmail.com
.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 404 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
18 visitatori online
18 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 27 alle 10:30 am
Mese in corso: 66 alle 01-06--2024 10:29 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x