Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Eccezionale scoperta!!! Una nave del XVI secolo ritrovata dopo 500 anni dal suo naufragio lungo le coste portoghesi praticamente intatta

tempo di lettura: 3 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: RELITTI
parole chiave: Portogallo
,

A volte i ritrovamenti più incredibili avvengono a due passi dalle spiagge. Un’imbarcazione che naufragò nel XVI secolo è stata scoperta nei fondali portoghesi completamente intatta ed ha già restituito oggetti di importanza eccezionale sottolineando gli antichi legami con la vicina Galizia. 

Esposende è una località turistica frequentata dagli appassionati di sport acquatici sita a nord di Porto (Portogallo), collocata in un’area esposta ad un surf abbastanza consistente in qualsiasi momento dell’anno. Non è raro che il mare restituisca sulle spiagge oggetti strappati dal fondo dalla furia degli elementi. In Florida, i collezionisti di oggetti marini sanno che a seguito degli Uragani, sulle spiagge è possibile ritrovare dobloni ed oggetti provenienti da navi affondate. Negli Stati Uniti questo è legale, ma non in Europa.

Un gruppo di archeologi portoghesi ha localizzato in quelle acque il relitto di una nave naufragata nel sedicesimo secolo nelle fredde acque dell’Atlantico. Gli studiosi stanno tentando di chiarire la sua misteriosa origine, cominciando dai resti e dagli oggetti riemersi dalle profondità marine: centinaia di suppellettili, un’ancora e quattro cannoni, due di ferro e due di bronzo.  L’eccezionalità del ritrovamento deriva dalla circostanza che l’imbarcazione – di probabile origine iberica – si presenta praticamente intatta. Gli archeologi sottolineano la circostanza che la nave non ha subito saccheggi da parte di cacciatori di tesori sommersi e si trova ricoperta da uno spesso strato di sedimenti.

La nave è stata scoperta vicino alla spiaggia di Belinho, nel comune di Esposende e gli archeologi la reputano uno dei più importanti siti archeologici sommersi finora localizzati in Portogallo. “I dati indicano che si tratta di un naufragio avvenuto nella seconda metà del sedicesimo secolo – ha dichiarato l’archeologo Felipe Castro – di un naviglio probabilmente costruito nella penisola iberica e che faceva ritorno dall’Europa del Nord“.

La vicenda del ritrovamento ha avuto inizio nel 2014, quando una tempesta riversò sulla spiaggia di Esposende diversi oggetti appartenenti all’imbarcazione: centinaia di piatti, bacinelle, proiettili che furono analizzati nel 2015 nell’ambito di un progetto europeo guidato dalla studiosa spagnola Ana Crespo Solana. La maggior parte degli oggetti è di stagno o di ottone, a parte i candelabri in bronzo e frammenti di pietra e metallo rivestiti di cuoio che potrebbero derivare, per gli esperti, da armi individuali degli occupanti la nave.

Secondo l’archeologo Alexandre Montero, dell’Istituto di Archeologia e Paleoscienze dell’Università Nuova di Lisbona, “il potenziale che serba questa nave è unico, giacché non c’è alcun altro sito archeologico, sulla terra o sott’acqua, da cui siano stati recuperati così tanti piatti” del sedicesimo secolo. La dimensione dello scafo della nave è stata stimata tra i 20 e 25 metri, con grandi scomparti centrali larghi tra i due metri e mezzo e due metri.

A Esposende, molti ricercatori cercano di capire come questa nave fu costruita e quali legni furono usati e da dove provenivano, in un momento storico come il sedicesimo secolo in cui le potenze marittime maggiori incominciavano ad allargare i loro orizzonti commerciali e politici sul mare.

Secondo l’archeologa Ana Paula Almeida, dalla Divisione Azione Culturale del Comune di Esposende, gli oggetti ritrovati, tra cui  ben 21 palle da cannone, 52 oggetti in lega di rame, 244 di stagno, 56 lastre di piombo e di pietra, e la zavorra della nave non dovrebbero essere estratti dal luogo di ritrovamento e lasciati sul fondo del mare. Il comune di Esposende, che da 30 anni sta valutando il tesoro archeologico del Castro de São Lourenço, vuole invece valorizzare turisticamente questa nuova scoperta dal mare. Il rischio può essere il saccheggio dei tanti materiali la cui importanza storica e’ certamente superiore a quella dei materiali specifici. Per sensibilizzare la popolazione locale e chiedere ai cittadini di collaborare per salvaguardare altri pezzi che possono apparire su quei chilometri di spiagge a seguito di fenomeni meteo marini violenti come le tempeste, gli archeologi subacquei stanno tenendo una serie di incontri educativi a Belinho.  

Siamo solo all’inizio e la ricerca continua.

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 553 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
2 Commenti
più recente
più vecchio più votato
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti
Bruno Cammarota
Ospite
05/02/2018 21:37

Perfetto. interessa molto comprendere le naturali condizioni di conservazione dello scafo in legno, tutelare tutti gli oggetti di grande senso anche ove non di grande valore. Sarebbe bello recuperare la nave ed esporla in situ. Forse con l’aiuto di fondi comunitari. Il Comune potrà valutare questa strada.
Cordialità,
Bruno Cammarota

admin
Amministratore
05/02/2018 22:33
replicare a  Bruno Cammarota

il recupero degli scafi in legno e’ molto complesso … interessante fu la nave cartaginese di Marsala

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
2 visitatori online
2 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
2
0
Cosa ne pensate?x