If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Svelato il mistero dei fulmini di Catacumbo, Venezuela di Andrea Mucedola

 .
livello elementare
.
ARGOMENTO: METEOROLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: fulmini
.

Il “Relámpago del Catatumbo” (i lampi di Catatumbo) è un fenomeno naturale unico al mondo causato da una serie di fulmini continui, da nuvola a nuvola, che formano un arco di tensione alto più di cinque chilometri, durante 140-160 notti all’anno, 10 ore a notte, fino a 280 volte all’ora. Una manifestazione atmosferica alquanto inquietante e nota sin dall’antichità.

Questa tempesta di fulmini quasi permanente si verifica sulle paludi dove il fiume Catatumbo entra nel lago Maracaibo (Venezuela) ed è considerata il più grande generatore di ozono nel pianeta. Per darvi un’idea, l’area subisce circa 1.176.000 scariche elettriche all’anno, con un’intensità fino a 400.000 ampere, e, cosa incredibile, i lampi generati sono visibili fino a 400 km di distanza. Questo è il motivo per cui questo fenomeno è noto sin dall’antichità come il faro di Maracaibo. 

Fonti
Nel 1595 Francis Drake tentò di attaccare di notte la città di Maracaibo ma gli Spagnoli furono in grado di scoprire le sue navi grazie alla luce generata dalla tempesta di fulmini. L’episodio è raccontato nel poema La Dragontea di Lope de Vega, che descrisse come i lampi continui consentirono ad una vedetta di avvistare le navi di Drake, facendogli  quindi perdere l’effetto sorpresa. Si racconta che i lampi di Maracaibo diedero anche la vittoria ad Almirante Padilla sugli Spagnoli durante la guerra di indipendenza venezuelana, il 24 luglio 1823. Il naturalista ed esploratore prussiano Alexander von Humboldt li riportò nei suoi diari nel 1826 ed il geografo italiano Agostino Codazzi li descrisse nel 1841 come “… un fulmine continuo, e la sua posizione tale che, situata quasi sul meridiano della foce del lago, dirige i navigatori come un faro“. Un indizio geografico importante per gli studi seguenti. Le foto che ho allegato non danno un’idea quanto questo video … decisamente impressionante.

Da che cosa sono generati?
Lo scontro con i venti provenienti dalle Ande provoca sulla laguna di Maracaibo queste tempeste di fulmini, scariche elettriche che attraversano gas ionizzati, in particolare il metano, che si sviluppa a causa della decomposizione della materia organica nelle paludi. Essendo più leggero dell’aria, il gas sale alle nuvole, alimentando le tempeste. Un fenomeno eccezionale, probabilmente la più grande fonte di rigenerazione dello strato di ozono del pianeta. Dal 1998 sono state numerose spedizioni nell’area di Catatumbo per l’acquisizione di dati, anche tramite palloni sonda, e simulazioni con modelli numerici ed analitici. I loro studi, tra cui il Rapporto CMC-01-2015 del Centro di modellistica scientifica (CMC) hanno permesso di identificare elementi predittori su scala giornaliera e stagionale, suggerendo che è possibile istituire un sistema di sorveglianza integrato per il bacino del lago, Maracaibo (SIVIGILA), che consideri sia il monitoraggio di alcune variabili ambientali sia le attività socioeconomiche che si svolgono nell’area per ridurne i rischi lavorativi.

Esempio di un prodotto previsionale del modello di SIVIGILA. La mappa in alto a sinistra mostra la presenza di scarichi di fulmini, mentre quello a destra indica i siti con precipitazioni. Serie storiche: la parte superiore mostra le precipitazioni previste in momenti e giorni diversi, mentre la parte inferiore mostra lo stesso per temperature medie. Le linee orizzontali arancioni indicano i limiti per un avviso da studio citato

Un aspetto, quello della sicurezza, non trascurabile in quanto queste condizioni meteorologiche influenzano lo sviluppo delle attività socioeconomiche nel bacino del lago di Maracaibo, come l’allevamento del bestiame (si stima che ogni anno muoia un numero significativo di bovini per folgorazione di origine atmosferica ), per le attività di pesca e, non ultime, di ricerca e sfruttamento di petrolio e gas naturale. I risultati mostrano che i fenomeni tendono ad accadere dopo il tramonto, quando la temperatura diminuisce in modo significativo. Si verifica tra 1:00 e 5:00 ore (HLV) quando si verifica la massima influenza delle masse d’aria fredda che scendono dalle montagne verso le aree inferiori. 

La dinamica atmosferica è dominata da un lato dalle presenze imponenti della Cordigliera Andina Venezuelana e della Sierra de Perijá, e dall’altro dal Lago Maracaibo con la sua vicinanza con il Mar dei Caraibi. L’aumento del tasso di umidità dell’aria dai Caraibi, dopo le 16:30, della disponibilità di nuclei di condensazione (ad esempio di sali marino) e la discesa graduale della temperatura. facilitano la formazione di enormi nuvole temporalesche ad alto dispiegamento verticale (cumulonembi).

Interessante il fatto che lo sviluppo verticale delle nubi si fermi all’altezza della catena montuosa circostante, in quanto a quella quota il vento fa diradare la nuvola. Ciò spiega in parte perché la presenza della catena montuosa sia così importante per la presenza di cellule temporalesche. Probabilmente la velocità di risalita dei nuclei di condensa è direttamente associata all’energia potenziale nell’area.

E’ possibile predire il fenomeno?
Questo studio recente ha dimostrato che sia possibile prevedere i fulmini nel bacino del lago di Maracaibo anche con alcuni mesi di anticipo, in base alla variabilità delle masse di aria a basso livello del lago di Maracaibo e alle loro interazioni con modalità climatiche prevedibili come quelle del El Nino e il flusso delle correnti a getto a basso livello dei Caraibi. In meteorologia una corrente a getto (in inglese jet stream) è un veloce flusso d’aria canalizzato, localizzato nell’atmosfera terrestre, generalmente appena sotto la tropopausa e lungo i confini tra masse d’aria. Questi livelli presentano significativi gradienti termici orizzontali e ne sentiamo parlare quando effettuiamo dei voli aerei di lunga distanza in quanto possono accorciare o allungare sensibilmente la durata dei trasferimenti. In questo caso le correnti a getto si sviluppano nei bassi livelli dell’atmosfera, ovvero tra i 1000 e i 4500 metri di quota a causa dell’instaurarsi di forti inversioni nel gradiente termico orizzontale.  

Lancio di un pallone sonda – da studio citato

Al fine di calibrare i modelli fisici e statistici necessari per le previsioni, i ricercatori hanno acquisito dati con palloni sonda collegati a delle stazioni micro-meteorologiche. Si è riscontrato che l’accuratezza della predizione è leggermente maggiore nei mesi di gennaio-febbraio che hanno un’intensità temporalesca minore rispetto alla massima di settembre-ottobre. In generale sembrano essere utili per i processi decisionali relativi alle attività umane ed allo sfruttamento di petrolio e gas naturale.

Un mistero svelato ma non solo 
Ora è quindi possibile comprendere le dinamiche temporalesche e predirne i periodi di maggiore pericolosità. Si è compreso il meccanismo per cui quando le masse d’aria vengono destabilizzate dalle alte creste montuose circostanti, generando questi spettacolari e pericolosissimi temporali che producono lampi quasi continui, principalmente all’interno delle nuvole. Tutto questo fa di Catacumbo un luogo unico e spaventoso nel mondo ed ora … sappiamo anche quando andarlo a visitare. Sicuramente un tale conoscenza avrebbe fatto comodo a Sir Francis Drake.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 64 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share