If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I biomarcatori della Malattia da Decompressione – intervista al Prof. Simon Mitchell, parte 4

Reading Time: 4 minutes

.

livello difficile

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Mitchell, Di Ruzza, biomarcatori

 

Con il termine decompressione si intende la distribuzione e la durata delle soste da effettuare a determinate profondità al termine di un immersione durante la risalita. Esse sono in funzione di determinati vincoli. È quindi qualcosa di più complesso della dicotomia soste fonde/soste superficiali, per cui è necessario analizzare attentamente il profilo di ogni immersione per determinare quelle soste necessarie per minimizzare il rischio di Malattia da decompressione (MDD). Una tale ottimizzazione non è semplice e richiede una gran mole di simulazioni, a parità di fattori, per garantire la comparabilità delle prove e determinare soluzioni di  maggior efficacia e minor rischio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_4578-1024x768.jpg

La stima migliore della probabilità associata al profilo di immersione è legata alle microbolle. Ci sono altri fattori rilevanti? Ad esempio, le chemochine pro-infiammatorie?
Ottima domanda, uno dei “Sacro Graal” nella medicina subacquea è un biomarcatore che sia valido per la Malattia Da Decompressione [MDD], In realtà, non ne abbiamo mai trovato uno, non abbiamo mai trovato un test che si possa eseguire. Non puoi fare un esame del sangue per la MDD, non c’è modo di prevedere con precisione quando qualcuno sta per contrarre la MDD oltre ai sintomi stessi. In realtà questo è ciò che rende lo studio NEDU così sorprendente: la migliore misura di esito per la MDD è la MDD stessa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_1188-1024x768.jpgIl risultato principale era che i subacquei si ammalavano. Ovviamente questa modalità è improponibile ai comitati etici e stiamo cercando altri elementi. L’embolia gassosa venosa è stata a lungo utilizzata come misura dello stress da decompressione. Sono misure imperfette ma, non c’è dubbio che esiste una relazione tra il numero di embolie gassose venose rilevate ed il rischio di Malattia da Decompressione. Sfortunatamente, il valore predittivo positivo del grado di embolia è in realtà piuttosto limitato. Non è una misura eccezionale, ma è valida ed è quella utilizzata dalla maggior parte delle persone.

Le chemochine infiammatorie sono un’ottima idea anche se puoi avere alti livelli di chemochine e MDD, oppure bassi livelli di chemochine e avere MDD. Non è quindi un biomarcatore perfetto. In realtà i dati non sono così decisivi, ma in generale ti aspetti che le chemochine come marker infiammatori siano più alte nelle persone con la MDD. Quindi, penso che l’interleuchina, i marker infiammatori e le microparticelle, tendano ad essere più alti quando si ha la MDD.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è M-IMG_5673-1024x575.jpgIn realtà, semplicemente, non abbiamo un valido biomarcatore per lo stress da decompressione, è ancora un sacro Graal. Alcuni ricercatori stanno iniziando ad utilizzare marker infiammatori, come lo studio Spisni, al quale ha partecipato il mio ottimo amico Pasquale Longobardi. Quello studio utilizza un marker infiammatorio come misura del risultato. Va bene, ma hai solo una prospettiva di ciò che effettivamente significa: nessuno dei subacquei in quello studio aveva una MDD, e utilizza i cambiamenti infiammatori come misura del risultato. Quindi, oggi non c’è risposta, non abbiamo un biomarcatore perfetto per la MDD, ma se qualcuno riuscirà a scoprirne uno, sarà fantastico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_1182-corr-1024x768.jpgL’elio limita la risposta infiammatoria dell’endotelio associata alle immersioni?
Domanda interessante, al momento è un’area di grande attenzione. Le potenziali proprietà antinfiammatorie e neuroprotettrici di qualsiasi gas, incluso l’elio (anche l’argon), è un argomento di profondo interesse in un’ampia comunità medica. Non solo per la subacquea, ci sono molti scenari in medicina in cui le persone sono a rischio di lesioni cerebrali e ci sono molte speculazioni sul fatto che ventilarle con gas come argon o elio possa ridurre tale rischio ed anche danni a lungo termine da processi infiammatori. Questo è in realtà un argomento che emerge anche in relazione al Covid: ha qualche valore ventilare persone con alcuni di questi gas che possono avere proprietà antinfiammatorie? Direi che puoi solo descrivere i dati disponibili come contrastanti: quindi, ci sono alcuni studi che supportano questa idea e ce ne sono altri che non lo fanno.

Non dirò nulla sui risultati effettivi, ma su Diving Hyperbaric Medicine Journal, che è una rivista scientifica pubblicata dallo European Underwater and Baromedical Society [EUBS], dalla Medical Society e dalla SPUMS [South Pacific Underwater Medicine Society], di cui sono l’editore, stiamo per pubblicare uno studio italiano, di Monica Rocco e il suo team, proprio su questo tema. Non dirò altro perché sarebbe inappropriato. Tutti voi subacquei interessati alla medicina subacquea dovreste essere membri di SPUMS o dello European Underwater e leggere il giornale perché è pieno di spunti. Ogni numero è utile per le immersioni, ci sono gli ultimi aggiornamenti di medicina subacquea e non è così costoso come membro associato, sono abbastanza sicuro che come associato non sia necessario pagare la quota intera da medico. È certamente un’area interessante e controversa, ci sono prove per entrambe le tesi e troverete un articolo su questo nel numero di giugno sul DHM [Diving and Hyperbaric Medicine]. Quindi nessuna risposta definitiva.

Fine parte 4 – continua

Paolo di Ruzza

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII
PARTE VIII
PARTE IX
PARTE X.

 

print
(Visited 256 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »