Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà


Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Ritornano alla luce i resti costieri della antica Neapolis, distrutta da un grande tsunami del passato al largo della Tunisia

tempo di lettura: 5 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA SUBACQUEA
PERIODO: IV SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Neapolis, Tunisia, maremoto

 

Un vasto insediamento romano risalente a circa 1600 anni fa è stato scoperto al largo della costa tunisina, dopo diversi anni di esplorazioni archeologiche alla ricerca dell’antica città di Neapolis. Si ritiene che si tratti di Neapolis, un antico insediamento greco, sommerso a seguito del maremoto che il 21 luglio del 365 dopo Cristo distrusse la maggior parte della costa nordafricana, come riportato dello storico romano Ammiano Marcellino.

2e8ff-uno-tsunami-nel-mediterraneo-l-v00rbi

Il suo racconto distinse chiaramente le tre fasi principali dell’evento, ovvero il terremoto iniziale, a Creta, e l’improvvisa ritirata del mare che fu seguita da un’onda gigantesca che si scatenò violentissima sull’entroterra costiero del Nord Africa, della Magna Grecia e della Grecia.

Vale la pena di leggere questo resoconto drammatico di Marcellino, che richiama alla memoria il terribile tsunami del 2004 che colpì l’Indo Pacifico seminando morte e distruzione. Marcellino descrisse, nel XXVI libro del Res Gestae, con drammatica accuratezza, potremmo dire giornalistica, gli sconvolgenti avvenimenti di quelle ore:

estratto dal XXVI libro Libera traduzione:
[16]” Paulo enim post lucis exortum densitate praevia fulgorum acrius vibratorum tremefacta concutitur omnis terreni stabilitas ponderis mareque dispulsum retro fluctibus evolutis abscessit, ut retecta voragine profundorum species natantium multiformes limo cernebantur haerentes valliumque vastitates et montium tunc, ut opinari dabatur, suspicerent radios solis, quos primigenia rerum sub immensis gurgitibus amendavit. Poco dopo l’alba, annunciata da una fitta successione di fulmini ferocemente scossi, tutta la terra tremò ed il mare fu scacciato, le sue onde furono rotolate indietro, ed il mare scomparve, così che fondali furono scoperti e si osservarono numerose varietà di creature marine bloccate nel fango; si osservarono le  grandi distese come vallate e montagne, che la stessa creazione aveva nascosto sotto i vasti gorghi …
[17] Multis igitur navibus velut arida humo conexis et licenter per exiguas undarum reliquias palantibus plurimis, ut pisces manibus colligerent et similia, marini fremitus velut gravati repulsam versa vice consurgunt perque vada ferventia insulis et continentis terrae porrectis spatiis violenter illisi innumera quaedam in civitatibus et ubi reperta sunt aedificia complanarunt; proinde ut elementorum furente discordia involuta facies mundi miraculorum species ostendebat. … Molte navi, quindi, furono arenate come se fossero sulla terraferma, e la gente vagò a suo piacimento sui miseri resti delle acque per raccogliere pesci e simili con le loro mani; poi il mare ruggente, come se fosse insultato dal suo rifiuto, si alzò a sua volta, e attraverso i banchi brulicanti si gettò violentemente su isole e estesi tratti della terraferma, e spianando innumerevoli edifici nelle città o ovunque fossero trovati.
[18] Relapsa enim aequorum magnitudo, cum minime speraretur, milia multa necavit hominum et submersit recurrentiumque aestuum incitata vertigine quaedam naves, postquam umentis substantiae consenuit tumor, pessumdatae visae sunt exanimataque naufragiis corpora supina iacebant aut prona. … Così nel conflitto furioso degli elementi, la faccia della terra cambiò per rivelare cose meravigliose ma la massa d’acqua che ritornò quando meno si aspettavano uccise molte migliaia di persone annegandole, e le alte onde distrussero alcune navi …
[19] Ingentes aliae naves extrusae rabidis flatibus culminibus insidere tectorum, ut Alexandriae contigit, et ad secundum lapidem fere procul a litore contortae sunt aliquae, ut Laconicam prope Mothonen oppidum nos transeundo conspeximus diuturna carie fatiscentem.” Altre grandi navi furono spinte sui tetti delle case, come accadde ad Alessandria, e altre furono scaraventate a circa due miglia dalla riva, come la nave laconica vicino alla città di Metone …

Il disastro naturale danneggiò gravemente anche Alessandria d’Egitto. I geologi hanno stimato che il terremoto, di una magnitudo da 8,0 a 8,5, ebbe come epicentro Creta, e fu originato dallo scontro tra placca africana ed euroasiatica nella porzione orientale del Mare Nostrum.
L’isola si sollevò fino a dieci metri sopra il livello del mare, e conserva ancora resti di formazioni coralline sulle colline che sono state datate nello stesso periodo del terremoto. Il sisma innescò un enorme tsunami che colpi la regione meridionale del Mediterraneo, comprese le coste della Sicilia, dell’Egitto, della Libia, della Grecia, della Spagna e della costa orientale adriatica. I massimi danni, anche in termini di vite umane, si verificarono però ad Alessandria d’Egitto dove il mare,, come a Neapolis, si ritirò per alcune decine di metri e poi tornò sulla terraferma con inaudita violenza, trascinando le navi fino a due km nell’interno della costa.

Neapolis
Molto poco è conosciuto sulla storia antica di questa città di chiara origine greca. Si pensa che questa mancanza di notizie sia dovuta al fatto che Neapolis, a causa della vicinanza geografica, si era schierata con Cartagine contro Roma durante la Terza Guerra Punica nel 149-146 a.C., guerra che portò alla completa distruzione dei Cartaginesi con il successivo dominio romano incontrastato di tutta la region e del Mediterraneo. Essa subì quindi una specie di “damnatio memoriae” per molti anni, come città indesiderata e fu semplicemente ignorata dai cronisti dell’epoca. Eppure la città era molto vasta, raggiungendo una grandezza di oltre 20 ettari, ed era un centro importante per i commerci marittimi durante l’impero romano. Il solo a parlarne fu Marcellino, raccontando il terribile tsunami che la colpì nel IV secolo dopo Cristo.

Una missione archeologica tunisina-italiana è alla ricerca di Neapolis dal 2010. I ricercatori, fra cui gli studenti della Scuola di specializzazione archeologica di Oristano e dell’Università di Sassari, finalmente hanno rinvenuto nell’estate 2017, resti di strade, edifici e monumenti caratteristici della città costiera.  Il loro lavoro è stato ricompensato grazie alle buone condizioni climatiche estive che hanno permesso agli archeologi subacquei di Nabeul di scorgere per la prima volta dopo tanti secoli questo antico sito.

vestiges

È una scoperta importante“, ha dichiarato il capo della missione Mounir Fantar, che conferma la teoria di Marcellino sul tragico destino della città. Il tessuto urbano costiero fu letteralmente strappato dall’onda di tsunami che trasportò al largo parte della città. Il team di archeologi subacquei non ha trovato solo resti di strade e monumenti, che mostrano la raffinatezza e la ricchezza della città, ma anche 100 cisterne che erano usate per conservare il garum, un condimento fermentato a base di pesce, che era considerato una prelibatezza nell’antico mondo romano.

Oristano-Consorzio-Uno-FantarQuesta scoperta ci ha permesso di stabilire con certezza che Neapolis era un importante centro per la produzione di garum e pesce salato, probabilmente il più grande centro del mondo romano“, ha aggiunto Fantar.

Probabilmente gli abitanti di Neapolis dovevano la loro fortuna proprio a questo condimento. Il garum viene descritto dai Latini come una salsa ricavata dalle interiora di pesce; sembra che i Romani ne andassero pazzi, e la aggiungessero come condimento a molti piatti  La sua origine è incerta ma salse simili erano già usate dai greci. Una ipotesi è che il suo nome derivi dal nome greco garos o garon (γάρον), che era il nome del pesce i cui intestini venivano usati originariamente nella produzione dei condimenti. Non e’ nemmeno noto come venisse prodotta. Forse poteva essere simile all’odierna pasta di acciughe o alla celebre colatura di pesce, chiamata colatura,  prodotta nella costiera amalfitana, in particolare a Cetara.

ahandoutpict

La scoperta degli archeologi fa dell’antica Neapolis uno dei centri principali di produzione, e sicuramente il mare restituirà nuove sorprese. Per chi volesse recarsi sul posto, oggi Nabeul è una città turistica, dove, in prossimità del centro si possono visitare i resti del successivo insediamento romano ed un interessante museo archeologico con preziose collezioni di oggetti in ceramica e statue di origine punica oltre che mosaici romani provenienti dalla regione di Cap Bon.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 621 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

26 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
26 visitatori online
26 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 33 alle 08:24 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x