If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I fondi di alghe calcaree libere

Reading Time: 6 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: ecologia, fondi sabbiosi profondi

 

I fondali sabbiosi profondi sono forse l’ambiente più diffuso del sistema litorale.
Infatti, nella maggior parte dei casi, anche le scogliere si arrestano a profondità comprese tra quaranta e sessanta metri di profondità su pianure sabbiose che continuano comunque a scendere con debole pendenza fino al margine della piattaforma continentale.

fondale ricco di detriti organogeni ai piedi di una falesia sommersa photo credit andrea mucedola

Queste grandi pianure ricoperte da sabbia grossolana di natura principalmente organogena vanno a costituire quell’ambiente definito detritico costiero. Laddove si hanno condizioni ambientali caratterizzate da correnti di fondo laminari, i fondali sabbiosi profondi possono essere colonizzati da alghe calcaree libere. Queste alghe rosse, dette melobesie, possono rotolare sul fondo sabbioso, essere colonizzate da organismi tipici dei popolamenti coralligeni o addirittura fondersi tra loro e dare origine a scogliere calcaree che si sostituiscono completamente ai fondali sabbiosi originari. I fondi a melobesie non sono però presenti ovunque; la loro formazione e il loro mantenimento sono legati al raggiungimento di un equilibrio tra i fattori che concorrono al loro accrescimento, come la giusta quantità di luce, correnti costanti e caratteristiche idonee dei sedimenti, e fattori che portano alla disgregazione, in particolar modo l’azione di organismi scavatori.

alghe rosse e spugne su substrato roccioso, photo credit andrea mucedola

.
A tutto ciò si unisce l’azione umana che in modo diretto, attraverso la pesca a strascico, o indiretto, attraverso le varie forme di inquinamento, può causare la distruzione di tali fondali. Il pericolo maggiore è rappresentato dall’infangamento. L’incremento di sedimenti fini è purtroppo un processo comune a tutto il Mediterraneo che, in maniera lenta ma inesorabile, porta a modificare la granulometria dei fondali detritici e a soffocare quegli organismi adattati ad acque limpide, pressoché prive di sedimento in sospensione. La lenta azione di accrescimento, che richiede periodi lunghissimi anche in condizioni favorevoli, può essere vanificata da una veloce distruzione. I fondi a melobesie rischiano di scomparire da molte aree del Mediterraneo senza che nessuno se ne renda conto e con essi il fantastico mondo vivente che si sviluppa loro attorno. Attorno alle isole toscane si trovano ancora alcuni popolamenti rigogliosi di alghe calcaree libere; tra i più conosciuti ricordiamo quelli al largo di Montecristo e nella parte occidentale di Gorgona. Ampie aree a melobesie si trovano anche nelle Bocche di Bonifacio, tra la Corsica e le isole dell’Arcipelago di La Maddalena.

Questi ecosistemi sono tra i meno studiati dell’ambiente marino e vengono pochissimo considerati. Al contrario, rappresentano, da un punto di vista ecologico, delle vere perle, che dovrebbero essere oggetto di maggiore attenzione e inserite nei piani di studio e gestione.

biodiversità sui fondi duri, photo credit andrea mucedola

Veleni in mare
La produzione di sostanze velenose è una caratteristica comune a molti organismi marini, dalle alghe unicellulari ai pesci più evoluti. Sebbene gli organismi attualmente presenti nel Mediterraneo sono meno pericolosi di quelli tropicali, l’invasione di nuove specie aliene potrebbe portare animali pericolosi per l’Uomo.

polpo ad anelli australiano, Hapalochlaena lunulata, un piccolo polpo non più grande di 20 cm, e tondeggiante. Può pesare tra i 10 e i 100 grammi. Normalmente ha un colore marrone-dorato, ma quando è in pericolo mostra i brillanti e bellissimi anelli blu elettrico da cui prende il nome, su fondo che può virare al giallo intenso come al bianco. È dotato di un piccolo becco estremamente affilato. Il suo veleno contenuto nelle ghiandole  velenifere è sufficiente per uccidere 26 uomini adulti. La potenza di questo veleno è cento volte quello di un cobra, un cocktail di neurotossine che include la tetrodotossina TTX (la stessa del Conus geographicus e del pesce palla), il cui effetto principale è il blocco dei canali di sodio nei neuroni e nei muscoli scheletrici, portando all’arresto respiratorio. Tra le altre sostanze che potenziano e amplificano l’efficienza del veleno, vi sono l’istamina, la taurina e la dopamina.

.
Queste sostanze, dette biotossine in quanto prodotte da organismi viventi, possono essere utilizzate sia per difendersi dai predatori che per catturare le prede. In base alla sostanza attiva principale, le biotossine possono agire sul sistema nervoso (neurotossine), sul cuore (cardiotossine) o avere effetti emolitici (emotossine). Il loro effetto dipende naturalmente dalla quantità inoculata e dalle dimensioni della vittima; la stessa quantità di tossina che ha effetto paralizzante o letale per un invertebrato o per un piccolo pesce, può causare in un uomo solo effetti locali e transitori, anche se fastidiosi. ma non bisogna trascurare i sintomi e agire rapidamente, trasportando l’infortunato presso un presidio medico, assicurandogli sempre la capacità respiratoria.

scorfano rosso, Scorpaena scrofa, è un pesce velenoso appartenente alla famiglia degli Scorpaenidae. La sua puntura, anche se la quantità di veleno iniettata è minima rispetto ad altre specie, è molto dolorosa, photo credit andrea mucedola

Gli organismi marini più pericolosi si trovano principalmente in acque tropicali, come i pesci pietra (Synanceia spp.), il polpo dagli anelli (Hapatochlaena spp.) o alcuni serpenti di mare (generi Laticauda, Aipysurus, Emydocephalus, etc). Anche in Mediterraneo si trovano molti gli organismi marini dotati di biotossine appartenenti agli Scorpenidae, ma, per fortuna, difficilmente letali per l’uomo. Inoltre, la maggior parte delle biotossine hanno natura proteica, quindi sono soggette a denaturazione se sottoposte a temperature elevate.

Pelagia noctiluca, medusa spesso citata dai media per la sua abbondanza nei nostri mari e per le dolorose irritazioni che provoca se sfiorata. Malta, photo credit andrea mucedola

Le meduse e i polipi sono provvisti di particolari cellule, dette nematocisti, contenenti una tossina che, se sollecitata dal contatto, viene inoculata alle prede o a eventuali predatori mediante una specie di piccolo stiletto. I cefalopodi secernono un veleno che viene inoculato alle prede mediante il morso.

alcune razze sono provviste di pungiglione velenifero

Tra i pesci cartilaginei, i trigoni e le aquile di mare sono dotati di un dardo velenifero situato sul peduncolo caudale, mentre alcuni pesci ossei, come tracine e scorfani hanno le pinne dorsali collegate ad un apparato velenifero. Anche alcuni vegetali possono produrre tossine. In Mediterraneo, sono soprattutto specie introdotte a presentare tali caratteristiche.

Caulerpa cylindracea, Giannutri, photo credit andrea mucedola

Le caulerpe (Caulerpa taxifolia, C. Cylindracea e C. racemosa) producono la caulerpenina, una sostanza tossica che può creare problemi se ingerita, mentre l’alga unicellulare Ostropsis ovata produce tossine che nei momenti di fioritura dell’alga possono causare la moria di invertebrati bentonici, quali ricci e stelle di mare, o, se inalate attraverso l’aerosol marino, dare disturbi anche a persone che si trovano lungo la costa.

Ostropsis ovata su Caulerpa racemosa, fonte non nota

 

 

 

 

Luigi Piazzi
ricercatore e docente Università di Sassari

 

 

 

Nota della redazione:
L’
Ostropsis ovata
è una specie tipica dei climi caldi e tropicali,  negli ultimi anni presente anche sulle coste italiane. La sua fioritura è stata segnalata nelle acque del litorale di Genova ma anche già osservata in numerose occasioni in Toscana, estate 1998, e Puglia nell’estate 2003-2004. Nel 2005 viene colpita la Liguria e, nell’estate 2006, viene interessata la costa di Fregene. Nell’ottobre 2006, invece, viene scoperta nel Golfo di Trieste da parte del laboratorio ARPA del dipartimento di Gorizia. A partire dall’agosto del 2008 è stata riscontrata anche lungo le coste abruzzesi con una fioritura eccezionale nelle Marche, a settembre, tra il Passetto di Ancona e Sirolo, con la necessaria chiusura della balneazione nelle spiagge comprese in tale tratto. Dall’ottobre 2009 è presente nelle coste del Friuli-Venezia Giulia. Nel 2006 e nel 2012 è stata segnalata anche nelle coste siciliane di Palermo e Catania e nell’arcipelago toscano a sud dell’Argentario.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

.

print
(Visited 127 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »