Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Distrutta una nave russa con un missile ucraino di epoca sovietica

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR NERO
parole chiave: Guerra russo-ucraina, Saratov, Ropucha, Berdyansk

 

Le autorità ucraine hanno dichiarato di aver distrutto giovedì mattina una grande nave da sbarco e trasporto russa nel porto di Berdyansk occupato dai Russi. La notizia è stata confermata da colonne di fumo, esplosioni e fiamme che si alzavano violentemente da una nave attraccata al porto della città.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mappa-azov.jpg

Il porto di Berdyansk, nel Mare di Azov, situato a 43 miglia a sud-ovest della martoriata città di Mariupol, è attualmente un importante sorgitore utilizzato dalla marina russa per fornire rifornimenti alle truppe terrestri.  L’attacco missilistico ucraino è avvenuto nelle prime ore del mattino di giovedì quando una telecamera di sicurezza, puntata verso il molo, ha filmato una densa colonna di fumo che si alzava dalle banchine del porto. In seguito si sono avvertite forti esplosioni a catena, apparentemente intorno ad una nave avvolta nelle fiamme.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è srataov-3.jpg

Nelle drammatiche immagini estratte dai filmati in rete si notano anche due navi militari russe allontanarsi velocemente dal porto, di cui almeno una in fiamme. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sartaov-5.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è saratov-4.jpg

Il danno alla nave colpita dal missile è ingente, come confermato dalle prime immagini provenienti dall’Ucraina, e ne avrebbe causato la distruzione e l’affondamento. Le esplosioni fanno presupporre che siano state causate dalla presenza di munizioni a bordo, cosa probabile essendo l’unità dii supporto adibita al trasporto dei materiali dii supporto alle forze terrestri. Secondo la BBC, il fuoco sembrerebbe essersi poi diffuso a terra, interessando un deposito di munizioni e un terminal con un serbatoio di carburante da 3.000 tonnellate.

Qual è l’identità della nave?
Inizialmente le autorità ucraine avevano identificato la nave distrutta come l'”Orsk“, una nave logistica/anfibia della flotta russa del Mar Nero. Cosa plausibile in quanto lo stesso Ministero della Difesa russo aveva recentemente riferito in una sua nota che la Orsk era stata la prima nave da guerra della Federazione Russa ad entrare nel porto di Berdyansk per sbarcare mezzi corazzati e personale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è saratov-3-1024x483.jpg

Saratov nel suo ultimo transito nel Bosforo

Le ultime notizie parlano invece di un’altra unità, la Saratov e di altre due unità, una nave anfibia classe Ropucha, il Caesar Kunikov (apparentemente con fiamme a bordo) e il cargo Novocherkassk rimaste coinvolte nell’esplosione che hanno però rapidamente abbandonato il porto. Secondo le fonti ucraine, il Saratov è stato colpito da un missile lanciato da terra dalle forze armate ucraine. Si tratterebbe di un missile balistico a corto raggio (SRBM) Tochka (SS-21 Scarab) a propellente solido, cosa che lo rende facile da mantenere e rischierare grazie alla sua piattaforma su ruote. Un’arma di costruzione sovietica utilizzabile per attacchi di precisione su obiettivi tattici nemici, come posti di controllo, ponti, depositi, concentrazioni di truppe ed aeroporti (con una precisione intorno a 100  metri). La sua testata a frammentazione può essere sostituita con una testata nucleare, biologica o chimica. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è totchka.jpg

parata ucraina durante il giorno dell’Indipendenza con il passaggio di sistemi di lancio del missile Totchka

L’attacco sembra essere iniziato intorno alle 7:45 ora locale, quando è stata notata una significativa esplosione a bordo di una delle navi in porto a Berdyansk, inizialmente identificata con l’Orsk che, nei giorni scorsi aveva sbarcato munizioni e mezzi nel porto. Subito dopo l’esplosione, una classe Ropucha-II Progetto 775, Tsesar Kunikov, e il cargo Novocherkassk, sono state viste lasciare rapidamente il porto.  Dalle immagini sembrerebbe che la Ropucha fosse in fiamme nella parte poppiera. Nell’esplosione sembrerebbe che sia stata danneggiata anche la nave da sbarco russa Konstantin Olshansky (classe Ropucha – catturata agli Ucraini nel 2014). Non si hanno notizie dell’Orsk.

Il Saratov apparteneva alla classe Tapir, chiamata Project 1171 (in campo NATO classe Alligator), inquadrata come Large Landing Ship, costruita sulle esperienze della precedente classe Polnocny, navi da sbarco medie da 900 tonnellate che potevano però trasportare solo sei carrarmati e 180 soldati. Il progetto 1171 fu avviato nel 1959 dalla Marina russa e sviluppato in quattro diverse configurazioni.

Nave da trasporto e sbarco classe Alligator
Velocità 16 – 18 nodi
Propulsione 2 diesel, 2 assi, 9,000 bhp (6,700 kW)
tonnellaggio 3,400 tons standard a 4,360-4,700 tons a pieno carico
Autonomia 4.800 miglia
Equipaggio 69
Lunghezza 112.8 metri
Larghezza 15,3 metri
Capacità di carico 1000 tonnellate materiali o 20 carrarmati o 40 AFVs e da 300 a 425 truppe
Armamento 1 lanciarazzi da bombardamento navale Grad da 122 mm (in alcune unità), 3 × SA-N-5
cannoni: 1 binato da 57 mm/70 cal DP, 2 binati 25 mm AA in alcune.

Il Saratov (BDK-65) entrò in servizio nel 1966 con il nome di Voronezhsky Komsomolets e fu assegnato a Donuzlav (flotta del Mar Nero) fino al collasso dell’Unione, dove rimase bloccato a Odessa fino al 1994.

La nave fu poi utilizzata dalla marina russa, dal 2013, con il Nikolai Fil’chenkov per il trasporto di equipaggiamenti militari da Novorossijsk a Tartus (Siria), durante la guerra civile siriana, insieme alle navi della classe Ropucha.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è saratov-1024x575.jpg

Come avevamo scritto in un precedente articolo, la marina russa ha dislocato diverse navi da guerra al largo delle coste dell’Ucraina nel Mar Nero e nel Mar d’Azov, comprese navi combattenti di superficie che abbiamo intravisto lanciare missili contro la città di Mariupol e di Odessa dal mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è progetto-1171.jpgL’attività più evidente è stato però il supporto alle forze anfibie sbarcate nei pressi di Mariupol dalle navi classe Ropucha. 

Sebbene la distruzione della nave sia di importanza minimale per il peso della guerra, avviene in un momento di stasi in cui l’avanzata russa è bloccata tra difficoltà logistiche e operative non chiare. 

Andrea Mucedola

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 801 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »