If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Rocce, tempeste e tsunami di Antonio Colagrossi

livello elementare

.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: na
AREA: OVUNQUE
parole chiave: tempestiti, tempeste, uragani, sedimentologia, sedimenti

12273757_10206444318005295_5838927915601687119_o

Le tempeste oceaniche, da quelle di minor potenza sino ai potenti uragani tropicali i cui venti ululano letteralmente come lupi in una bufera di neve, flagellano durante tutto l’anno le distese marine e terrestri del nostro pianeta. Sia che ci si trovi nell’emisfero boreale (Nord America, Europa e Asia), sia in quello australe (Sudamerica, Africa del sud e Oceania), si generano continuamente aree di bassa pressione, sia estive che invernali, i cui forti venti rendono il mare un nemico insormontabile e le montagne dei luoghi inospitali per la vita  dell’Homo sapiens

Il nostro pianeta ha una storia geologica vecchia di oltre quattro miliardi e mezzo di anni. Come facilmente dedurrete è scientificamente impossibile decifrare ogni singolo evento ciclonico che ha colpito il nostro pianeta; di fatto le tempeste e gli tsunami hanno lasciato e lasciano segni indelebili nelle rocce oltre che nei nostri animi. Gli scienziati, soprattutto a partire dagli anni cinquanta del secolo scorso, hanno effettuato studi di sedimentologia delle zone costiere. Questi studi hanno riguardato sia gli arcipelaghi corallini sia strutture geologiche di epoche passate, come le rocce carbonatiche che sono riconducibili a fasce tidali di paleo barriere coralline e paleo lagune tropicali. Da geologo, mi piace ricordare che la scuola italiana di sedimentologia delle rocce carbonatiche vanta un certo prestigio in ambito mondiale, competendo magistralmente con la scuola olandese, americana, giapponese e australiana.

tumblr_myskt0Lrqb1sslsrio1_1280

Ma torniamo a noi: le tempeste, specialmente quelle più potenti come i cicloni, vengono letteralmente raccolte in specifici depositi sedimentari. Un po’ come i modellini di nave intrappolati nelle bottiglie; questi segni rimarranno lì per migliaia, talvolta milioni di anni. In particolare, le onde causate dai maremoti, come gli tsunami (dal giapponese onda di porto), possono lasciare segni molto evidenti nei depositi rocciosi antichi e sabbiosi costieri moderni. Questi resti vengono chiamati tsunamiti.

Talvolta i sedimentologi si trovano a dover differenziare minuti strati sabbiosi, di poche decine di centimetri, lasciati sia dagli tsunami sia dalle tempeste tropicali; non è affatto facile farlo, specialmente in campo, ma ciò è molto importante per poter interpretare correttamente la frequenza di questi due fenomeni in una certa area. Questo può essere un’ottima chiave di lettura per lo studio del presente e, forse, per eventuali eventi futuri. Negli ultimi trentanni autorevoli geologi italiani, americani e giapponesi, cooperando in campo, hanno studiato molte aree del pianeta dove esiste una certa frequenza di questi depositi sabbiosi. In particolare sono state ampiamente studiate zone come i Caraibi, specialmente Puerto Rico e le Bahamas in particolare, dove sono ben riconoscibili strati di tempestiti riguardanti uragani, a partire da cinquecentomila anni fa (Pleistocene medio superiore), sino ai recenti uragani degli anni sessanta. Nello specifico, sull’isola di Caicos (Bahamas) è stato studiato un deposito sabbioso, intervallato da strati di 30 centimetri costituiti da deposizione algale coralligena, in cui si identificano delle tempestiti riconducibili agli uragani Donna (agosto 1960), l’uragano Betsy (agosto 1965) e l’uragano Kate (novembre 1985). Anche l’uragano Carla, del settembre 1961 lasciò ampi depositi in varie zone del Golfo del Messico. In ultimo l’uragano Isabel, del settembre 2003, lasciò importanti testimonianze geologiche, in particolare per la struttura del deposito sabbioso e per le molto ben conservate caratteristiche granulometriche.

Una curiosità: Durante la Seconda Guerra Mondiale, agli Uragani vennero dati nomi femminili, principalmente per la comodità dei meteorologi. Per evitare critiche di sessismo, dal 1978, si utilizzano nomi anche maschili. La credenza che molti dei cicloni più violenti avessero nomi femminili è quindi legata solo all’uso precedente. attualmente i nomi sono predisposti per aree geografiche (atlantiche, pacifiche etc.) . Ad esempio per l’Atlantico:

2015 Ana Bill Claudette Danny Erika Fred Grace Henri Ida Joaquin
Larry Mindy Nicholas Odette Peter Rose Sam Teresa Victor Wanda  
2016 Alex Bonnie Colin Danielle Earl Fiona Gaston Hermine Ian Julia
Lisa Matthew Nicole Otto Paula Richard Shary Tobias Virginie Walter  
2017 Arlene Bret Cindy Don Emily Franklin Gert Harvey Irma Jose
Lee Maria Nate Ophelia Philippe Rina Sean Tammy Vince Whitney  
2018 Alberto Beryl Chris Debby Ernesto Florence Gordon Helene Isaac Joyce
Leslie Michael Nadine Oscar Patty Rafael Sara Tony Valerie William  
2019 Andrea Barry Chantal Dorian Erin Fernand Gabrielle Humberto Imelda Jerry
Lorenzo Melissa Nestor Olga Pablo Rebekah Sebastien Tanya Van Wendy  
2020 Arthur Bertha Cristobal Dolly Edouard Fay Gonzalo Hanna Isaias Josephine
Laura Marco Nana Omar Paulette Rene Sally Teddy Vicky Wilfred

Altre aree dove è stato possibile ricostruire modelli di questi fenomeni sono il Perù, specialmente per le tsunamiti, la grande isola di Papua, il Marocco, lo stato dell’Alberta (Canada) e la Nuova Zelanda dove, nell’isola del Sud (versante orientale), un recente studio americano-neozelandese ha messo in luce un deposito di tsunamiti riconducibile a un potente terremoto, cui seguì un’onda di tsunami di proporzioni enormi; i geologi datano l’evento agli inizi del 1900. Inoltre, sono ancora in corso studi sedimentologici sia per il grande maremoto dell’Indonesia (dicembre 2004) sia per l’uragano Katrina dell’agosto 2005.

11254694_10206444311725138_1234281219106054470_n

Comparazione Tempestiti alle Bahamas

Sia le tempestiti che le tsunamiti di epoca recente, in particolare dal Pleistocene ad oggi (Olocene), si presentano con spessori variabili dai venti ai quaranta centimetri al massimo. L’estensione areale di entrambi i depositi è molto alta, raggiungendo parecchi chilometri quadrati di costa. In alcuni casi, come in Indonesia (2004), a seguito delle tempeste alcuni atolli sono stati completamente sommersi da questi depositi, cancellando ogni forma di vita. Le granulometrie, per entrambi i depositi, sono variabili dal letto al tetto della sequenza sabbiosa; normalmente si hanno clasti di maggiori dimensioni in basso che evolvono verso l’alto a granulometrie di sabbia fine. La presenza di resti organici, in particolare arborei e vegetali, viene spesso attribuita a tsunami, ma molti geologi non concordano con questa teoria, elaborata da alcuni americani.

Da non dimenticare l’orientazione di questi resti: il ramoscello infatti, si orienta in base alla corrente principale, come nelle icniti (impronte rocciose) dei depositi fluviali: il meccanismo fisico è esattamente lo stesso. Le tempestiti, al contrario delle tsunamiti, non sembrano essere molto estese nell’entroterra; inoltre presentano variazioni granulometriche minori, addirittura alcuni depositi si presentano con un certo grado di laminazione (meno di un centimetro). Queste lamine, nello specifico di analisi al microscopio, sembrano essere costituite prevalentemente da film algale che intrappola letteralmente, come una carta moschicida, il sedimento.

12243308_10206444300604860_3607064335879274867_n

Hummocky Cross Stratification (HCS)

Mentre, per quanto riguarda le successioni rocciose antiche (dai 3 ai 450 milioni di anni) e l’identificazione al loro interno di tempestiti e tsunamiti (nonché addirittura le rarissime sismiti, dovute a particolari terremoti) un buon indicatore di campo è la Hummocky Cross Stratification (HCS), ai geologi italiani meglio nota come stratificazione incrociata gibbosa (o anche monticolare, come pure concavo-convessa). Si tratta di una stratificazione ondulata degli strati di roccia che molti sedimentologi attribuiscono al paleo flusso oscillatorio del moto ondoso a cui va sommata l’azione delle paleo correnti generate dal passaggio di una tempesta molto potente. Inoltre queste particolari stratificazioni hanno la caratteristica di essere lievemente inclinate a formare una convessità, appunto, con angoli di circa 10 o 15 gradi, non oltre (eccetto per deformazione post deposizionale).

12249736_10206444315165224_1748936377759611733_n

Tempestite, dal Nepal

Ma la tempestite, stricto sensu, raggiunge la sua massima deposizione volumetrica di sedimento quando le onde di tempesta sono in fase calante. Le tsunamiti, al contrario, si distinguono grazie a superfici erosive alla base della HCS, che e’ comune, in definitiva, ad entrambe le tipologie di rocce. Come si evince queste analisi sono relativamente semplici da eseguire su depositi moderni, ma sono molto difficili per depositi antichi, di stampo prettamente roccioso. Talvolta si può giungere alla soluzione dell’enigma aprendo lo sguardo alle formazioni rocciose in un più largo areale, studiando fenomeni tettonici (faglie e sequenze di subsidenza) collegati a terremoti passati, che possono far attribuire il deposito in studio a una tsunamite piuttosto che a una tempestite. A ciò va naturalmente allegato un attento studio dei fossili e dei microfossili, nonché attente analisi sui pollini e sui paleosuoli della zona (altri indicatori importanti). Ma bisogna essere scientificamente accorti a non commettere errori grossolani.

Come sempre per tutti i miei articoli, rimando a testi scientificamente più competenti e completi, in particolare consiglio volumi di sedimentologia, stratigrafia e interpretazione di facies. L’argomento è molto complesso e va studiato in concerto con analisi dei depositi costieri, coralligeni e tidali.

aaronne colagrossiAaronne Colagrossi

print
(Visited 192 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Francesco Luzzu Francesco Luzzu
    28/11/2015    

    La geologia non è il mio pane quotidiano per cui non son colto in materia ma questo articolo è riuscito ad incuriosirmi senza annoiarmi, letto tutto d’un fiato, complimenti come sempre.

    • Aaronne Colagrossi Aaronne Colagrossi
      30/11/2015    

      Ti ringrazio, sei gentilissimo. Ne pubblicherò altri.
      Cordialmente,
      Aaronne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share