Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Cina e Arabia saudita verso una nuova partnership politica e commerciale?

tempo di lettura: 5 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: GOLFO PERSICO
parole chiave: Cina, Arabia Saudita, Stati Uniti

 

Durante gli incontri dell’8 dicembre a Riyadh, Arabia Saudita e Cina hanno firmato un “accordo di partenariato strategico globale” che ha sancito l’avvio di legami sempre più profondi fra i due Paesi.

Il leader cinese Xi Jinping ha incontrato a Riad il principe ereditario Mohammed bin Salman, sovrano assoluto dell’Arabia Saudita, accolto in maniera particolarmente calorosa. Il Presidente Xi ha annunciato “una nuova era” nei legami cino-arabi, annunciando nuove partnership commerciali in diversi settori. Questo avvicinamento tra i due grandi Paesi ha sollevato perplessità da parte degli Stati Uniti, storico alleato di Riad nel golfo, intravedendo nelle dichiarazioni ufficiali alcune possibili situazioni di imbarazzo se non di frizione. 

Durante i colloqui, Xi Jinping ha dichiarato che lavorerà per acquistare petrolio e gas in yuan, in linea con l’obiettivo cinese di stabilire la propria valuta a livello internazionale; di fatto una mossa tesa ad indebolire la “supremazia” del dollaro USA sul commercio mondiale. La Cina “farebbe anche pieno uso della Shanghai Petroleum and National Gas Exchange come piattaforma per effettuare il regolamento in yuan del commercio di petrolio e gas”. Una affermazione forte che troverebbe riscontro da parte saudita che, prima di questi colloqui, aveva dichiarato alla Reuters che se la decisione di vendere piccole quantità di petrolio in yuan alla Cina avrebbe potuto avere senso per pagare direttamente le importazioni cinesi, “non era ancora il momento giusto” in quanto la maggior parte delle attività e delle riserve dell’Arabia Saudita sono in dollari, inclusi più di 120 miliardi di dollari di titoli del Tesoro statunitensi detenuti da Riyadh. Inoltre il riyal saudita, come altre valute del Golfo, è ancorato legato al dollaro. Va ricordato però che Riyadh aveva minacciato di mettere in dubbio l’impiego del dollaro statunitense a fronte della possibilità che la legislazione USA esponesse i membri dell’OPEC a cause antitrust. Qualora si concordasse l’introduzione del yuan nei pagamenti petroliferi, sarebbe una decisione politico-economica sismica per i mercati internazionali, che vedono ancora il dollaro statunitense come valuta principale di scambio.

Una nuova era di collaborazione
Durante la visita di Xi Jinping, che ha incontrato anche gli altri Stati del Golfo, partecipando ad un vertice più ampio con i leader dei paesi della Lega Araba, sono stati effettuati approfondimenti sui legami economici tra i due Paesi. Xi Jinping ha de facto sottolineato il peso regionale del principe saudita che cerca partnership al di là degli “stretti e storici legami” con l’Occidente, ed inviato chiari messaggi sulla necessità di “non interferenza” da parte occidentale nelle politiche nazionali. Una questione che ha sicuramente favorevolmente toccato i tasti del Principe saudita in un momento in cui i rapporti tra Riyadh e Washington sono stati messi alla prova dalle diverse visioni su diritti umani, politica energetica e Russia.

Non a caso, durante i colloqui, Riyadh ha ribadito la sua adesione al “principio della Cina unica“, in base al quale la Repubblica popolare cinese (RPC) è l’unico governo legale e Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese. A sua volta, Pechino “ha affermato la sua opposizione a qualsiasi azione che possa interferire negli affari interni del Regno dell’Arabia Saudita”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2020-rapporti-cina-arabia-.jpg

il diagramma mostra i rapporti import-export tra Arabia Saudita e Cina nel 2020. Nel settembre 2022, la Cina ha esportato 3,43 miliardi di $ e importato 6,81 miliardi di $ dall’Arabia Saudita, con un saldo commerciale negativo di 3,39 miliardi di dollari statunitensi. Tra settembre 2021 e settembre 2022 le esportazioni della Cina sono invece aumentate di $ 1,07 miliardi (45,1% passando da $ 2,36 miliardi a $ 3,43 miliardi), mentre le importazioni sono aumentate di 1,51 miliardi di $ (28,5% da $ 5,3 miliardi a $ 6,81 miliardi) – Fonte The Observatory of Economic Complexity | OEC

In estrema sintesi, le due parti hanno sottolineato l’importanza della stabilità nei mercati petroliferi mondiali, concordando di esplorare opportunità di investimento nel settore petrolchimico, nonché nelle fonti di energia rinnovabile. Ricordo che la Cina è il più grande importatore mondiale di petrolio greggio, per il quale dipende fortemente dall’Arabia Saudita ma è anche il maggiore produttore di pannelli solari del mondo, imponendo una tecnologia che, nonostante la sua resa sia ancora insufficiente, è molto appetibile agli occhi delle masse. Xi Jinping ha accolto con favore il coinvolgimento delle società saudite in varie partnership energetiche e di investimento nell’ambito della Belt and Road Initiative cinese che migliorerà “la posizione del Regno [saudita] come centro regionale per le società cinesi“. Un nuovo tassello nella politica di Pechino per il III millennio.

 

Una partnership che ha innervosito gli Stati Uniti
All’inizio dei colloqui di venerdì, il principe Mohammed ha annunciato una “nuova fase storica delle relazioni con la Cina“, in netto contrasto con gli ultimi imbarazzanti incontri tra Stati Uniti e Arabia Saudita quando il presidente Joe Biden, cinque mesi fa, partecipò a un vertice arabo a Riyadh. In merito alle relazioni dell’Arabia Saudita con Washington, alla luce della nuova vicinanza verso Pechino, il ministro degli Esteri, principe Faisal bin Farhan Al Saud, ha dichiarato che l’Arabia Saudita continuerà a lavorare con tutti i suoi partner in quanto non considera si tratti di una situazione in cui guadagno o perdita di un partecipante sia perfettamente bilanciato da una perdita o un guadagno dell’altro in un consuntivo uguale e opposto (a somma zero). In altre parole, “Non crediamo nella polarizzazione o nella scelta tra le parti“, ha ribadito il principe Faisal durante la conferenza stampa dopo i colloqui.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è arabia-cina-investimenti-2022.jpg

Sebbene l’Arabia Saudita e la Cina abbiano firmato diversi accordi di partnership strategica ed economica, gli analisti ritengono che le relazioni rimarranno ancorate principalmente agli interessi energetici, sebbene le aziende cinesi abbiano di fatto esplorato eventuali cooperazioni in altri settori come quelli tecnologici e delle infrastrutture, rafforzando tra l’altro l’ipotesi di una cooperazione anche nel ramo dell’energia nucleare civile. Nel campo tecnologico, l’Arabia Saudita ha recentemente concordato un memorandum d’intesa con il gigante tecnologico cinese Huawei sul cloud computing e sulla costruzione di complessi high-tech nelle città saudite. Huawei infatti ha partecipato allo sviluppo di reti telefoniche 5G negli Stati del Golfo nonostante le vive preoccupazioni degli Stati Uniti su un possibile rischio per la sicurezza nell’utilizzo di quella tecnologia.

Xi Jinping ha affermato che Pechino continuerà a importare grandi quantità di petrolio e gas naturale liquefatto dai paesi arabi del Golfo, aggiungendo che i loro Paesi sono partner naturali che coopereranno ulteriormente nello sviluppo delle risorse energetiche.

Ci possiamo domandare se, come annunciato da Xi Jinping, questa sua visita apra veramente una nuova era nelle relazioni arabo-cinesi, che aggraverebbe il presunto momento di crisi dei rapporti tra l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti. Un duro colpo per Biden la cui politica estera continua a non essere chiara che non fa comprendere quale potrebbe essere il ruolo degli Stati Uniti in un mondo sempre più multipolare. La perdita di influenza nel Golfo dovrebbe preoccupare Washington che ha ancora molti interessi, sia politici che economici, nell’area ed è, tra l’altro, il maggiore fornitore di armi per Riyadh.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è esportazioni-armii-in-arabia-1024x545.jpg

Un altro punto interessante potrebbe essere come la Cina potrebbe gestire i rapporti tra Iran e Arabia Saudita, tradizionalmente non ottimali (sebbene in avvicinamento), che costringerebbe il Dragone a tenere un piede in due scarpe. Ma questo potrebbe non essere un problema.

Andrea Mucedola

in anteprima: incontro tra Cina e Arabia Saudita (26) Post | LinkedIn

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 133 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
17 visitatori online
17 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 28 alle 09:57 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x