Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Siamo arrivati a 8 miliardi sul Pianeta … dove stiamo andando?

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: demografia, popolazione mondiale

 

Sebbene i demografi non potranno mai esserne sicuri, è stato annunziato dai media che il 15 novembre l’Umanità ha raggiunto la cifra di otto miliardi di individui. Al di là del numero, che appare tanto impressionante quanto aleatorio, che cosa significa? Ben poco, in quanto quello che conta è il trend di crescita che, come già previsto in passato, sta di fatto riducendosi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è popolazione-mondiale.jpg

Fino a che punto aumenterà la popolazione globale?
Questa è una domanda complessa in quanto fino ad oggi i ricercatori si basavano su stime che sono poi risultate non corrette. Per assurdo la cifra degli otto miliardi potrebbe essere la più attendibile che l’ONU abbia prodotto finora. L’organizzazione ha recentemente cambiato il modo in cui analizza i dati, passando da intervalli quinquennali a intervalli annuali. In particolare, c’è stato un costante miglioramento negli ultimi decenni nella capacità di molti paesi di raccogliere valori statistici. Se questo è vero per i Paesi più industrializzati non può essere similarmente attendibile per i paesi che stanno attraversando crisi e conflitti umanitari, come la Somalia, lo Yemen e la Siria.

Stime divergenti ma c’era da aspettarselo
Il rapido aumento della popolazione nel corso del ventesimo secolo è stato guidato dai progressi della sanità pubblica e della medicina, che hanno permesso a più bambini di sopravvivere fino all’età adulta. Allo stesso tempo, i tassi di fecondità (definiti come il numero medio di figli per donna) si sono ridotti nei Paesi più industrializzati, ma sono aumentati o comunque rimasti elevati nei Paesi del terzo mondo.

I demografi sono particolarmente interessati a determinare con precisione i tassi di fertilità, perché questi fattori possono far prevedere ciò che accadrà alla popolazione globale in futuro. Le differenze nei tassi di fertilità hanno creato una notevole deviazione percentuale da ciò che vari modelli avevano previsto in precedenza per la popolazione mondiale nel 2100 che suggerivano uno spread compreso tra 8,8 miliardi e quasi 11 miliardi. Interessante è l’aspettativa di vita maggiore nei Paesi più industrializzati che però hanno nel contempo una minore fertilità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è crescita-popolazione-per-fasce-eta.jpg

Tra i Paesi più incisivi a livello demografico abbiamo la Cina, e ci si domanda quando si raggiungerà il picco della popolazione cinese. Sulla base delle previsioni delle Nazioni Unite i dati provenienti dalla Cina sono oggi più affidabili dalla fine della politica “del figlio unico” avvenuta nel 2015. E’ infatti emerso che molte famiglie, in particolare con la nascita di una femmina, non registravano il parto, per cui molti bambini non venivano considerati nelle statistiche ufficiali fino a quando non iniziavano a frequentare la scuola dell’obbligo. Secondo Nature, le previsioni delle Nazioni Unite suggeriscono che la popolazione cinese ha già raggiunto il suo picco e si ridurrà di anno in anno, almeno fino alla fine del secolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è crescita-popolazione-mondiale.jpg

Per gli altri Paesi il trend potrebbe essere ben diverso
Il cambiamento è dovuto ai tassi di sopravvivenza osservati che stanno aumentando nei Paesi a basso reddito grazie ad una minore mortalità infantile. Un altro fattore da considerare sono i tassi di fertilità che in alcuni grandi Paesi, incluso il Pakistan, stanno crescendo. Nei prossimi dieci anni la popolazione dell’India supererà quella della Cina che, come premesso tenderà invece a scendere.

Di fatto l’Asia è oggi il continente più popoloso, in cui vive circa il 60% degli abitanti della Terra ma che potrebbe essere raggiunto, entro il 2100, dall’Africa. Per dare un’idea: oggi circa un sesto della popolazione mondiale vive in Africa, nel 2050 la quota sarà di un quarto ed alla fine del secolo, un abitante su tre al mondo sarà africano. In pratica su tre, uno sarà asiatico, uno africano e l’ultimo suddiviso su Europa e continente americano. Le popolazioni del Nord America e Europee tenderanno a diminuire dal 2030.

Nel 2018, l’International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA) di Vienna aveva previsto che la popolazione mondiale sarebbe stata di circa 9,5 miliardi nel 2100. L’Istituto sta ora preparando un aggiornamento, che molto probabilmente  modificherà tale stima tra 10 e 10,1 miliardi per poi iniziare una fase di riduzione. Questo è fondamentale, non solo per fornire una solida base da cui partire per proiettarsi in un lontano futuro, ma anche per sviluppare politiche attuali nella pianificazione degli strumenti da adottare a seguito delle future emergenze. Basti pensare alla recente pandemia, in cui la valutazione degli stock vaccinali è stata errata. Inoltre, per necessaria valutazione della distribuzione delle risorse e la previsione di medio e lungo termine del lavoro in determinati settori (educazione, sanitario, terziario, etc.).

Non ultimo la distribuzione delle risorse per cercare di mitigare fenomeni incontrollati di migrazioni di massa da aree necessitanti di supporto verso i Paesi più fortunati, di fatto creando fenomeni sociali destabilizzanti.  Risposte definitive non ci sono ma si ritiene che il fenomeno migratorio interesserà principalmente India, Nigeria, Congo, Pakistan, Etiopia, Tanzania, Uganda e Indonesia dove ci si aspetta una forte crescita demografica. Questa migrazione, se non controllata, porterà ad una drastica riduzione delle risorse con un alta possibilità di conflitti sociali. E … la prima linea di scontro avverrà sul mare.

in anteprima: stima della crescita mondiale – autore Alexchris Distribution of Population growth.png – Wikimedia Commons

Riferimento

World population hits eight billion — here’s how researchers predict it will grow (nature.com)

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 154 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
14 visitatori online
14 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 26 alle 10:55 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x