Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La Flotta italiana nella guerra di Libia – parte II

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Regno di Italia, Sublime Porta, Libia

 

Nell’autunno del 1911, i due Capi di Stato Maggiore, il tenente generale Pollio e l’ammiraglio Rocca Rey, iniziarono a considerare la possibilità di effettuare delle operazioni militari contro le coste turche, per intimidire la Sublime Porta. Il problema maggiore fu individuato negli effetti collaterali e, in una riunione tenutasi il 9 novembre 1911, i vertici della Regia Marina e del Regio Esercito convennero sulla necessità di conciliare le esigenze militari con la politica interna ed estera, in particolare tenendo in considerazione i complessi vincoli internazionali.

Questi erano legati al fatto che l’Impero austriaco non avrebbe accettato eventuali operazioni nei Balcani e la Russia non avrebbe gradito operazioni nei pressi degli stretti per evitare il blocco del traffico commerciale dal e al Mar Nero. Le altre potenze erano invece più interessate alle ricadute nel Mediterraneo nel caso si fossero accesi dei conflitti nell’Egeo. Una preoccupazione reale visto che, come vedremo, il 18 marzo 1912, l’Ammiragliato britannico esortò la Marina Francese a dislocare navi militari nell’area in supporto a quelle inglesi. 

Nell’ambito italiano le opzioni strategiche possibili potevano essere una dislocazione di un gruppo navale nel Dodecaneso in ruolo di deterrenza o di incursione contro strutture costiere, includendo l’interruzione della linea ferroviaria Costantinopoli‐Salonicco, ma non prendevano in considerazione l’occupazione di aree diverse dalle Sporadi.

Dopo l’emanazione del regio decreto 1247 del 5 novembre 1911, con il quale Tripolitania e Cirenaica furono poste unilateralmente sotto piena sovranità italiana, si ipotizzò quindi un’azione dimostrativa in prossimità dei Dardanelli, mettendo fuori uso il sistema di fortificazioni ottomane sulle due rive dello Stretto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dardanelliYY-1024x420-2.png

Le informazioni raccolte avevano stimato la presenza di almeno 40 cannoni di calibro non identificato all’altezza della penisola di Gallipoli, mentre 36 cannoni da campagna da 90 mm erano stati dislocati in vari punti della costa litoranea. La flottiglia turca era costituita da numerose torpediniere e campi minati con torpedini a contatto e pericolose reti d’acciaio contro navi e sommergibili. 

Inutile dire che la presenza di campi di torpedini ormeggiate era particolarmente insidiosa, in particolare se sotto il fuoco della cortina di forti ottomani che, da una, sponda e dall’altra, proteggevano o potevano ostacolare il passaggio di un gruppo navale. Il settore dell’intelligence navale ottenne l collaborazione di un capitano di un mercantile della Compagnia di Navigazione Khediviale che si offrì di scortarli nel percorso.

Lo scopo dell’operazione, che puntava sull’effetto sorpresa, era di infliggere danni alla flotta turca ormeggiata al di là dello Stretto, o, in caso di avvistamento, istigarla al combattimento, facendo conto sulla superiorità qualitativa e quantitativa italiana che avrebbe potuto infliggere seri danni alle unità turche. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è paolo_thaon_di_revel.jpg

Paolo Thaon de Revel

La battaglia di Beirut
Il 20 febbraio del 1912, l’allora contrammiraglio Paolo Thaon de Revel ricevette l’ordine di intercettare e distruggere due unità della marina militare turche dislocate a Beirut: l’incrociatore corazzato Awn illah, di 67 metri di lunghezza per oltre 2.300 tonnellate di stazza, armato di 4 cannoni di medio calibro, 16 di piccolo calibro e un lanciasiluri, e della torpediniera Angora, di 167 tonnellate, armata con due cannoni e due lanciasiluri. Gli incrociatori italiani Giuseppe Garibaldi (comandante, capitano di vascello Mattia Giavotto), l’incrociatore Francesco Ferruccio (comandante, capitano di vascello Michelangelo Leonardi) si presentarono davanti al porto libanese di Beirut la mattina del 24 febbraio, intimando l’immediata resa. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Italian_cruiser_bombarding_in_Beirut_Harbour.jpg

Non ricevendo risposta, alle 09:00 fu aperto il fuoco ed un siluro italiano affondò la torpediniera Angora, provocando 50 vittime.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BattleOfBeirut1912.jpg

l’attacco a Beirut

L’azione fu subito condannata dalla Francia, temendo il crescente controllo della marina italiana nell’area orientale che avrebbe potuto danneggiare il suo flusso commerciale. Cosa non lontana dalla realtà in quanto, tra il 15 e il 18 gennaio del 1912, la Regia Marina italiana aveva perquisito due piroscafi francesi in rotta da Marsiglia a Tunisi per il sospetto di contrabbando di armi a favore della Sublime Porta. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è carthage-piroscafo-francese-guerra-di-libia.jpg

il piroscafo francese Carthage dirottato in porto a Cagliari, sullo sfondo la torpediniera che lo aveva dirottato

In effetti su il primo, il Carthage, dirottato a Cagliari per essere ispezionato, era stato trovato un aeroplano. Sulla stessa rotta fu intercettato l’altro piroscafo transalpino, il Manouba, con a bordo 29 sudditi turchi, fermati perché ritenuti medici e ufficiali dell’esercito sultanale. La reazione del ministro francese Poincaré fu dura in quanto accusò l’Italia colpevole di attuare una politica illegale di danneggiamento dei traffici marittimi francesi.

Il governo italiano, temendo l’incrinarsi dei rapporti con la Francia ed il consenso internazionale, alla fine rilasciò gli ostaggi turchi. In seguito fu confermato che si trattava di rinforzi medici e militari in favore della Turchia. L’intelligence italiana aveva funzionato bene.

Fine parte II – continua

Andrea Mucedola

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II.

PARTE III PARTE IV

PARTE V PARTE VI

 

Riferimenti

Antonello Battaglia, Il Dodecaneso italiano. Una storia da rivisitare, Eurostudium , 2010

Mariano Gabriele, La Marina nella Guerra Italo-Turca, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1998

Causa, La guerra italo‐turca e la conquista della Tripolitania e della Cirenaica, dallo sbarco di Tripoli alla pace di Losanna, Salani, Firenze, 1912

Manfroni, Guerra italo ‐ turca (1911‐1912). Cronistoria delle operazioni navali, II (Dal decreto di sovranità sulla Libia alla conclusione della pace), Roma, Stabilimento Poligrafico Editoriale Romano, 1926

Colliva, Nebbie e spie nei Dardanelli. Aspetti sconosciuti e dimenticati della guerra di Libia e dell’impresa di E. M. (1911-1912), in Bollettino d’archivio dell’Ufficio storico della Marina Militare, XX (2006)

print
(Visited 228 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »