Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’altro 11 settembre … nel 1683

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA:  EUROPA
parole chiave: Ottomani, Vienna

 

L’11 e 12 settembre del 1683 si svolge vittoriosamente per le forze euro-cristiane la battaglia di Vienna, guidate soprattutto dal re della Confederazione polacco-lituana Giovanni III Sobieski. Fu il secondo ed ultimo assedio che l’esercito ottomano, guidato da Kara Mustafa Pascià, portò alla città.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-Kara_Mustafa_Pasha-665x1024.jpg

Kara Mustafa Pascià fu un militare e politico ottomano, gran visir dell’Impero ottomano nel periodo in cui l’Impero di Istanbul tentava per un’ultima volta di espandersi nelle regioni dell’Europa orientale

La portata di tale sconfitta non è chiarita dall’esito, poiché anche un’eventuale vittoria non avrebbe fruttato il risultato desiderato dalla traiettoria geopolitica che l’impero ottomano stava performando. Il primo errore ottomano fu quello di immaginarsi romano, il secondo di fraintendere il centro sia spirituale che materiale della potenza romana, il terzo sottovalutare il principale nemico della propria postura, i Russi, proprio perché l’attenzione e l’energia delle forze ottomane erano centrate su un asse sbagliato.

Primo errore
La conquista di Costantinopoli era il punto simbolico più alto dell’immaginario ottomano, intento a compiersi non in quanto turco-anatolico, ma in quanto erede dell’impero romano-bizantino. Reincarnazione della seconda Roma (i sultani dopo la presa della città si titoleranno anche Qaysar-i Rum, Cesare dei Romei), la direttrice viene supposta essere la conquista prioritaria dell’occidente, dai Balcani fino al profondo nord europeo, per prendersi le terre di Roma e che chiamerà poi Rumelia. Fino a Vienna, ennesima e mai ultima mela d’oro, ideale compimento imperiale.

Ma un impero fatto dai Turchi non può essere romano, dev’essere turco.

Non comprendono che la difesa è la principale area di espansione di un impero, terre profonde, dove tenere il nemico lontano dal proprio cuore anatolico, che invece gli ottomani immaginano ancora di dover raggiungere nei Balcani, a Vienna e poi a Roma, e ovunque in un occidente, che non può però appagare le loro esigenze difensive.

Secondo errore 
Il secondo sbaglio fu il pensare che Roma fu grande per il dominio delle rotte terrestri; immaginarlo come un impero omogeneo perché terragno. Certo Roma fu grande per ciò che fece in terra, ma lo fu di più quando fece il salto verso il mare quando omogeneizzò, conquistandolo, tutto il Mediterraneo, dando centro e unità ovvero solidità. Immedesimarsi in Roma avrebbe implicato comprendere che la prima linea rossa della difesa anatolica sarebbe stato il dominio dei mari, che la penisola anatolica sarebbe divenuta una nave nel Mediterraneo, che nelle sue acque riposava il compimento imperiale turco, la mitica Kizilelma, la mela rossa, la mistica saggezza del mistero imperiale, ovvero la capacità, che diventa diritto, di dominare armonicamente il mondo.

Mistero iniziato migliaia di anni prima, quando i Turchi immaginano i prototurchi scendere dai monti Altay. Discesa che sancisce l’inizio di una marcia, marcia che traduce un destino e un diritto ad essere ecumenici in quanto dominatori. Nel Mediterraneo si difende l’Anatolia, nel Mediterraneo si compie spiritualmente, cioè si fa imperiale. Questa è l’unica declinazione dell’eredità romana che sarebbe stata accessibile alla ambizioni e allo strumentario mitico turco. È una marcia che sbaglia sentiero, che non raggiunge la sua anima, ma solo un pò di terra in più, mai sufficiente a farsi spirito, per permettere ai turchi di diventare se stessi.

Terzo errore
I turchi non si accorgono che una Roma più letale sorge nel freddo nordico, Mosca. Paradossalmente è proprio l’errore dell’incompiutezza ottomana a permettere ai Russi di farsi impero, in risposta allo loro ancestrale paura dell’elemento turco, che immaginano come reincarnazione di quello mongolo, per secoli oppressore brutale dei Russi. Per comprendere l’asimmetria delle rispettive percezioni, per i Turchi i Russi non sono altro che uno dei popoli del nord. Non comprendono che, se sorgesse un impero russo, le sue ambizioni imperiali sarebbero quasi identiche a quelle turche. I Turchi stessi non si percepiscono come reincarnazione dei Mongoli, ma popolo che ne è stato vittima. Per assurdo, resistendo al grande nemico dei Russi, si è instillata in essi l’idea di essere la replica del vecchio mostro. Linea percettiva insuperabile per i Russi che rispondono con guerre brutali non in nome dell’ingrandimento ma in nome del fatto che, se l’unico modo reale di sconfiggere un nemico mortale è reincarnarsi in esso (come i Turchi, essi credono, hanno fatto con i Mongoli) allora i Russi lo faranno con i Turchi.

I Russi non vogliono solo sconfiggere i Turchi, vogliono eradicarli dalla terra e dalla storia. Per questo le terre abitate dai Turchi non saranno solo conquistate, ma colonizzate, abitate dai russi, proprio per reincarnarsi in quelle terre e per questo stesso motivo i russi vogliono arrivare in Anatolia e a Istanbul, per disintegrare l’ultimo stato dei turchi esistente. Guerra mortale, che i Turchi, poiché ottomani, non percepiscono, se non quando non hanno più le forze per vincere, ormai impegnati a difendere i territori anti-strategici di Ungheria e Transilvania.

Inizia così la battaglia strategica suprema per il dominio dell’Ucraina, e più ancora per tutto lo spazio fra Carpazi e Caucaso. I russi infatti capiscono prima dei turchi che il Caucaso e la stessa Crimea non sono sufficienti. Serve tutto l’ulug yurt, l’occidente turco-mongolo, per stringere in una tenaglia, dai Balcani al Caucaso, Istanbul. Dominare questo spazio deciderà chi sarà la vera potenza esterna dell’Europa e chi ne dominerà la periferia. I Russi comprendono che tali terre sono necessarie per arrivare a Istanbul. Per i Turchi invece il Mar Nero e le sue coste nordiche non sono il centro di un asse strategico. A nord immaginano come principali nemici, i Tartari di Crimea, non i Russi, che nella Crimea vedono la rampa di lancio verso gli Stretti dei Dardanelli, tramite il Mar Nero e, prima ancora, capaci di sovrapporre strategia materiale e autocoscienza simbolica, la postazione avanzata di difesa del cuore russo.

Materia e spirito si diceva, e gli Ottomani perdono entrambe a nord del Mar Nero. Nel 1552 Ivan IV si proclama ulug khan, il titolo dei sovrani dell’Orda d’oro (il khanato mongolo-turchizzato), con ciò immaginando di scippare la reincarnazione mongola ai Turchi (già nel 1547 è il primo granduca russo a proclamarsi zar – cesare – di Russia), ma concretamente ottenendo il nome simbolico di cosa sia il dominio in quelle terre.

La Russia riesce non solo ad essere la potenza esterna dell’Europa, ma essere europea e contribuisce, insieme a tanti altri fattori, a schiacciare nell’immaginario europeo il turco come altro per eccellenza, nemico assoluto. I titoli di zar e ulug khan sono il primo passo della marcia per il possesso della steppa occidentale e per riprendersi legittimamente Roma-Costantinopoli-Istanbul.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ottoman-empire-1024x814.jpg

La situazione geopolitica del XVII secolo
È il 1683, il disastro ottomano a Vienna appetisce i Russi. Alla fine del secolo la Crimea è circondata, ma non viene annessa ai Russi immediatamente (Canato di Crimea), perché appunto da sola non basterebbe. Perché è spada sugli Stretti, come essi lo sono su di lei e sul cuore russo, ma di fatto è soffocata e verrà assorbita nel 1783, quando da quasi un secolo, con il trattato di Istanbul del 1700 (a Carlowitz nel 1699 i russo-ottomani si limitano a deporre le armi momentaneamente) la Russia si vede attribuita l’Ucraina.

Con quello di Küçük Kaynarca del 1774, l’impero ottomano riconosce di fatto alla Russia il dominio su tutte le terre a nord del Mar Nero, antipasto del dominio russo su tutta la terra tra Dniestr e Don, l’area che copre i fianchi della Crimea e completa il bastione difensivo russo. L’Ucraina compie tutto e permette di fare tutto. Senza, l’impero ottomano potrebbe rendere insostenibile la permanenza russa nella stessa Crimea. Con il possesso dell’Ucraina si aprono i Balcani alla Russia e sorge la tenaglia balcanico-caucasica russa su Istanbul. Nel 1878 i Russi hanno l’esercito alle porte della città. L’impero ottomano si dissolve con la prima guerra mondiale … ma anche quello russo.

L’impero ottomano avrebbe dovuto portare l’impero sul Mar Nero e sulle sue coste, nei mari, ovvero la sua difesa strategica, ma per farlo avrebbe dovuto prima ancora capire la portata geopolitico-strategica del dominio del Mediterraneo e del valore della talassocrazia in generale. L’impero si fa sui mari perché lì si fa la potenza. Non farlo ha impedito alla percezione turca di chiudere il Mar Nero ai russi, ostruendo così soprattutto la via balcanica e l’asse Crimea-Dardanelli.

1683-2001
Se il 1683 segna l’inizio della controffensiva vittoriosa delle potenze europee e il declino dell’impero ottomano, pur rimanendo esso ancora potente per molto tempo, si può dire che l’11 settembre 2001 segni l’idea che superpotenza globale e vulnerabilità non siano in contraddizione. A sua volta la pessima gestione dell’affare afghano ha mostrato come le stesse possibilità offensive di una superpotenza non siano di per sé illimitate, soprattutto nella volontà imperiale di implementarle sine die. Il poliziotto di tutto il mondo sembra retrocedere ad amministratore del mondo che conviene difendere. Sul piano della narrazione americana non è l’inizio del declino, ma un disastro perlomeno retorico.

Ripensando al nostro 11 settembre, quello del 2001, e ai vent’anni passati dal primo colpo qaedista al ritiro americano dall’Afghanistan, non si può non vedere un’analogia fra le durate di questi cicli. Anche la battaglia di Vienna infatti scatena una reazione, anch’essa condotta con molta forza nel colpo iniziale e mal gestita nella sua continuità. Porta a più di quindici anni di conflitto, conclusosi con il trattato di Carlowitz del 1699.

L’accordo di Doha del 2018 segna a sua volta un ritiro americano da una sua zona strategica, come lo era l’Ungheria per i Turchi, ma i Turchi poggiano sul loro errore, gli americani se ne possono “disfare”.

Certo nel 1683 i Turchi e nel 2001 al Qaeda possono tanto, perché tanti sono i limiti delle potenze che vengono sfidate. In entrambi i casi la religione maschera politiche di potenza. È vero, papa Innocenzo XI nel 1683 chiama all’“ultima crociata” contro i Turchi, e nel 2001 gli estremisti islamici sperano in una crociata più anti-islamica che contro il terrorismo in sé, ma nel 1683 il cristianissimo francese Luigi XIV non esita a spingere i Turchi contro l’imperatore austriaco Leopoldo I, a sua volta geloso di Giovanni III di Polonia dopo la vittoria. Il fronte occidentale nel 2003 si sfalda nella sua componente europea di fronte all’invasione dell’Iraq. Perché appunto è in gioco la potenza, non la religione.

Andrea Forte

Pubblicato in origine su DIFESAONLINE

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

 

PAGINA PRINCIPALE

 

.

print
(Visited 155 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »