If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Come ti disegno la barca , “BIO vs OGM”: eredità e genetica dello scafo – parte I

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Costruzione navale, architettura
.

Premesse e considerazioni storiche
“Quaranta chilometri di deserto dividono di più gli uomini che cinquecento miglia di mare …”

Jules Verne, padre della moderna fantascienza e appassionato uomo di mare, considerava la barca il primo vero ed unico mezzo della civiltà e, tra le creazioni dell’ingegno umano, quella che combinava armonicamente esigenze tecniche, funzionali ed estetiche in un’unica espressione, al pari di diverse e straordinarie architetture della storia dell’Uomo. L’utilizzo di questo mezzo di trasporto si stima sia iniziato circa 6000 anni fa e nel corso di tutta la storia della navigazione, la forma dello scafo è stata sicuramente condizionata dai sistemi di costruzione, di propulsione, dall’uso cui la barca era destinata, dalle mode e anche dalla fantasia dei costruttori e dal sostanziale passaggio … dal remo alla vela.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mortasa-e-tenone.jpg

I primi natanti furono principalmente creazioni delle culture che le concepirono e ogni popolazione utilizzo i materiali a disposizione nell’ambiente. Nell’ “Architettura senza Architetti“, il Luogo (Topos) delle Arti appare spesso spontaneo ecasuale, ma ciò almeno in moltissimi casi non è vero. Questi lontani “Artefici” (non si pensi alla figura del progettista come noi oggi la conosciamo, ma comunque dobbiamo considerare saperi e conoscenze) delle scelte dei luoghi operavano sapienti “fondazioni“ dove la geologia, la latitudine, il clima e le risorse ambientali assumevano un ruolo importantissimo che a volte nel tempo, purtroppo, si è perso.

Il luogo dell’Arte e dell’ingegno e la scelta dello stesso
L’Arte navale, un tempo rispettosa dei propri limiti, per proteggersi e aprirsi al mare utilizzava semplici forme e intuitivi accorgimenti costruttivi compatibili con il sapere e con i principi “sani” (intesi come equilibrio e sostenibilità) per sfruttare, distribuire, convertire, accumulare e dissipare energia dal mare. Oggi, senza dover paradossalmente ricondurre tutto al legno, al giunco, alle pelli e alla natura nel suo significato più ampio e complessivo, non è più necessaria la massa, il peso e lo spessore a regolare e garantire vivibilità, comfort e sicurezza, bensì la leggerezza, la trasparenza, l’immaterialità dei nuovi materiali e delle tecnologie innovative.

Attraverso un attento “ritorno al futuro” possiamo oggi raggiungere, con i mezzi a nostra disposizione, l’espressione della vera contemporaneità, in un combinarsi di forme che ottimizzano sempre più l’impiego di risorse, minimizzano l’uso di materie distruttive, sostengono la riciclabilità, le fonti rinnovabili esauribili e la reintegrazione in una scala temporale umana. Nel lontano passato la zattera, il tronco scavato, i fasci di giunchi, la corteccia degli alberi e la pelle degli animali rigonfia d’aria furono le più remote tappe della prima fase nella tecnica di costruzione di scafi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è disegno-barche-2-1024x312.pngLo spirito di osservazione, la capacità di adattamento e il concetto della galleggiabilità venivano suggerite da tutto ciò che “nuotava”: rami, tronchi o animali marini e terrestri.

La progettazione delle barche era affidata solo alla tradizione e all’abilità pratica di Maestri d’ascia e non esistevano vere scuole di costruzione navale, schemi o regole consolidate (almeno fino al 1670 anno in cui il maestro d’ascia Anthony Dean pubblicò “ Dottrina dell’architettura navale“ e il 1883, quando venne istituita a Glasgow la prima cattedra di Architettura Navale). Tutto il sapere fino a queste date era tramandato oralmente dai maestri artigiani, i carpentieri.

Non esiste, a mio giudizio, un’unica linea evolutiva definita e nota nello sviluppo degli scafi delle imbarcazioni. In passato la trasmissione dei caratteri ereditari ha seguito un percorso tuttavia naturale, contestuale, di aggiornamento, oggi invece le basi morfologiche vengono “geneticamente modificate”, alterando il dna del patrimonio stesso con la licenza di aggiungere, eliminare o modificare la percezione del mezzo nautico, con significati spesso a me ancora non del tutto conosciuti o decifrabili!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fasciame-1024x663.png

Gli Egiziani non furono un popolo di grandissimi navigatori. L’eccezionale fertilità della loro terra li rese prima agricoltori e la mancanza di alberi di alto fusto (fatta eccezione per l’acacia, pessimo legno per costruire navi) li privò della materia prima per costruire buone e forti imbarcazioni. Nel IV millennio a. C. i Fenici (popolo semita insediato lungo le coste siriane tra il mare ed i monti del Libano e della Galilea, dove l’agricoltura era povera ma le montagne producevano alberi di alto fusto, soprattutto cedri di buona qualità) divennero presto buoni costruttori di imbarcazioni e ottimi navigatori nonchè padroni incontrastati del Mar Mediterraneo. Tra i più grandi e i primi maestri nell’architettura navale.

I Greci tra il VIII ed il VII sec. a.C. appresero soprattutto dai Fenici la costruzione delle navi ed i segreti della navigazione consentendo loro di conquistare successivamente tutto il Mediterraneo ed il Mar Nero. Al dominio dei Greci si sostituì, poi, quello dei Romani. Nella seconda metà del III sec. a. C. si affermava nel Mediterraneo occidentale il potere indiscusso di Roma.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The-Greek-Trireme-copy-1024x471.jpg

Tra il 1400 ed il 1500 d. C. alcuni grandi navigatori al servizio di stati europei compirono importantissimi viaggi di esplorazione al fine di individuare nuove rotte commerciali, contribuendo allo sviluppo e allo studio di tecniche costruttive e di ingegneria navale. Il primo paese che si dedicò alla navigazione oceanica fu il Portogallo (1487 Bartolomeo Diaz, 1492 Cristoforo Colombo, 1498 Vasco de Gama). L’America settentrionale venne invece esplorata dai veneziani Giovanni e Sebastiano Caboto (1497-1498), dal fiorentino Giovanni da Verrazzano (1524) e dal francese Jacques Cartier (1535) che si inoltrò nel Canada. Nel 1519 il portoghese Ferdinando Magellano, al servizio della Spagna, costeggiò l’America Meridionale. Le nuove scoperte geografiche dimostrarono ancora una volta che la nave costituiva il mezzo fondamentale di espansione, di conquista e poi di sviluppo dell’economia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è yacht-jules-verne-1024x416.png

Nel 1700 la costruzione navale adottò tecniche e metodologie di lavorazione più razionali ed economici. Il trattamento a caldo in sabbia umida del legno da curvare, sistemi per lo smaltimento delle acque dalle sentine, l’opera viva fu protetta da una fasciatura con lastre di rame, furono realizzati sistemi di areazione degli spazi interni e scafi con minore attrito al moto.

Tre innovazioni produssero notevoli cambiamenti alle costruzioni navali: la costruzione in ferro, l’impiego della macchina a vapore e la sostituzione dell’elica alla ruota a pale (l’idea dell’elica, ma solo l’idea, pur geniale, si deve comunque a Leonardo da Vinci 1452-1519). Queste fondamentali innovazioni (il ferro, la propulsione a vapore e l’elica) determinarono un notevole sviluppo degli scafi per dimensioni, forme, velocità e sicurezza.

 Fine parte I – continua

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 239 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »