If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Un mare di relitti tra i reef dello Yucatan

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: XVI-XIX SECOLO
AREA: CARAIBI
parole chiave: relitti, Yucatan, Messico

 

Il mare nasconde ma non ruba, anzi restituisce nel tempo testimonianze delle sue frequentazioni. Questa è la missione degli archeologi dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) messicano, diretto da Helena Barba Meinecke, che da oltre 15 anni stanno esplorando l’insidiosa barriera corallina di Alacranes.

Il reef si estende per circa 17 miglia con una larghezza di 13 miglia. La barriera si trova nei pressi di un piccolo arcipelago di cinque isole, l’isla Perez, abitata solo dal guardiano del faro, da un piccolo plotone della marina messicana e da gruppi di scienziati e pescatori, ed altre quattro disabitate, denominate Pajaros, Blanca o Chica, Muertos o Desertora e Desterrada poste all’estremità settentrionale della barriera corallina. Nei secoli, lungo la barriera, vi naufragarono decine di navi nonostante la pericolosità dei quel braccio di mare fosse nota sin dal XVI secolo e riportata nelle cronache di Gonzalo Fernandez di Oviedo, storico e naturalista spagnolo, il cui prestigio fu tanto notevole da essere nominato “Cronista oficial de las Indias” nel 1532 dal re Carlo V.

Una fascia di mare che possiamo definire uno scrigno di storia dove l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) messicano guidato dall’archeologa Helena Barba Meinecke conduce da anni ricerche subacquee, basandosi non solo sulle fonti storiche ma anche sulle conoscenze dei pescatori locali.

relitto del Forth

Nel giugno del 2013, dopo aver seguito diversi indizi subacquei, INAH scoprì i resti di una nave britannica del XIX secolo, la HMS Forth, uno dei battelli della linea Antilles della “Royal Mail Steam Packet Company“. Era la sera del 14 gennaio 1849 e il vapore era in rotta verso le Bermuda.

stampa del 1849 sull’affondamento del Forth

Per motivi sconosciuti, la nave urtò la barriera ed affondò spezzandosi a metà. Secondo i giornali dell’epoca, i naufraghi riuscirono comunque a raggiungere una piccola isola dell’arcipelago, a circa due miglia dal luogo del naufragio e, pochi giorni dopo, furono salvati dal battello a vapore Dee e trasportati in salvo al porto di La Habana, a Cuba. Seguendo questi seppur vaghi riferimenti storici, gli archeologi condussero delle eseguì ricerche sullo Scorpion reef e, ad una profondità di 18 metri, scoprirono diversi artefatti metallici. Sebbene ormai degradati e corrosi, furono identificati elementi delle caldaie, della sala macchine, assi, eliche e le ancore.

relitto del Forth

Di particolare interesse i resti del dritto di poppa, un elemento strutturale verticale posto a poppa di una nave e collegato inferiormente alla chiglia, che sostiene l’asse del timone, lo specchio di poppa e la parte più arretrata della poppa. Dalle sue dimensioni fu possibile calcolare che il relitto doveva avere un dislocamento di circa 1900 tonnellate. Dalle fonti risultò che nell’area vi erano stati altri naufragi: quello della l’HMS Tweed della Royal Mail Steam Packet Company” affondata nel 1847 e della nave belga Charlotte che affondò sei anni dopo, nel 1853, circa a 80 miglia a nord del porto di Progreso. Bisognava quindi continuare le ricerche.

l’intricata barriera della Alacranes

Lo Scorpion reef (Arrecife Alacranes) fu sempre considerato una zona pericolosa per la navigazione dove erano avvenuti numerosi naufragi già dal XVI secolo, provocati dalle barriere coralline, dai banchi di sabbia e dai piccoli scogli che emergono dal fondo del mare. A seguito del ripetersi di questi incidenti la nota compagnia assicurativa britannica Lloyd’s aveva anche finanziato la costruzione di un piccolo faro che per decenni guidò i marinai dall’isola Perez verso il largo.

acquarello del vecchio faro ora scomparso

Questo piccolo faro, andato perduto dopo una tempesta tropicale, è stato finalmente ritrovato grazie alla testimonianza di alcuni vecchi pescatori. Di certo un ritrovamento importante che può aiutare a dedurre i corridoi di transito dei mercantili in quella fascia di mare. Durante la ricerca sistematica sulla barriera è stato scoperto anche il relitto di un vascello da guerra olandese del XVIII secolo che, per l’abbondanza dei pezzi di artiglieria ritrovati  è stata soprannominato la nave dei “cannoni del Madagascar“.

Il naufragio di questa nave, oggi scoperta sotto uno strato di corallo spesso 15 centimetri circa 40 chilometri a nord-ovest di Sisal, era citato in una lettera scritta da Antonio de Cortaire, governatore dello Yucatán nel 1722. Il governatore, dopo aver appreso che due navi erano affondate nel febbraio di quell’anno, aveva scritto che i naufragi erano stati dovuti ai “venti del nord”. Gli archeologi hanno ritrovato quattro cannoni (da cui il nome del relitto), buttati in mare dopo che la nave si era arenata sulla barriera, forse nel disperato tentativo di alleggerirsi per disincagliarsi da quella morsa mortale.

Abbiamo registrato in disegno, fotografia e video un totale di 12 cannoni di ferro le cui dimensioni, 2,5 metri di lunghezza per quasi mezzo metro di diametro, hanno una somiglianza con l’artiglieria imbarcata sulle fregate di guerra olandesi che navigavano le Indie Occidentali nel XVIII secolo “, ha detto Barba Meinecke.

Helena Barba Meinecke

A circa 20 metri di profondità a sud-est di questi cannoni, gli archeologi hanno trovato altri otto cannoni e otto palle di cannone, oltre a numerosi frammenti di ceramica. Vista la grande densità di relitti nell’area non è ancora chiara la loro identità. Gli archeologi dell’INAH stanno ora esaminando i contenuti della nave nel tentativo di risolvere questo puzzle, un vero ago nel pagliaio.

Ma non è finita: nei suoi pressi sono stati ritrovati altri resti attribuiti ad un battello a vapore inglese, simile a quelli in servizio lungo il Mississippi. Al suo interno, numerosi oggetti della vita di tutti i giorni, manufatti particolarmente importanti perché parlano della vita quotidiana di bordo durante il diciannovesimo secolo.

Il lavoro sul campo è in corso da quasi 15 anni, e queste nuove scoperte sono solo un assaggio di quanto quella piccola area dei Caraibi contiene.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 213 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »