Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Dr Mitchell e la decompressione ottimale

Reading Time: 7 minutes

.

livello medio
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: immersioni, sicurezza, modelli decompressivi

 

Un amico, subacqueo professionista, mi ha inviato questo video del Dottor Simon Mitchell, che ho trovato molto interessante sia per la chiarezza espositiva che per il livello di approfondimento. Il metodo è quello scientifico: si citano documenti validati secondo peer review e si analizzano dati ed evidenze statisticamente significative.

La domanda alla base di tutta questa lezione è quale è il profilo migliore (in termini relativi) avendo fissato il tempo della decompressione? Semplificando, sono preferibili le tappe fonde a discapito di quelle più superficiali o viceversa?
Per chi è più avvezzo ai modelli decompressivi: meglio VPM-B (soste fonde) o Buhlmann ZHL16C?

Due sono le grandi categorie di modelli decompressivi: Haldaniani (Buhlmann su tutti, nella variante ZHL16C) e a bolle (Varying Permeability Model – VPM – B).  Il VPM è più recente e si concentra sul raggio limite delle bolle di inerte nei tessuti. I profili decompressivi che ne derivano prediligono le soste più fonde. Buhlmann lavora sulla massima sovrasaturazione ammissibile per tipologia di tessuto (lo ZHL16C ne contempla 16). Il VPM è sempre più utilizzato, anche in immersioni tecniche (uno dei software più diffusi per pianificare è appunto il V-planner), in ambito ricreativo molti adottano il RGBM (tipico di Mares e Suunto), parente stretto del VPM. Dal confronto di questi due modelli emergono considerazioni interessanti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nedu-paper.jpg

L’inglese del video è semplice, anche perché viene tradotto in tempo reale in polacco per la platea del seminario. Non è utilizzata matematica (e la cosa mi scoccia un pò), ma tanti grafici abbastanza intuitivi (posto gli screenshot più rilevanti). Il Dr Mitchell inizialmente descrive il concetto di sovrasaturazione (supersaturation), ovvero la maggiore tensione di inerte a livello tissutale rispetto l’ambiente esterno: tanto più la saturazione eccede quella ambientale, quanto più si rischia di incorrere in MDD. Di questa parte mi ha colpito l’area di sovrasaturazione, definita dal delta tra pressione tissutale e quella ambientale per il tempo necessario a degassificare. Purtroppo nella lezione non viene mostrata la funzione da integrare per ottenerla.

Il fermo immagine al 27esimo minuto ci regala il grafico della sovrasaturazione sui 16 tessuti di un ZHL16 (Zurigo – 16 tessuti). Il grafico con pressione tissutale ed ambientale (x) ci accompagna dal 29esimo al 59esimo minuto. Sullo stesso vengono plottati entrambi i profili (Buhlmann e VPM). Dalla loro sovrapposizione si capisce che il VPM predilige soste più numerose, brevi, e più in profondità, generando una spezzata che mai si avvicina troppo al limite di sovrasaturazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitch-6.jpg

Incidenze osservate e CI binomiale al 95% per DCS che richiedono la ricompressione secondo i criteri descritti in Temple et al. 14 sui due profili di immersione di prova non presente nel NEDU study.

Effetto similare si ottiene “forzando” il Buhlmann con un LGF (Low Gradient Factor) impostato su valori molto bassi 10, 20 come nell’esempio (20/90). Ricreare deep stop tipo VPM su un Buhlmann è una pratica abbastanza diffusa tra i tecnici, come ci racconta Mitchell. Lo screenshot del 50esimo minuto è proprio sul GF. Ma la convinzione di effettuare soste fonde è supportata da basi scientifiche? Tre studi ci dicono di no (elenco in calce). Su tutti il NEDU study (U.S. Navy Experimental Diving Unit (NEDU) uno degli studi più approfonditi di sempre sulla decompressione. Reso pubblico nel 2011 ha dato una bella spallata ai modelli a bolle. Con il VPM, su 198 tuffi in aria a 52mt per 30′, 10 (5%) hanno presentato segni più o meno importanti di MDD. Con Buhlmann scendiamo a 3 su 192, ovvero circa 1,5%.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitch-5.jpg

Sulla significatività statitistica mi è sorto qualche dubbio, confermato da un articolo proprio sulla potenza del test (nei link alla fine). Va comunque detto che le differenze ci sono, anche se la pericolosità delle prove ha sconsigliato frequenze più significative. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è di-ruzza-1.jpg

Grafico della sovrasaturazione tissutale. L’area in arancione rappresenta la sovrasaturazione (pressione tissutale >pressione ambientale) nel tempo.

Ma cosa è andato storto nel modello a tappe fonde?
Le evidenze rilevate dagli ecodoppler ci mostrano una maggiore sovrasaturazione dei tessuti lenti per il modello a tappe profonde. L’iniziale vantaggio per i tessuti veloci è più che compensato dal peggioramento di quelli lenti. Il dato più impressionante è che all’aumentare del grado di conservativismo la saturazione di Azoto rimane alta. Il VPM – B +7 infatti non migliora di molto le cose. Si passa quindi ad un confronto tra sovrasaturazioni, ovvero tra le aree definite dalla sovrappressione tissutale ed il tempo. Quindi delta (pTessuti-pAmbiente) x durata = mB/min (milliBar per minuto). Questo valore è considerato uno stimatore corretto del rischio di formazione di bolle, pertanto di MDD.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitch-11.jpg

Livelli di supersaturazione (mB/minuto) per differenti profili di risalita.

Il modello delle deep stop, coerentemente con i risultati precedenti, mostra un’area costantemente maggiore del ZHL16C.

Ora qualcuno potrebbe obiettare: ma non si parla di miscele per immersioni tecniche, quindi di Trimix. La combinazione di Elio ed Ossigeno è considerata addirittura terapeutica per alcuni cicli in camera iperbarica, per cui in immersioni tecniche le deep stop dovrebbero riguadagnare lo scettro. Invece no, Mitchell tratta anche il caso di immersioni più estreme di quelle considerate nel NEDU.

L’esempio è condotto su un’immersione ad 83 metri per 20′ con CCR SetPoint ad 1,2 e bottom gas 10/50. Viene paragonato un VPM-B +4 con un ZHL16C GF 40/74. Anche in questo caso l’ecodoppler traccia una maggiore sovrasaturazione per il VPM-B. L’analisi dell’area mB/min è ancora più chiara: decresce da VPM-B +4 a ZHL16C GF 10/82 a GF 40/74 fino a GF 66/66 (per chi si fosse perso: tanto più il primo numero di GF è basso, quanto più si prediligono le soste fonde).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitch-3.jpg

Esempio di utilizzo di un Gradient Factor 20/90 per aumentare le soste profonde

Quindi sembrerebbe che la sovrasaturazione diminuisca non solo passando da VPM-B a ZHL16C, ma anche da LGF bassi a LGF elevati (quindi con tappe più superficiali).

L’ultimo studio citato vede la partecipazione del Dottor Pasquale Longobardi, uno dei medici iperbarici più stimati in Italia. Il titolo: A comparative evaluation of two decompression procedures for technical diving using inflammatory responses: compartmental versus ratio deco confronta ratio deco (deep stops) con Buhmann GF 35/80 (l’impostazione che preferisco sul mio Shearwater).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mitch-00.jpg

Lo studio di Spisni/Longobardi prevede:
un singolo tuffo a 50 metri per 25′ in Trimix con due decompressive (EAN50+Oxy)
23 subacquei con ZHL16C GF 35/80 e 28 in Ratio deco.
Le micro embolie gassose venose sono misurate 30 minuti dopo l’immersione utilizzando l’ecocardiografia 2D, inoltre il sangue periferico per il rilevamento dei marker infiammatori è raccolto prima e 90 minuti dopo l’immersione.

Le conclusioni (tradotte): “La strategia ratio deco non ha conferito alcun beneficio in termini di bolle, ma ha mostrato lo svantaggio dell’aumentata secrezione associata alla decompressione di chemochine infiammatorie coinvolte nello sviluppo del danno vascolare.
Anche in questo caso i risultati sono sfavorevoli alle tappe più fonde (la Ratio deco le predilige). Anche quando confrontate ad un GF 35/80, ovvero ad un ZHL16C “forzato” al 35% della massima sovrasaturazione in profondità. Coerentemente con il paper, la SIMSI (Società Italiana Medicina Subacquea ed Iperbarica), al 2019 raccomanda un GF di 50/80. Non proprio un’invito alle tappe fonde.

Il Dr Mitchell passa quindi alle conclusioni riassumibili in:
gli studi dimostrano che i modelli a bolle sovrastimano l’importanza delle soste profonde.
al momento non è possibile valutare l’entità di questa sovrastima.

Personalmente ho trovato la lezione illuminante. Anch’io ho una predilezione per le tappe profonde ma, dopo simili evidenze, mi adeguerò alle raccomandazioni del SIMSI modificando il GF del mio Shearwater Perdix da 30/85 a 50/80 (di default è settato su 30/70). Ovviamente, a seconda del tuffo, adatterò i due valori in un intorno ragionevole. Se dovessi imbattermi in nuovi studi rivedrò le mie convinzioni, esattamente come ha onestamente ammesso il Dr Mitchell.
Alla prossima

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Paolo-di-Ruzza.jpg

Paolo Di Ruzza

 

 

 

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
.

Riferimenti
1) Bubble incidence after staged decompression from 50 or 60 msw: effect of adding deep stops Jean-Eric Blatteau et al. – Aviat Space Environ Med. 2005 May.
2) High incidence of venous and arterial gas emboli at rest after trimix diving without protocol violations Marko Ljubkovic et al. J Appl Physiol (1985). 2010 Dec.
3) The NEDU Study: Redistribution of Decompression stop time from swallow to deep stops increases incidence od decompression sickness in air decompression dives -Navy Experimental Diving Unit (2005).

 
Link
A comparative evaluation of two decompression procedures for technical diving using inflammatory responses: compartmental versus ratio deco
Decompressione all’italiana by SIMSI
 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 635 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »