If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Transplanting e prove di reclutamento di Pinna nobilis L., 1758 – Sperimentazione di trapianto e reclutamento, ai fini della conservazione di una specie marina minacciata di Andrea Spinelli

Reading Time: 4 minutes

.

livello medio
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: nacchera, Pinna nobilis
.

Durante il percorso di studi in Biologia ed Ecologia Marina, presso l’Università di Messina, ho effettuato le prime indagini relative al monitoraggio della popolazione di Pinna nobilis presente all’interno del Lago di Faro, al fine di valutare la densità e i tassi di crescita e mortalità per evidenziare i rapporti di relazione fra mantenimento dello stock e pressione antropica.

12205017_10207263317968489_845974017_nQuesto lavoro, di circa due anni, supportato dal Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, e in particolare dal Prof. Salvatore Giacobbe, nonché relatore delle mie tesi, ha permesso di evidenziare la struttura della popolazione di Pinna nobilis e le possibili soluzioni manipolative utilizzabili per il mantenimento dello stock naturale.

A tale fine sono state sperimentate due tecniche di trapianto e reclutamento naturale durante il corso della mia tesi magistrale in Biologia ed Ecologia dell’Ambiente Marino Costiero. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati in un volume, “Transplanting e prove di reclutamento di Pinna nobilis L., 1758 – Sperimentazione di trapianto e reclutamento, ai fini della conservazione di una specie marina minacciata”.

nacraLa Pinna nobilis L., 1758, comunemente chiamata nacchera, è un mollusco bivalva che negli ultimi decenni è stata profondamente minacciata principalmente a causa del degrado dell’ ambiente naturale in cui vive. Poiché le attuali popolazioni sono in evidente declino (Centoducati et al. 2007), la stessa è soggetta a rigorosa tutela, in quanto specie in via di estinzione, sotto la Direttiva europea 92/43/CEE del Consiglio (CEE 1992). Questa specie è anche inclusa nell’Allegato IV della direttiva del Consiglio 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e della flora e fauna selvatiche (Direttiva Habitat CE).

É ormai assodato che la nacchera ha risentito fortemente dell’impatto antropico non solo in conseguenza del suo prelievo diretto (attività conosciuta sin dall’antichità per il reperimento del bisso) ma a causa della sua mortalità da stress meccanico determinata dall’attività di pescherecci, reti di fondo e manovre di ancoraggio dei natanti. Ciò ha sostanzialmente inciso sulla distribuzione delle sue popolazioni nei tratti più esposti e sulla crescita individuale degli organismi (Peharda e Vilibić, 2008).

12209125_10207263318128493_40900710_oEcologia
La Pinna nobilis è una specie animale endemica del Mediterraneo, dettagliatamente studiata da molti autori alla luce delle sue peculiari caratteristiche biologiche ed ecologiche. Vive parzialmente sepolta nel sedimento, tipicamente su fondi mobili, preferenzialmente associata alle praterie di fanerogame marine (Posidonia oceanica, Cymodocea nodosa e Zostera marina) ma anche in zone sabbiose prive di vegetazione.

Specie prevalentemente marina, può anche colonizzare le porzioni più prossimali di lagune e stagni costieri, in cui può costituire popolazioni ad alta densità (Katsanevakis, 2005). Proprio gli ambienti salmastri costituiscono un “mondo” singolarmente variegato e attraente, per la complessità delle problematiche bio-ecologiche emergenti e per la varietà di condizioni edafiche e climatiche (Katsanevakis, 2009).  Gli stagni costieri, in particolare, rappresentano un tipico ambiente naturale confinato che fenomeni avversi come l’eutrofizzazione possono rendere vulnerabili fino ad innescare condizioni di stress che si ripercuotono a svarianti livelli (Katsanevakis, 2007).

Sulla base di tali considerazioni, lo studio presentato nel mio libro si è incentrato sul monitoraggio della popolazione di nacchere presenti all’interno di un lago costiero sottoposto a tutela. L’intento è stato quello di effettuare un transplanting sperimentale di esemplari  per valutare l’efficacia del metodo a fini conservativi,  valutare i tassi di crescita e le mortalità e natalità ed effettuare prove di reclutamento al fine di evidenziare i rapporti di relazione fra mantenimento dello stock e pressione antropica. Inoltre ho indagato l’ecologia della specie al fine di stabilire i parametri di popolazione in condizioni ottimali durante l’intero ciclo di vita, operando un confronto con le popolazioni danneggiate e utilizzando il trapianto e il reclutamento per salvaguardare le popolazioni naturali di questa specie.

Inizialmente sono stati individuati 75 individui di P. nobilis direttamente minacciati da impatto antropico e quindi a rischio; gli esemplari, prelevati in zone in cui le condizioni sono state considerate sfavorevoli alla crescita e allo sviluppo, sono stati  trapiantati in zone con condizioni ritenute favorevoli sulla base del monitoraggio di esemplari già presenti nella zona rifugio. Sono state effettuate immersioni con cadenza settimanale per monitorare le condizioni degli individui di P. nobilis e registrare eventuali  danni, reclutamento e mortalità.  Questo tipo di operazione ha permesso la riduzione del tasso di mortalità di questa specie che, come ho premesso, èoggetto di specifica tutela, ed incrementarne la popolazione locale.

Tutte le operazioni di censimento e monitoraggio subacqueo sono state effettuate dallo scrivente con il supporto di alcuni colleghi (Sergio De Matteo e Marco Cintorino). Le determinazioni di laboratorio e l’elaborazione dei dati sono state svolte  presso l’Università di Messina sotto la responsabilità del mio relatore e primo ideatore del lavoro, Prof. Salvatore Giacobbe, docente di Ecologia Marina, che mi ha fornito un grande aiuto durante il procedimento del lavoro, con disponibilità e cortesia.

spinelli pinna nobilis

La pubblicazione del mio libro ha quindi l’intento di ampliare le conoscenze ecologiche  e conservazioniste di questa specie marina minacciata e suggerire la sperimentazione di nuove tecniche manipolative per il ripopolamento della Pinna nobilis.

 Andrea Spinelli

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 405 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »