Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

L’incredibile avventura di Felix Von Luckner, il diavolo del mare

tempo di lettura: 7 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX – XX SECOLO
AREA: CORSARI
parole chiave: Corsari tedeschi, See Teufel

 

Il soprannome di Seeteufel, “diavolo del mare”, non poté essere più opportuno per uno dei più grandi corsari moderni, al secolo Felix Nikolaus Alexander Georg Graf von Luckner o più semplicemente il conte Luckner.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-Luckner.png

Felix Von Luckner, un corsaro del XX secolo
File:Luckner.png – Wikimedia Commons

Felix Von Luckner nacque a Dresda nel 1881 da una famiglia nobile, pronipote di quel Nicolas Luckner, maresciallo di Francia e Comandante in capo dell’esercito francese del Reno che nel XVIII secolo era stato elevato al grado di conte dal re di Danimarca. Nonostante Felix avrebbe potuto aspirare ad una vita agiata e tranquilla, sognava di diventare un marinaio, al punto che per non seguire la tradizione di famiglia ed entrare in cavalleria, si fece bocciare agli esami e, all’età di tredici anni, scappò di casa per imbarcarsi, con la promessa alla famiglia che non sarebbe ritornato a casa finché non avesse indossato “l’uniforme navale dell’Imperatore, e con onore“. Fu così che, sotto falso nome, si imbarcò su un veliero russo come “mozzo senza paga” per apprendere il mestiere del marinaio, in un lungo viaggio da Amburgo all’Australia. Una rotta pericolosa, attraverso mari tempestosi, in cui era sottoposto come tutti i marinai ad una dura disciplina. Durante la lunga traversata cadde nel mare in tempesta e la sua vita sarebbe finita miseramente quel giorno se il primo ufficiale non avesse sfidato il capitano (che non voleva rischiare altri uomini per salvarlo) mettendo a mare una scialuppa.

Arrivato a Fremantle, nell’Australia occidentale, Luckner abbandonò la nave ed abbracciò l’arte dell’arrangiarsi, cambiando diversi lavori per sopravvivere e fare esperienza. All’età di vent’anni rientrò in Germania per frequentare una scuola nautica per poter entrare prima nella marina mercantile e quindi, acquisiti i titoli necessari, arruolarsi nella marina imperiale tedesca. Terminato l’iter previsto, Luckner fu finalmente accettato dalla Marina imperiale tedesca e prestò servizio sulla cannoniera SMS Panther, partecipando nella prima guerra mondiale alla battaglia di Helgoland Bight (1914) e, nella battaglia dello Jutland (1916) a bordo della corazzata Kronprinz Wilhelm.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-Felixvonluckergermanensign-1024x768.jpg

L’insegna tedesca usata dal Seeadler di Felix von Luckner in mostra all’Auckland War Memorial Museum.
Felixvonluckergermanensign.jpg – Wikimedia Commons

La guerra di corsa tedesca

Come ricorderete la Germania trasformò un numero considerevole di navi mercantili in navi corsare dotandole di cannoni per attaccare le navi mercantili alleate; un’attività  che, pur non avendo durante la I guerra mondiale un grande successo, tenne impegnate le forze alleate per dargli la caccia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-SMS_Seeadler_cropped.jpg

German cruiser Seeadler in New York City in 1893
SMS Seeadler cropped.jpg – Wikimedia Commons

Di fatto, all’inizio del 1915, la maggior parte delle navi corsare erano state affondate oppure bloccate per mancanza di carburante nei porti neutrali. La Marina Imperiale tedesca equipaggiò un veliero a tre alberi da 1.571 tonnellate, il Pass of Balmaha, con due cannoni da 105 mm nascosti dietro dei parapetti incernierati e due motori ausiliari da 500 HP. La bellissima nave fu ribattezzata incrociatore ausiliario Seeadler e Luckner, essendo l’unico ufficiale della marina tedesca in possesso di adeguata esperienza su questi grandi velieri, fu nominato come comandante

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-SMSSeeadlerFront.png

Il SMS Seeadler della Marina Imperiale Tedesca a vele spiegate in alto mare. Da libro fotolitografato di un dipinto di Chistopher Rave – Spurling, J. riproduzione a colori del dipinto della nave [London, Blue Peter Publishing Company forse 1921] (PUBL-0137)
SMSSeeadlerFront.PNG – Wikimedia Commons

La Seeadler lasciò il porto il 21 dicembre 1916, e sfuggì abilmente al blocco britannico facendosi passare per un mercantile norvegese. L’equipaggio, composto da sei ufficiali e 57 uomini erano tutti in grado di parlare norvegese ed a sud-est dell’Islanda riuscirono persino ad ingannare una squadra di ispezione dell’incrociatore mercantile armato britannico Avenger. La sua prima preda avvenne il 9 gennaio 1917, quando il Seeadler si imbatté in un piroscafo, la Gladys Royle da 3.268 tonnellate; dopo aver alzato l’insegna tedesca, la nave corsara sparò tre colpì per convincere il piroscafo a fermarsi ed arrendersi. L’equipaggio fu messo in salvo e la nave affondata. Il giorno successivo, il Seeadler incontrò un’altra nave a vapore, Lundy Island, che trasportava zucchero dal Madagascar ma, in questo caso, il mercantile si rifiutò di identificarsi. Ancora una volta, fu alzata l’insegna tedesca e venne sparato un colpo di prora e poi altri quattro contro lo scafo. Luckner si avvicinò per abbordare la nave e prelevare l’equipaggio ma il capitano della nave mercantile si rifiutò di sbarcare. Una squadra di abbordaggio tedesca fu inviata sottobordo e scoprì che in realtà l’equipaggio l’aveva già abbandonata, lasciando il capitano solo a bordo. Luckner rimase colpito dal comportamento del Comandante e lo accolse a bordo con il consueto rispetto (che comunque non faceva mai mancare a nessuno dei suoi prigionieri). Il Seeadler continuò la sua missione verso sud collezionando numerose prede senza ricevere nessuna risposta. Quel diavolo di comandante colpiva e scompariva senza lasciare traccia … ma in realtà qualcosa stava succedendo; la mattina del 26 febbraio 1917, un veliero a quattro alberi francese, il Le Rochefoucauld, fu catturato con le solite modalità e la squadra di abbordaggio scoprì sui registri di bordo che la nave era stata fermata di recente da un incrociatore britannico che stava proprio cercando il Seeadler; a questo punto Luckner comprese che il cerchio incominciava a stringersi ed era quindi necessario alleggerirsi degli oltre 300 prigionieri. Di conseguenza, quando il 20 marzo fu catturato il brigantino a quattro alberi francese Cambronne, Luckner trasferì i suoi prigionieri a bordo della nave, assegnandogli un comandante per farli rientrare nel porot più vicino.

Quello che forse non aveva ancora intuito era che la Royal Navy, consapevole della posizione del Seeadler, stava preparando una trappola con gli incrociatori mercantili armati Otranto e Orbiter e l’incrociatore corazzato HMS Lancaster proprio nei pressi del tempestoso Capo Horn. La fortuna volle che proprio una forte tempesta spinse la nave corsara molto più a sud. Fu così che il Seeadler entrò  nell’Oceano Pacifico il 18 aprile e indisturbato poté continuare la sua navigazione verso nord lungo la costa cilena.

Scampato al pericolo, all’inizio di giugno, il Seeadler si trovò ad est dell’Isola di Natale e apprese che anche gli Stati Uniti erano entrati in guerra: questo comportava da un lato nuove prede in quel grande oceano, dall’altro maggiori difficoltà a trovare porti sicuri per le manutenzioni necessarie. Luckner si diresse quindi verso la piccola isola di Mopeha, un atollo corallino di circa 10 km di diametro nelle Isole della Società, a circa 450 km da Tahiti, per fare carenaggio. Non sapeva che quel punto sulla carta sarebbe stato la fine della sua avventura sul Seeadler. Il 2 agosto la nave, all’ancora nei pressi dell’isola, fu gravemente danneggiata da un urto contro la barriera corallina. Le circostanze non furono mai chiarite: Luckner affermò che l’incaglio avvenne a causa di un’onda anomala causata forse da uno tsunami ma alcuni prigionieri americani affermarono che la nave si era incagliata malamente sui bassi fondali ed aveva incominciato ad affondare mentre il comandante ed il suo equipaggio e i prigionieri erano sulla spiaggia a festeggiare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-1280px-Seeadler_SLV_Allen_Green-1024x641.jpg

il Seeadler incagliato a Mopeha, 1917 Seeadler SLV Allen Green.jpg – Wikimedia Commons

Bloccati sulla piccola isola, oltre a tutto con 46 prigionieri, Luckner decise di salpare con cinque dei suoi uomini con una delle scialuppe per raggiungere le Fiji passando per le Isole Cook. L’idea del corsaro era di catturare un nuovo veliero per poi ritornare a Mopeha, raccogliere il resto del suo equipaggio ed i prigionieri e riprendere quindi la sua missione. Intraprese quindi un viaggio avventuroso su quella scialuppa armata a sloop percorrendo oltre 2300 miglia fino all’isola figiana di Wakaya dove, per ironia della sorte, vennero arrestati dalla polizia locale e confinati in un campo di prigionieri di guerra sull’isola di Motuihe, al largo di Auckland in Nuova Zelanda.

Per uno spirito libero come quello di Luckner era una situazione non accettabile e, con la scusa di voler allestire uno spettacolo natalizio con i suoi uomini, utilizzò le provviste per lo spettacolo per pianificare una fuga rocambolesca sulla barca del comandante dl campo, dirigendosi, quindi verso la penisola di Coromandel. Usando solo un mitra, Luckner sequestrò un’imbarcazione da 90 tonnellate e, con l’aiuto di un sestante “fatto a mano” e di una mappa copiata da un atlante scolastico, si diresse verso le Isole Kermadec. Le sue intenzioni furono però comprese da una nave ausiliaria, la Iris, che lo raggiunse il 21 dicembre catturandolo. Il grande corsaro tedesco trascorse quindi il resto della guerra in vari campi di prigionia in Nuova Zelanda, prima di essere rimpatriato in Germania nel 1919. Ma la sua fama per la sua abilità marinara ma anche per la condotta cavalleresca in mare che aveva provocato una minima perdita di vite umane da entrambe le parti si sparse e Luckner divenne un eroe di guerra in Germania. Durante la seconda guerra mondiale, Adolf Hitler cercò di sfruttare la sua fama per propaganda ma il vecchio corsaro rifiutò di essere usato, astenendosi da qualsiasi contatto con il regime, cosa che gli comportò il congelamento dei suoi conti bancari. Nel 1943 il conte von Luckner salvò la vita a una donna ebrea tedesca, Rose Janson, alla quale fornì un passaporto ritrovato tra le rovine di una casa che permise alla donna di fuggire negli Stati Uniti. Verso la fine della guerra decise di non ritornare nella sua città natale dopo aver saputo che alcuni nazisti locali intendevano giustiziarlo senza processo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-TEDESCA-Felix_Graf_von_Luckner_21963609962.jpg

fotografia che Luckner inviò nel 1928 a Francis Dwyer, assistente segretario dell’esercito neozelandese firmata  “da un marinaio”
Felix Graf von Luckner (21963609962).jpg – Wikimedia Commons

Dopo la seconda guerra mondiale Luckner si trasferì in Svezia, dove visse fino alla sua morte a Malmö, avvenuta nel 1966 all’età di 84 anni. Le spoglie del grande corsaro riposano nel Cimitero Ohlsdorf di Amburgo.

Andrea Mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

Loading

(Visited 274 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x