Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Mediterraneo: siamo consapevoli dei rischi dell’aumento del livello del mare indotti dai cambiamenti climatici? – parte I

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: AMBIENTE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: innalzamento dei mari, adattabilità
.

 

La scarsa consapevolezza e le lacune di conoscenza sulle cause e gli impatti attesi di aumento del livello del mare hanno importanti implicazioni sulle politiche di adattamento da adottare nel prossimo futuro per la salvaguardia  delle popolazioni costiere del Mediterraneo.

L’8 luglio di ogni anno si celebra la Giornata Internazionale del Mar Mediterraneo, bacino stretto tra due terre, L’Africa a sud e l’Eurasia a nord, dove si affacciano 23 Paesi di tre continenti su una superficie pari all’1% di tutti gli oceani della Terra. Così come lo vediamo oggi con i nostri occhi o dallo spazio, attraverso sofisticati sensori satellitari, è il prodotto degli incessanti processi geologici che lo hanno plasmato durante gli ultimi milioni di anni quando movimenti delle placche continentali, terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche e cambiamenti climatici hanno formato valli e catene montuose sottomarine e sommerse, coste frastagliate e pianure. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Variazione-delle-temperature-delle-acque-del-Mediterraneo-rispetto-al-periodo-pre-industriale-1750-1850-rilevato-dal-programma-UE-Copernicus.jpg

Variazione delle temperature delle acque del Mediterraneo rispetto al periodo pre-industriale (1750-1850) rilevato dal programma UE Copernicus. © European Union, Copernicus Marine Environment Monitoring Service – Impatto dei cambiamenti climatici nel Mediterraneo – INGVambiente

I cambiamenti morfologici del Mediterraneo
Il fattore principale che ha più volte cambiato la morfologia delle coste del Mediterraneo è l’oscillazione del livello marino indotta dai ripetuti accrescimenti e depauperamenti delle calotte glaciali avvenute nel passato geologico in conseguenza dei cambiamenti climatici. L’ultimo massimo glaciale è avvenuto circa 20.000 anni fa, quando il livello del mare era circa 130 m più basso di oggi e la temperatura media della Terra era anch’essa più bassa di oggi. Il successivo riscaldamento climatico ha causato la progressiva fusione delle calotte glaciali e l’espansione termica degli oceani con il conseguente aumento globale del livello del mare che, in una manciata di millenni, ha cambiato la forma delle coste dei 5 continenti e delle isole di tutto il pianeta. L’aspetto che ha oggi il Mediterraneo è, pertanto, quello che corrisponde all’ultimo istante della sua continua evoluzione. La morfologia del bacino continuerà a mutare nei prossimi milioni di anni, così come avvenuto fino ad oggi. I processi geologici e climatici rimangono la causa più importante per i cambiamenti morfologici e le condizioni ambientali di questo bacino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSC_7629m-1024x680.jpg

le fantastiche strutture sommerse della Sardegna – photo credit @andrea mucedola

I 46.000 km di coste del Mediterraneo, oggi più che in precedenza, sono esposte agli effetti del cambiamento climatico causato dalle attività umane e della sempre più forte pressione antropica (vedi anche il blog di Tommaso Alberti https://ingvambiente.com/2023/07/04/il-cambiamento-climatico-nel-mediterraneo/).

La fascia costiera, in particolare le coste basse e sabbiose, le pianure costiere, i delta fluviali, le lagune e le aree di bonifica, stanno subendo una continua erosione e arretramento della linea di costa con conseguente progressiva invasione marina a causa dell’aumento del livello marino che in questo momento sta procedendo alla velocità di circa 40 cm per secolo. Queste zone, spesso di alto valore ambientale ed economico, sono particolarmente vulnerabili ai multi rischi costieri (inclusi i maremoti, le tempeste estreme e le frane sottomarine), in particolare quando il livello del mare sarà più alto di oggi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marco-anzidei.jpg

l’evoluzione della Terra possiamo leggerla sulle rocce che ci circondano – nella foto l’autore Marco Anzidei

Le proiezioni per i prossimi decenni, pubblicate dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC, http://www.ipcc.ch), stimano un aumento del livello marino di circa un metro entro l’anno 2100, con la possibilità che questo aumento possa raggiungere 1.5 m circa a causa delle possibili instabilità dei ghiacci della Groenlandia e di parte dell’Antartide.

L’impatto sulle popolazioni costiere
L’aumento di livello marino sta già avendo importanti impatti ambientali e socio-economici sulle popolazioni rivierasche. Salinizzazione delle falde acquifere costiere (cuneo salino), subsidenza e arretramento costiero sono responsabili dell’85% dei costi dei danni lungo le coste del Mediterraneo. La perdita economica prevista per la perdita dei litorali e del loro patrimonio naturale e culturale viene stimata intorno ai 18 miliardi di euro per il periodo 1908–2080. Poiché molti paesi del Mediterraneo sono fortemente dipendenti dal turismo e da altre attività costiere, come agricoltura, allevamento e industria marittima, si prevede che gli impatti economici saranno molto presto significativi. Per ad esempio, in Catalogna (Spagna) l’avanzamento del mare potrebbe portare a una diminuzione del 20% del PIL legato al turismo, mentre la produzione di riso nel delta del fiume Ebro potrebbe ridurre i profitti degli agricoltori fino a circa 300 Euro per ettaro.

 

L’area naturale del delta dell’Ebro (Spagna) – photo credit Marco Anzidei

Con questi scenari, qual è la consapevolezza dell’aumento del livello marino nelle popolazioni costiere del Mediterraneo dove oggi vivono circa 450 milioni di persone (che potranno diventare 700 milioni nel 2100), distribuite tra grandi città marittime e piccoli villaggi posti anche meno di 2 m al di sopra del livello medio del mare?

Fine I parte – continua

Marco Anzidei

 

in anteprima “Flooding” photo credit @andrea mucedola

pubblicato originariamente su Mediterraneo: siamo consapevoli dei rischi dell’aumento del livello del mare indotti dai cambiamenti climatici? – INGVambiente 


Per approfondire

Alberti, T., Anzidei, M., Faranda, D., A. Vecchio, M. Favaro, A. Papa. Dynamical diagnostic of extreme events in Venice lagoon and their mitigation with the MoSE

Anzidei, M.; Lambeck, K.; Antonioli, F.; Furlani, S.; Mastronuzzi, G.; Serpelloni, E.; Vannucci, G. Coastal structure, sea-level changes and vertical motion of the land in the Mediterranean. 

Loizidou, X.I., L. Orthodoxou, D., I. Loizides, M. D. Petsa, M. Anzidei. Adapting to sea level rise: participatory, solution-oriented policy tools in vulnerable Mediterranean areas.

Progetti Savemedcoasts (www.savemedcoasts.eu), Number  ECHO/SUB/2016/742473/PREV16) e SAVEMEDCOASTS-2 (Agreement Number 874398, www.savemedcoasts2.eu), finanziati dall’Unione Europea – DG ECHO

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 78 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
15 visitatori online
15 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 26 alle 08:59 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x