Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

“Transilire armati in hostium navem”: l’arrembaggio romano, la più redditizia delle azioni tattiche in mare aperto

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: REPUBBLICA E IMPERO ROMANO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: storia navale romana, arrembaggio

 

Dal sorriso beffardo di Burt Lancaster nel film Il corsaro dell’isola verde allo sguardo tenebroso di Johnny Depp nella saga Pirati dei Caraibi, molti sono stati gli stili adottati per caratterizzare in modo leggero ed accattivante l’accozzaglia di turpi canaglie che infestarono con la pirateria le acque delle Antille. Quei fuorilegge, reinterpretati dal cinema in chiave avventurosa e romanzesca, hanno affascinato generazioni e generazioni di spettatori soprattutto per l’audacia e la destrezza marinara ostentata nell’arrembare i galeoni spagnoli e trarne ricchi bottini. Se costoro ci hanno sempre dato la netta sensazione di impersonare la quintessenza dell’arte navale, data la loro estrema sicurezza e disinvoltura nel raggiungere e catturare qualunque nave, del tutto all’opposto ci sono stati descritti gli antichi Romani, formidabili combattenti sulla terraferma, ma presunti imbranati a bordo delle navi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 02-1-nave-baia-1024x605.jpg

Classiari pronti al combattimento sul ponte di coperta di una nave da guerra romana in navigazione a remi. Particolare di un bassorilievo eroso all’estremità di destra, laddove era rappresentato il rostro della nave. Scultura risalente al terzo quarto del I secolo a.C., proveniente da Cuma e custodita dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Eppure sappiamo che Roma sconfisse per mare Cartagine, la maggiore potenza navale dell’epoca, e conquistò poi per via marittima la maggior parte del proprio sconfinato impero, dopo aver battuto, una dopo l’altra, anche le poderose ed esperte flotte di tutti i maggiori regni ellenistici del Mediterraneo. La spiegazione che ci è sempre stata data, con irritante semplicismo, si è basata su di una strampalata capacità che veniva attribuita agli antichi Romani: quella di riuscire a «trasformare la battaglia navale in una battaglia terrestre».

Questa espressione colpisce l’immaginazione come un ossimoro sorprendente e mnemonico, visto che essa continua ad essere ripetuta saccentemente da chiunque abbia almeno qualche reminiscenza scolastica della storia antica. Eppure, si tratta di un paradosso concettualmente aberrante e fuorviante, innanzi tutto perché nessuna forza umana potrebbe mai costringere un evento navale a svolgersi entro schemi che non tengano conto dell’incoercibile potenza del mare e dei venti. Inoltre, la forza delle legioni romane nei combattimenti terrestri si giovava soprattutto di spazi di ampio respiro: per la scelta di una posizione iniziale favorevole, per l’appropriato schieramento di tutti i reparti, per la costruzione di eventuali fossati e terrapieni, per l’assunzione delle formazioni più rispondenti, per la manovra della fanteria, per le cariche della cavalleria, per il movimento delle grandi macchine da guerra, degli elefanti, e così via. Poiché, viceversa, le anguste superfici disponibili a bordo, irte di ostacoli, non consentivano movimenti di reparti armati in ordine chiuso, ma solo azioni in ordine sparso e combatti-menti individuali, risulta evidente che nessun raffronto sia possibile fra le tattiche vincenti dei Romani nelle battaglie terrestri e quanto essi abbiano potuto fare sullo stretto ed oscillante ponte di coperta di una polireme nemica. Pertanto, se vogliamo meglio capire come interpretare quell’espressione, dobbiamo verificarne la genesi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 02-2_corvo.jpg

Ricostruzione grafica ottocentesca di Francesco Corazzini del “corvo” descritto da Polibio; secondo questo storico greco, la passerella era lunga 10,7 metri e larga 1,2 metri

All’origine del malinteso sul modo di combattere dei Romani sul mare vi sono le Storie di Polibio, l’unica fonte antica – fra quelle pervenuteci – che descriva con una certa ampiezza il duro confronto navale fra Roma e Cartagine nel corso della prima Guerra Punica. Fin dall’inizio del racconto dell’approntamento delle prime quinqueremi romane, lo storico greco ha voluto sottolineare la novità dell’impresa asserendo che i Romani si stavano predisponendo a scendere in mare per la prima volta, non avendo avuto, fino allora, alcuna conoscenza delle cose marittime. Si tratta di un’affermazione poco credibile, e comunque storicamente inesatta, verosimilmente motivata dal desiderio di far maggiormente apprezzare i Romani per il loro nuovo e formidabile impegno navale, rispetto al quale ogni precedente andava considerato trascurabile. La narrazione polibiana prosegue con la descrizione della passerella mobile ch’egli chiama “corvo”, attribuendone l’ideazione e la realizzazione ai Romani giunti in Sicilia con le nuove quinqueremi prima ancora dell’arrivo di Duilio. Quest’ultimo assunse poi il comando della flotta romana e la condusse in battaglia navale nelle acque di Milazzo contro la forza navale punica: la vittoria gli arrise, secondo Polibio, grazie ai predetti “corvi”, che consentirono ai Romani di agganciare ogni nave nemica che si avvicinava e di far passare i soldati su di essa per ingaggiarvi “una battaglia del tutto simile a un combattimento di fanteria”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 02-4_rostro-ancora-1-1024x768.jpg

Rostro decorato con la testa della Lupa capitolina e ancora, facenti parte di una serie di fregi navali augustei presumibilmente provenienti da un monumento celebrativo della vittoria d’Azio. Bassorilievi marmorei incastonati nella parte superiore delle pareti della “Sala dei Filosofi” dei Musei Capitolini

Questa similitudine, piuttosto impropria, è stata accolta in modo acritico dalla larghissima maggioranza degli storici successivi, che, fin dall’antichità, l’hanno riprodotta integralmente o con qualche parziale parafrasi, propalando all’infinito la tesi della rozzezza marinara dei neofiti Romani, che non avrebbero mai potuto sconfiggere le navi nemiche se non con l’espediente di costringerle ad un combattimento “terrestre”.

Ora, quando si parla di questioni navali, occorre conoscere ed utilizzare la corretta terminologia marinara, poiché il ricorso a parole improprie ha l’effetto deleterio di una interferenza semantica, generando una distorsione della percezione della realtà storica. Nel caso specifico occorre ricordare che, nella nostra plurisecolare tradizione marinara, l’azione di passare dalla propria nave su di un’unità nemica per andare a catturarla, dopo aver neutralizzato il relativo equipaggio, non si chiama “combattimento terrestre” né “combattimento di fanteria”, ma “arrembaggio”.

Pertanto, per poter pervenire ad una valutazione del modus operandi dei Romani sul mare, occorre mettere a fuoco la loro concezione dell’arrembaggio a partire dalla I Guerra Punica, iniziando da un necessario approfondimento sul controverso “corvo”, raffrontando poi l’arrembaggio con lo speronamento, esaminando quindi arrembaggio ed “arrembatori” insieme ai risultati da essi conseguiti nel campo navale e marittimo, e pervenendo, infine, alle conclusioni. Lo farò nei prossimi articoli. 

fine I parte – continua

Domenico Carro

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 143 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »