Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le straordinarie immagini di Giove visto dal Webb spatial telescope

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Webb, Giove

 

Giove, il quinto pianeta del nostro sistema solare in ordine di distanza dal Sole, è il più grande di tutto il sistema planetario e la sua massa corrisponde a due volte e mezzo la somma di quelle di tutti gli altri pianeti messi insieme. Un gigante gassoso del nostro sistema solare che ci riserva sempre nuove sorprese. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è giove-_800.jpg

photo credit: fotografi Ethan e George Chappel

Grazie al telescopio spaziale James Webb della NASA sono state ottenute nuove immagini che offrono agli scienziati ancora più indizi sul gigantesco pianeta. La sua superficie appare sconvolta da uragani di enormi dimensioni che provocano forti venti in condizioni estreme di temperatura e pressione. Le due immagini che offriamo oggi sono state da poco rilasciate e sono frutto della loro elaborazione effettuata con differenti filtri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è JWST_2022-07-27_Jupiter.png

Immagine composita Webb NIRCam di Giove da tre filtri – F360M (rosso), F212N (giallo-verde) e F150W2 (ciano) – e allineamento dovuto alla rotazione del pianeta. Credito: NASA, ESA, CSA, Jupiter ERS Team; elaborazione delle immagini di Judy Schmidt.

L’astronomo planetario Imke de Pater, professore emerito dell’Università della California di Berkeley osservando queste prime immagini è rimasto sbalordito. De Pater, che ha condotto le osservazioni di Giove con Thierry Fouchet, professore all’Osservatorio di Parigi, nell’ambito di una collaborazione internazionale per il programma Early Release Science della missione internazionale WEBB guidata dalla NASA con i suoi partner ESA (Agenzia spaziale europea) e CSA (Agenzia spaziale canadese) ha commentato “È davvero straordinario che possiamo vedere i dettagli su Giove insieme ai suoi anelli, piccoli satelliti e persino galassie in un’immagine“.

Le due immagini sono state ottenute grazie alla Near-Infrared Camera (NIRCam) del telescopio spaziale WEBB, che sfrutta tre filtri a infrarossi specializzati mostrandoci dettagli un tempo inimmaginabili. Poiché la luce infrarossa è invisibile all’occhio umano, la luce è stata mappata sullo spettro visibile. Generalmente, nello spettro dei colori, le lunghezze d’onda più lunghe si ritrovano sul rosso mentre quelle più corte sono mostrate sul blu.

Nelle immagini di Giove si possono osservare le aurore che si estendono ad alta quota sopra sia il polo settentrionale che quello meridionale del pianeta. Le aurore brillano in un filtro mappato su colori più rossi, che evidenzia anche la luce riflessa dalle nuvole inferiori e dalle foschie superiori. Un filtro diverso, mappato su giallo e verde, mostra invece le foschie che turbinano attorno ai poli nord e sud. Un terzo filtro, mappato sul blu, mostra la luce riflessa da una nuvola principale più profonda.

La Grande Macchia Rossa, una vasta tempesta anticiclonica posta 22º a sud dell’equatore del pianeta, di tali dimensioni tali che potrebbe inghiottire la Terra, appare di color bianco così come altre nuvole, perché riflette la luce solare. “La luminosità è riferita all’alta quota, quindi la Grande Macchia Rossa ha foschie ad alta quota, così come la regione equatoriale“, ha affermato Heidi Hammel, una scienziata del progetto Webb per le osservazioni del sistema solare. “Le numerose ‘macchie’ e ‘striature’ bianche luminose sono probabilmente cime nuvolose ad alta quota di tempeste convettive condensate“. Al contrario, i nastri scuri, visibili a nord della regione equatoriale, sembrano rivelare una copertura nuvolosa limitata.

Una vista ad ampio campo mostra Giove nel quadrante in alto a destra. Le vorticose strisce orizzontali del pianeta sono rese in blu, marrone e crema. Le aurore, di un bel colore blu elettrico, brillano sopra i poli nord e sud di Giove, emanando un bagliore bianco. Lungo l’equatore del pianeta, gli anelli brillano di un colore tenue bianco. All’estremità sinistra degli anelli, una luna appare come un minuscolo punto bianco. Leggermente più a sinistra, si osserva un’altra luna che brilla con minuscoli picchi bianchi di diffrazione. Il resto dell’immagine è l’oscurità dello spazio, che mostra in lontananza delle galassie bianche debolmente luminose.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è JWST_2022-07-27_Jupiter_2color_labels-1-1024x882-1.png

In questa seconda immagine, Giove viene mostrato nel quadrante in alto a destra con i suoi deboli anelli, che sono un milione di volte più deboli del pianeta, e due minuscole lune chiamate Amaltea e Adrastea. I punti sfocati sullo sfondo inferiore sono probabilmente le galassie già osservate nella prima immagine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è JWST_2022-07-27_Jupiter_2color-1024x882-2.jpg

la stessa immagine senza riferimenti

I dati provenienti da telescopi come Webb non arrivano sulla Terra già pronti allo studio ma devono essere elaborati considerando le informazioni sulla luminosità della luce misurate dai rivelatori di Webb. Queste informazioni arrivano quindi allo Space Telescope Science Institute (STScI), il centro operativo scientifico di Webb, come dati grezzi. STScI elabora i dati in file calibrati per l’analisi scientifica e li consegna all’Archivio Mikulski che raccoglie le immagini dei telescopi spaziali per la loro diffusione. Gli scienziati poi traducono queste informazioni in immagini come queste. Una cosa che non è molto nota è che in parallelo ai team di STScI, responsabile dell’elaborazione formale delle immagini Webb e del successivo rilascio ufficiale, vi sono astronomi non professionisti, impegnati nella citizen science, che collaborano attivamente per l’elaborazione delle immagini.

Queste nuove straordinarie immagini di Giove sono state ottenute proprio grazie al lavoro di una di loro, Judy Schmidt di Modesto, California. Schmidt ha in questi ultimi dieci anni elaborato molte immagini astronomiche della NASA, riprese dal telescopio spaziale Hubble.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è judy-schmidt-1024x577-1.jpeg

A sinistra, Judy Schmidt e, a destra, un’immagine astronomica del telescopio spaziale Hubble della NASA che mostra la nebulosa planetaria di Minkowski simile a una farfalla in verde, giallo e blu, sullo sfondo nero dello spazio

Un esempio del suo lavoro è la Farfalla di Minkowski, a destra nell’immagine, una nebulosa planetaria in direzione della costellazione dell’Ofiuco. Schmidt non ha un background educativo in astronomia ma, dieci anni fa, ha partecipato ad un concorso dell’ESA offrendo la sua passione e conoscenza per l’elaborazione delle immagini. Il concorso “I tesori nascosti di Hubble” richiedeva ai partecipanti di estrarre dai dati Hubble nuove immagini e Schmidt, su quasi 3.000 richieste, ottenne il terzo posto per l’immagine di una stella appena nata. Un altro esempio di come la citizen science possa essere di aiuto ai centri di ricerca. 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 70 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »