Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Ocean day 2022, giornata mondiale degli oceani

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: giornata degli oceani 2022

 

È tempo di rendersi conto che, per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, abbiamo urgente bisogno di un’azione collettiva per rivitalizzare l’oceano. Ciò significa trovare un nuovo equilibrio nel nostro rapporto con l’ambiente marino.” Questa è l’ultima dichiarazione del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per sottolineare, quasi ce ne fosse bisogno, l’importanza degli oceani per la nostra sopravvivenza.

Decadi di proposte, fiumi di parole, iniziative collettive fino alla creazione, trent’anni fa, del World Oceans Day da parte del Canada’s International Centre for Ocean Development (ICOD) e dall’Ocean Institute of Canada (OIC), in occasione dell’«Earth Summit», come ricorrenza volta a salvaguardare gli oceani, sembrano essere solo campanelli per risvegliare le coscienze di un mondo sempre più disilluso. La domanda che ci dobbiamo porre è se vogliamo dare una speranza  alle future generazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSC_8174-1-1024x681.jpg

Una cecità ambientale
E’ notizia recente che la concentrazione mensile media di anidride carbonica in atmosfera ha superato ogni limite, con un livello mensile medio di diossido di carbonio (CO²), più comunemente noto come anidride carbonica, nell’aria sistematicamente oltre le 410 parti per milione (ppm). La notizia è pervenuta dall’Osservatorio di Mauna Loa, alle Hawaii, che ha sottolineato che NON si tratta di un picco o di una semplice media meteorologica ma di una media basata su l’analisi degli ultimi 800.000 anni.

Il motivo è sempre lo stesso: bruciamo troppi combustibili e la CO² continua ad accumularsi in atmosfera. Secondo le ultime analisi dei dati stiamo procedendo al ritmo di oltre 2 ppm in media in più ogni anno che significa che, entro i prossimi 50 anni, potremmo superare le 500 ppm. Se pensiamo che negli anni ’50, le misurazioni di Charles David Keeling evidenziarono concentrazioni stabili attorno a 310 ppm, oggi abbiamo un valore di un terzo in più. Ne abbiamo già parlato… le cause sono molte sia naturali che causate dall’Uomo ma, di fatto la nostra specie non ha mai respirato aria così satura di CO².

Valori maggiori si ebbero nel Pliocene, tra i 4,6 e i 2 milioni di anni fa, o nel medio Miocene (14-10 milioni di anni fa) ma l’Uomo non camminava ancora sul pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è siccita-acqua-goccia-terra-suolo-arido-by-dandesign86-fotolia-750.jpeg.jpg

photo credit dandesign86, Sweden

Le ricadute sulla nostra salute sono preoccupanti, partendo dalle ondate di calore fino a desertificazione, siccità, carestie, epidemie causate da insetti, etc. Basti pensare l’inquinamento dell’aria che favorisce la creazione di pulviscoli nell’aria causa oggi oltre 6,5 milioni di morti ogni anno, in particolare neo centri urbani.

Oceani, ultima frontiera
La difesa maggiore per contrastare questa situazione sono gli Oceani che, ricoprendo oltre il 70% della superficie terrestre, sono la sorgente di vita maggiore che consente il nostro sostentamento. Ma, come ricorderete in altri articoli, l’importanza degli oceani è soprattutto nella loro capacità di rilasciare il 50% dell’ossigeno del pianeta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 38797489_10216633510101199_8043518445897121792_o1.jpg

In altre parole, gli oceani agiscono come un enorme isolante, ritardando l’emissione di energia termica dalla superficie del mare in atmosfera.

La loro funzione è quindi fondamentale per ridurre l’impatto sulla temperatura globale del pianeta. Per comprendere bene questo importante processo per la nostra sopravvivenza dobbiamo comprendere il ciclo dell’anidride carbonica (CO²) e della sua fissazione negli oceani.

L’aria che respiriamo è principalmente composta da azoto, ossigeno, e vari gas tra cui l’anidride carbonica. Come ricorderete le piante, attraverso un processo chiamato fotosintesi, assorbono il CO² dall’aria in quanto il carbonio costituisce il componente principale a loro necessario per costruire nuove foglie, steli e radici. Questo processo necessita di energia (luce solare) per alimentare le reazioni chimiche interne.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_1070-1024x666.jpg

L’emissione naturale e antropica di CO2 si accumula in atmosfera, accentuando l’effetto serra e contribuendo al riscaldamento del clima terrestre.
Gli aumenti della concentrazione atmosferica di CO2 sono legati anche alla gassificazione degli oceani, un processo che è funzione della temperatura delle acque. Aumentando la temperatura esterna, aumenta quella dell’acqua dell’oceano. Questo significa che a parità di pressione, se la temperatura del mare è bassa, i gas resteranno in soluzione (come in una lattina fredda di una bibita gassata). Se invece la temperatura del mare aumenterà, come in questi ultimi anni, di conseguenza avremo un’emissione di gas verso l’esterno (nel caso specifico di CO²). Un ciclo non virtuoso che ci porterà all’insostenibilità di sopravvivenza sul pianeta. 

Gli oceanografi ritengono che negli oceani ci sia da 50 a 60 volte più CO² che nell’atmosfera ed essi sono dei forti accumulatori di questo gas. Quello di cui ci dobbiamo preoccupare particolarmente è che, quando gli oceani saranno saturi di CO², il loro ruolo mitigatorio tenderà ad annullarsi con conseguenze drammatiche. Ma l’aumento delle temperature è solo una delle conseguenze legate alla nostra cecità e scarsità di visione. L’overfishing, che sta raggiungendo il 90% delle grandi popolazioni di pesci, l’inquinamento da plastiche, e la distruzione di ampie aree marine con il 50% delle barriere coralline distrutte, di fatto ci stiamo negando il nostro futuro.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nrl-blu-1024x768.jpg

Quest’anno il tema della giornata è la “Rivitalizzazione: azione collettiva per l’oceano“. Le iniziative sono in atto in tutto il mondo e potrete approfondire di più seguendo il sito web ufficiale della Giornata Mondiale degli Oceani delle Nazioni Unite per scoprire notizie e celebrazioni o leggere le ultime notizie e i rapporti sui nostri mari. Fatelo per comprendere quello che spesso non viene detto, per capire l’importanza di darci un futuro, per comprendere che piccoli gesti quotidiani possono fare la differenza. Immagino molti di voi in spiaggia, a godere di questi primi giorni di estate. Guardatevi intorno e fatevi questa semplice domanda, non cosa posso fare per l’ambiente ma cosa posso fare per la mia sopravvivenza.
Buona festa degli oceani  

Andrea Mucedola

se non indicato le foto sono dell’autore

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 68 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »