Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I piani per costruire una nave portaerei per la Armada Española dopo la seconda guerra mondiale

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Canarias

 

La Marina Spagnola, finita la guerra civile, si vide priva di ogni strumento aereo, dipendendo da un’ipotetica collaborazione con la neonata aviazione. Tuttavia la Marina Spagnola, aveva una sua tradizione ed esperienza operativa con aeromobili e non intendeva rinunciarvi. Questo portò, nella fase iniziale della seconda guerra mondiale, ai tentativi di ottenere i progetti della Joffre francese e della Zeppelin tedesca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Canarias-Conversion-Crucero-Canarias.jpg

l’incrociatore Canarias, candidato a diventare una portaerei dell’Armada

Il progetto di una portaerei era inserito in un programma ambizioso di una forza navale assolutamente sovradimensionata (ed irraggiungibile economicamente) per la Spagna. Ancora nel 1943, lo studio prevedeva la costruzione di quattro navi da battaglia derivate dalle Littorio e quattro portaerei, più una consistente forza leggera e di scorta e subacquea.

Nell’immediato dopoguerra la marina spagnola continuò a studiare la possibilità di dotarsi di una portaerei e già nel 1946 aveva definito un requisito per una portaerei di scorta ed una portaerei leggera di squadra.

In particolare i progetti prevedevano:

– per la portaerei leggera di squadra, un’unità intorno alle dodicimila tonnellate di dislocamento con 32 nodi di velocità massima e la possibilità di imbarcare 32 velivoli;

– per la portaerei di scorta, un unità complementare all’unità di squadra, da ottenere dalla conversione di un’unità mercantile esistente o dall’adattamento di un progetto in uso presso cantieri spagnoli.

Il tutto era conforme a quanto fatto dagli Stati Uniti e dal Regno Unito durante la Seconda Guerra Mondiale. Ad esempio, il primo progetto ricordava le piccole portaerei di squadra americane della classe Indipendence, derivate da scafi di incrociatori, ed il secondo era simile a quello delle portaerei di scorta della U.S. Navy delle classi Bogue e Sangamon e, Commencement Bay, derivate da scafi di unità mercantili.

L’acquisizione all’estero venne esclusa per l’impossibilità di effettuare tale acquisto a causa dell’isolamento internazionale dato che, anche la sola cessione, generalmente per riconversione in unità mercantili, delle numerosissime portaerei di scorta approntate dagli Alleati nel corso della II GM, era soggetta a controlli e limitazioni di uso e destinazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cabo-de-buena-esperanza.jpg

Cabo de buena esperanza

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cabo-de-hornos.jpg

Cabo de hornos

Nel 1947 furono quindi valutate per la trasformazione delle vecchie navi passeggeri (ex trasporto truppe americani), Cabo de buena esperanza e Cabo de hornos, della nave mista Habana, delle petroliere tipo Calvo Sotelo (ritenute le più idonee alla trasformazione, anche se limitate ad una velocità intorno ai 12.5-13 nodi), delle navi in costruzione della classe Monasterios, o in progetto come i transatlantici di tipo E o le petroliere di tipo G da 14.000 T e 17 nodi della Empresa Nacional Elcano statale che era formalmente parte dalla Marina Mercantile ma in realtà controllata dalla Marina Spagnola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monte-ulia-classe-monasterios.jpg

Monasterios

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Jose-Calvo-Sotelo.jpg

Jose Calvo Sotelo

Ritenendole le più fattibili fu sviluppato il progetto n. 59 (agosto 1947) concernente le petroliere classe Almirante F. Moreno e Almirante M. Vierna per una portaerei di scorta monoelica, realizzata con minimi scostamenti dal progetto originale che prendevano l’imbarco di circa 30 velivoli, anche se con sistemazioni di tipo ridotto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Almirante-F.Moreno-en-el-momento-de-su-entrada-en-el-mar.jpg

varo della Almirante F. Moreno

Nel gennaio 1948 fu valutata l’offerta di acquisto a buon mercato ad Amsterdam (40 milioni di pesetas) del relitto della HMS Nabob, una portaerei di scorta canadese ex USA (ACV-41 Edisto), silurata da un U 354 il 22 agosto 1944 nell’Artico e mai riparata e quindi venduta come relitto ad una società olandese. La nave fu però rifiutata dagli spagnoli perché in pessime condizioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Nabob.jpeg

HMS Nabob, inclinata su un fianco, durante il suo faticoso rientro alla base, a 1070 miglia di distanza, nell’agosto del 1944 a seguito del danneggiamento causato da un siluro. Copyright: © IWM.

Fu quindi valutato il progetto n. 65 (giugno 1949), sviluppo del n. 59, questa volta su due assi, per l’imbarco di circa 40 velivoli in sistemazioni più complete e funzionali per la componente aerea imbarcata.  che fu sospeso a dicembre dello stesso anno. Le difficoltà riscontrate nel definire il progetto ed i risultati prevedibilmente piuttosto deludenti, portò alla sua sospensione nel dicembre dello stesso anno, anche se stancamente continuarono gli studi in proposito della portaerei ausiliaria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è canarias2-1024x670.jpg

Successivamente per la portaerei di squadra fu presentato il progetto n. 66 del febbraio 1950 per una portaerei ricavata dal Canarias, costruito tra il 1928 ed il 1936 nei cantieri del Ferrol, con assistenza inglese sui piani degli incrociatori tipo County, insieme al gemello Baleares (andato perduto nel corso della Guerra civile). Era chiaro che partendo dallo scafo e dai macchinari dell’incrociatore la complessità del progetto (e il costo) si sarebbero notevolmente ridotti. Va detto che il progetto era molto generale e non aveva approfondito aspetti quali la stabilità in diverse condizioni di carico della nave, nè aveva definito come sarebbero state acquisite le dotazioni per il funzionamento degli aeroplani, come le catapulte ed i cavi di arresto. I disegni della portaerei “Canarias” ricordavano le portaerei leggere britanniche delle classi Colossus” e “Majestic“, con prua e poppa chiuse ed un’ampia isola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Canarias-Conversion-Alzado.jpg

Dalla relazione che accompagnava il progetto si deduce che sarebbe stata una nave da 14.000 tonnellate di dislocamento, 32 nodi di velocità, 204,50 metri di lunghezza con un ponte di volo di 198 per 22,20 metri, con un armamento composto da due torri binate da 120 mm, sette istallazioni binate da 37mm e 20 quadruple da 20mm. La componente aerea prevedeva 48 aerei (36 caccia e 12 siluranti), 31 da trasportarsi in coperta e solo 17 nell’hangar. Date le dimensioni dell’unità sarebbe stata una valutazione ottimistica in quanto i 32 aerei del requisito iniziale sarebbero stati il massimo numero imbarcabile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Canarias-Conversion.jpg

La linea di volo sarebbe stata servita da due ascensori di 13,40 per dieci metri per la manovra dalla coperta al hangar, quest’ultimo con le dimensioni di 141,52 metri di lunghezza per 19,45 di larghezza e 8,50 di altezza. Sarebbe stata equipaggiata con una catapulta con dieci cavi e tre barriere d’arresto. Sulla portaerei sarebbe stato previsto un equipaggio di 794 uomini, compresi quelli del servizio aereo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Canarias-Conversion-Estibado-Aviones.jpg

Malgrado si trattasse di una discreta unità, all’interno dell’Armada vi erano resistenze alla trasformazione dell’unità maggiore della flotta che, per di più, malgrado fosse derivata da un progetto datato, era una di quelle con meno anni di servizio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Canarias-Conversion-Cubierta-e-ISla.jpg

Il progetto, inoltre, avrebbe privato la Marina Spagnola dell’unica unità di “bandiera” idonea alla proiezione di potenza ed al tiro contro costa, potenzialità importante nel contesto ancora coloniale dell’epoca. Iniziò quindi la ricerca di scafi alternativi su cui realizzare il progetto.

Fine parte I  – continua

Gianluca Bertozzi

 

FONTI

La Marina Spagnola e i progetti di conversione in portaerei degli incrociatori Canarias e Trieste di Gian Carlo Poddighe

Giorgerini, A. Nani, Gli incrociatori italiani, USMM, Roma 1961

Buques de la Armada Espanola – Los anos de la post guerra, J. L. Coello Lillo 1994

 

print
(Visited 214 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »