Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Navi corsare italiane

Reading Time: 8 minutes

.

.
livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MEDITERRANEO E MAR ROSSO

parole chiave: navi corsare italiane
.

L’impiego di naviglio requisito fu pratica comune per le marine da guerra da tempi remotissimi.  Potrei dire che fino al XVII secolo i mercantili armati costituirono il nerbo della maggior parte delle marine.

La pratica continuò fino alla fine del XIX secolo quando un postale transatlantico, se armato con cinque/sei pezzi da 152mm ed una decina da 47mm, poteva tranquillamente affrontare un incrociatore protetto dell’epoca.  Questo perché tra i due non ci sarebbero state grandi differenze dal punto di vista cinematico e offensivo e, se vogliamo, l’incrociatore ausiliario avrebbe avuto una maggiore autonomia e tenuta di mare. La situazione cambiò radicalmente col nuovo secolo quando anche i migliori transatlantici non avrebbero potuto affrontare la nuova generazione di incrociatori leggeri. Questo comportò a limitare i mercantili armati a compiti di pattugliamento e protezione/attacco al traffico. In pratica si comprese che al posto di grandi e veloci transatlantici, rivelatisi vulnerabili, riconoscibili e con una troppo breve autonomia, sarebbe stato meglio impiegare mercantili di medio tonnellaggio, non troppo veloci ma con maggiore autonomia che si sarebbero prestati meglio ad essere camuffati per evitare di essere troppo facilmente scoperti e riconosciuti.Dopo la prima guerra mondiale, i notevoli successi conseguiti da questo tipo di incrociatori mercantili portò la marina tedesca ad individuare una cinquantina di mercantili impiegabili come navi corsare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è oceania_cargo-1024x638.jpg

nave cargo Oceania

Oggi parlerò dell’impiego similare di navi mercantili da parte della Regia Marina italiana che, in origine,  ne pianificò l’impiego oceanico in caso di una guerra contro la sola Francia. La base normativa sarebbe stato il Regio Decreto 865/26 che prevedeva l’erogazione a fondo perduto di somme a favore degli armatori, a patto che le strutture delle nuove costruzioni mercantili e i loro spazi interni fossero predisposte per l’installazione di armi, riservette munizioni ed altre attrezzature militari, nonché di adeguati sistemi di compartimentazione e sicurezza. Tra le numerose categorie in cui i mercantili armati furono classificati c’erano le “navi scorta convogli“, mercantili veloci (almeno 15 nodi), con una stazza compresa tra le 1.500/5.000 tonnellate ed armati con 2/4 pezzi da 120/102mm. Alle navi mercantili di tonnellaggio maggiore era riservata la tradizionale denominazione di incrociatore ausiliario e se ne prevedeva un impiego nella guerra al traffico avversario.

Lo studio sulle navi maggiori
Come incrociatori ausiliari furono individuati i grandi e veloci transatlantici Rex,  Conte di Savoia ed i due Saturnia a cui si aggiunsero in seguito le motonavi Oceania, Neptunia e Victoria. Queste navi sarebbero state armate  quando necessario con sei cannoni da 152mm ed altrettante mitragliatrici da 13,2mm).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è piroscafo-Neptunia-1024x691.jpg

piroscafo Neptunia

Dato che si prevedeva che questi grandi e riconoscibilissimi incrociatori ausiliari avrebbero potuto essere impiegati solo in condizioni molto particolari, si cominciò a cercare alternative. Nel 1931, sempre in caso di guerra con la Francia, si prevedeva di armare sedici navi sulle 4.000/8.000 tsl, con una velocità di 12/15 nodi e diecimila miglia di autonomia. L’armamento sarebbe stato composto da due cannoni da 120mm, quattro mitragliatrici, due lanciasiluri, mine. Inoltre sarebbe stao possibile imbarcare un aereo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1940-Incrociatore-ausiliario-Arborea-1024x304.jpg

disegno dell’incrociatore Arborea, 1940

Nel 1935, un nuovo provvedimento normativo definì una nuova categoria ovvero le “navi per l’attacco al traffico” e definì un piano di mobilitazione che prevedeva l’acquisizione di cinque incrociatori ausiliari e trentuno mercantili da impiegare come navi scorta. Nel 1939, la pianificata mobilitazione del naviglio mercantile individuava 23 incrociatori ausiliari e navi per l’attacco al traffico, 42 navi scorta convogli e 75 cacciammergibili oltre a centinaia di dragamine, unità vigilanza, trasporti, navi ospedale, unità portuali e posamine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corsaro-Arborea-1.jpg

disegno della Motonave Arborea – caratteristiche 4952tsl – armamento 4 cannoni da 120, sei da 13,2, velocità 16 nodi con un’autonomia di 14.000 miglia  

La prima nave ad essere armata come nave per l’attacco al traffico fu la motonave Arborea. La trasformazione avvenne nel 1935 a Massaua (Eritrea), durante la guerra d’Etiopia, in previsione di complicazioni politiche con l’impero britannico (ma anche col Giappone che aveva acquisito una buona quota del, povero, commercio Etiopico e nel quale erano state effettuate manifestazioni filo-etiopiche).

I temuti problemi internazionali non si verificarono, nonostante l’accanimento internazionale contro l’Italia, ma questo non fermò la pianificazione. In pratica, la Regia Marina italiana stabilì una base navale in mar Rosso, Massaua, che rendeva possibile una guerra al traffico nemico anche negli oceani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-corsara-barbarigo-1.jpg

motonave Barbarigo – caratteristiche previste 5249 tsl, 14 nodi di velocità e 25000 miglia autonomia. Si prevedeva un armamento di quattro cannoni da 120mm (da sostituire con gli appena progettati cannoni OTO da 135mm), otto mitragliatrici da 13,2mm, quattro lanciasiluri, un aereo e 50 mine

Nella primavera del 1936 fu effettuato un approfondito studio che individuava nelle quattro motonavi della classe Barbarigo, le migliori unità disponibili per la guerra al traffico in Oceano indiano e, in subordine, nel Pacifico ed in Atlantico. Le quattro motonavi sarebbero state sostanzialmente armate con il meglio disponibile in Italia, a prova dell’importanza che si dava al programma di trasformazione. Queste navi avrebbero dovuto essere armate in Italia e raggiungere successivamente i porti africani. Questo era però il punto debole dello studio di pianificazione, in quanto sarebbero dovute salpare per le basi operative di oltremare, in maniera occulta, prima della dichiarazione di guerra, cosa altamente improbabile visto che una motonave carica di mine, siluri e cannoni e visibilmente militarizzata potesse non essere riconosciuta come un incrociatore ausiliario alle visite di controllo che venivano effettuate prima di imboccare il canale di Suez.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è commervcio-bananiere.jpg

lungo le rotte delle banane

Dato che si riteneva necessario avere comunque in Africa Orientale Italiana alcune navi per l’attacco al traffico, da dislocare nelle future basi somale di Chisimaio e Ras Dante, nel 1937 fu individuata come soluzione al problema la trasformazione delle motonavi della classe RAMB, veloci bananiere refrigerate di proprietà del ministero delle colonie ma gestite dalla Regia Azienda Monopolio Banane (da cui il nome RAMB) che erano in servizio sulla rotta Merca – Napoli.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corsaro-bananiera-RAMB-1.jpg

bananiera classe RAMB – caratteristiche Le RAMB  erano moderne motonavi da 3667 tsl, velocità diciotto nodi di velocità (massima 19,5) e 16500 miglia di autonomia) Per esse si prevedeva un armamento di quattro cannoni da 120 e da due a otto mitragliatrici da 13,2, mancavano mine aerei e siluri ma erano presenti due stazioni per la direzione del tiro del tipo previsto per le torpediniere più moderne, una strumentazione molto sofisticata per unità da armare in modo molto semplice e speditivo in una base avanzata non molto attrezzata. 

Erano navi nuovissime derivate dalle tre motonavi similari (un poco più piccole) classe Capitano Bottego, motonavi refrigerate costruite in Svezia per la linea della RAMB e di cui era già previsto l’impiego come navi di scorta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bottego-nave-corsara-1.jpg

Dato che normalmente due di esse erano in Mediterraneo e due in Mar Rosso e Oceano indiano, furono depositate armi e dotazioni per armare due di esse in caso di mobilitazione presso l’officina mista della Regia Marina a Massaua. Similarmente furono depositate le dotazioni belliche per le altre due a Napoli, che era il porto di armamento di dette navi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RAMB-ii-1937-1024x601.jpg

RAMB II, nel 1937.

Per le RAMB si prevedeva un armamento di quattro cannoni da 120mm e da due a otto mitragliatrici da 13,2mm. Non erano previste mine navali e siluri ma due moderne stazioni per la direzione del tiro, del tipo previsto per le più recenti torpediniere, una strumentazione molto sofisticata per delle unità che si sarebbero dovute armare in modo molto semplice e speditivo in una base avanzata e non molto attrezzata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corsaro-Pietro-Orseolo-1.png

motonave Pietro Orseolo

Nel 1939 i piani navali furono integrati prevedendo di armare con cannoni da 152/40mm la nuovissima motonave Pietro Orseolo per la guerra di corsa nell’Oceano Indiano, un’unità che in seguito si distinse violando il blocco alleato ed effettuando tre traversate sulla rotta Bordeaux-Giappone.

Per l’Atlantico, dove si confidava in basi sul territorio spagnolo continentale e alle Canarie, furono individuate come soluzione ottimale le tre motonavi in costruzione classe Monginevro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è corsaro-monginevro-1.png

classe Monginevro con pitturazione mimetica – erano motonavi da 5500 tsl, 16,5 nodi,  40.000 miglia di autonomia. Per esse si prevedeva un armamento più pesante che non era mai stato programmato per un incrociatore ausiliario italiano. Questo comprendeva sei cannoni da 152mm, quattro da 37mm, due da 20mm, quattro lanciasiluri ed un aereo.

Contemporaneamente furono aggiornati i piani di impiego per i Barbarigo e i transatlantici di cui si prevedeva ancora l’impiego, qualora fossero cadute le posizioni britanniche che chiudevano il Mediterraneo. Lo scoppio anticipato della guerra, l’indisponibilità di basi atlantiche e la caduta dell’AOI impedì che questa pianificazione portasse a qualcosa. Le Monginevro furono completate solo dopo lo scoppio della guerra e subito impiegate nei convogli. Alcuni dei Barbarigo rimasero bloccati fuori dal Mediterraneo e comunque dove era impossibile l’impiego di navi corsare, data l’assenza di traffico nemico. Questo impose che i mercantili armati italiani, tra cui un RAMB rimasto in Mediterraneo, potessero essere impiegati solo come navi scorta.

Alcuni transatlantici furono disarmati ed impiegati come trasporto truppe. Tre RAMB rimasero bloccati a Massaua, assieme a due Capitano Bottego: due furono armati con quanto predisposto, il terzo, la RAMB IV, rimasto tagliato fuori in quanto la dotazione era stata depositata a Napoli, restò disarmato. Rigettata l’idea di amarlo con tre cannoni da 152mm, prelevati da una batteria costiera di protezione a Massaua, fu trasformata in nave ospedale e, in questa veste, fu poi catturata dai britannici mentre tentava di rientrare in Italia carica di feriti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aramv-IV-nave-ospedale-1024x691.jpg

la RAMB IV nave ospedale in porto a Massaua

Le RAMB armate, che si sarebbero dovute impiegare nell’oceano Indiano, con basi in Somalia, non furono impiegate nel ruolo previsto, tranne qualche breve missione in mar Rosso. Quando apparve chiaro che Massaua stava per cadere le RAMB tentarono di raggiungere il Giappone e varcarono lo stretto di Bab El Mandeb senza troppi problemi. In seguito, una fu intercettata da un incrociatore Britannico ed affondata ben lontano dalla linea di blocco. La seconda invece arrivò in Giappone ma non potè operare come nave corsara in quanto i giapponesi erano ancora neutrali. In seguito, dato il fallimento in cui incorsero gli incrociatori ausiliari giapponesi, venne utilizzata come nave appoggio e trasporto a sostegno delle operazini giapponesi.

Gianluca Bertozzi

 

FONTI
I corsari, mancati della Regia Marina di Enrico Cernuschi Storia Militare nr. 58 luglio 1998

I violatori del Blocco: la marina italiana nella 2gm volume XVII – Ufficio Storico della Marina Militare, 1972

La Regia Marina e L’oceano indiano di Fabio De Ninno, collana SISM
 
 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

print
(Visited 503 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »