Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Filmato nelle profondità della California un pesce decisamente curioso: il barreleye

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO

parole chiave: pesci abissali, Monterey canyon

 

Sebbene sonde spaziali abbiano ormai superato i limiti del nostro sistema solare, ancora oggi gli abissi profondi degli oceani del nostro pianeta ci regalano nuove sorprese.

Un continente profondo poco conosciuto che, nella primavera del 2022, il Monterey Bay Aquarium, cercherà di svelare ai visitatori con una nuova mostra intitolata “Into the Deep: Exploring Our Undiscovered Ocean“, che presenterà molte creature degli abissi, dagli isopodi giganti ai ragni marini, da pesci per i quali non si hanno difficoltà ad usare il termine mostruosi, ad altri decisamente bizzarri di cui non avrebbero mai potuto conoscere l’esistenza se non a causa di pesca occasionale. Negli ultimi anni la disponibilità di robot filoguidati sofisticati ha consentito agli scienziati di scoprire nuove specie e comprenderne i meccanismi ecologici e biologici.

Una delle ultime scoperte è legata al pesce ad occhi a barile (Barreleye fish – Macropinna microstoma) che, a pieno titolo, potrebbe essere un protagonista di un romanzo di fantascienza. In realtà questo pesce era stato scoperto per la prima volta nel 1939, dal biologo marino Chapman, in acque temperate profonde al largo degli oceani Pacifico, Indiano e Atlantico, ma restò sconosciuto fino ai primi anni 2000. Infatti i vecchi disegni di questa specie non mostravano la cupola trasparente, questo perché essa veniva distrutta quando il pesce veniva portato in superficie. La ripresa in situ della specie ha quindi fornito un valore aggiunto allo studio di questa specie.

Il canyon delle meraviglie
Nelle profondità abissali della baia di Monterey, ridente cittadina della California, gli scienziati hanno recentemente catturato il filmato di un pesce con una testa bulbosa e traslucida, dotato di occhi verdi simili a sfere che sembrano osservare dalla fronte.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Map_MontereyBay_CCE_EqipmentLocation-1024x477.png

Questa bizzarra creatura, nota come barreleye, è un pesce raro ed i ricercatori del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) lo hanno individuato solo nove volte, in più di 5.600 immersioni nell’habitat di questo strano pesce. 

Il barreleye è piuttosto simile ai pesci della famiglia dei  Opisthoproctidae e della famiglia dei macropinna.  come essi possiede occhi tubolari telescopici rivolti in alto. Una caratteristica di questa specie è che presente una capsula semisferica incolore che copre e protegge gli occhi e che può dare l’impressione che la testa sia trasparente. Quelli che all’estremità anteriore della testa sembrano degli occhi sono in realtà organi olfattivi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barreleye-descrizione.jpeg

Gli occhi di un bel colore verde sono incredibilmente sensibili alla luce e possono essere orientati verso la parte superiore della testa o dritto in avanti. Possiede una pinna adiposa sul suo peduncolo caudale. Gli adulti hanno un colore scura e la loro lunghezza massima nota è intorno ai 15 cm.

Il suo habitat spazia dal Mare di Bering al Giappone fino alla Bassa California. I pesci vivono nella zona crepuscolare dell’oceano, tra i 200 ai 1.000 metri di profondità.  In particolare, i barreleye sono stati scoperti tra i 600 e gli 800 metri sotto la superficie dell’oceano, al limite della zona inferiore dove inizia la completa oscurità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mbari-rov-ventana-768x1024.jpg

Messa in acqua del ROV Ventana a bordo della nave da ricerca Point Lobos del MBARI

Un pesce ancora poco conosciuto
Durante una delle ultime ricognizioni profonde con il ROV Ventana, ad una profondità di circa 2.132 piedi (650 metri) nel Monterey Submarine Canyon, uno dei canyon sottomarini più profondi della costa dell’oceano Pacifico, il pesce è comparso davanti alle telecamere. Alla luce del ROV, gli occhi del barile brillavano di un verde brillante e potevano essere facilmente visti attraverso lo scudo trasparente, pieno di liquido, che copre la testa del pesce.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lanternfish.jpg

pesci lanterna (lanternfish)

Gli scienziati non hanno idea di quanti esemplari di questa specie vivano nella zona crepuscolare ma sono meno frequenti di altri, come i pesci lanterna (lanternfish) o i bristlemouth, un pesce delle medie profondità luminescente al buio che può aprire la sua bocca straordinariamente ampia, scoprendo zanne aghiformi, per divorare le sue prede.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bristlemouth-751x1024.jpg

bristlemouth fish

Sulla base delle osservazioni effettuate dai ricercatori del MBARI, pubblicate nel 2008 sulla rivista Copeia, si ipotizza che questi pesci di profondità rimangano per lo più immobili, aspettando che prede incaute, come zooplancton e meduse, vadano alla deriva sopra la loro testa. Il pesce può librarsi in questo modo grazie alle sue pinne larghe e piatte che si estendono dal suo corpo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barreleye4-280.jpg

Puntando i loro occhi verso l’alto, i barreleye possono quindi individuare le sagome delle loro prede, facilitati dalle caratteristiche telescopiche degli stessi e dal pigmento verde nei loro occhi che probabilmente li aiuta a discriminarle nell’insieme. Una volta che viene individuata una preda, il pesce si estende verso l’alto per afferrarla nella sua bocca, ruotando nel frattempo gli occhi in avanti, in modo da capire  dove sta andando. Gli scienziati ipotizzano che i M. microstoma siano in grado di rimuovere anche le prede catturate dai sifonofori, organismi coloniali simili a meduse, che catturano piccoli animali nei loro tentacoli. Lo scudo trasparente della testa del pesce dagli occhi a barile potrebbe quindi avere una funzione di protezione dalle cellule urticanti presenti nei tentacoli dei sifonofori. 

 

Fonti di approfondimento

Robison, B.H. (2004). Deep pelagic biology. Journal of Experimental Marine Biology and Ecology, 300: 253-272. doi.org/10.1016/j.jembe.2004.01.012

Robison, B.H. and K. Reisenbichler (2008). Macropinna microstoma and the paradox of its tubular eyes. Copeia, 4: 780-784. dx.doi.org/10.1643/Cg-07-082

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

.

print
(Visited 242 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »