Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Riflessioni scomode su alaggi, vari e invasi

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO:  ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MANUTENZIONI

parole chiave: alaggi, vari, invasi, cantieri

 

La sosta in secco … a prova di stabilità
Invasi, cavalletti, puntelli, tacchi, selle, e altro ancora almeno una volta all’anno, si prenderanno cura della nostra amata barca durante il lungo letargo invernale. Occorre decidere dunque se stare fermi a riposo per diversi mesi, svernando a terra, oppure rimanere in “acqua”, spesso dimenticati alle intemperie ed alle preoccupazioni.

Cosa fare allora?
Affrontare un’altra voce di spesa spesso piuttosto onerosa nel budget annuale tra alaggio, varo, movimentazioni, taccheggio, sosta a terra e servizi complementari. E’ sicuramente l’occasione per fare alcuni controlli e manutenzioni alla carena, appendici, assi, eliche, zinchi, antivegetativa approfittando di far asciugare (o pensare di) il laminato senza farsi mancare prima del varo una rinfrescante lucidatina alle murate!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-2-1024x383.png

Per molti è anche l’occasione per ri-prendersi, dopo mesi di regate o pseudo-rilassanti crociere alternate a weekend manutentivi, quella rassicurante sensazione di non stare in pensiero per la nostra “amata” e immaginarla sicura, protetta e “sostenuta” tra le forti braccia dei nuovi compagni di sosta: invasi e puntelli.

Ma c’è da fidarsi veramente? Corriamo dei rischi e la barca soffrirà?
Inevitabilmente soffre! In acqua il suo peso viene distribuito e “sostenuto” uniformemente dalla massa del liquido (concetto di dislocamento e principio di Archimede) che solleva l’intera superficie dell’opera viva, in secco il peso si scarica in maniera puntiforme o al limite lineare limitando le superfici di contatto ai sostegni in opera ( selle, tacchi, puntelli, pali, etc ).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-3-1024x620.png

Una corretta distribuzione dei carichi, un perfetto equilibrio statico, una giusta pressione a tutti i punti di appoggio evitando ogni possibile sollecitazione rischiosa alle appendici e accessori sono alla base di un “alloggiamento a regola d’arte”.

Vediamo allora quali sono i basilari da ricordare in tutte le fasi dell’operazione di alaggio e di sosta a terra e l’idoneo supporto su cui “adagiare” la nostra barca. Già durante la fase di alaggio il sollevamento provoca i primi stress. Per gravità la zavorra “appesa” è spinta verso il basso e per sollevamento lo scafo in molti casi è schiacciato dalle fasce verso l’interno. Bilancini non adatti, sottodimensionati o traverse della struttura ad H o a X troppo strette e lontane dal centro di gravità possono far soffrire la struttura. A mio avviso, il tiro ad “U aperta” con travel lift risulta essere il più adatto e meno stressante perché permette di regolare altezza, distanza, apertura semplificando anche la “messa in piano”.

La seconda fase è il posizionamento sull’invaso, taccheggio e puntellamento.
Bisogna tener conto necessariamente della forma, del peso, della lunghezza, del materiale e del metodo di costruzione della barca, avendo cura di scegliere come punti d’appoggio e di scarico sulla carena le strutture di rinforzo interne e i punti più robusti come paratie strutturali (resinate), madieri, longheroni, nervature. Se possibile lasciare qualcuno a bordo durante l’operazione o salirci appena possibile per cercare di sentire eventuali rumori o scricchiolii, verificare chiusura delle porte, allineamenti paglioli, mobilio e integrità o scollamenti vari.

Il principio generale è che il peso della barca deve esser sostenuto in buona parte dalla chiglia (deriva, zavorra, bulbo), mentre i sostegni laterali devono sopportare soltanto la spinta necessaria a mantenere in equilibrio e in posizione la barca, senza dunque sostenerne il peso della stessa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-4-bulbo-1024x307.png

Fatto questo, verifichiamo che non ci siano deformazioni o avvallamenti nel profilo del fasciame scongiurando rischi di danni strutturali, delaminazioni e scollamenti del ragno e/o controstampi. Verificare inoltre le caratteristiche e la solidità del piano di calpestio (piazzale) e del suo carico ammissibile per metro quadro, stabilendo così il giusto passo dei sostegni. Evitare puntellamenti su pareti di vetroresina senza nessuna costolatura interna o paratie strutturali o di irrigidimento, caricando la forza di gravità il più possibile sulla ragnatela dello scheletro portante della barca o su punti in grado di subire flessioni minime.

L’ideale sarebbe un’invasatura stampata sulla sagoma dell’imbarcazione (uno stampo femmina!) o comunque regolabile alle forme della carena. Posizionare l’imbarcazione in piano o volendo con un minima pendenza per evitare ristagni di acqua. Interporre tra lo scafo e i punti di contatto un primo strato morbido di adattamento (compensato marino foderato o rivestito per evitare graffi e tagli), una seconda tavola di legno duro di ripartizione delle spinte e infine cunei di forzatura ad angoli ridotti per adattare al meglio l’inclinazione del “pacchetto interposto” alle sezioni tonde della carena. In altre parole, posizionare tra la chiglia e il terreno o la struttura dell’invaso, in mancanza di idonei tacchi fissi in ferro, blocchi di legno fino a toccare uniformemente la base dello scafo. L’ultima fila dei blocchi andrebbe orientata con le fibre trasversalmente alla sezione longitudinale della barca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-4-bulbo-1024x307.png

Vediamo quali possono essere i pro e i contro per giustificare l’operazione di alaggio per un periodo prolungato.

CONTRO PRO
– Un costo aggiuntivo da sostenere ed un eventuale rischio (prevedibile)
– L’utilizzo della barca si riduce a zero.
– Molte apparecchiature elettriche disalimentate per lungo tempo hanno maggiore rischio di condensa interna e di ossidazione.
– Si evitano le correnti galvaniche, la tendenza ad accumulare la umidità nei laminati (igroscopicità della vtr e del gelcoat), la possibilità di osservare e intervenire sull’opera viva e appendici, ma soprattutto questo evita quella spiacevole sensazione di pensare la propria barca abbandonata a se stessa … in galleggiamento in acqua!

Meglio a terra al sicuro allora?
Spesso sento dire in banchina, nei cantieri o a cena tra amici se è meglio lasciare la barca a galleggiare o a seccare all’aperto? Personalmente ritengo cosa utile e responsabile considerare l’operazione di rimessaggio in una visione più ampia e di capire il perché nasce questo dubbio. E’ solo una questione economica ?

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-4-bulbo-1024x307.png

Siamo obbligati e intimoriti nel dover assolvere al carenaggio almeno una volta l’anno? Dobbiamo controllare qualcosa che ci preoccupa o vorremmo dedicarci a un make-up generale prima della prossima stagione estiva o veramente pensiamo di asciugare la barca?
Il lavoro fai da te, il più delle volte, non è consentito (per regolamenti di sicurezza nei luoghi di lavoro) o solo con forti restrizioni che limitano ad interventi che non giustificano l’operazione ed il costo. Molti cantieri (ne esistono di seri e professionali come altri improvvisati e poco affidabili) cercano di sfruttare al massimo ogni centimetro quadrato di spazio a disposizione e applicano tariffe spesso più basse per svernare a terra invogliando così il diportista a considerare lo “sconto” sollecitato dal fatto che “bisogna fare carena “ per farla fare però, da altri!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-5-1024x331.png

Consideriamo un 12 metri a vela: una carteggiata veloce, due mani ( diluite o piene?), il colore (a scelta), due zinchi, due o tre giorni di lavoro, ci costano circa 1000 euro di manodopera escluso il materiale! Per le operazioni di scalo: alaggio e varo, lavaggio carena, movimentazione e posizionamento, antivegetativa e sosta su piazzale (mq/mese) dobbiamo considerare circa 2000 euro. A fronte del risparmio ottenuto (se reale) per la sosta a terra ci troveremo ad avere 2000 euro in meno in tasca ma con una carena a prova d’attacco biologico (per altri sei mesi), un nuovo popolamento di biocidi in mare, un pensiero in meno e la certezza che timone, zavorra, asse ed elica sono ancora li e nello stesso posto dell’anno scorso!

Scegliere cosa fare è una questione di stile, non di moda! Avere le idee chiare e conoscere cosa serve alla propria barca. Tante sono le variabili che entrano in gioco: tipo di barca, materiale, tempo, luogo, portafoglio, età (di entrambi, barca e armatore), disponibilità d’ormeggio, ansie, razionalità, necessità e programmazione d’interventi, utilizzo, sicurezza e la consapevolezza che “prendersi cura” è un atto doveroso e spesso … non ha prezzo!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alaggio-7-1024x692.png

Sistema combinato puntelli-cavalletti per barche a vela NavaltecnoSud

Personalmente ogni anno controllo e curo a secco e in acqua la mia amata barca. Buon vento.

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 302 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »