If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Un voto per gli squali

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI 
PERIODO:XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Squali, oceani, biodiversità

 

Insegno alle scuole superiori, e, ogni volta che chiedo ai miei studenti se hanno idea di quante persone vengano uccise ogni anno dagli squali, le stime vagano tra i centomila e il milione (qualcuno a volte spara cifre vicino a un miliardo, ma le tralasciamo per poco senso della misura). Sarà per questo che ogni volta che spiego che gli squali si stanno per estinguere, la risposta più frequente che ricevo è: “meno male”. E non solo da quattordicenni con una visione del mondo peculiare: gli squali sono per molti IL mostro per eccellenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SQUALI.jpg

Eppure questo tremendo mostro degli abissi, che terrorizza i natanti da generazioni ed è protagonista di storie e film dell’orrore, uccide meno di dieci persone l’anno. Infinitamente meno di quante ne uccidono i nostri animali da compagnia, o le zanzare con cui condividiamo la stanza. Di questi animali, noi comuni mortali che passiamo una vita tra casa e ufficio sulla terraferma, sappiamo davvero poco. Sappiamo che sono macchine da guerra, che hanno svariate file di denti, che sentono l’odore del sangue per chilometri (sia detto per inciso: quello degli Uomini pare non sia di loro massimo gradimento) e che possono muoversi più veloci di una barca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è squali.jpg

Quello che invece non tutti sanno è che esistono più di 450 specie di squalo. Una cifra al ribasso perché, come è noto, le profondità degli Oceani sono ancora per lo più inesplorate. Di fatto, dal 1970 ad oggi, cioè negli ultimi 50 anni, la popolazione degli squali presenti nei nostri mari è diminuita di più del 70%. In pratica, tre squali su quattro li abbiamo persi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è squali2.jpg

Tornando ai dati sopraelencati, contrariamente al basso rischio concreto che lo squalo rappresenta per l’Uomo, quest’ultimo ne rappresenta per lo squalo uno altissimo. Sono circa cento milioni gli squali uccisi ogni anno dall’Uomo e tra questi si stima che circa settantatré milioni vengano ammazzati per mangiare solo una piccolissima porzione del loro corpo: la pinna. Il resto dello squalo viene poi ributtato in mare, spesso con l’animale ancora vivo ma ormai mutilato ed impossibilitato a nuotare, cosa che lo uccide per soffocamento dopo una lunga e tremenda agonia. È questa la pratica che prende il nome di “finning” e che sta portando gli squali sull’orlo dell’estinzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è shark-finning2.jpgA mangiare le pinne di squalo sono soprattutto gli asiatici, che le utilizzano per la zuppa, una pietanza il cui mercato continua a salire nonostante i prezzi proibitivi e nonostante sia accertato che la forte presenza di mercurio nel corpo degli squali sia tossica per il nostro organismo. Ma se a consumare sono specialmente gli asiatici, gli europei non si tirano indietro per sfruttarle commercialmente: circa 3500 tonnellate di pinne di squalo sono infatti vendute ogni anno dall’UE ai mercati dell’Est.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è shark-finning1-e1501148790777.jpgDa anni le associazioni ambientaliste lottano contro questa atrocità e hanno così ottenuto, nel 2013, una legge che impedisce di tagliare la pinna degli squali quando ancora in barca. Gli squali devono quindi sbarcare nei porti di destinazione ancora integri. Questo comporta che gli animali non vengono ributtati vivi in mare, impedendo lo spinnamento, il finning, nel momento della pesca. Purtroppo i numeri sono importanti, con milioni di squali mutilati e lasciati morire inutilmente. Tanti che si prevede che tra un decennio saranno definitivamente scomparsi dai nostri mari. Urge dunque richiedere all’UE il divieto totale del commercio delle pinne di squalo. E non solo per ragioni etiche o animaliste ma per la nostra sopravvivenza. Gli squali, infatti, si trovano all’apice della catena alimentare degli Oceani e la loro diminuzione va ad alterare gli equilibri biologici negli ecosistemi marini. Questo comporta variazioni chimiche dell’acqua di mare che influiscono sul ciclo del carbonio fondamentale per supportare l’azione ossigenatrice degli oceani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ciclo-co2-oceani-1024x715.png

L’Oceano crea infatti il 50% dell’ossigeno che respiriamo. Una boccata d’aria su due la dobbiamo a lui, giocando un ruolo fondamentale nell’assorbimento del biossido di carbonio (CO²). Un minore sequestro di CO² comporta una sua maggiore emissione in atmosfera e quindi un aumento delle temperature con conseguente influenza sui cambiamenti climatici.

In sintesi, l’equazione è facilissima: se scompariranno gli squali, gli ecosistemi si squilibreranno e l’Oceano subirà dei cambiamenti chimico fisici importanti, aumentando le aree anossiche e perdendo la sua funzione di termoregolazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è stop-finning.jpg

Cosa possiamo fare?
Sicuramente la prima cosa è sensibilizzare le persone che ci stanno attorno. Vincere il primordiale timore verso lo squalo, spiegando che non è un nostro nemico ma un alleato per sconfiggere le sfide del futuro. Poi, sicuramente, firmare e far firmare a più persone possibile l’iniziativa dei Cittadini Europei Stop Finning UE. La trovate a questo link: https://www.stop-finning-eu.org/it/

Affinché la proposta sia valida, è necessario raggiungere un milione di voti all’interno dei Paesi della Comunità Europea. Ne mancano ancora tantissimi e serve l’aiuto di tutti. Fatelo per Voi .. salvate il Vostro futuro.

Carola Ludovica Farci

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 139 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Lidia Gazza Lidia Gazza
    28/10/2021    

    Molto interessante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »