If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Marea nera a Orange County: parliamo di petrolio

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: versamenti, petrolio, gas, natural seepage
.

In questi giorni le news internazionali hanno segnalato un nuovo disastro naturale, avvenuto al largo di Orange County, in California, dove più di 126.000 galloni di greggio hanno creato una chiazza di petrolio di 12 miglia. La fuoriuscita arriva tre decenni dopo che una massiccia perdita di petrolio ferì lo stesso tratto di costa il 7 febbraio 1990, quando la petroliera American Trader investì la sua ancora al largo di Huntington Beach, versando quasi 417.000 galloni (1,6 milioni di litri) di greggio.

Il petrolio versato nelle acque prospicienti Orange County è penetrato nelle paludi e nelle zone umide di Talbert mentre pesci e uccelli morti si riversano a terra. L’ennesimo disastro in mare che ci spinge a parlare delle cause di inquinamento marino legate al petrolio e sulla necessità di rivogersi ancora ai materiali fossili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 6._Fuoriuscita_di_petrolio.jpg

La causa della perdita deve ancora essere identificata, ma è collegata alla piattaforma petrolifera Ely, un popolare sito di immersione a circa 5 miglia dalla costa. I subacquei commerciali stanno ispezionando l’oleodotto di 17,5 miglia per trovare la fonte della perdita. Si ritiene che sia stata fermata ma si prevede che la marea nera continuerà a diffondersi a causa del vento e delle correnti oceaniche.

Non è ancora noto quanto tempo richiederà la pulizia
A partire da domenica 3 ottobre, sono stati recuperati oltre 3.000 galloni di petrolio dall’acqua e l’area è stata delimitata da panne antiinquinamento per contenerne la diffusione. Potrebbe essere una delle tante tristi notizie che ricorrono per pochi giorni nelle news, ma è funzionale a parlare del problema … L’impatto dovuto al petrolio greggio è forse la forma più visivamente eclatante di inquinamento marino. Ogni anno una quantità tra i 3 e 4 milioni di tonnellate di petrolio finiscono in mare. Un prezzo molto alto per il nostro benessere. D’altro canto è ancora la fonte energetica e di produione più importante per la nostra civiltà … le alternative sono affascinanti ma non sufficienti  a meno di rinunciare ad una parte del nostro benessere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bpdeepwater-horizonmacondogulf-of-mexico-oil-spill-4-638.jpg

il disastro della Deep Water Horizon nel Golfo del Messico

Per poter comprendere il problema iniziamo dal soggetto, il petrolio, una sostanza organica ovvero costituita da carbonio ma anche da ossigeno, idrogeno, zolfo e azoto in quantità minori, generato dalla degradazione termica del cherogene. In particolari condizioni di temperatura (tra i 50 e i 150 °C) e pressione, a seguito della trasformazione di macromolecole di sostanze biologiche mischiate a materiali inorganici in condizioni anaerobiche (in assenza di ossigeno), tende a degradarsi termicamente in idrocarburi, con la formazione di petrolio e gas.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CiclodelCarbonioEruzionivulcanichediventaHCO3-.jpg

Questa miscela idrocarburica viene assorbita come da una spugna dalla roccia madre e viene sottoposta a una forte pressione (idrostatica e litostatica). Il petrolio tenderà quindi ad infiltrarsi nelle rocce circostanze, attraversando svariate rocce fino ad accumularsi in quello che diventerà il giacimento petrolifero, delimitato da strati di rocce impermeabili che vanno a confinare la miscela. In alcuni casi si generano delle fratture naturali che fanno sfociare in superficie il gas ed il petrolio. Questo il motivo per cui questo materiale è conosciuto sin dai tempi antichi quando la loro emissione e, a volte, accensione provocava la curiosità o il timore dei nostri antenati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è formazione-petrolio.jpg

Il giacimento petrolifero si trova quindi intrappolato all’interno di rocce caratterizzate da una buona porosità. Per motivi di densità, il petrolio, meno denso, tenderà a disporsi sulla superficie mentre l’acqua, verrà spinta verso il basso.

Quando viene riversato accidentalmente in mare, il petrolio si stende sulla superficie dell’acqua, in un film oleoso che dà origine ad una patina oleosa omogenea che causa la morte di numerosi organismi. Inoltre, le sostanze tossiche contenute nel petrolio vengono assimilate dagli organismi marini e, attraverso la catena alimentare, possono provocare seri danni a molte specie di animali tra cui naturalmente anche agli esseri umani. L’inquinamento da petrolio è purtroppo un fenomeno abbastanza frequente sia nei pressi delle piattaforme petrolifere (circa 1.5%) sia durante le operazioni di lavaggio delle cisterne delle navi, e per incidenti di petroliere in mare (45%) che possono concentrare in rapido tempo grandi quantità di greggio in una specifica area. Il resto è dovuto ad azioni antropiche nei territori e a processi naturali, come il natural seepage, infiltrazioni naturali di petrolio greggio negli ambienti marini e terrestri attualmente stimata in 600.000 tonnellate all’anno, con un intervallo di incertezza compreso tra 200.000 e 2 milioni di tonnellate all’anno. Va ricordato che anche quello versato sul territorio, prima o poi, raggiunge il mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è batteri-petrolio.jpg

alcuni batteri contribuiscono al degrado del petrolio

Il petrolio viene poi gradualmente sottoposto a naturali processi di degradazione fisica e chimica. In realtà la parte volatile del greggio evapora in poco tempo, mentre le altre sostanze oleose se non attaccate da batteri rimangono a lungo in sospensione nell’acqua e vengono trasportate dalle correnti anche a grandi distanze.

Sono proprio queste sostanze le più pericolose per gli ecosistemi marini. Inoltre, i tempi di smaltimento sono lunghi e costosi. Va compreso che gli idrocarburi sono agenti inquinanti che sono dannosi perché hanno un’elevata richiesta d’ossigeno e pericolosi perché possono dare grossi traumi agli ecosistemi interferendo con le reti trofiche. Immergersi in quelle acque può essere pericoloso in quanto il petrolio è una neurotossina pericolosa che può causare mal di testa, nausea, vomito e irritazione della pelle e degli occhi anche gravi. Per questa ragione i sommozzatori addetti alle manutenzioni indossano particolari mute e attrezzature per ridurre la possibilità di venire a contatto con il materiale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è petrolio-opec-640x435.jpg

Premesso questo, compreso quanto sia la vera responsabilità antropica (che abbiamo visto nel peggiore dei casi intorno al 50%), ci dobbiamo porre delle domande. Rinunciare al petrolio significherebbe dover  rinunciare ad una parte del nostro benessere attuale. Ci sono alternative meno inquinanti ma il costo per il cittadino sarebbe quasi il doppio … e nessuna società se lo potrebbe permettere … dal punto di vista energetico c’è il nucleare ma è ancora visto da molti troppo pericoloso, anche se, senza saperlo, è ancora molto diffuso nel mondo e poi sfruttato per necessità dai Paesi che lo hanno rifiutato. E poi c’è il problema dei materiali; le plastiche,  a causa del loro forte impatto sull’ambiente, devono essere sostituite con materiali biodegradabili che, tra l’altro, sono stati già realizzati ma il cui costo è ancora molto alto. Fattori contrastanti che hanno però un comune denominatore: c’è bisogno di una generale innovazione non solo tecnologica ma di pensiero.

Ci vorranno ancora molti anni per far comprendere il tunnel in cui siamo entrati … intanto il petrolio continuerà a scorrere nelle vene del mondo, nel bene e nel male.    

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 46 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »